• progetto
  • cadcasa
  • ristrutturazione
  • caldaia
  • clima
  • forum
  • consulenza
  • preventivi
  • computo
  • mercatino
  • mypage
madex

Quali sono le caratteristiche e gli usi del kenaf in edilizia?

Nell'ambito della bioedilizia, un materiale innovativo ed ecologico le cui fibre possono essere utilizzate per isolare termoacusticamente gli ambienti è il kenaf
Pubblicato il

Kenaf in edilizia: origine ed evoluzione


Nell'ambito della bioedilizia, un prodotto ecologico ideale per l'isolamento termico ed acustico è il kenaf.

Fibra vegetale utilizzata anche nel settore tessile, il kenaf si ricava dall'Hibiscus cannabinus una pianta molto simile alla canapa, appartenente alla famiglia delle Malvacee.
Il genere Hibiscus è originario dell'Africa occidentale dove veniva impiegato non solo per le fibre ma anche per la produzione di oli, dato che le foglie ed i fiori si ritenevano commestibili.

Il fusto è eretto e poco ramificato con altezze comprese tra 1 e 4 metri, la fibra ha una parte esterna corticale chiamata tiglio e una parte interna legnosa chiamata kanapulo.


Il processo produttivo del kenaf


Gli steli della pianta vengono fatti essiccate nel campo per poi essere tagliati a un'altezza di circa 20/25 cm. A questo punto si separano le fibre di tiglio dal kanapulo, dalla cui polvere si produce carta e cartone.

Come si produce il kenaf
Per la realizzazione di materiali isolanti si usano le fibre mediane che vengono lavorate seguendo diversi passaggi:

  • inizialmente si puliscono, si sfibrano e si riducono in fiocchi;

  • in seguito si sottopongono a trattamento ignifugo con un bagno di soda;

  • vengono poi arricchite con poliestere il cui compito è rinforzare il materiale;

  • infine vengono sottoposte a termofissaggio.


In questo modo si possono ottenere pannelli di diverso spessore e densità, in cui le fibre sono posizionate in maniera tridimensionale e non su piani paralleli, il che rende il pannello maggiormente resiliente.

Se si vuole avere un materiale del tutto biodegradabile e naturale è possibile utilizzare al posto del poliestere un acido polilattico che deriva dal mais.


Coltivazione della fibra di kenaf


Il clima adatto alla coltivazione di kenaf è il clima tropicale e sub-tropicale, in quanto è particolarmente sensibile ai climi freddi. Per questo motivo si coltiva in pianura non oltre i 600 metri.

La temperatura media che preferisce varia tra i 20°C e i 22°C, la minima per la germinazione è circa 9°C, mentre la semina deve avvenire a una temperatura del suolo superiore ai 12°C.

Il terreno deve essere ben drenato e privo di ristagni.

Come coltivare la pianta di kenaf
La pianta comunque è molto resistente e riesce ad adattarsi bene agli ambienti.
Per la raccolta esistono due metodi: la raccolta invernale a seguito della morte della pianta, quando lo stelo non ha più foglie, il che consente di avere un maggiore uso di fibre, o la raccolta verde quando la pianta sta fiorendo e lo stelo risulta intatto.

Il kenaf viene attualmente coltivato in Cina, in America, in Giappone ed in Europa, in particolare in Grecia e in Italia.

Nel territorio nazionale si coltiva principalmente in Pianura Padana, dove la semina avviene nel mese di marzo mentre la raccolta nel mese di novembre.
La pianta inoltre non necessita di pesticidi.


Kenaf ed ecologia


A livello ecologico, la pianta di kenaf ha le seguenti caratteristiche:

  • riesce a tollerare bene la siccità;

  • è capace di assorbire molta anidride carbonica;

  • gli scarti possono essere utilizzati come combustibili ecologici;

  • è in grado di depurare il suolo da elementi tossici;

  • apporta una grande quantità di ossigeno al terreno.


La fase che ha un maggiore impatto a livello energetico è quella di approvvigionamento della materia prima.


I pregi del kenaf nella bioedilizia


Il kenaf, come anticipato, è un prodotto utilizzato per realizzare pannelli e rotoli per l'isolamento termoacustico.


Le proprietà isolanti abbinate ai costi ridotti di produzione l'hanno reso un materiale molto apprezzato dai progettisti e dalle imprese.

