Questo sito utlizza cookie! Leggi informativa privacy

Riforma del Condominio

News di Condominio
Entra in vigore oggi, 18 giugno 2013, la legge 220/2012, che contempla la cosiddetta riforma del condominio. Vediamo quali sono le principali novità contenute.
Riforma del Condominio
Arch. Carmen Granata
Arch. Carmen Granata

Quello del Condominio, realtà con la quale hanno quotidianamente a che fare circa 30 milioni di italiani, è un ambiente ad elevata conflittualità, fatto di tante regole e di altrettante eccezioni, che comportano una casistica davvero notevole e complessa da gestire.

condominioErano circa 70 anni, però, che in Italia non si metteva mano ad una riforma complessiva della materia che, giocoforza, si trovava a basarsi su una serie di norme diventate ormai obsolete, in virtù dei cambiamenti sociali e tecnologici avvenuti a ritmo incalzante negli ultimi anni.

Ed è per questo che, dopo una gestazione di circa 2 anni, è approdato lo scorso 17 settembre all’esame della camera un provvedimento di riforma della materia, il cui testo si compone di 32 articoli, poi approvato dalla Commissione giustizia del Senato lo scorso 20 novembre e infine pubblicato in Gazzetta ufficiale n. 293 del 17 dicembre 2012. Pertanto la nuova legge, la n. 220 del 2012,  entra in vigore da oggi 18 giugno 2013.

Le principali novità contenute riguardano l’assemblea e i quorum necessari per le delibere, nonché la gestione finanziaria del condominio, ma anche nuovi aspetti, come l’ingresso nel mondo del web o l’utilizzo delle parabole per la ricezione del segnale televisivo.

La legge di riforma ha sancito che le nuove norme si applicano anche ai condomini orizzontali e ai supercondomini, nonchè in caso di multiproprietà.

Sottolineamo, però, che siccome non tutte le novità risultano di semplice applicazione, le associazioni dei proprietari e degli amministratori di condominio hanno proposto delle modifiche che stanno per essere presentate in Parlamento in un disegno di legge.


Principali novità per la gestione del condominio


Per rendere più snelle le procedure, in sede assembleare è stato abbassato il quorum, cioè il numero legale necessario per rendere valide le assemblee e le loro delibere.

Nel dettaglio, questi sono i nuovi quorum previsti:

- per la costituzione in prima convocazione, il 50% + 1 dei condomini e 2/3 dei millesimi;

- per la costituzione in seconda convocazione (quella effettiva): 1/3 dei condomini e 1/3 dei millesimi, novità assoluta perché fino ad ora in seconda convocazione non c'era bisogno del quorum costitutivo;

- per le delibere (sempre in seconda convocazione): 50% + 1 dei partecipanti e 1/3 dei millesimi.

Quest'ultimo quorum sarà applicato in particolare per decisioni importanti ed urgenti, come quelle che riguardano la sicurezza e la salubrità dell’edificio, e l’introduzione di innovazioni come l’abbattimento di barriere architettoniche, i parcheggi, l’installazione di pannelli solari, di impianti televisivi o telematici.

Viene introdotto anche un limite all’utilizzo delle deleghe, per cui nei condomini di più di 20 appartamenti, un singolo condomino non potrà rappresentare più di 1/5 dei condomini o di 1/5 dei millesimi.
Inoltre all'amministratore non potranno essere conferite deleghe per la gestione del condominio, risolvendo così il problema del conflitto d'interessi.

Le violazioni del regolamento condominiale saranno sanzionate con multe fino ad un massimo di 200 euro, che per i recidivi possono salire a 800.

La nuova legge prescrive anche che il condominio abbia un conto corrente dedicato e che non sia più possibile far transitare le somme relative alla sua gestione sul conto personale dell'amministratore.

Per risolvere le numerose controversie condominiali che intasano le aule dei tribunali, è prevista una nuova forma di mediazione facoltativa, da avviare con una convocazione preventiva di almeno 20 giorni e da concludere entro 4 mesi.


Riforma e amministratore di condominio


Altri cambiamenti riguardano proprio la figura dell’amministratore, che per poter svolgere questo ruolo dovrà aver frequentato un corso di formazione iniziale, oltre ad aver conseguito il diploma di scuola superiore.
Ma all'amministratore viene anche richiesto di godere dei diritti civili, di non essere stato condannato per reati contro il patrimonio e di non essere stato protestato.

condominioLa nomina dell'amministratore sarà obbligatoria solo se i condomini sono almeno 9 e il suo mandato non avrà scadenza ma, al termine di ogni anno, egli potrà essere licenziato per gravi inadempienze, come l'accertamento di irregolarità fiscali.
La revoca potrà anche essere disposta dal tribunale su richiesta di un singolo condomino.

Tra le gravi inadempienze, elencate dalla legge ci sono il mancato rendiconto della gestione annuale, l'omessa convocazione dell'assemblea per l'approvazione del rendiconto condominiale, il ripetuto rifiuto di convocare l'assemblea per la nomina del nuovo amministratore o la mancata apertura e utilizzo del conto corrente condominiale.

Nei condomini con meno di 9 proprietari, in cui non è obbligatoria la figura dell'amministratore, il ruolo potrà essere svolto da uno dei condomini, anche se non vi abita.

Al momento della nomina, se l'assemblea lo richiede, l’amministratore dovrà presentare una polizza assicurativa di responsabilità civile, che copra gli atti compiuti nello svolgimento del mandato e i cui oneri saranno a carico dei condomini.

Tra i nuovi compiti dell'amministratore ci sarà anche la tenuta di un registro di anagrafe condominiale, nel quale conservare tutti i dati anagrafici non solo dei proprietari, ma anche di inquilini, usufruttuari o comodatari e i dati catastali dell'immobile.
I condomini saranno tenuti a fornire i dati richiesti.


Gestione degli impianti in condominio


scale e ascensoreSe un condomino intende distaccarsi dall’impianto di riscaldamento centralizzato, può farlo solo a patto che il distacco non comporti squilibri all’erogazione di calore agli altri appartamenti e che contribuisca alle spese per la manutenzione straordinaria dell’impianto condominiale e per la sua conservazione e messa a norma.

Questo in virtù dell'art. 3 della legge, che va a sostituire l'art. 1118 del Codice Civile.

Con la riforma scale ed ascensori sono equiparate nella ripartizione delle spese, mentre viene riconosciuto il diritto di ogni singolo condomino ad installare un impianto di ricezione televisiva individuale.


Altre novità


sito web condominialeUn'altra novità riguarda la convocazione delle assemblee: viene infatti stabilito che la prima e la seconda convocazione non possono essere fissate nello stesso giorno solare, quindi nell'ambito delle stesse 24 ore.

L'avviso di convocazione deve essere inviato tramite raccomandata con avviso di ricevimento, posta elettronica certificata, a mezzo fax o consegnato a mano.

Viene inoltre introdotto con l'art. 16 il divieto di inserire nel regolamento condominiale norme che proibiscano la presenza di animali domestici nelle abitazioni, in recepimento di una sentenza della Cassazione che sancisce il diritto soggettivo all'animale da compagnia.

Infine, la riforma autorizza esplicitamente a mettere in rete siti Internet condominiali, nei quali possano essere pubblicati tutti gli atti e i rendiconti (delibere, verbali, dati contabili, ecc.), anche se anche attualmente ciò non è vietato. Naturalmente l’accesso dovrà essere individuale e protetto.

