Ristrutturare gli interni di un appartamento con i principi della bioedilizia

NEWS DI Bioedilizia20 Ottobre 2016 ore 12:03
Progettazione degli interni di un appartamento utilizzando principi di bioarchitettura e tenendo conto del percorso del sole per l'orientamento degli ambienti.

Adeguamento degli interni in un progetto di bioedilizia


Quando si ristruttura un edificio in bioedilizia è importante che anche gli interni siano progettati in modo tale da essere in linea con la filosofia costruttiva della casa.


Ristrutturazione bioedilizia: camera da letto

Ristrutturazione bioedilizia: camera da letto

Ristrutturazione bioedilizia: camera da letto
Ristrutturazione bioedilizia: camera da letto nicchia

Ristrutturazione bioedilizia: camera da letto nicchia

Ristrutturazione bioedilizia: camera da letto nicchia
Ristrutturare con la bioedilizia: il living

Ristrutturare con la bioedilizia: il living

Ristrutturare con la bioedilizia: il living
Progetto bioedilizia: pianta interni

Progetto bioedilizia: pianta interni

Progetto bioedilizia: pianta interni
Progetto bioedilizia: pianta interni

Progetto bioedilizia: pianta interni

Progetto bioedilizia: pianta interni

Nell'ambito di un lavoro per ridefinire gli spazi di un appartamento, al quale ho preso parte attiva, mi sono adoperata per scegliere materiali e tessuti atossici e rispettosi dell' ambiente , applicare principi di bioclimatica per ottenere i massimi benefici dal potere del sole e dare consigli per buone abitudini che contribuissero alla salubrità della casa.


Ristrutturazione bioedilizia: orientamento dei locali per sfruttare luce e calore del sole


Gli interni di questo appartamento non erano all'altezza delle tecnologie di bioedilizia introdotte nell'abitazione. Bisognava rivedere, prima di tutto, la disposizione e l'orientamento dei locali per ottimizzare i vantaggi derivanti dalla natura.

Ristrutturazione bioedilizia pianta prima
La zona notte era stata posta a sud e la zona giorno a nord-est. Così facendo le camere da letto erano quelle maggiormente illuminate mentre la zona giorno risultava davvero poco luminosa e molto fredda in inverno.

Ho cercato di creare una distribuzione interna che tenesse conto dell'orientamento della casa in base ai principi di bioclimatica e ho collocato la zona giorno a sud, potendo così godere della luce naturale per buona parte della giornata: il sole sorge verso est, passa per sud e tramonta verso ovest.



La maggior parte delle aperture, trovandosi a sud, mi hanno consentito di ottenere i massimi vantaggi dalla natura.

In estate, i locali della zona giorno subiranno un minore surriscaldamento rispetto a quelli con facciate a est e a ovest necessitando, tuttavia, di adeguati dispositivi di ombreggiamento e ventilazione.

In inverno, quando il sole è basso all'orizzonte, le facciate orientate verso sud continuano a essere quelle che ricevono più apporto energetico e quindi avremo locali meno freddi rispetto a quelli orientati a nord: i raggi solari penetrano in profondità nelle stanze riscaldando il pavimento e le pareti. Inoltre, le finestre alte e le superfici chiare aumentano l'illuminazione interna.

La posizione ottimale per le camere da letto è il nord-est e in questo caso vi ho collocato la camera di un bambino così da poter essere irradiata dai raggi solari al mattino, assicurando un ottimale risveglio.

Gli ambienti orientati a nord-ovest potranno invece godere del rilassante sole del tramonto.
In generale, collocare le camere a nord è una buona abitudine anche perché mentre si dorme è opportuno che la temperatura dell'ambiente non sia troppo elevata e si aggiri intorno ai 20°C.

Il surriscaldamento della casa è tenuto sotto controllo, oltre che dal corretto orientamento dei locali, anche dalla presenza di una folta vegetazione e di veneziane interne alle finestre; altre opzioni di ombreggiamento sono: veneziane esterne, avvolgibili esterni e tendoni da sole, persiane e scuri, aggetti fissi, portici coperti e verande.