Oltre a questi vantaggi, il kenaf possiede anche altre qualità:

  • non presenta sostanze tossiche né sostanze proteiche, dunque non c'è bisogno di effettuare un trattamento antiparassitario;

  • la lavorazione del prodotto richiede poca energia;

  • è inattaccabile da muffa;

  • è igroscopico e traspirante, per cui è capace di regolare l'umidità interna garantendo un clima salubre;

  • è di semplice posa ed è leggero;

  • non provoca danni alla salute né durante la fase di lavorazione né durante la posa in opera e l'utilizzo.


Utilizzi della fibra di kenaf


La fibra di kenaf in rotoli e pannelli trova impiego in particolare:

  • nelle intercapedini di strutture in muratura o in legno;

  • nelle coperture ventilate;

  • come cappotto esterno ed interno ventilato;

  • all'interno di solai;

  • nei controsoffitti;

  • nelle pareti divisorie.


Il feltro flessibile, con spessori che variano da 8 a 120 millimetri, se applicato al di sotto del massetto con pavimenti incollati o in pavimenti galleggianti è ideale per isolare dai rumori di calpestio.

Fibre di kenaf
Le notevoli performance di assorbimento acustico rendono il materiale utile anche per diminuire le vibrazioni degli impianti o per costruire serramenti.


Pannello in fibra di kenaf e canapa


Una tipologia di prodotto isolante costituito da canapa e kenaf è proposta dall'azienda Euchora. Il pannello è termofissato mediante un processo produttivo tecnologicamente innovativo.

Pannello in kenaf e canapa EuchoraPannello in kenaf e canapa Euchora

Grazie alle fibre naturali robuste, ha una stabilità perfetta e garantisce performance di isolamento termoacustico molto maggiori rispetto ai prodotti tradizionali.
Utilizzare fibre naturali e resistenti, assicura un'elevata compattezza del pannello.

Il prodotto è realizzato senza collanti chimici ed è del tutto riciclabile a fine vita utile, per questo motivo è molto apprezzato nell'ambito della bioedilizia sia privata che industriale.


Tipologia di pannello isolante in kenaf


Un altro pannello prodotto dall'azienda Softex Srl è realizzato con canapa e kenaf termofissate in maniera tridimensionale. Questa disposizione assicura elevate performance termiche sia contro il caldo che contro il freddo.

Pannello in canapa e kenaf SoftexPannello in canapa e kenaf Softex

L'uso di fibre vegetali di diverse lunghezze e spessori garantisce fonoassorbenza anche in situazioni difficili da trattare a livello acustico.

Grazie alla struttura innovativa, il pannello è perfetto per cappotti esterni o interni, per coperture e pavimenti e per isolamenti con sistema a secco.
Non contiene prodotti inquinanti, per cui è un prodotto del tutto ecosostenibile.

riproduzione riservata
Cosa si può fare con le fibre di kenaf in edilizia?
Valutazione: 5.67 / 6 basato su 3 voti.
gnews
  • whatsapp
  • facebook
  • twitter

Inserisci un commento o un'opinione su questo contenuto



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
Alert Commenti
346.960 UTENTI
SERVIZI GRATUITI PER GLI UTENTI
SEI INVECE UN'AZIENDA? REGISTRATI QUI
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img luc1962
Buongiorno. Vorrei usare la soluzione dell'insufflaggio del materiale isolante all'interno della intercapedine della mia casa. Ho guardato i vari demo di due aziende specializzate...
luc1962 08 Maggio 2024 ore 13:15 1
Img lorenzo19602
Salve, vorrei chiedere se è ancora possibile costruire una casa senza alcun tipo di isolamento termico, insomma come si costruiva verso la fine anni 90 e inizio 2000?...
lorenzo19602 09 Aprile 2024 ore 11:12 1
Img enricoruggi
Buongiorno, causa umidità ho coperto le pareti di casa con Depron, tuttavia la gattina bella mi ha rovinato il depron, per cui ho pensato di fare dei listelli di legno e...
enricoruggi 04 Aprile 2024 ore 14:06 10
Img mauropol
Buongiorno, ho provato ad informarmi ma non sono riuscito a capire cosa dovrei fare in questo caso specifico. Ho un appartamento da ristrutturare nel quale vorrei abbassare il...
mauropol 05 Marzo 2024 ore 16:23 4
Img giu06
Salve a tutti, volevo sapere se qualcuno ha mai affrontato e risolto, il problema di avere le porte degli ambienti di casa che si aprono e chiudono con fatica, avvertendo una...
giu06 02 Marzo 2024 ore 16:01 2