Articolo: Riforma del Condominio
Valutazione: 5.32 / 6 basato su 242 voti.
  • Ti è piaciuto questo articolo?
    Condividilo sul tuo social!
  • 5
  • 0
  • 0
  • 0
Commenta su Riforma del Condominio
Caratteri rimanenti
  • Francesco781
    Martedì 18 Febbraio 2014, alle ore 01:38
    Buonasera, vorrei sapere se per la pulixia scala o rampa box e' possibile usare acqua da un rubinetto posto a fianco del contatore generale? Se SI, pur essendo proprietario di un appartamento sito in una unita abitativavfi 5 appartamenti devo chiedere il permesso agli altri proprietari pet prendere l acqua che mi serve per pulire spazi comuni a tutti cioe scala e box. Grazie
    rispondi al commento
  • Simonevigevano
    Venerdì 17 Gennaio 2014, alle ore 12:40
    Salve,ho conttratto di uso gratuito in condominio di 29 unità:- posso fare il consigliere condominiale?- assemblea straordianria con decisione per riparto spese riscaldamento, devo ricevere convocazione?- contabilizzatori installati nel 2012, è possibile ripartire solo a millesimi?grazie
    rispondi al commento
  • Amir
    Martedì 7 Gennaio 2014, alle ore 23:05
    Salve, abito in una palazzina di 4 unità senza amministratore.
    Tre condomini su quattro vogliono installare una pensilina per la riparazione dalla pioggia, mentre uno dice di non voler versare neanche un euro e che non possiamo farci niente.
    Il nostro timore è che inizi pure a non pagare le bollette.
    Cosa dobbiamo fare?
    Raccomandate?
    Ma la tempistica è infinita e di sicuro una procedura più costosa della pensilina.
    Grazie.
    rispondi al commento
  • Sara
    Martedì 7 Gennaio 2014, alle ore 22:26
    Buongiorno, due anni fa abbiamo comprata una piccola villetta a schiera che il costruttore pubblicizzava come "no condominio" (anche sul sito)' all'atto del rogito e' apparsa la parola condominio.
    Ci è stato imposto dal costruttore un amministratore, ma la maggioranza in assemblea ha rifiutato di formare un condominio.
    Una persona ha contattato un legale e ora ci impongono l'amministratore: è obbligatorio istituire un condominio?
    rispondi al commento
    • Arch.granata Sara
      Martedì 14 Gennaio 2014, alle ore 10:29
      Se ci sono delle parti comuni è di fatto un condominio.
      rispondi al commento
  • Laura
    Martedì 7 Gennaio 2014, alle ore 17:50
    Alla prossima assemblea, ormai imminente, si dovrà deliberare circa l'approvazione del cambio del differenziale dell'ascensore, installato solo tre anni fa.
    La spesa si aggira intorno ai 500 ? e un condomino ha fatto sapere che lei vorrebbe chiudere l'impianto.
    Mi chiedo se questo tipo di fattispecie rientra nell'art. 1118 c.c.
    Per cui il soggetto di cui sopra non potrà sottrarsi da tale importante spesa.
    rispondi al commento
    • Arch.granata Laura
      Martedì 14 Gennaio 2014, alle ore 10:23
      Cosa significa che il condomino vuole "chiudere l'impianto"? Può rinunciare all'uso dell'ascensore, ma non chiuderlo.
      rispondi al commento
  • Lima
    Venerdì 20 Dicembre 2013, alle ore 12:44
    Il mio amministratore ci ha mandato una raccomandata dove chiede di pagare il costo di essa pari a 50 euro.
    Devo pagare il costo della raccomandata?
    rispondi al commento
    • Salvatore Lima
      Sabato 21 Dicembre 2013, alle ore 19:16
      Buona sera Avv. ho un probblema di questo tipo.
      Posseggo un posto auto in un cortile di 11 mq. con diritto di passo è carraio, in una comunità di soli 3 cond.ni, ma non di mia proprietà, ma pago le spese condominiali in base ai mill. come da tabella "B".
      L'unica voce di spesa è il cancello elettrico e bancari, gli inqulilini vogliono cambiare ripartizione, cioè dividerle in parti uguali.
      Posso partecipare alle assemblea condominiali?
      rispondi al commento
    • Arch.granata Lima
      Lunedì 23 Dicembre 2013, alle ore 10:27
      Mi sembra un costo esagerato per una raccomandata.
      Basta controllare il sito delle Poste per verificare le tariffe vigenti.
      rispondi al commento
  • Freddolosa72
    Giovedì 19 Dicembre 2013, alle ore 11:33
    Il nuovo amministratore sostiene che la delibera assembleare del novembre 2011 (cui non è ne seguita nessun'altra) in merito all'accensione del riscaldamento centralizzato dalle 5 alle 7, non sia valida perchè non deliberata nell'esercizio in corso (mi ha parlato di rif legislativi non indicando quali).
    Pertanto in quella fascia non li accende.
    E' così?
    Bisogna deliberare ogni anno?
    Secondo quale art. cc?
    Grazie mille.
    rispondi al commento
    • Legale Freddolosa72
      Lunedì 30 Dicembre 2013, alle ore 11:43
      Se la delibera non specifica che quella decisione vale solamente per un tempo determinato, allora essa dev'essere considerata sempre valida fino a nuovo ordine e l'amministratore deve porla in esecuzione.
      rispondi al commento
  • Gile
    Domenica 15 Dicembre 2013, alle ore 08:34
    Nell'assemblea con la presenza di soli 978 millesimi si sono apportate modifiche al regola.
    Di condominio che tolgono dalla descrizione dello stabile l'indicazione di un box (tutt'ora esistente), aumentano i limiti di utilizzo delle proprietà private aggiungendo 2 nuovi divieti, il tutto è stato approvato con soli 978 mill.
    La delibera è nulla o valida?
    rispondi al commento
  • Andrea
    Venerdì 13 Dicembre 2013, alle ore 13:21
    Ho un appartamento in una palazzina di n°4 appartamenti (vorrei staccarmi dal centralizzato).
    La legge dice che posso staccarmi dal centralizzato, però devo contribuire alle spese per la manutenzione straordinaria dell'impianto condominiale.
    Devo anche contribuire per le spese di riscaldamento?
    Cosa si intende per manutenzione straordinaria?
    Se cambiano la caldaia devo contribuire?
    Distinti saluti.
    rispondi al commento
  • Andrea
    Giovedì 12 Dicembre 2013, alle ore 23:20
    Vorrei sapere se in una palazzina di solo 4 unità abitative è possibile staccarsi dal centralizzato.
    rispondi al commento
    • Arch.granata Andrea
      Venerdì 13 Dicembre 2013, alle ore 11:11
      Sì, secondo le modalità previste dalla riforma.
      rispondi al commento
  • Maurizio
    Giovedì 12 Dicembre 2013, alle ore 03:16
    In uno stabile di soli due appartamenti, con il quadro elettrico ancora posto sulle assi di legno dei muratori e le scale ancora in cemento senza passamano la zona caldaia senza porta tagliafuoco e lo scivolo che da nel garage ancora con il cemento che si sgretola continuamente, ecc. ecc.
    Posso obbligare l'altro proprietario a mettere a norma l'abitazione?
    Preciso che ho un'anziana di 95 anni in casa che è anche invalida al 100%.
    Grazie.
    rispondi al commento
  • Maurizio
    Venerdì 6 Dicembre 2013, alle ore 09:50
    In un complesso con sei scale di cui la a-b sono un unico condominio, ci si può dividere e nominare un altro amministratore?
    Le spese delle due palazzine A-B.
    Ognuno sostiene le loro?
    Grazie.
    rispondi al commento
  • Giuseppe
    Martedì 3 Dicembre 2013, alle ore 16:38
    Egr. Architetto, chi convoca l'assemblea che deve nominare l'ammistratore?
    E' vero che non può convocarla colui che poi sarà eletto amministratore? (parliamo di un condomino).
    Grazie.
    rispondi al commento
    • Arch.granata Giuseppe
      Mercoledì 4 Dicembre 2013, alle ore 10:37
      Tutti i riferimenti in materia sono contneuti nell'art. 1129 del codice civile.
      rispondi al commento
  • Gabriele
    Martedì 3 Dicembre 2013, alle ore 13:31
    Alcuni mesi fa, prima della riforma del Condominio, a mia insaputa e anche di altri condomini, altri condomini, esattamente cinque, si sono riuniti e hanno nominato un amministratore.
    Volevo chiedervi se è legale, dato che non c'è stata nessuna convocazione ufficiale scritta, né prima né dopo tale riunione.
    rispondi al commento
  • Giuseppe
    Venerdì 29 Novembre 2013, alle ore 14:32
    Salve, abito in una palazzina nuova dove dovrebbe costituirsi il condominio (12 abitazioni).
    Vorrei sapere che valenza ha l'obbligo di "costituire" il condominio.
    In parole povere, diversi condomini se ne fregano e vorrei sapere a cosa si può andare incontro se non viene costituito il condominio.
    Grazie.
    rispondi al commento
    • Arch.granata Giuseppe
      Lunedì 2 Dicembre 2013, alle ore 10:15
      L'obbligo riguarda non la costituzione del condomnio, che di fatto c'è, ma la nomina dell'amministratore.
      Se non c'è accordo, basta che uno dei condomini si rivolga all'autorità giudiziaria.
      Se nessuno agisce, non succede nulla.
      rispondi al commento
      • Giuseppe Arch.granata
        Martedì 3 Dicembre 2013, alle ore 09:28
        Grazie mille, gentilissima.
        Saluti.
        rispondi al commento
  • Maria
    Giovedì 28 Novembre 2013, alle ore 21:08
    Buona sera; ho un problema col condominio, praticamente ho messo una tenda per chiudere il mio poggiolo perchè non ho altro posto per stendere e anche perchè ogni goccia di acqua che fà me lo bagna, però gli altri inquilini si sono lamentati dicendo che la mia tenda rovina l'estetica del palazzo.
    Cosa devo fare?
    rispondi al commento
    • Arch.granata Maria
      Venerdì 29 Novembre 2013, alle ore 11:53
      Innanzitutto dovrebbe verificare se il regolamento di condominio consente l'installazione di tende.
      Se sì, capire i motivi per cui secondo i suoi condomini la sua tenda rovinerebbe l'estetica e trovare un accordo.
      rispondi al commento
  • Valentina
    Martedì 26 Novembre 2013, alle ore 10:51
    Buongiorno, vorrei sapere se sono obbligata a costituire il condominio: abito in appartamento di un fabbricato di 4 unità abitative costruito, insieme a altri due fabbricati (uno di altri 4 apprtamenti e uno di due appartamenti) sopra un interrato dedicato al parcheggio auto, con posti auto di nostra proprietà ma anche di proprietà dell'ex costruttore (probablimente potrebbero essere anche all'asta).
    rispondi al commento
    • Arch.granata Valentina
      Mercoledì 27 Novembre 2013, alle ore 10:38
      Il condominio è costituito di fatto, è la nomina dell'amministratore che diventa obbligatoria quando si superano le 9 unità.
      rispondi al commento
  • Rino
    Martedì 19 Novembre 2013, alle ore 23:06
    Domanda: nella compilazione del modulo di anagrafe condominiale, qualora richiesto, la legge obbliga il condomino a firmare per dare l'acconsento al trattamento dei dati da parte dell'amministratore?
    (non tutti gli amministratori lo richiedono).
    Grazie.
    rispondi al commento
    • Arch.granata Rino
      Giovedì 21 Novembre 2013, alle ore 09:55
      Sì, il consenso deve essere dato perchè alcuni dati (ad es. il recapito telefonico), possono essere resi pubblici, sempre limitatamente al condominio, per eventuali comunicazioni.
      rispondi al commento
      • Rino Arch.granata
        Sabato 23 Novembre 2013, alle ore 16:31
        Grazie Avv.Ho 1 perplessità in quanto l'annessa informativa sul tratt. dei dati (da firmare ) fa rif. al D.Lgs.30/6/2003 n.196 in cui si dice che l'Ammin.applicherà l'art. 4 per la raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modifica, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione, ovvero la combinazione di 2 o di più di tali operazioni.
        Ciò non è eccessivo?
        rispondi al commento
  • Lino Baldassari
    Martedì 19 Novembre 2013, alle ore 16:49
    Avv. Gallucci, volevo porle un quesito: nel condominio dove vivo ci sono 15 alloggi, volevo sapere qante deleghe si possono portare per condomino, il reg.cond. vieta più di tre a condomino.
    All'assemblea quante deleghe complessivamente si possono portare?
    Grazie.
    rispondi al commento
    • Legale Lino Baldassari
      Mercoledì 20 Novembre 2013, alle ore 17:06
      Se ogni condomino può avere al massimo 3 deleghe ed i condomini sono 15, le deleghe possono essere massimo 5.
      rispondi al commento
  • Lino Baldassari
    Lunedì 18 Novembre 2013, alle ore 19:31
    Avv. Gallucci, La ringrazio per la Sua sollecita ed esauriente risposta.
    Cordiali saluti.
    rispondi al commento
  • Lino Baldassari
    Venerdì 15 Novembre 2013, alle ore 13:37
    Avv. Gallucci pongo un qesito: Inviata racc. A.R. all'Amm.re chiedendo copia dei tabulati bancari del c/c cond.le, e una spiegazione in merito ad una delega che mancava scritto il delegato "copia verbale".
    Domanda: è tenuta a rispondermi e quali strumenti per ottenere quello che ho richiesto.
    Grazie.
    rispondi al commento
    • Legale Lino Baldassari
      Lunedì 18 Novembre 2013, alle ore 09:19
      L'amministratore deve fornire copia della documentazione bancaria e copia del verbale.
      Eventuali irregolartià delle deleghe, però, devono essere fatte valere, in sede giudiziale, dai diretti interessati.
      rispondi al commento
  • Gabriele
    Mercoledì 13 Novembre 2013, alle ore 10:32
    Abito in un palazzo con sette condomini più un unico proprietario di alcuni locali, quindi complessivamente siamo otto.