Un sistema VMC unito a buone abitudini, come aprire le finestre su lati opposti della casa e bagnare terrazze così da generare fresche brezze, va a completare il quadro per avere aria fresca e pulita ogni giorno.


Come creare un contatto con la natura secondo i principi della bioarchitettura


Le ampie vetrate creano un sottile confine tra dentro e fuori. I profili delle finestre sono ultrasottili e a taglio termico; essi garantiscono il massimo isolamento, un ottimale sfruttamento della luce e il mantenimento di un design minimal.

Ho scelto di lasciare una delle due grandi aperture della zona giorno fissa per poter avere una visuale libera sul contesto boschivo. Quella accanto, sempre a sud, si apre a bilico, così come quelle delle camere, per non mangiare spazio e interferire con la zona tv.

La scelta del legno massello per i mobili e di pavimentazione esterna in vero legno di recupero consente di godere della fragranza e del profumo di questo materiale.


Ristrutturazione bioedilizia: materiali utilizzati e studio stilistico


Un design minimal si insinua per tutta la casa creando un ambiente ordinato che diffonde sensazioni di estrema pace e tranquillità divenendo perfettamente armonico con il contesto esterno.

Ristrutturazione bioedilizia living
Attraverso un ingresso attrezzato veniamo indirizzati nel living dove volumi bassi e colori chiari scandiscono le aree funzionali.

La pavimentazione in grès, unica per tutta la casa ad esclusione dei bagni, risulta omogenea ed è finalizzata a collegare visivamente più stanze, amplificando lo spazio; essa è in netto contrasto con quella esterna in tavole di legno di recupero, la quale, grazie alle ampie vetrate risulta quasi collegata con gli interni. Le pareti sono state lasciate bianche, semplicemente intonacate con prodotti a base di gesso.

Ristrutturazione bioedilizia camera da letto
Si delinea così un ambiente neutro che fa da sfondo a sottili dettagli i quali risultano come sospesi, ad arredi di per sè potenzialmente cupi e pesanti ma che acquistano una straordinaria leggerezza se immersi in questo contesto. Porte a filo muro dello stesso colore delle pareti contribuiscono ad evidenziare l'essenzialità della casa.

I tessuti utilizzati per divani e tendaggi sono naturali e per lo più in fibra di lino mischiata a lana, cotone o seta. I tappeti sono in canapa e in juta.

 vernici naturali per una ristrutturazione bioedilizia
Il legno scelto per gli arredi proviene da un'unica quercia locale ed è stato poi trattato e verniciato con i prodotti naturali della Solas, ottenuti con materie prime vegetali e minerali e privi di sostanze tossiche.


Illuminazione artificiale in una ristrutturazione bioedilizia


Per la scelta delle luci mi sono orientata interamente verso i led, ormai protagonisti assoluti nelle nostre case, sebbene presentino degli svantaggi come il fenomeno dell'abbagliamento e della luce blu.

Ristrutturazione bioedilizia led biocompatibili Lighting Science Group
A questi fenomeni si può far fronte in diversi modi:

- scegliere apparecchi per schermare bene i corpi luminosi, oppure, laddove questo non sia possibile o desiderabile, optare per una tipologia meno bianca

- posizionare i faretti in modo ottimale, magari scegliendo quelli orientabili che consentano la regolazione in base alle singole esigenze delle persone e dell'ambiente, evitando, se si vogliono applicare alle pareti, di metterli ad altezza persona così da non dare fastidio agli occhi (si consiglia di porli a 30/40 cm da terra).

Ristrutturazione bioedilizia eco led BeghelliNelle camere da letto ho consigliato i faretti biocompatibili di Lighting Science Group, i quali, attraverso una particolare tecnologia che ne diminuisce l'emissione di luce blu, interagiscono con la melatonina naturale del corpo e migliorano il sonno.

Inoltre, sono faretti ecofrendly e non si surriscaldano.

Ormai sempre più ditte prestano attenzione al fenomeno dell'abbagliamento, una tra queste è la Beghelli con i suoi eco-led.


