Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Il cappotto interno in canna palustre

La canna palustre è stata utilizzata da sempre come materiale da costruzione per poi essere dimenticata: ora con la bioedilizia si riscopre questo stupendo materiale.
25 Giugno 2015 ore 00:58 - NEWS Bioedilizia

L'isolamento naturale in canna palustre


Isolare casa con un cappotto termico interno è una soluzione efficace per ridurre le dispersioni energetiche nei casi in cui sia tecnicamente impossibile o semplicemente antieconomico isolare i muri perimetrali dall'esterno.

Per la scelta del tipo di isolante da applicare sono molto diffusi i pannelli in calcio silicato, fibra di legno, fibre vegetali.
Tuttavia una tra le soluzioni più antiche ed ecologiche è l'utilizzo della canna palustre.

Cappotto interno in canna palustre. Foto: Luca Maioli architetto


La canna palustre nella bioedilizia


Le ragioni per essere così apprezzata nella bioedilizia sono molteplici, prima fra tutte l'origine.
La canna palustre è una pianta infestante e cresce naturalmente in terreni umidi, come stagni o argini di laghi o di fiumi; non necessita di cure ma solo di condizioni climatiche e ambientali favorevoli.
In Italia è molto conosciuta e apprezzata la canna palustre che cresce lungo gli argini del Po, dove da sempre viene utilizzata come materiale edile.

Oltre alla vicinanza della materia prima e la grande disponibilità in natura, altro aspetto fondamentale apprezzato dalla bioedilizia è la compostabilità una volta terminato il suo ciclo vita. I rifiuti non sono tutti uguali tra di loro: un pannello in polistirolo non può essere paragonato a un pannello in canna palustre al momento di smaltirlo.

Analizzando i dati tecnici di un materassino in canna palustre da 5 cm si può notare come i valori di conducibilità termica non si discostino molto da quelli di un pannello in calcio silicato; la resistenza alla diffusione del vapore è buona così come la densità, ossia il rapporto dei chilogrammi su metri cubi, tutte caratteristiche significative per una casa ecologica.


Un'ultima considerazione riguarda gli intonaci in calce e in argilla cruda, molto utilizzati in bioedilizia grazie alla loro particolare traspirabilità.

Per un intonaco in argilla cruda è fondamentale un buon supporto, in caso contrario il materiale gettato sul muro rischia di collassare su se stesso e cadere; una superficie ricoperta da un materassino in canna palustre è un supporto ideale per l'intonaco e permette che questo diventi un corpo unico con il muro.


Come isolare un muro con la canna palustre


La canna palustre per l'isolamento in bioedilizia si presenta sotto forma di materassini generalmente dello spessore di cinque centimetri.

Le canne sono tenute assieme con fili di ferro zincato o nylon, in maniera tale da lasciare intatte le cavità interne delle canne.
Com'è noto infatti uno dei migliori isolanti è l'aria ferma quindi è importante che le canne non si rompano.

Canna palustre di Matteo Brioni

Per prima cosa bisogna prevedere in che posizione andranno i pensili della cucina ed eventualmente le mensole, perché unico limite dei pannelli in canna palustre è proprio quello di non sopportare carichi appesi rilevanti. In corrispondenza dei pensili andranno perciò posizionate delle tavole di legno sulle quali agiranno i tasselli.

Successivamente si devono tassellare i materassini alle pareti, sagomando all'occorrenza e costipando bene il materiale.

Cappotto interno in canna palustre. Foto: Luca Maioli architettoLa posa di un cappotto interno in canna palustre, data la natura stessa del materiale, è più complicata rispetto a quando si utilizzano pannelli in fibra di legno, sughero o calcio silicato, analogamente lo sfrido può essere molto e scarsamente riutilizzabile, quindi un consiglio è di affidarsi a persone con esperienza per eseguire i lavori o armarsi di tanta pazienza se si vuole posare il cappotto in autocostruzione edilizia.

La fase dell'intonaco è quella più facile tra le operazioni di posa. La base dell'intonaco penetra facilmente tra le canne e quando si asciuga crea un corpo unico.
Una superficie ricoperta da canne palustri è perfetta come supporto, per questo motivo quando ancora non esistevano i pannelli in cartongesso si utilizzavano le arelle in canna palustre per realizzare ribassamenti e volte quando non erano in muratura.

Intonaco in argilla su canna palustre. Foto: Luca Maioli architetto


Dove acquistare i pannelli di canna palustre


Riuscire ad acquistare in un magazzino edile dei pannelli di canna palustre non è facile e malgrado in Italia sia ancora abbondante in determinate zone, i maggiori paesi produttori sono Austria, Svizzera, Ungheria, Romania e Polonia.