    Alcuni mesi fa, prima della riforma del Condominio, a mia insaputa e anche di altri condomini, altri condomini, esattamente cinque, si sono riuniti e hanno deciso a maggioranza di istituire il condominio.
    Volevo chiedervi se è legale, dato che non c'è stata nessuna convocazione ufficiale scritta, né prima né dopo tale riunione.
    rispondi al commento
  • Andrea
    Lunedì 11 Novembre 2013, alle ore 23:17
    Buona sera, il nostro amministratore ha indetto l'assemblea condominiale il giorno 4/11/2013, secondo il nuovo regolamento del condominio l'amministratore è obbligato a indire l'assemblea entro 180 gg dalla chiusura dell'esercizio, il nostro esercizio va dal 1/1 al 31/12.
    E' motivo per richiedere la revoca giudiziaria?
    Non è stato neppure costituito nessun fondo per le spese.
    Cordiali saluti.
    rispondi al commento
  • Gabriele Firenze
    Sabato 9 Novembre 2013, alle ore 15:19
    Buon giorno, chiedo all'Amministratore chiarimenti in merito a partite del Bilancio.
    Questa è la sua secca risposta: "La Sua posizione nei confronti del Condominio è quella risultante dall'ultimo rendiconto approvato, nel quale Ella potrà reperire tutti i dati che Le interessano.
    Relativamente alle gestioni pregresse, potrà utilizzare i precedenti Bilanci.
    Distinti saluti."
    Ma può lui rispondermi così?
    Grazie.
    rispondi al commento
  • Giuseppe
    Venerdì 8 Novembre 2013, alle ore 14:27
    Buonasera, desidero un chiarimento sulla possibilità di distaccarmi dell'uso dell'ascensore, visto che ogni due mesi vi sono spese di migliaia di euro di spese di riparazione a cui non posso fare fronte e in ogni caso quale sarebbe l'alternativa da premettere che la maggioranza non vuole fare ripartire l'impianto.
    Cordiali saluti.
    rispondi al commento
  • Michele
    Venerdì 1 Novembre 2013, alle ore 08:21
    Salve, sono prop. di un subalterno, il prop. del piano sottostante sta edficando e dice che ho l'obbligo di fare coperta termica facciata con lui.
    Io devo acora sopraelevare.
    Devo fare questi lavori?
    Grazie, spero di essere stato chiaro.
    rispondi al commento
  • Giovanni
    Giovedì 31 Ottobre 2013, alle ore 14:33
    Salve, ho un dubbio da porvi, se possibile.
    Per i locali commerciali, e nello specifico un locale ristorante il vano dove sono posizionati i tavoli del ristorante, per quale coefficiente va moltiplicato nel calcolo dei millesimi?
    Per un Negozio invece il vano dove c'e' l'esposizione e la vendita come si considera, per quale coefficiente va moltiplicato anche questo?
    Vi ringrazio in anticipo.
    rispondi al commento
  • Guido
    Mercoledì 30 Ottobre 2013, alle ore 19:53
    Abito in un condominio formato da due edifici distinti con numeri civici distinti, che hanno in comune solo l'ingresso carraio, tra l'altro il cancello è praticamente inesistente in quanto non funziona mai.
    L'edificio in cui abito è formato da 6 alloggi.
    Volevo sapere se è possibile dividire i due edifici in due condomini separati?
    rispondi al commento
    • Arch.granata Guido
      Lunedì 4 Novembre 2013, alle ore 10:04
      rispondi al commento
      • Carlo Arch.granata
        Mercoledì 20 Novembre 2013, alle ore 13:32
        Come posso contestare nomina dell'amministratore con voti di condomini non autorizzati in quanto distaccati dal condomin io.
        Siamo un condominio di 6 scale A B C D E F G, la scala A si e' distaccata senza che ci sia una delibera.
        Condomini 104 la scala A non doveva votare.
        In quanto hanno un amministratore in proprio.
        Posso denunciarli per vizio di forma?
        rispondi al commento
  • Bicicletta80
    Mercoledì 30 Ottobre 2013, alle ore 16:05
    Buongiorno a tutti, avrei una domanda da porre se possibile.
    Vorrei sapere se un condomino che non ha avuto possibilita di pagare le rate e il condominio tramite il suo rapprensentante legale, ossia l'amministratore, hanno agito ad avvalersi delle azioni legali pignorando la casa tramite tribunale?
    Per privacy le sentenze non dovrebbero rimanere in segreto d'ufficio?
    rispondi al commento
  • Lino Baldassari
    Mercoledì 30 Ottobre 2013, alle ore 13:53
    La ringrazio della risposta, ma mi permetto di porle un nuovo quesito: all'Amministratore ho fatto richiesta dei tabulati bancari, mi ha riferito che l'assemblea condominiale non è disponibile.
    Vorrei sapere se è leggittimo da parte dell'Amministratore e dei Condomini.
    La ringrazio, invio cordiali saluti.
    rispondi al commento
  • Francesca Presti
    Martedì 29 Ottobre 2013, alle ore 13:44
    Vorrei avere informazioni, se è possibile, modificare le tabelle millesimali con accordi interni proposti dall'amministratore, oppure necessita che la modifica avvenga solo mediante professionista qualificato?
    Se non siamo d'accordo per la modifica di tabella millesimale come facciamo a tutelarci?
    Grazie, cordiali saluti.
    rispondi al commento
    • Camilla Francesca Presti
      Mercoledì 30 Ottobre 2013, alle ore 11:11
      C'è bisogno dell'intervento di un tecnico abilitato.
      rispondi al commento
  • Lino Baldassari
    Lunedì 28 Ottobre 2013, alle ore 20:58
    Vorrei sapere se come condomino posso avere estratti dei tabulati del conto corrente condominiale.
    L'Amministratore mi ha riferito che non può darmeli in quando alcuni condomini si oppongono.
    Grazie di una vs. risposta.
    rispondi al commento
    • Arch.granata Lino Baldassari
      Mercoledì 30 Ottobre 2013, alle ore 10:09
      L'Arbitrato Bancario Finanziario ha sancito che tutti i condomini sono legittimati ad avere copia dell'estratto conto del conto corrente intestato al condominio.
      Quindi può chiederli direttamente alla banca.
      rispondi al commento
  • Simanda
    Venerdì 25 Ottobre 2013, alle ore 13:22
    Il nostro Amministratore ha creato un sito per tutti gli stabili da lui amministrati e ha messo online i documenti relativi ad ogni condominio, compreso il nostro.
    Ha precisato che non si tratta del sito del nostro condominio.
    E' autorizzato a farlo o deve chiedere la delibera dell'assemblea?
    Può mettere online i nostri documenti a nostra insaputa?
    Grazie.
    rispondi al commento
    • Arch.granata Simanda
      Lunedì 28 Ottobre 2013, alle ore 09:52
      rispondi al commento
      • Simanda Arch.granata
        Lunedì 28 Ottobre 2013, alle ore 17:00
        Grazie per l'informazione, ma dato che l'Amministratore ha messo già online il suo sito, e non quello condominiale, dandoci una USERNAME E PASSWORD uguali per tutti i condomini, mentre il Garante della privacy, nelle regole indicate nel suo Vademecum del 10.10.2013 recita che la password deve essere individuale e il sito deve essere deliberato dall'assemblea, vorrei sapere come dobbiamo comportarci.
        Grazie.
        rispondi al commento
  • Mik
    Lunedì 21 Ottobre 2013, alle ore 16:07
    Buongiorno, ho acquistato un appartamento in un condominio di 9 unità.
    10 anni fa i precedenti proprietari hanno richiesto il distaccamento dall'impianto di riscaldamento centralizzato tramite assemblea ottenendo l'approvazione al distacco pagando però una quota fissa del 15%.
    2 anni fa é stata cambiata la caldaia centralizzata (immagino calcolata per 8 unità).
    Con la modifica della legge oggi sono ancora costretto a versare quella quota fissa?
    rispondi al commento
  • Matteo
    Lunedì 21 Ottobre 2013, alle ore 13:58
    Salve, avrei anch'io una domanda/dubbio, inerente alla riforma del condominio.
    Mi confermate che per lavori all'interno della propria abitazione occorrerà la preventiva comunicazione all'amministratore?
    Questo perchè, in una palazzina con una predisposizione per l'antifurto penso non sia possibile installare una sirena antifurto esterna dove non previsto e senza cominicarlo!
    Grazie in anticipo.
    rispondi al commento
  • Massimiliano----matera
    Lunedì 21 Ottobre 2013, alle ore 12:33
    Abito in un condominio di case popolari, 12 inquilini.
    Vi è un obbligo di amministratore, o lo possiamo autogestire, ogni anno ognuno di noi si prende la responsabilità dei pagamentI?
    Grazie.
    rispondi al commento
  • David - Torino
    Mercoledì 16 Ottobre 2013, alle ore 19:14
    Ho comprato una casa dotata di ascensore.
    Ho poi scoperto che non tutti i condomini avevano partecipato alle spese di installazione.
    La vecchia proprietaria, non senza rimostranze, si è accollata le spese di partecipazione conteggiate dall'amministratore che ha rilasciato ricevuta (a me e a lei) e diritto all'uso.
    Oggi, dopo 4 mesi, l'amministratore sostiene di aver sbagliato i conti e chiede altro denaro.
    Chi paga adesso?
    Grazie, buonasera.
    rispondi al commento
  • Roberto
    Mercoledì 16 Ottobre 2013, alle ore 16:54
    Abito in un complesso formato da otto corpi per un totale di 56 villette, al centro c'è una strada di circa 8 metri dove passano e posteggiano le auto, il tutto chiuso da un cancello automatico e ci sono pure le entrate delle villette con un cancelletto, all'interno c'è uno spazio adibito a fiori, alberelli e piante.
    Ora Le chiedo, i ragazzi possono giocare al pallone o con la bici o fare schiamazzi fino a tarda ora?
    E' successo quest'estate.
    rispondi al commento
  • Michele
    Martedì 15 Ottobre 2013, alle ore 07:07
    Il consiglio di condominio può avere una figura estranea al condominio?
    Esempio: convivente di un proprietario non residente?
    Grazie.
    rispondi al commento
    • Arch.granata Michele
      Mercoledì 16 Ottobre 2013, alle ore 10:20
      No, il consiglio deve essere formato da condomini.
      rispondi al commento
  • Stefano
    Venerdì 11 Ottobre 2013, alle ore 21:25
    Salve, sono proprietario di un appartamento in un contesto di 6 unità.
    Abbiamo l'amministratore da 2 anni perché un solo inquilino lo voleva.
    Vorrei sapere se è possibile togliere l'amministratore e se basta anche solo una persona (o quante?).
    Come si deve procedere?
    Grazie.
    rispondi al commento
    • Arch.granata Stefano
      Lunedì 14 Ottobre 2013, alle ore 11:11
      La revoca dell'amministratore può essere richiesta anche da un solo condomino facendo ricorso al Tribunale.
      Le modalità sono disciplinate dagli artt.1129 e 1131 cod.civ..
      rispondi al commento
  • Marta
    Lunedì 7 Ottobre 2013, alle ore 15:11
    E' vero che in un condominio con soli 4 proprietari è possibile imporre un amministratore anche se uno solo lo vuole?
    rispondi al commento
    • Legale Marta
      Mercoledì 9 Ottobre 2013, alle ore 09:34
      Se l'assemblea decide a maggioranza, il dissenziente deve rispettare quella decisione.
      rispondi al commento
      • Iaccarino Guglielmo Legale
        Lunedì 21 Ottobre 2013, alle ore 12:04
        In relazione alla risposta data a Marta in data 9 ottobre 2013, ritengo che la stessa sia molto discutibile.
        Infatti la legge non impone la costituzione di un condominio con meno di nove proprietari.
        Pertanto, in questi casi, ritengo che per la costituzione di un condominio ci voglia la totalità dei consensi.
        Secondo il mio parere non si può imporre ad un singolo ciò che la legge non obbliga.
        rispondi al commento
        • Legale Iaccarino Guglielmo
          Mercoledì 23 Ottobre 2013, alle ore 15:05
          Mi spiace ma non mi trova d'accordo.
          La legge è chiara sul punto.
          Se le cose stessero come dice lei, la legge direbbe che nei "piccoli" condominii la nomina dovrebbe avvenire all'unanimità ma non è così, anzi la legge dice che la nomina deve essere sempre deliberata con le maggioranze di cui all'art. 1136 c.c.
          rispondi al commento
  • Renata
    Mercoledì 2 Ottobre 2013, alle ore 21:11
    Salve, abito in affitto in un bilocale di proprietà della Casa di riposo, che a sua volta ha l'accesso nell'androne dello stabile di proprietà del comune (case popolari); l'edificio è stato ristrutturato e dotato quindi di ascensore.
    Vorrei sapere se e in quale misura mi competono le spese dell'ascensore dal momento che non ne usufruisco avendo l'alloggio al piano terra.
    Preciso che nessun condomino è proprietario.
    rispondi al commento
  • Emilio
    Mercoledì 2 Ottobre 2013, alle ore 12:18
    Per la costituzione dell'anagrafe condominiale c'e un tempo entro il quale l'amministratore deve adempiere a tale obbligo?
    Un condominio con più di 9 ma meno di 20 condomini, quante deleghe può portare un condomino?
    Grazie.
    rispondi al commento
    • Arch.granata Emilio
      Venerdì 4 Ottobre 2013, alle ore 09:48
      Non c'è un tempo entro il quale l'amministratore deve costituire l'anagrafe, ma egli può richiedere i dati necessari ai condomini e questi devono adempiere entro 30 gg.
      Non ci sono limiti alle deleghe per condomini con meno di 20 condòmini.
      rispondi al commento
  • Marzia
    Martedì 1 Ottobre 2013, alle ore 14:24
    Salve, sono proprietaria di una casa a schiera costruita a quadrifoglio, perciò siamo 4 proprietari.
    Finora ci siamo autogestiti, ma dopo vari motivi d'incomprensione si sente necessità di un amministratore esterno e non tutti sono d'accordo.
