Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Pulizie in condominio: cosa fare se non sono soddisfacenti?

Come comportarsi e come contestare la ditta incaricata che esegue le pulizie in condominio in modo non professionale? Quali sono le tutele previste in questi casi?
- NEWS Parti comuni
condominio , pulizie in condominio , recesso , diffida

Pulizie condominio


Una delle problematiche più frequenti in condominio riguarda il tema delle pulizie delle parti comuni condominiali.

Nella maggior parte dei casi l’incarico per effettuare le pulizie in condominio è affidato a ditte specializzate, con le quali i condomini, nella persona dell’amministratore, concludono appositi contratti.

Pulizie in condominio diffida
Sovente accade tuttavia che emergano insoddisfazioni da parte dei condomini su come siano eseguite tali pulizie.

Da qui la domanda: cosa fare in caso di pulizie eseguite in modo non professionale o semplicemente non soddisfacente per il condominio?

Come contestare l’operato delle ditte incaricate?


Contratto pulizie condominio


Il primo passo per difendersi nei confronti della ditta inadempiente è giocare d’anticipo, ovverosia scegliere con attenzione l’impresa di pulizie e concludere un contratto per la fornitura del servizio di pulizia che preveda apposite clausole a tutela del condominio.

Le imprese autorizzate a eseguire le pulizie devono essere obbligatoriamente iscritte alla Camera di Commercio.

Diversamente si tratta di imprese abusive.

Con riferimento al negozio giuridico, occorre stipulare un contratto di appalto per il servizio di pulizia, ai sensi dell’art. 1655 c.c. o un contratto di prestazione d’opera, sottoscritto dall’amministratore di condominio, ai sensi dell’art. 1130 c.c., in qualità di rappresentante del condominio, ma vincolante di fatto per i condomini.

Presso talune Camere di Commercio è possibile reperire anche format generici editabili, validi quale punto di partenza, da integrare per regolamentare il servizio di pulizia in modo più efficiente possibile per il singolo contesto condominiale.

A ogni modo, oltre a una corretta indicazione del quantum pattuito, occorre indicare con attenzione nel contratto i giorni in cui tali pulizie saranno eseguite.


Pulizie in condominio: rinnovo automatico si o no?


Altro suggerimento potrebbe riguardare la scadenza del contratto e le modalità di rinnovo.

Nella pratica si assiste alla conclusione di molti contratti per la pulizia in condominio, che prevedono il c.d. rinnovo tacito alla scadenza del contratto.

Si tratta di un modus operandi a cui ci si rifà al fine di evitare di dover eseguire taluni adempimenti, con riferimento a contratti a prestazioni periodiche.

Ciò nondimeno la scelta di prevedere un rinnovo automatico potrebbe rivelarsi una scelta non sempre vincente.

In contesti condominiali, infatti, spesso ci si dimentica di verificare la scadenza degli impegni assunti con propri fornitori, e accade che in automatico si rinnovino vincoli con parti il cui operato non è apprezzato.

La mancata previsione di un rinnovo automatico, seppur motivo del moltiplicarsi di adempimenti obbliga la compagine condominiale a una valutazione sull’operato dell’impresa e a evitare la prosecuzione di una collaborazione non soddisfacente.


Come contestare o rimuovere dall’incarico la ditta delle pulizie in condominio?


L’ordinamento riconosce una serie di tutele nei confronti di condomini insoddisfatti del servizio pulizie, affidato a una specifica ditta.

Tali strumenti possono essere azionati dal condominio in considerazione, in primis, del momento in cui si intende contestare l’operato dell’impresa specializzata: a scadenza del contratto o nel corso della durata del contratto.


Disdetta del contratto per le pulizie in condominio


In tali casi, in prossimità della scadenza del contratto, occorre esercitare il diritto alla disdetta.

Si tratta di un atto di natura recettizia, con la quale il soggetto che comunica la disdetta a controparte, formalizza la sua intenzione a non proseguire il vincolo contrattuale e, dunque, di non voler rinnovare l’affidamento del servizio di pulizie.

Contestazione ditta pulizie condominio
Tale disdetta è solitamente regolamentata dallo stesso contratto di appalto o prestazione d’opera, in particolare, con riferimento alle tempistiche entro le quali tale comunicazione deve essere portata all’attenzione della ditta e le modalità.

Affinché la disdetta possa produrre gli effetti a cui è preordinata, occorre che sia portata a conoscenza della ditta mediante lettera raccomandata o a mezzo PEC.


Disdetta contratto di pulizia in condominio: chi decide?