Tra le imprese che si dedicano a lavorare la canna palustre, legandola per realizzare le coperture per bungalows e i casoni tipici delle lagune venete, le arelle e i pannelli isolanti, ci sono la LACEP SNC e l'impresa ZOPPITELLI, entrambe con sede sul lago Trasimeno dove la cultura della canna palustre era fiorente cinquant'anni fa.

Se invece ci si vuole rivolgere a imprese specializzate in materiali per la bioedilizia si può contattare tra le altre la LEO BODNER, e la MATTEO BRIONI.
Indicativamente il costo per un materassino di un metro quadro per cinque centimetri di spessore varia dai dodici ai quindici Euro/mq, tuttavia si consiglia di considerare con attenzione lo sfrido, ossia la quantità di canna che andrà sprecata, prima di effettuare l'ordine.

riproduzione riservata
Articolo: La canna palustre per l'isolamento a cappotto
Valutazione: 4.13 / 6 basato su 8 voti.

La canna palustre per l'isolamento a cappotto: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
322.602 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano La canna palustre per l'isolamento a cappotto che potrebbero interessarti


Superbonus 110 per cappotto termico interno: sì ma ad alcune condizioni

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Via libera al Superbonus 110 per il cappotto termico interno, se l'edificio è sottoposto a vincoli o a divieti. Ecco i chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate.

Moquette in fibre naturali

Ristrutturazione - Cocco, sisal, erbe di palude: le moquette in fibre naturali permettono di coniugare calore e ricercatezza oltre che un'inaspettata durabilita'.

Manutenzione canne fumarie in eternit

Impianti di riscaldamento - Il problema dello smaltimento dell'amianto rappresenta un onere economico notevole per chiunque voglia ottemperare alle vigenti disposizioni di legge in materia.

False volte

Tetti e coperture - Le tecniche costruttive e i trucchi per riconoscere a colpo sicuro le false volte, ovvero le volte non strutturali in legno, intonaco e stuoie di canniccio.

Canna indica in giardino

Piante - La canna indica è una pianta perenne perfetta per giardini di medie dimensioni e in zone calde e temperate, che decora con i suo i fiori colorati a grappolo

Restaurare le false volte

Restauro edile - Anche se le false volte sono prive di qualsiasi funzione statica, per il loro valore storico e testimoniale è comunque importante restaurarle con le tecniche giuste.

Manutenzione dei camini e canne fumarie

Impianti di riscaldamento - Come effettuare una corretta manutenzione dei camini e delle relative canne fumarie.

Isolanti termoacustici

Ristrutturazione - Un buon isolamento termoacustico garantisce assenza di rumori molesti e muffe da condensa: eccovi una selezione delle principali tipologie di pannelli in commercio.

Caminetti a gas

Impianti di riscaldamento - Il caminetto a gas, oltre a riscaldare, arreda l'ambiente in cui è inserito e in più richiede manutenzione quasi nulla con costi di gestione super economici.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img ilpino
Salve a tutti,avrei bisogno di un consiglio per quanto riguarda il cappotto interno.Dovrei sistemare una vecchia struttura degli anni 70, non dotata di intercapedine.Per fare...
ilpino 16 Gennaio 2021 ore 07:22 18
Img andreadel campo
Salve a tutti, nel mio appartamento ristrutturato nel 2011 da un paio di anni hanno iniziato a presentarsi muffe nei muri sotto gli infissi delle finestre e nelle zone perimetrali...
andreadel campo 14 Febbraio 2020 ore 11:56 5
Img saturnino82
Buonasera, cerco un consiglio per realizzare un cappotto in camera da letto. La casa è all'ultimo piano esposizione nord-est su due lati. Attualmente in una delle due...
saturnino82 24 Maggio 2018 ore 20:40 13
Img amministrazione@sommariva.casa
Buon giorno,devo fare un un cappotto interno alla casa,mi sa dire se esiste uno spessore minimo per utilizzare risparmio energetico.Ringraziando.Pavan...
amministrazione@sommariva.casa 30 Aprile 2018 ore 10:21 2
Img valterberetta
Salve, scrivo per chiedere consiglio per un problema di muffa in una casa di circa 40-50 anni.Da alcuni punti della parete delle camere da letto escono delle chiazze di muffa nere...
valterberetta 20 Agosto 2017 ore 10:37 8