    Chiedo se mi è consentito dopo la riforma imporre anche da sola la figura di un amministratore.
    Grazie per la collaborazione.
    rispondi al commento
  • Ketti
    Martedì 1 Ottobre 2013, alle ore 12:14
    Ho in affitto un appartamento 3' piano e senza ascensore, di condominio pago qualcosa in più rispetto agli altri perchè (dicono) l'appartamento gode di una vista più aperta rispetto agli altri.
    Vorrei sapere se è vero.
    Fino ad oggi il condominio è stato amministrato da un condomino.
    Al nuovo amministratore dovrò far presente questa situazione?
    Io so che la "bellezza" dell'appartamento non c'entra con il condominio.
    Grazie saluti.
    rispondi al commento
    • Ilaria Ketti
      Mercoledì 2 Ottobre 2013, alle ore 08:42
      Le spese di condominio dovrebbero essere proporzionali alle tabelle millesimali, non alla "vista".
      rispondi al commento
  • Francesco
    Venerdì 27 Settembre 2013, alle ore 19:57
    Sono proprietario di un garage in cui ho infiltrazioni di acqua, il mio tetto è sovrastato da uno spazio adiacente ai magazzini a loro uso esclusivo (il proprietario ha lasciato i lavori di impermeabilizzazione a metà).
    A chi devo rivolgermi per ottenere il risarcimento dei danni?
    Come posso fare per obbligare il proprietario a finire i lavori ed a sgomberare i vari materiali?
    Ringrazio anticipatamente ed invio cordiali saluti.
    rispondi al commento
    • Arch.granata Francesco
      Martedì 1 Ottobre 2013, alle ore 09:49
      Le consiglio di rivolgersi in primo luogo all'amministratore, poi, in caso di esito negativo, ad un legale.
      rispondi al commento
  • Alessandra Casucci
    Lunedì 16 Settembre 2013, alle ore 16:49
    Nell'appartamento sotto di me sono stati fatti dei lavori di ristrutturazione durante i quali hanno trovato una perdita di acqua.
    Adesso mi ritrovo addebitato il costo della riparazione nel riepilogo delle spese.
    Ma non dovevo essere informata prima?
    Potevo decidere io a chi far effettuare la riparazione?
    rispondi al commento
    • Legale Alessandra Casucci
      Martedì 17 Settembre 2013, alle ore 15:07
      Per Alessandra Casucci: se il fatto riguarda il suo appartamento, sicuramente si.
      rispondi al commento
  • Rosy
    Giovedì 12 Settembre 2013, alle ore 16:28
    Siamo un condominio di 6 proprietari con la nuova riforma.
    E' regolare una delega data alla moglie dell' amministratore?
    È regolare la richiesta dell amministratore di 50 euro per la tenuta dell'anagrafe condominiale per il primo anno e 35 euro per gli anni successivi?
    Grazie mille per il vostro prezioso servizio.
    rispondi al commento
    • Legale Rosy
      Lunedì 16 Settembre 2013, alle ore 08:33
      Per Rosy: si, la delega è regolare anche se non proprio corretta.
      Si, il compenso è richiedibile se è stato approvato dall'assemblea.
      rispondi al commento
  • Vallarani
    Martedì 3 Settembre 2013, alle ore 11:54
    Buongiorno, in un condominio con 4 abitazioni e parti comuni (tra cui il riscaldamento) vige ancora la regola che sia "comunque dovrà essere presente un amministratore, eletto dai condomini e tra i condomini, per la gestione delle parti comuni."?
    Grazie.
    rispondi al commento
  • Maria
    Lunedì 2 Settembre 2013, alle ore 07:35
    Salve, volevo sapere ma in un condominio si possono avere gatti?
    Se si, dove?
    Grazie.
    rispondi al commento
    • Arch.granata Maria
      Lunedì 2 Settembre 2013, alle ore 10:41
      Per Maria: con la riforma, non è possibile vietare la presenza di animali domestici.
      Naturalmente il regolamento può dettare norme di buon comportamento.
      rispondi al commento
  • Nazzareno
    Giovedì 29 Agosto 2013, alle ore 17:25
    Vorrei saper se per la revisione/modifica delle tabelle millesimali occorre l'unanimità dei condomini solo quando le variazioni interessano meno di 1/5 (20%) del valore del nuovo volume di un condomino.
    In caso affermativo se tale norma interessa tutti i tipi di condominio (semplice, contrattuale, supercondominio, ecc.)
    La nuova legge cambia qualcosa in merito?
    rispondi al commento
  • Franco
    Mercoledì 21 Agosto 2013, alle ore 14:19
    In un condominio di sei unità abitative, 14 proprietari (porzioni indivise) più altri 3 con "nuda proprietà" è obbligatorio per legge l'Amministratore?
    Le proprietà sono indivise all'interno di ogni singola unità immobiliare, ciè non esistono proprietà che si estendono per più di una unità immobiliare.
    Grazie in anticipo per la risposta
    rispondi al commento
    • Arch.granata Franco
      Martedì 27 Agosto 2013, alle ore 10:45
      Per Franco: le unità immobiliari cointestate valgono come 1 condòmino, quindi essendo in totale 6, non c'è obbligo di amministratore.
      rispondi al commento
  • Federico
    Domenica 18 Agosto 2013, alle ore 11:58
    Abitando in un immobile composto da 11 appartamenti indipendenti, occorre per legge la nomina dell'amministratore?
    Grazie
    rispondi al commento
  • Giulia
    Sabato 10 Agosto 2013, alle ore 08:33
    Buongiorno, volevo sapere se davvero, come sostiene il nostro amministratore, di fatto non é cambiato niente per quanto riguarda il distacco, dall'impianto centralizzato.
    Non ho mai utilizzato il riscaldamento condominiale, ho i tubi chiusi dentro il muro, ma ho sempre dovuto pagarlo interamente perché il condominio non mi ha mai dato il benestare a pagare di meno?
    L'aggravio per gli altri sarebbe di circa 1,80 € al mese. Grazie
    rispondi al commento
    • Arch.granata Giulia
      Giovedì 22 Agosto 2013, alle ore 13:04
      Per Giulia: per quanto riguarda la gestione degli impianti la rimando allo specifico paragrafo.
      rispondi al commento
  • Vittorio Desantis
    Giovedì 1 Agosto 2013, alle ore 17:11
    Ho una villetta su un lotto proprio, vicino ad altre due villette su altrettanti lotti individuali e un lotto comune ed indiviso, un cancello ed una stradina comune di accesso alle dette villette, una rete fognaria comune.
    E' stato costituito impropriamente "il condominio".
    1) Si può "cambiare il condominio con la comunione"?
    2) Si possono approvare solo tabelle e non il regolamento?
    rispondi al commento
    • Arch.granata Vittorio Desantis
      Venerdì 2 Agosto 2013, alle ore 12:58
      Per Vittorio Desantis: non capisco perchè il condominio sarebbe improprio.
      Le tabelle sono un allegato del regolamento e, nel caso si costitutive la comunione della strada, non sarebbero necessarie.
      rispondi al commento
  • Angelo
    Mercoledì 31 Luglio 2013, alle ore 15:56
    Salve, sono proprietario di un locale commerciale.
    Al piano terra il condominio ha deciso di fare il cappotto termico per tutta la pallazina escludendo il piano terra dove è ubicato il mio locale commerciale.
    Sono tenuto a pagare il cappotto termico?
    rispondi al commento
    • Arch.granata Angelo
      Venerdì 2 Agosto 2013, alle ore 09:58
      Per Angelo: in teoria no, visto che l'intervento non interessa il suo immobile, anche se può essere che i muri perimetrali siano considerati di proprietà comune.
      Dal punto di vista tecnico, però, devo dire che un cappotto non esteso all'intero fabbricato ha minore efficacia.
      rispondi al commento
  • Marina
    Martedì 30 Luglio 2013, alle ore 10:12
    Buongiorno, abito in una palazzina composta da 6 appartamenti, è obbligatorio un amministratore esterno?
    Grazie M.
    rispondi al commento
    • Arch.granata Marina
      Martedì 30 Luglio 2013, alle ore 12:16
      Per Marina: leggere il paragrafo Riforma e amministratore di condominio.
      rispondi al commento
  • Sandra
    Lunedì 29 Luglio 2013, alle ore 14:38
    Siamo un condominio di 6 unità abitative.
    Vorrei sapere se per eleggere un amministratore esterno occorra un'unanimità.
    Ringrazio anticipatamente.
    rispondi al commento
    • Arch.granata Sandra
      Martedì 30 Luglio 2013, alle ore 09:47
      Per Sandra: L'art. 1136 c.c. prevede che per la nomina dell'amministratore sia necessaria la maggioranza degli intervenuti all'assemblea che rappresentino almeno 500 millesimi.
      Nel caso in cui non ci siano tabelle, ad ogni condomino viene attribuita una quota e la nomina avviene con la maggioranza dei condomini che rappresenti la maggioranza delle quote.
      rispondi al commento
  • Lucia Scirè
    Martedì 23 Luglio 2013, alle ore 11:18
    Ho in proprietà un appartamento non abitato in condominio e vorrei sapere se devo obbligatoriamente concorrere alle spese condominiali al 100%.
    Grazie.
    rispondi al commento
    • Arch.granata Lucia Scirè
      Mercoledì 24 Luglio 2013, alle ore 09:43
      Per Lucia Scirè: sì.
      L'unica eccezione si può fare per quelle utenze per le quali la contabilizzazione dei consumi è individualizzata, per le quali si pagano solo i canoni.
      rispondi al commento
  • Luciano
    Sabato 20 Luglio 2013, alle ore 15:25
    Salve, volevo chiedere in un condominio con otto appartamenti il C/C diventa obbligatorio?
    rispondi al commento
  • Angelo
    Sabato 20 Luglio 2013, alle ore 06:18
    Ciao Arch. Carmen, sono un amministratore di una palazzina.
    Facendo parte di un super condominio, le chiedo: posso avere la delega dai condomini per partecipare all'assemblea in detta dall'aministratore del super condominio?
    La palazzina comprende 8 condomini.
    rispondi al commento
    • Arch.granata Angelo
      Lunedì 22 Luglio 2013, alle ore 12:47
      Per Angelo: con la riforma, l'amministratore non può più avere deleghe.
      rispondi al commento
      • Angelo Arch.granata
        Martedì 23 Luglio 2013, alle ore 05:15
        Per Arch. Carmen Granata: Buon giorno, grz per aver avuto una risposta per i miei dubbi.
        rispondi al commento
  • Massimo
    Sabato 20 Luglio 2013, alle ore 00:01
    Abito in un condominio con otto unità abitative, uno esterno è proprietario di un box, quindi siamo otto condomini di appartamento e il nono solo di box, siamo obbligati ad avere un'amministratore oppure possiamo gestirci tutto in comune.
    rispondi al commento
    • Arch.granata Massimo
      Lunedì 22 Luglio 2013, alle ore 12:44
      Per Massimo: sì, siete obbligati all'amministratore perchè siete 9 condomini.
      rispondi al commento
  • Sara Veraldi
    Venerdì 19 Luglio 2013, alle ore 14:27
    Buongiorno, vorrei cortesemente sapere se sono tenuta a pagare il conguaglio di c.ca euro 600.00 dietro sollecito dell'amministratore tramite raccomandatata, nonostante abbiamo avviato un azione legale con altri condomini contro la stessa.
    Tengo a precisare che siamo in attesa da circa 2 mesi delle password del conto corrente condominiale che dovevano gia' essere rese dipsonibili dal 18/06/2013.
    Grazie per la risposta.
    rispondi al commento
    • Arch.granata Sara Veraldi
      Lunedì 22 Luglio 2013, alle ore 11:52
      Per Sara Veraldi: se avete avviato un'azione legale, è opportuno chiedere al vostro avvocato come comportarvi.
      rispondi al commento
  • Erika
    Giovedì 18 Luglio 2013, alle ore 13:05
    Buongiorno, nel condominio dove risiedo ci sono 15 appartamenti e altrettanti proprietari.
    Avrei la possibilità di chiedere la nomina per essere amministratore interno, pur non avendo frequentato un corso di formazione iniziale ma essendo auto-didatta?
    Grazie in anticipo.
    rispondi al commento
    • Arch.granata Erika
      Venerdì 19 Luglio 2013, alle ore 11:18
      Per Erika: leggere il paragrafo Riforma e amministratore di condominio.
      rispondi al commento
      • Sabato Bufano Arch.granata
        Sabato 24 Agosto 2013, alle ore 08:48
        Per Arch. Carmen Granata: Salve! Sono titolare di un Centro di formazione professionale. Da anni facciamo anche corsi per Amministratore di condominio. Alla luce della nuova legge, dobbiamo avere accreditamenti particolari per continuare ad offrire questo corso? Grazie!
        rispondi al commento
        • Arch.granata Sabato Bufano
          Lunedì 26 Agosto 2013, alle ore 09:56
          Per Sabato Bufano: non mi risulta siano necessari particolari accreditamenti.
          rispondi al commento
          • Sabato Bufano Arch.granata
            Lunedì 26 Agosto 2013, alle ore 12:55
            Per Arch. Carmen Granata: Grazie mille per la risposta!
            rispondi al commento
  • Giovanni
    Lunedì 15 Luglio 2013, alle ore 21:31
    Salve volevo sapere la nuova legge sul condominio.
    Essendo proprietario di un appartamento di una palazzina di 5 unità, è previsto l'amministratore?
    Un'altra domanda ancora: siamo 6 palazzine da 5 unità e abbiamo un amministratore, è una cosa normale avere un amministratore con la nuova legge del condominio?
    La ringrazio e saluti.
    rispondi al commento
    • Arch.granata Giovanni
      Martedì 16 Luglio 2013, alle ore 11:49
      Per Giovanni: il suo immobile di 5 unità non è un condominio, perchè c'è un solo proprietario.
      Per quanto riguarda le 6 palazzine con diversi proprietari, se ci sono parti in comune, è obbligatorio avere amministratore se i proprietari sono più di 8.