Solitamente il soggetto legittimato a decidere in ordine alla disdetta nei confronti della ditta è l’assemblea del condominio, nel rispetto di specifiche maggioranze.

In prima convocazione la decisione di disdire il servizio di pulizia, affidato a una ditta, è assunta con almeno la maggioranza degli intervenuti.
Contestazione pulizie condominio prima e seconda convocazioneIn seconda convocazione occorre che l’assemblea condominiale approvi la decisione con un numero di voti pari a un terzo dei partecipanti al condominio che rappresentino per lo meno un terzo del valore millesimale dello stabile.

Sebbene la decisione di esercitare il diritto di disdetta sia, in genere, riservato all’assemblea condominiale, la giurisprudenza, con approdi spesso contrastanti, in alcune occasioni ha affermato la legittimazione dell’amministratore di condominio di assumere, in luogo dei condomini, la decisione di disdire il contratto con la ditta fornitrice del servizio pulizia, ritenendola rientrante fra le attribuzioni di cui all’art. 1130 c.c, riservate dalla legge all’amministratore.


Diffida e risoluzione del contratto per le pulizie in condominio


Allorquando non sia possibile attendere la conclusione del contratto con la ditta di pulizie, è possibile procedere con un formale atto di diffida ad adempiere, di cui all’art. 1454 c.c.

Si tratta di uno strumento a tutela del condominio committente, con il quale si invita la ditta delle pulizie all’adempimento della prestazione a cui si è obbligata, a seguito della stipulazione del contratto.

Pulizie-in-condominio-risoluzione
Tale diffida deve essere comunicata per iscritto e deve contenere l’intimazione ad adempiere agli obblighi assunti contrattualmente in un congruo termine che, per espressa previsione normativa, non può essere inferiore a quindici giorni, salvo diversa pattuizione delle parti o salvo che, per la natura del contratto o secondo gli usi, risulti congruo un termine minore.

La diffida ad adempiere costituisce un atto propedeutico alla risoluzione del contratto, con il quale è possibile risolvere, ovverosia interrompere il vincolo contrattuale con l’impresa di pulizie.

Ai sensi dell’art. 1454 c.c. la diffida ad adempiere deve contenere inoltre anche l’espresso avvertimento che, in caso di inadempimento, il contratto di appalto o di prestazione d’opera si intende risolto di diritto.


Recesso dal contratto per le pulizie in condominio


Ulteriore tutela è rappresentata dal recesso unilaterale dal contratto di pulizie, che ha l’effetto di interrompere immediatamente il vincolo contrattuale.



L’esercizio del diritto di recesso è disciplinato dall’art. 1671 c.c. per i contratti di appalto e per la prestazione d'opera nell'art. 2227 c.c.

Le citate norme hanno un contenuto sostanzialmente identico poiché, da una parte, disciplinano il diritto di recesso da parte del committente, ancorché sia iniziata la prestazione, dall’altra stabiliscono che il committente debba tenere indenne l'appaltatore o il prestatore d'opera delle spese sostenute e dei lavori eseguiti, nonché del mancato guadagno.

riproduzione riservata
Articolo: Condominio: cosa fare se l'impresa di pulizie lavora male
Valutazione: 5.75 / 6 basato su 4 voti.

Condominio: cosa fare se l'impresa di pulizie lavora male: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Lucas
    Lucas
    Mercoledì 9 Settembre 2020, alle ore 15:51
    La ditta di pulizie del condomino lavora male.
    Tre palazzi di 8 piani con 70 famiglie ciascuno.
    Sono in due a lavorare, puliscono un palazzo in massimo un'ora e mezza.
    Pavimenti sporchi, battiscopa con la striscia nera dall'acqua sporca vetri non lavati da almeno 2 anni.
    L'amministratore non risponde ne alle e-mail ne ai messaggi.
    Le signore della ditta abitano dentro al palazzo e hanno amicizie con i condomini.
    Tutti zitti e il palazzo e sporco.
    Cosa si può fare?
    rispondi al commento
  • Andrea
    Andrea
    Venerdì 1 Marzo 2013, alle ore 10:53
    Buongiorno Avvocato,approfitto di questo Suo spazio per rivolgerLe una domanda relativa al servizio di pulizie all'interno di uno stabile condominiale. Sono mesi che io e gli altri inquilini ci stiamo lamentando per la poca pulizia che viene eseguita all'interno del condominio e sono state fatte molte segnalazioni all'amministratore il quale però non sà come comportarsi in quanto, il suo predecessore,non ha sottoscritto alcun contratto con la ditta, e pertanto non sa in che termini di tempo può rescindere tale servizio nonostante non sia stato "contrattualizzato". Capisco il pensiero dell'amministratore in quanto queste persone che eseguono le pulizie hanno del personale e, l'eventuale disdetta, provocherebbe, visti i tempi precari in cui viviamo, un problema all'impresa col rischio che in futuro possa procedere ad azioni legali che graverebberto di conseguenza sul condominio.Però è un dato di fatto che le pulizie non vengono eseguite in maniera idonea e la sporcizia regna sovrano nel condominio.In questo casi...l'amministratore può rescindere tale servizio, previa convocazione dell'assemblea di condominio, per mezzo di raccomandata inviata un mese prima?? o deve recedere in un tempo maggiore???....tenendo presente che anche il regolamento di condominio non descrive quasi per niente come comportarsi in questi casi.La ringrazio anticipatamente per la Sua disponibilità ed in attesa di Suo cortese riscontro Le porgo distinti saluti.
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
339.444 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Condominio: cosa fare se l'impresa di pulizie lavora male che potrebbero interessarti