Obiettivi della progettazione di interni secondo principi della bioarchitettura


L'obiettivo di una progettazione di interni secondo principi biocompatibili ed ecosostenibili è quello di realizzare interni che siano in armonia con salute e ambiente, preferendo la qualità alla quantità

Una progettazione ecosostenibile deve: ridurre l'impatto sul contesto in cui si colloca il progetto, realizzare locali adatti a diverse funzioni variabili nel tempo, limitare l'utilizzo di risorse ricorrendo alle rinnovabili e prestare attenzione alla gestione dei rifiuti (riduzione, riutilizzo, riciclaggio).

Una progettazione biocompatibile deve massimizzare il benessere psico-fisico di chi abita o occupa l'ambiente.

riproduzione riservata
Articolo: Ristrutturazione bioedilizia
Valutazione: 5.73 / 6 basato su 26 voti.
  • fs
  • fs
  • fs
  • fs

Ristrutturazione bioedilizia: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Ristrutturazione bioedilizia che potrebbero interessarti
Europa Symposium

Europa Symposium

In seguito ai recenti disastri ambientali, causati anche dalla cattiva gestione dell'ambiente e del territorio, l'uomo non può più ignorare le proprie responsabilità e non impegnarsi nella ricerca e...
La Bioarchitettura

La Bioarchitettura

La ricerca della qualità della vita, ed una progettazione attenta ai danni ambientali, si rende sempre più necessaria in un mondo tecnologico dove i danni ambientali sono nemici dell'uomo.
Bioedilizia e Bioarchitettura, legno e sughero i materiali più utilizzati

Bioedilizia e Bioarchitettura, legno e sughero i materiali più utilizzati

Questi sono i nuovi passi dell'architettura: progettare, scegliendo di adottare i criteri della bioedilizia, quindi materiali e tecniche che rispettino l'ambiente.
Alfabetizzazione all'Ecologia e alla Qualita' dell'Architettura

Alfabetizzazione all'Ecologia e alla Qualita' dell'Architettura

Un convegno per sensibilizzare tecnici e cittadini alla conoscenza e alla successiva applicazione di un tipo di progettazione volta a salvaguardare l'ambiente.
Salone del Mobile di Parma 2011

Salone del Mobile di Parma 2011

La tua casa nasce qui: questo e' il tema del nono salone del mobile di Parma, che si svolgera' dal 29 gennaio al 6 febbraio 2011, e sara' incentrato sul benessere e sull'ecologia.
usr REGISTRATI COME UTENTE
288.638 Utenti Registrati
usr
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Ristrutturazione appartamenti milano
    Ristrutturazione appartamenti...
    1.00
  • Pratiche detrazioni fiscali
    Pratiche detrazioni fiscali...
    500.00
  • Lavori edili inclusi preventivi e progettazione gratuiti
    Lavori edili inclusi preventivi e...
    1.00
  • Ristrutturazione appartamento milano
    Ristrutturazione appartamento...
    500.00
  • Tappeto asciugapassi my
    Tappeto asciugapassi my...
    99.00
  • Cartuccia filtro per depuratore
    Cartuccia filtro per depuratore...
    100.00
  • 990 Installazione Compresa Cuneo E Provincia A 99000  Kit Antifurto Doppia Frequenza Hdpro
    990 installazione compresa cuneo e...
    998.18
  • Aria condizionata Roma
    Aria condizionata roma...
    300.00
integra
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Mansarda.it
  • Tende.online
  • Officine Locati
  • Black & Decker
  • Faidatebook
  • Kone
  • Weber
MERCATINO DELL'USATO
€ 59 000.00
foto 4 geo Torino
Scade il 16 Settembre 2018
€ 380.00
foto 6 geo Frosinone
Scade il 31 Dicembre 2018
€ 299.00
foto 4 geo Roma
Scade il 31 Maggio 2018
€ 28.00
foto 6 geo Frosinone
Scade il 31 Dicembre 2018
€ 39 000.00
foto 6 geo Torino
Scade il 09 Settembre 2018
€ 229.00
foto 1 geo Lecce
Scade il 31 Maggio 2018
VENDI SUBITO IL TUO USATO DI CASA
Inserisci annuncio
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, navigando ne accetti l'utilizzo. Leggi l'informativa.