      rispondi al commento
  • Mimmo
    Lunedì 15 Luglio 2013, alle ore 18:04
    Buon giorno, vorrei sapere se in un condominio di sei appartamenti autogestiti e obbligatori fare l'anagrafe di condominio?
    Se si, come comportarsi?
    Grazie.
    rispondi al commento
    • Arch.granata Mimmo
      Martedì 16 Luglio 2013, alle ore 11:47
      Per Mimmo: se non c'è amministratore non è obbligatorio.
      rispondi al commento
  • Giuseppe
    Domenica 14 Luglio 2013, alle ore 12:18
    Buongiorno, in un condominio con 7 proprietari sprovvisto di regolamento, tabelle millesimali e amministratore, qualora 4 di questi volessero nominare un amministratore che svolga tutte le attività correlate, possono farlo imponendolo anche agli altri 3?
    Se si, come?
    Grazie.
    rispondi al commento
    • Arch.granata Giuseppe
      Lunedì 15 Luglio 2013, alle ore 12:40
      Per Giuseppe: è sufficiente un numero di voti che rappresenti la maggioranza degli intervenuti e almeno la metà del valore dell'edificio.
      rispondi al commento
  • Ermes
    Mercoledì 10 Luglio 2013, alle ore 19:36
    Arch. Carmen, possiedo due appartamenti in un condominio.
    Ho a disposizione due voti o uno solo?
    Posso delegare un inquilino per il secondo appartamento ed essere presenti all'assemblea entrambi?
    rispondi al commento
    • Legale Ermes
      Venerdì 12 Luglio 2013, alle ore 16:25
      Per Ermes: lei ha a disposizione il voto che vale per i millesimi di entrambi gli appartamenti e deve partecipare lei per entrambi.
      rispondi al commento
  • Elisa
    Lunedì 8 Luglio 2013, alle ore 14:57
    Buongiorno, ho da poco acquistato un appartamento in un condominio.
    Neanche dieci giorni dopo il rogito è stata fatta un'assemblea condominiale per deliberare dei lavori di ristrutturazione, tra i quali oltre il rifacimento della facciata compare anche il rifacimento del pavimento dei poggioli.
    Sono obbligata a rifare il pavimento del poggiolo?
    Cioè è considerato parte comune?
    Oppure dato che il mio è in perfetto stato posso esimermi?
    Grazie.
    rispondi al commento
    • Arch.granata Elisa
      Martedì 9 Luglio 2013, alle ore 10:04
      rispondi al commento
      • Elisa Arch.granata
        Martedì 9 Luglio 2013, alle ore 15:53
        Per Arch. Carmen Granata: Grazie della risposta, quindi trattandosi il mio di un balcone aggettante non è assolutamente vero quello che ci ha detto l'amministratore che con la riforma appena entrata in vigore il pavimento è diventato parte comune?
        Grazie ancora della disponibilità.
        Saluti.
        rispondi al commento
        • Arch.granata Elisa
          Mercoledì 10 Luglio 2013, alle ore 09:54
          Per Elisa: la riforma ha ampliato l'elenco delle parti comuni ma non mi sembra che in questo elenco (che comunque non è tassativo, per cui possono esserci altre voci), siano compresi i balconi aggettanti.
          rispondi al commento
  • Stefano Cata
    Lunedì 8 Luglio 2013, alle ore 12:03
    Salve, vorrei sapere cortesemente qual'è la corretta procedura per revocare l'incarico all'amministratore condominiale in base alla nuova legge, essendo il nostro condominio minore di 9 inquilini.
    Grazie.
    rispondi al commento
    • Arch.granata Stefano Cata
      Mercoledì 10 Luglio 2013, alle ore 10:36
      Per Stefano Cata: E' necessario inviare una raccomandata A.R. all'amministratore nella quale si comunica la volontà di indire un assemblea di condominio per la sua revoca.
      Per il voto è richiesta la maggioranza degli intervenuti e almeno la metà del valore dell'edificio.
      rispondi al commento
  • Morena Belladelli
    Mercoledì 3 Luglio 2013, alle ore 19:16
    Buongiorno, vorrei sapere se il condomino è recidivo alle regole condominiali ed è un inquilino nullatenente chi risponde alle multe?
    Grazie.
    rispondi al commento
    • Legale Morena Belladelli
      Venerdì 5 Luglio 2013, alle ore 11:38
      Per Morena Belladelli: la questione delle multe condominiali, a mio avviso è molto spinosa.
      Teoricamente potrebbe essere chiamato a rispondere il proprietario ma eventulamente solo dopo una causa.
      rispondi al commento
  • Dott.ssa Alessandra Lapenna
    Lunedì 1 Luglio 2013, alle ore 18:51
    Buongiorno, mio marito fa l'amministratore del nostro stabile e non abbiamo capito se la riforma ci obbliga oppure no ad avere un sito internet del condominio.
    Vorrei chiarimenti in merito. Saluti e grazie.
    rispondi al commento
  • Luciano Spollon
    Giovedì 27 Giugno 2013, alle ore 19:30
    Vorrei sapere se ci sono dei limiti che riguardano gli animali domestici, liberi negli spazi comuni come scale e giardino interno.
    Esiste l'obbligo di sorveglianza o altri limiti?
    Inoltre che cosa si può fare se un condomino lascia continuamente aperto il portone delle scale di accesso (portone che dà su un giardino interno), che tipo di responsabilità può avere nel caso si verifichi un furto in un appartamento delle stesse scale?
    rispondi al commento
  • Silvia
    Giovedì 27 Giugno 2013, alle ore 18:58
    Salve! Abito in una casa di 6 appartamenti. Facciamo gli "amministratori" a turno, cambiando il nome in Agenzia delle Entrate.
    Vogliamo ora, dato che sotto i 9 non è obbligatorio l'amministratore, togliere il nome che è ora registrato, perchè non ha corso, titolo di studio e nè i condomini vogliono aprire un conto corrente.
    Ci dicono però che per farlo dobbiamo chiudere il codice fiscale del condominio:
    così però non avremo più utenze.
    Cosa dobbiamo fare?
    rispondi al commento
    • Arch.granata Silvia
      Lunedì 1 Luglio 2013, alle ore 11:18
      Per Silvia: le utenze possono essere intestate ad una persona fisica (uno dei condomini).
      rispondi al commento
  • Maurizio
    Giovedì 27 Giugno 2013, alle ore 13:33
    Una domanda : ma l'obbligo di redigere il consuntivo in base alla nuova riforma vale anche per esercizi già scaduti o ancora in corso?
    Ho letto da qualche parte che gli obblighi formali per il rendiconto scattano con le nuove gestioni.
    rispondi al commento
    • Arch.granata Maurizio
      Venerdì 28 Giugno 2013, alle ore 09:40
      Per Maurizio: sì, l'obbligo del rendiconto parte con l'entrata in vigore della riforma.
      rispondi al commento
  • Paolo
    Mercoledì 26 Giugno 2013, alle ore 10:50
    Buongiorno, attualmente sono proprietario di un terzo dell'immobile in cui abito, dovrei fare dei lavori di facciata (non tutta solo la parte palesemene rovinate) ma il proprietario della restante parte (un avvocato..)non ne vuole sapere delle parti in comune.
    Quale legge posso applicare per far si che si posssano svolgere i lavori come previsto?
    Non posso obbligarlo, ma volevo sapere se andava incontro a sanzioni se rifiuta di operare?
    rispondi al commento
    • Legale Paolo
      Mercoledì 26 Giugno 2013, alle ore 16:57
      Per Paolo: il nostro suggerimento è quello di convocare l'assemblea e se l'altro condomino non partecipa o si oppone ai lavori, chiedere al Tribunale, ai sensi dell'art. 1105 c.c., di imporne l'esecuzione.
      rispondi al commento
  • Paolo
    Martedì 25 Giugno 2013, alle ore 16:55
    Sono l'amministratore, fai da te, di un condominio composto dai 6 appartamenti di cui 4 abitati dai proprietare e 2 affittati + 4 fondi di propietà.
    Vorrei sapere se con la nuova legge possiamo continuare senza obblighi imposti dalla nuova legge e se non possibile cosa dobbiamo fare per metterci in regola con la nuova normativa.
    Grazie.
    rispondi al commento
    • Arch.granata Paolo
      Mercoledì 26 Giugno 2013, alle ore 10:11
      Per Paolo: con la nuova legge siete tenuti anche voi ad adeguarvi ai nuovi obblighi.
      rispondi al commento
  • Angy
    Giovedì 20 Giugno 2013, alle ore 17:55
    Salve, se ho ben capito nel caso in cui si voglia fare un ascensore è sufficiente, in seconda convocazione, il benestare di 1/3 dei condomini.
    Se solo 2 su 6 condomini vogliono l'ascensore possono obbligare gli altri al pagamento delle spese relative all'istallazione?
    Grazie.
    rispondi al commento
    • Arch.granata Angy
      Venerdì 21 Giugno 2013, alle ore 11:42
      Per Angy: se legge bene la parte sui quorum, l'1/3 in seconda convocazione è per la costituzione dell'assemblea.
      Per le delibere è necessario il 50%+1 dei condomini e 1/3 dei millesimi.
      rispondi al commento
  • Massimo
    Mercoledì 19 Giugno 2013, alle ore 22:11
    Salve, è possibile avere indicazioni chiare sul come procedere per mettere le telecamere dentro gli ascensori, che stiamo appena cambiando e che sono stati già oggetto di vandalismo.
    In attesa di vs., grazie mille.
    rispondi al commento
    • Arch.granata Massimo
      Venerdì 21 Giugno 2013, alle ore 09:54
      Per Massimo: per l'installazione è necessario il voto favorevole della maggioranza degli intervenuti in assemblea che rappresentino almeno la metà del valore dell'edificio.
      rispondi al commento
  • Antonio
    Mercoledì 19 Giugno 2013, alle ore 16:47
    Può esserti utile.
    rispondi al commento
  • Nicola
    Mercoledì 19 Giugno 2013, alle ore 11:33
    Salve, volevo chiedervi è possibile dotare l'ascensore con chiave e chi vuole usufruirne pagarsi le spese?
    E ci sono novità per quanto riguarda i famosi sottotetti che in realtà sono stati creati veri e propri appartamenti con tanto di pavimentazione bagni ecc?
    Grazie.
    rispondi al commento
  • Francesco
    Mercoledì 19 Giugno 2013, alle ore 10:05
    Salve, vivo nella provincia di Reggio Emilia, leggevo su di un quotidiano locale che chi abita a piano terra nonostante l'ascensore vada nel piano interrato "garage" si potrà distaccare dalle spese di gestione e manutenzione dell'ascensore in quanto non l'utilizza.
    Mi può dare lumi in merito?
    rispondi al commento
  • Pippo
    Mercoledì 19 Giugno 2013, alle ore 09:56
    Buon giorno, ho appena ristrutturato il mio appartamento secondo la normativa della Regione Piemonte ove impone (2014) al condominio, con centrale termica centralizzata l'installazione delle valvole termostatiche.
    Chiedo: cosa succederà con questa riforma se alcuni condomini decidessero di staccarsi?
    rispondi al commento
  • Maria Gabbriellini
    Mercoledì 19 Giugno 2013, alle ore 06:57
    Ringrazio per tutte le utilissime informazioni.
    Personalmente avrei necessità di informazioni sulla installazione di impianti di condizionamenti e soprattutto dei gruppi esterni.
    La mia vicina infatti ha installato il gruppo esterno sul terrazzo a pochi centimetri dalla finestra della mia camera.
    Ci sono distanze previste?
    Non ha chiesto permessi in sede di assemblea condominiale.
    Cosa posso fare?
    rispondi al commento
    • Arch.granata Maria Gabbriellini
      Mercoledì 19 Giugno 2013, alle ore 12:44
      Per Maria Gabbriellini: sì, le distanze da rispettare sono quelle delle costruzioni dalle vedute, disciplinate dall'art. 907 c.c.
      rispondi al commento
  • Felix
    Venerdì 14 Giugno 2013, alle ore 16:36
    Salve, nel mio condominio si devono rifare le facciate per un'importo di euro 60.000,00.
    E' vero che, con la nuova riforma, non si possono appaltare i lavori se non c'è già un fondo cassa sul c.c. obbligatorio del condominio pari all'importo dei lavori?
    Grazie.
    rispondi al commento
    • Legale Felix
      Lunedì 17 Giugno 2013, alle ore 11:42
      Per Felix: a breve scriveremo un articolo per dare risposta al suo quesito.
      In breve: a mio modo di vedere non è necessario versare tutto prima.
      rispondi al commento
  • Egidio Chiappino
    Venerdì 14 Giugno 2013, alle ore 14:42
    Non capisco come e quando si può cambiare amministratore.
    rispondi al commento
  • Ignazio
    Venerdì 14 Giugno 2013, alle ore 10:39
    Non ho visto novità su come cacciare un amministratore.
    Siamo tre palazzine (A+B+C) con un autoclave in comune, oltre ai box e corsie di scorrimento.
    Abbiamo fatto l'assemblea per dimetterlo, ma nonostante la scala B aveva l'unanimità, la scala C la maggioranza, lo sbruffone, vedendo che non cera la maggioranza del 50.01%, ha comunicato che lui non lasciava l'incarico e che continuava legittimamente il suo mandato.
    rispondi al commento
    • Arch.granata Ignazio
      Venerdì 14 Giugno 2013, alle ore 12:04
      Per Ignazio: come può leggere dall'articolo, l'amministratore potrà essere licenziato nel caso di gravi inadempienze.
      rispondi al commento
  • Giorgio
    Mercoledì 12 Giugno 2013, alle ore 12:02
    Buongiorno, è da due anni che i vicini martellano sul muro tutti i giorni a partire dalle 6 del mattino; inoltre il bar sotto ha rifatto il soffitto togliendo la coibentazione (non so se hanno messo qualcosa di isolante, ma non credo) e da allora sento tutto il giorno tavoli e sedie strusciare.
    L'amministratore ha messo dei cartelli/avvisi con gli orari ma sono stati stracciati subito, e nega la possibilità di fare altro.
    Cosa posso fare?
    rispondi al commento
  • Francesca
    Martedì 11 Giugno 2013, alle ore 17:09
    Salve, ho appena comprato casa e sto per iniziare i lavori di ristrutturazione.