Condominio orizzontale

Amministratore di condominio - Il condominio orizzontale è una particolare tipologia di condominio a sviluppo prevalentemente orizzontale formato ad esempio da una stecca di villette a schiera.

Supercondominio

Amministratore di condominio - Il Supercondominio è un'entità che sussiste quando ci sono edifici collegati con parti in comune. Vediamo insieme quali sono le sue caratteristiche, doveri e potenzialità.

Condominio 4.0: un convegno sulle nuove opportunità relative al mondo condominiale

Leggi e Normative Tecniche - Condominio 4.0: un convegno organizzato da Harley&Dikkinson a Roma per fare una analisi su tutte le opportunità lavorative relative alla gestione condominiale.

Scivoloni in condominio e risarcimento dei danni

Liti tra condomini - La responsabilità del condominio per le cose in custodia non copre i danni subiti dai condomini in ambienti che conoscono molto bene

Bonus ristrutturazioni per il condominio minimo: i chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Possibile per i condomini di un condominio minimo portare in detrazione le spese per lavori di ristrutturazione su parti comuni. Cosa dice l'Agenzia delle Entrate

Condòmini sempre più esposti ai creditori del condominio

Parti comuni - Qualora i creditori del condominio siano insoddisfatti sono pignorabili le quote del singolo condomino anche se non moroso. Le novità della Corte di Cassazione.

Il condominio misto che si accolla le spese può beneficiare del Superbonus 110?

Detrazioni e agevolazioni fiscali - L'Agenzia delle Entrate riconosce il Superbonus 110 a un condominio misto che decide di accollarsi le spese per interventi edilizi su parti comuni dello stabile?

Condominio: la Corte Ue riconosce la qualifica di consumatore

Regolamento condominiale - Sulla base di una sentenza della Corte di Giustizia Ue il condominio può considerarsi un consumatore: quali sono le motivazioni e le conseguenze della decisione

Cappotto termico in condominio: è possibile la riduzione del balcone

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Il Tribunale di Milano stabilisce che non vi è lesione del diritto di proprietà in caso di restringimento del balcone dovuto dal cappotto termico in condominio.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img gialu_x
Buongiorno, vi chiedo aiuto in quanto mi trovo nella seguente situazioneIl condominio di mia zia ha deliberato ed iniziato lavori di ristrutturazione facciate e riqualificazione...
gialu_x 07 Agosto 2022 ore 19:18 2
Img ddaann78
Ciao ragazzi.Sono in procinto di iniziare dei lavori, usufruendo del sisma bonus 110, su un condominio con 4 appartamenti.Leggendo nel web le varie news, mi sono un po incasinato.
ddaann78 07 Agosto 2022 ore 12:44 2
Img laura pierini
Buonasera volevo un'informazione. La dichiarazione dei redditi di un condominio è obbligatoria al di sopra di un certo tetto di spese sostenute in un anno da parte del...
laura pierini 06 Agosto 2022 ore 09:26 2
Img tedwallenberg
Salve,in un piccolo "condominio" (di 6 appartamenti), zona F, le spese dell'impianto di riscaldamento vengono suddivise in 70% consumo combustibile reale per unità...
tedwallenberg 25 Luglio 2022 ore 23:12 11
Img manuela ardemagni
Buongiorno,il condominio di mia mamma sta trattando con un general contractor per il 110% con sconto in fattura.La società non mi piace nemmeno un pò... nata dal...
manuela ardemagni 07 Luglio 2022 ore 12:52 5