    L'amministratore mi ha comunicato che nel regolamento condominiale (ancora non in mio possesso) è fatto divieto di sovrapporre le nuove piastrelle al pavimento già esistente, che quindi andrebbe rimosso con consistente aggravio di spese. é legittimo tale obbligo?
    Grazie.
    rispondi al commento
    • Arch.granata Francesca
      Mercoledì 12 Giugno 2013, alle ore 11:54
      Per Francesca: se è previsto dal regolamento, sì.
      rispondi al commento
  • Ernesto Bordogna
    Martedì 11 Giugno 2013, alle ore 14:38
    Vorrei sapere se è possibile che una parte comune a carattere voluttuario (piscina) essendo posta in questo residence è difficilmente raggiungibile per me come condomino se posso essere esentato dalla manutenzione delle spese di gestione della piscina per il semplice fatto che non è mai stata usata da noi negli anni.
    Gradirei una risposta tenendo presente l'entrata in vigore del nuovo regolamento condominiale. Grazie.
    rispondi al commento
  • Elena Mancini
    Martedì 11 Giugno 2013, alle ore 09:48
    Buongiorno, la Regione Piemonte ha diramato in data 27/02/13 una circolare che prevede per il distacco dal riscald. centralizz. sanzioni da euro 5.000 a euro 15.000 irrogabile finché permane l'impianto individuale (v. art. 20, co. 14 della l.r. 13/2007).
    Può una circolare regionale superare quanto emanato da una legge nazionale?
    Grazie.
    rispondi al commento
    • Arch.granata Elena Mancini
      Martedì 11 Giugno 2013, alle ore 11:58
      Per Elena Mancini: nel caso di contrasto tra 2 norme, prevale quella statale.
      rispondi al commento
  • Cinzia
    Lunedì 10 Giugno 2013, alle ore 13:49
    Grazie mille, cordiali saluti.
    P.s. complimenti per il servizio che offrite.
    rispondi al commento
  • Cinzia
    Mercoledì 5 Giugno 2013, alle ore 17:26
    Sono proprietaria di appartamento in un condominio con 8 condomini dove, tutta la gestione è "fai da te".
    Di condominio in senso formale non si è mai parlato.
    Tutto in piena serenità.
    Ora dal 18/06/13 abbiamo degli obbilghi di legge?
    Non vorremmo incappare in multe o sanzioni.
    Grazie.
    rispondi al commento
    • Arch.granata Cinzia
      Venerdì 7 Giugno 2013, alle ore 09:57
      Per Cinzia: dal 18 giugno ci sarà l'obbligo dell'amministratore per i condomini con più di 9 condomini.
      Attualmente l'obbligo è per condomini con più di 4, quindi sareste ora in una situazione di irregolarità.
      Ma dal 18 giugno potrete continuare a gestire il condominio come fate adesso.
      rispondi al commento
      • Cinzia Arch.granata
        Venerdì 7 Giugno 2013, alle ore 11:56
        Per Arch. Carmen Granata: a seguito sua cortese risposta, volevo chiedere, per gli anni passati fino ad oggi c'è il rischio di avere gualche sanzione?
        Grazie mille.
        rispondi al commento
        • Arch.granata Cinzia
          Lunedì 10 Giugno 2013, alle ore 09:59
          Per Cinzia: no, non sono previste sanzioni.
          Qualcuno dei condomini avrebbe potuto fare ricorso per imporre l'amministratore, ma visto che ormai la riforma andrà in vigore tra pochi giorni, questo rischio è scongiurato.
          rispondi al commento
  • Saviano Rosalinda
    Martedì 4 Giugno 2013, alle ore 23:59
    Vorrei sapere, nel mio balcone, sotto il soffitto, noto una macchia di umidità proveniente dal piano superiore che è abitato e di cui il proprietario si rifiuta di fare un sopralluogo dicendo che lo devono pagare tutti i condomini.
    Potreste darmi un suggerimento in merito e come mi dovrei comportare, preciso che ho già mandato una lettera da un ingegnere ma senza risposta.
    rispondi al commento
  • Giano Affronte
    Martedì 4 Giugno 2013, alle ore 18:46
    In base alla riforma condominiale, al posto dell'amministratore, si può costituire fra condomini una società di servizi?
    rispondi al commento
  • Rossi Andrea
    Martedì 4 Giugno 2013, alle ore 16:55
    Vorrei sapere cosa si intende per ripartizione delle spese per scale ed ascensori equiparate. Grazie.
    rispondi al commento
    • Arch.granata Rossi Andrea
      Giovedì 6 Giugno 2013, alle ore 11:09
      Per Rossi Andrea: significa che scale ed ascensori sono equiparati nel criterio di ripartizione delle spese e quindi nelle quote millesimali.
      rispondi al commento
  • Alessandro D
    Martedì 4 Giugno 2013, alle ore 10:34
    In un palazzo composto da 7 unità abitative e 3 negozi (con 5 proprietari) è obbligatorio la costituzione del condominio?
    Grazie mille per l'eventuale risposta.
    rispondi al commento
    • Arch.granata Alessandro D
      Martedì 4 Giugno 2013, alle ore 11:41
      Per Alessandro D: nel secondo paragrafo è spiegato che i condomini devono essere almeno 9 per esserci l'obbligatorietà.
      rispondi al commento
      • Alessandro D Arch.granata
        Mercoledì 12 Giugno 2013, alle ore 14:43
        Per Arch. Carmen Granata: Grazie mille per la risposta Arch. Carmen Granata, ciò che mi domandavo è se anche i negozi vengono considerati condomini, perchè se così fosse sarebbero 10.
        Riporto il caso: palazzo composto da 7 unità abitative e 3 negozi (con 5 proprietari).
        Grazie ancora.
        rispondi al commento
        • Arch.granata Alessandro D
          Giovedì 13 Giugno 2013, alle ore 10:05
          Per Alessandro D: i condòmini sono i proprietari di una o più unità immobiliari, di qualsiasi genere.
          Quindi nel suo caso sono 5.
          rispondi al commento
          • Alessandro D Arch.granata
            Giovedì 13 Giugno 2013, alle ore 19:54
            Per Arch. Carmen Granata: la ringrazio ancora per la gentile risposta.
            Un ultima curiositá, quindi gli affittuari dei negozi e degli appartamenti non sono considerati condomini?
            Solo i proprietari?
            Grazie ancora.
            rispondi al commento
            • Arch.granata Alessandro D
              Venerdì 14 Giugno 2013, alle ore 10:40
              Per Alessandro D: certo, solo i proprietari.
              rispondi al commento
  • Massimo
    Sabato 1 Giugno 2013, alle ore 07:10
    Salve, non ho ben compreso la nomina del l'amministratore.
    Non è necessario essere condomino e avere un diploma, non essere protestato e non avere condanne?
    Una volta nominato a spese del condominio puo'effettuare un corso di formazione?
    Grazie e saluti.
    rispondi al commento
    • Arch.granata Massimo
      Lunedì 3 Giugno 2013, alle ore 10:46
      Per Massimo: se legge il paragrafo "Principali novità per la gestione del condominio", sono spiegate chiaramente le caratteristiche che deve avere l'amministratore.
      rispondi al commento
      • Massimo Arch.granata
        Martedì 4 Giugno 2013, alle ore 07:28
        Per Arch. Carmen Granata: nel caso di condomino è necessario avere ricevuto la formazione e l'attestato prima di essere nominato?
        Grazie
        rispondi al commento
        • Arch.granata Massimo
          Martedì 4 Giugno 2013, alle ore 11:39
          Per Massimo: se i condomini sono più di 9, sì.
          rispondi al commento
  • Anna Maria Ciatto
    Venerdì 31 Maggio 2013, alle ore 07:55
    Per Avv. Alessandro Gallucci: la ringrazio per la pronta risposta.
    Buon lavoro.
    rispondi al commento
  • Anna Maria Ciatto
    Giovedì 30 Maggio 2013, alle ore 10:34
    In un condominio di 6 unità non è più obbligatorio l'amministratore.
    Viene nominato un Responsabile?
    E' obbligatorio il c/c bancario?
    Può il condomino "Responsabile" fare il 770? Chi convoca le assembleee?
    Chi fa il consuntivo e il preventivo?
    rispondi al commento
    • Legale Anna Maria Ciatto
      Giovedì 30 Maggio 2013, alle ore 17:04
      Per Anna Maria Ciatto: A mio avviso non è necessaria l'apertura del c/c poiché questa norma impone tale adempimento all'amministratore ma se l'amministratore non c'è...
      Per il resto non è obbligatoria la nomina di un responsabile (amministratore di fatto) ma se c'è i suoi recapiti devono essere ben visibili su parti comuni accessibili liberamente anche a terzi (art. 1129 c.c e se devono essere espletate tali incombenze, deve fare tutto lui).
      rispondi al commento
  • Antonio
    Sabato 25 Maggio 2013, alle ore 12:56
    Grazie per la precedente risposta.
    Mi chiedevo, ulteriormente, se è comunque necessario fornire copia dell'atto di proprietà (non autenticata) o se basta fornire solo i dati catastali (più eventualmente i miei dati).
    In pratica: cosa fornire all'amministratore e in quale forma?
    Grazie
    rispondi al commento
    • Arch.granata Antonio
      Lunedì 27 Maggio 2013, alle ore 11:20
      Per Antonio: la legge prescrive solo che l'amministratore tenga un registro contenente "le generalità dei singoli proprietari e dei titolari di diritti reali e di diritti personali di godimento, comprensive del codice fiscale e della residenza o domicilio, i dati catastali di ciascuna unità immobiliare, nonché ogni dato relativo alle condizioni di sicurezza."
      Non ci sono prescrizioni sulla forma in cui fornire tali dati.
      rispondi al commento
  • Andrea
    Sabato 25 Maggio 2013, alle ore 11:50
    Salve, volevo sapere se l'obbligo della tenuta della contabilità e degli adempimenti fiscali (770) sorge anche per condomini al di soto della soglia che impone di avere un amministratore (8 condomini).
    Grazie.
    rispondi al commento
  • Alvise
    Giovedì 23 Maggio 2013, alle ore 00:53
    Ho letto che con la riforma un condomino può, senza autorizzazione, installare sul tetto comune pannelli solari a servizio del proprio appartamento.
    Ma se la parte di tetto comune con esposizione favorevole a sud ha una superficie troppo ridotta per consentire potenzialmente a tutti di fare altrettanto, che si fa?
    Chi arriva primo si accomoda e gli altri si arrangiano?
    rispondi al commento
    • Arch.granata Alvise
      Giovedì 23 Maggio 2013, alle ore 12:06
      Per Alvise: non è vero che non occorrono autorizzazioni.
      Per installare un impianto fotovoltaico, nel caso in cui si rendano necessarie modifiche delle parti comuni, l'interessato deve comunicare all'amministratore l'intenzione di installare tale impianto, fornendo le modalità di esecuzione degli interventi.
      Per la delibera sarà necessaria la maggioranza degli intervenuti in assemblea che rappresentino almeno la metà dei millesimi.
      rispondi al commento
  • Nicola Cocomazzi
    Mercoledì 22 Maggio 2013, alle ore 20:31
    Salve volevo sapere se, con la nuova legge condominiale, ogni singolo proprietario è dovuto a consegnare all'amministratore tutte le documentazioni relative alla propria abitazione ( certificato conformità impianto elettrico, certificato impianto riscaldamento, etc).
    Grazie.
    rispondi al commento
    • Arch.granata Nicola Cocomazzi
      Giovedì 23 Maggio 2013, alle ore 12:00
      Per Nicola Cocomazzi: sì, serve per l'anagrafe condominiale.
      rispondi al commento
  • Rosaldo Aimetti
    Martedì 21 Maggio 2013, alle ore 17:05
    Per favore, entro quando sarà obbligatorio approvare le variazioni al regolamento di condominio portate dalla legge 220/2012, che entrerà in vigore il 18 giugno prossimo?
    Molte grazie per risposta documentata, buona giornata.
    rispondi al commento
    • Legale Rosaldo Aimetti
      Martedì 28 Maggio 2013, alle ore 09:03
      Per Rosaldo Aimetti: entro il 18 giugno ma, forse per distrazione, non ci è chiaro quali siano le modifiche di cui parla.
      rispondi al commento
      • Rosaldo Aimetti Legale
        Martedì 28 Maggio 2013, alle ore 16:15
        Per Avv. Alessandro Gallucci: la nuova legge del condominio, la 220/2012, entrerà in vigore il prossimo 18 giugno; le sue disposizioni dovranno essere ottemperate dallo stesso giorno, oppure ci sarà un periodo di tempo che sarà concesso per uniformarsi ad essa?
        Molte grazie.
        rispondi al commento
        • Legale Rosaldo Aimetti
          Giovedì 30 Maggio 2013, alle ore 09:23
          Per Rosaldo Aimetti: bisognerà adeguarsi da quel giorno essendo trascorsi 6 mesi dalla sua approvazione anche per gli adeguamenti.
          rispondi al commento
          • Rosaldo Aimetti Legale
            Giovedì 30 Maggio 2013, alle ore 16:21
            Per Avv. Alessandro Gallucci: molte grazie e molte cordialità.
            rispondi al commento
  • Antonio
    Venerdì 17 Maggio 2013, alle ore 14:26
    Mi è stato detto che con l'entrata in vigore di questa riforma, c'è obbligo da parte dell'amministratore di tenere copia autenticata dell'atto di proprietà di ogni condomino (atto notarile).
    Pertanto ogni condomino è tenuto a fare copia autenticata di tale atto e fornirlo all'amministratore (il mio condominio è formato da due scale totale oltre 30 appartamenti).
    E' così?
    C'è davvero quest'obbligo da parte di noi condomini?
    Grazie
    rispondi al commento
    • Arch.granata Antonio
      Lunedì 20 Maggio 2013, alle ore 10:02
      Per Antonio: con la riforma l'amministratore avrà l'obbligo di tenere un registro di anagrafe condominiale, contenente i dati dei proprietari e dell'immobile, che possono anche essere desunti dall'atto di proprietà.
      Ma non c'è obbligo di fornirgli una copia autenticata.
      rispondi al commento
    • Fernando Antonio
      Mercoledì 22 Maggio 2013, alle ore 23:19
      La legge prevede le informazioni che devono essere fornite all'amministratore, quindi basta anche una dichiarazione sostituttiva di atto notorio art.47 dpr 28/12/2000 nro445.
      rispondi al commento
  • Magni Edy
    Martedì 14 Maggio 2013, alle ore 16:41
    Vorrei sapere se un negozio può fare i due fori esterni per la pompa di calore, il bello di Maxa anche se i condomini non vogliono, non essendoci altra possibilità di riscaldamento. Grazie
    rispondi al commento
    • Legale Magni Edy
      Mercoledì 15 Maggio 2013, alle ore 11:38
      Per Magni Edy: se non è vietato dal regolamento e non altera il decoro dell'edificio, può farlo senza problemi.
      rispondi al commento
  • Nelly Pellin
    Domenica 12 Maggio 2013, alle ore 21:36
    Salve, volevo chiedervi se con il nuovo regolamento che entrerà in vigore il 18 giugno 2013 si prevede, per la costruzione di una piscina condominiale, sempre il 100% dei millesimi, o ne bastano meno (come per i parcheggi ad esempio). Se si quanti in percentuale?
    Grazie infinite
    rispondi al commento
    • Legale Nelly Pellin
      Martedì 14 Maggio 2013, alle ore 11:29
      Per Nelly Pellin: si tratta di un'innovazione voluttuaria e le maggioranze sono quelle indicate dall'art. 1120 e 1136 c.c., ossia un numero di voti che rappresenti la maggioranza degli intervenuti ed almeno i due terzi del valore dell'edificio.
      Chi non è d'accordo, però, ha diritto a non partecipare a quella spesa.
      rispondi al commento
  • Carlo
    Giovedì 9 Maggio 2013, alle ore 11:26
    Se un singolo condomino consuma più acqua creando una eccedenza, si può far in modo che paghi lui l'eccedenza?
    Si può distaccare dal contatore generale come può accadere con il riscaldamento?
    Grazie
    rispondi al commento
  • Flora
    Domenica 28 Aprile 2013, alle ore 16:45
    Vorrei sapere in capo a chi passano gli obblighi previsti per l'amministratore, nei condomini fino a 8 unità (tenuta registri, presentazione bilanci, apertura c/c bancario eccetera). Grazie!
    rispondi al commento
    • Arch.granata Flora
      Lunedì 29 Aprile 2013, alle ore 11:02
      Per Flora: nei condomini autogestiti il compito spetta agli stessi condòmini. Di solito il compito viene svolto a rotazione, per periodi di 6 mesi, un anno.
      rispondi al commento
  • Umberto
    Martedì 23 Aprile 2013, alle ore 11:31
    Salve. Volevo chiedervi se è vero che con la nuova legge che entra in vigore a giugno 2013 dove ho letto che l'obbligo per costituire un condominio non è più di quattro ma di otto condomini, se basta, al di sotto di otto, che 1 solo chieda la sua costitutizione e gli altri si devono adeguare. Grazie
    rispondi al commento
    • Legale Umberto
      Venerdì 26 Aprile 2013, alle ore 10:25
      Per Umberto: l'obbligo riguarda la nomina dell'amministratore non la costituzione del condominio che esiste, per legge, per il solo fatto che un palazzo abbia due diversi proprietari.
      rispondi al commento
  • Roberto
    Lunedì 15 Aprile 2013, alle ore 17:49
    Salve, Sono proprietario di appartamento in un condominio con 8 condomini dove, ad oggi, tutta la gestione è affidata alla buona volontà dei singoli. Di condominio in senso formale non si è mai parlato. Ultimamente sono insorte anche delle piccole controversie inerenti il rumore proveniente dagli appartamenti. Alla luce della nuova legge che stà per entrare in vigore cosa consiglia di fare? Grazie.
    rispondi al commento
    • Arch.granata Roberto
      Martedì 16 Aprile 2013, alle ore 10:58
      Per Roberto: sicuramente di nominare un amministratore, anche se l'obbligo ci sarebbe per almeno 9 condomini. Gestire 8 proprietà separate, infatti, è comunque cosa complessa.
      rispondi al commento
  • Aldo Ricci
    Sabato 6 Aprile 2013, alle ore 19:10
    Gradirei sapere cosi si intende all'art. 10 comma 6 della legge ... ogni dato relativo alle condizioni di sicurezza. Quali certificazioni dovrebbe richiedere l'amministratore?
    In attesa di una cortese risposta invio cordiali saluti.
    rispondi al commento
    • Legale Aldo Ricci
      Lunedì 8 Aprile 2013, alle ore 15:29
      Per Aldo Ricci: al momento la situazione in materia non è chiara.
      rispondi al commento
      • Aldo Ricci Legale
        Lunedì 8 Aprile 2013, alle ore 19:22
        Per Avv. Alessandro Gallucci: la ringrazio per la sollecita risposta,spero in un Suo chiarimento appena possibile. Distinti saluti.
        rispondi al commento
  • Sara
    Sabato 6 Aprile 2013, alle ore 17:28
    Salve! Una domanda: sono proprietaria di un garage di 19mq in un condominio senza avere abitazione. Possono chiedermi le spese condominiali? (Luce scala,ascensore,pulizie scale etc etc) e quindi sono obbligata a partecipare alle assemblee dove trattano argomenti che a me non interessano? Vi ringrazio in anticipo.
    rispondi al commento
    • Legale Sara
      Lunedì 8 Aprile 2013, alle ore 15:33
      Per Sara: se i garage non sono autonomi rispetto al corpo dell'edificio lei è tenuta a partecipare a tutte le spese. Solamente l'atto d'acquisto può disporre diversamente.
      rispondi al commento
  • Roberto
    Mercoledì 3 Aprile 2013, alle ore 11:07
    Sono un consigliere non evidenzio. Per la ripartizione dell'acqua che da noi è regolamentata, non so se è giusto, per residenti in ogni appartamento. Altra cosa importante definiti rumori molesti grave causa di litigi fra condomini sia di giorno che di notte e regolamento per le ristrutturazioni, orari di lavoro e sensibilità ai rumori e agli interventi, molte volte non proprio normali. Grazie
    rispondi al commento
    • Donatella Roberto
      Giovedì 4 Aprile 2013, alle ore 10:03
      Per Roberto: scrivere i commenti in italiano comprensibile.
      rispondi al commento
  • Marco Goglio
    Venerdì 29 Marzo 2013, alle ore 16:34
    Approfitto per porre un quesito che mi è stato posto. Ho necessità di associare il condominio per i contatori elettrici delle parti comuni ad una cooperativa elettrica. Come posso fare. Grazie
    rispondi al commento
    • Pasquale E. Marco Goglio
      Martedì 2 Aprile 2013, alle ore 08:54
      Per Marco Goglio: Per rispondere alla Sua domanda, gradirei maggiori dettagli. Un cordiale saluto.
      rispondi al commento
  • Maria Luisa Fabris
    Sabato 16 Marzo 2013, alle ore 14:43
    Buon giorno. Ho sentito dire che da maggio 2013 entrerà in vigore una riforma la quale dice che l'amministratore condominiale non potrà più esigere compenso alcuno per attività straordinarie, ad esempio tinteggiatura dei muri esterni della palazzina.
    Il mio amministratore ha chiesto il compenso del 5% sul totale della spesa per la tinteggiatura. Dove posso trovare questa riforma, per farla leggere al mio amministratore?
    Grazie e cordiali saluti.
    rispondi al commento
    • Arch.granata Maria Luisa Fabris
      Lunedì 18 Marzo 2013, alle ore 13:00
      Per Maria Luisa Fabris: può trovarla in Gazzetta Ufficiale del 17 dicembre 2012. Ma poichè entrerà in vigore a giugno, fino ad allora il suo amministratore ha diritto a richiedere compensi maggiorati.
      rispondi al commento
  • Stefano Ferrarolli
    Giovedì 7 Marzo 2013, alle ore 14:40
    Buongiorno, approfitto per fare una domanda.
    Ho un appartamento in un condominio di 10 appartamenti con 300 metri quadrati di terreno ripido.
    Posso sistemarlo a piacimento e sulla parte fuori dal terrazzo mettere un gazebo e un barbecue?
    Grazie.
    rispondi al commento
    • Arch.granata Stefano Ferrarolli
      Venerdì 8 Marzo 2013, alle ore 11:46
      Per Stefano Ferrarolli: no, deve richiedere l'autorizzazione del condominio.
      rispondi al commento
  • Gianpiero
    Lunedì 25 Febbraio 2013, alle ore 12:54
    L'amministratore (interno - 40 proprietrari) si dimette ufficialmente, con tanto di lettera raccomandata, pagata dal fondo cassa del condominio.
    Può essere rieletto dai condomini?
    rispondi al commento
    • Legale Gianpiero
      Mercoledì 27 Febbraio 2013, alle ore 12:04
      Per Gianpiero: si, con la riforma, che comunque entrerà in vigore il 18 giugno 2013, l'unica causa d'ineleggibilità (a parte la mancanza dei reuqisiti richiesti dalla legge e/o dal regolamento) è di essere stato revocato dall'autorità giudiziaria.
      rispondi al commento
  • Achille
    Mercoledì 6 Febbraio 2013, alle ore 17:03
    Sulla enorme responsabilità in capo all'Amministratore e sul suo compenso che dovrà diventare globale (senza "aggiunte" nel corso dell'anno) e soprattutto dell'anagrafe del condominio e degli impianti (certificazioni varie ecc. ecc.) se ne può parlare in maniera più ampia e chiarificatrice ? Leggere la norma, a molti Condomini, così com'è improntata, contribuisce solo a far aumentare la canfusione.
    Ci potete chiarire dettagliatamente ? Grazie
    rispondi al commento
    • Arch.granata Achille
      Giovedì 7 Febbraio 2013, alle ore 12:05
      Per Achille: la nostra testata, per la tematica condominiale, pubblica online un blog condominiale, curato dall'avv. Gallucci e aggiornato quasi quotidianamente, nel quale si stanno affrontando, poco a poco, tutti gli aspetti della nuova normativa, oltre a ciò che riguarda quella attualmente in vigore.
      rispondi al commento
  • Marta
    Mercoledì 6 Febbraio 2013, alle ore 15:40
    Un inquilino anziano non disabile, ma con problemi di locomozione, con autorizzazione del proprietario può installare a sue spese un impianto di servo-scala?
    Nel caso qualche condomino si opponga si può invocare la legge 13/1989?
    rispondi al commento
    • Arch.granata Marta
      Giovedì 7 Febbraio 2013, alle ore 10:11
      Per Marta: L'art.2 della Legge 13 prevede che, qualora il condominio rifiuti di assumere, o non assuma entro tre mesi dalla richiesta fatta per iscritto, la deliberazione mirata al superamento delle barriere architettoniche, il disabile possa installare, a proprie spese, servoscala o strutture mobili e facilmente rimovibili.
      Anche se in questo caso non si tratta di disabile, le scale rappresentano comunque una barriera per una persona con problemi motori.
      rispondi al commento
  • Maria Grazia Maggio
    Domenica 13 Gennaio 2013, alle ore 09:49
    Quando si nomina un amministratote condominiale per la prima volta e i condomini hanno tre preventivi da valutare di cui uno non firmato, può essere accolto quello non firmato e accettare quell'amministratore solo perchè ha fatto un prezzo più basso?
    A me sembra illecito. Ho ragione o torto?
    Grazie Maria Grazia Maggio
    rispondi al commento
    • Alice Maria Grazia Maggio
      Lunedì 14 Gennaio 2013, alle ore 10:32
      Per Maria Grazia Maggio: sì, è lecito scegliere solo in base al fatto che l'offerta fatta è quella più bassa, anche se poi non necessariamente la professionalità sarà la migliore.
      rispondi al commento
      • Giuseppe Alice
        Giovedì 24 Gennaio 2013, alle ore 23:37
        Salve, vivo in un appartamento in un condominio di 5 appartamenti totali, con amministratore.
        In base alle nuove regole, possiamo sciogliere il condominio e risparmiare così qualche spesa? grazie
        rispondi al commento
        • Legale Giuseppe
          Lunedì 28 Gennaio 2013, alle ore 11:35
          Per Giuseppe: la legge di riforma del condominio, ossia la legge n. 220/2012, prevede nuove soglie per la nomina dell'amministratore.
          In sostanza dal 18 giugno 2013 i condomini con meno di dieci partecipanti potranno decidere di revocare l'amministratore.
          Ciò però non porta allo scioglimento del condominio ma solamente alla gestione "interna".
          rispondi al commento
          • Silvia Bacci Legale
            Venerdì 1 Febbraio 2013, alle ore 10:14
            Per Avv. Alessandro Gallucci: siamo 5 condomini serve la maggioranza per revocare l'amministratore?
            Visto che le nuove regole non lo rendono più obbligatorio?
            rispondi al commento
  • Dino
    Mercoledì 2 Gennaio 2013, alle ore 21:09
    Era ora che arrivassero regole fisse, perchè ci sono amministratori farabutti.
    Adesso saranno cavoli loro!
    rispondi al commento
  • Umberto
    Martedì 11 Dicembre 2012, alle ore 06:39
    Salve. Volevo chiedervi con la nuova legge qual'è il numero minimo di condomini per la costituzione del condominio.
    Grazie
    rispondi al commento
    • Arch.granata Umberto
      Martedì 11 Dicembre 2012, alle ore 11:31
      Per Umberto: con la nuova legge non è stata introdotta alcuna modifica in tal senso rispetto al passato.
      rispondi al commento
    • Riccardo Umberto
      Martedì 19 Febbraio 2013, alle ore 11:46
      Per Umberto: il numero minimo di condomini, per la costituzione del condominio è stato elevato a nove.
      rispondi al commento
Notizie che trattano Riforma del Condominio che potrebbero interessarti
L’amministratore nel procedimento di mediazione

L’amministratore nel procedimento di mediazione

L'amministratore è il legale rappresente del condominio e lo rappresenta e difende anche nei procedimenti di mediazione. Con che poteri?
Mediazione civile per compenso dell'amministratore condominiale

Mediazione civile per compenso dell'amministratore condominiale

Le liti sul compenso dell'amministratore di condominio devono essere sempre precedute da un tentativo di conciliazione, salvo il caso di azione per decreto ingiuntivo.
Mediazione condominiale, al via l'obbligatorietà

Mediazione condominiale, al via l'obbligatorietà

A partire dal prossimo 19 settembre la mediazione per le controversie condominiali torna ad essere obbligatoria. Cosa c'è da sapere per non arrivare impreparati.
La mediazione per i debiti condominiali, quando conviene?

La mediazione per i debiti condominiali, quando conviene?

I debiti condominiali e le modalità di riscossione. E' sempre meglio agire per decreto oppure si può sfruttare la conciliazione? E quando?
La nomina del curatore

La nomina del curatore

La questione della nomina del curatore speciale del condominio è strettamente connessa con le liti che interessano la compagine condominiale
IMMOBILIARE
prezzi ristrutturazione
costi ristrutturazione
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE







SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
    • Inerti, sabbia, ghiaia, pietrame
      Inerti, sabbia, ghiaia, pietrame...
      15.00
    • Urban concrete rett 30x60
      Urban concrete rett 30x60...
      59.00
    • Isolamento acustico
      Isolamento acustico...
      450.00
    • Misura campi elettromagnetici
      Misura campi elettromagnetici...
      200.00
    • Barbecue a carbonella napoleon
      Barbecue a carbonella napoleon...
      270.00
    • Dakota tortora 40x170
      Dakota tortora 40x170...
      115.00
    • Portland325 dove grey 60x60
      Portland325 dove grey 60x60...
      51.00
    • Ristrutturazione bagno
      Ristrutturazione bagno...
      6500.00
    • Larix fume' 20x170
      Larix fume' 20x170...
      90.00
    • Impianti elettrici, idraulici e automazioni
      Impianti elettrici, idraulici e...
      28.00
    • Ristrutturazione cucina
      Ristrutturazione cucina...
      4000.00
    • Posa cartongesso, pitture e pavimentazioni
      Posa cartongesso, pitture e...
      36.00

BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE