L'inerzia dell'assemblea e dell'amministratore di condominio

NEWS DI Assemblea di condominio08 Aprile 2014 ore 12:06
Che cosa succede se l'assemblea condominiale non prende i necessari provvedimenti per la gestione dell'edificio o se l'amministratore non esegue quanto deciso?
amministratore , assemblea , condominio , inerzia assemblea
Avv. Alessandro Gallucci

Assemblea e amministratore inerte


Non è cosa affatto rara che l'assemblea di condominio non riesca a deliberare o che le deliberazioni non siano eseguite.

AssembleaSi pensi, per fare degli esempi, ai casi in cui sia necessario adeguare alla normativa vigente gli impianti condominiali o che, una volta deliberati dei lavori di risanamento dell'edificio, gli stessi non vengano eseguiti.

Che cosa si può fare in questi casi?

Se l'inerzia nel deliberare è sempre ascrivibile all'indifferenza dei condomini rispetto alla gestione delle cose comuni, la mancata attuazione del deliberato non sempre è imputabile all' amministratore . Ad ogni buon conto, la legge consente, in entrmbi i casi, di superare questa situazione d'empasse; vediamo in che modo.

Il codice civile prevede, a seconda delle circostanze, dei rimedi ad hoc.


Rimedi contro l'immobilismo dell'amministratore


Se i problemi della gestione dipendono dall'amministratore, la legge consente di agire per via giudiziale per ottenerne la revoca: l'art. 1129, dodicesimo comma, c.c., infatti, specifica che costituisce grave irregolarità nella gestione l'omessa esecuzione del deliberato assembleare.

In buona sostanza il ragionamento è questo: mandiamo via l'amministratore inadempiente per sostituirlo con uno che attui il deliberato.

Tale risultato, naturalmente, può essere raggiunto anche per via assembleare purché la revoca sia deliberata dalla maggioranza degli intervenuti all'assemblea che rappresentino almeno 500 millesimi.

In buona sostanza l'azione giudiziale è utile in quei casi in cui non solo l'amministratore è inadempiente ma anche i condomini siano menefreghisti.

In ogni caso resta salvo il diritto al risarcimento del danno causato dall'omessa esecuzione del deliberato.


Rimedi contro l'immobilismo dell'assemblea


E se è l'assemblea a non fare il proprio dovere?

Assemblea condominialeSe l'inerzia dell'assemblea, ad esempio, impedisce di nominare l'amministratore, ci si potrà rivolgere al Tribunale affinché lo stesso provveda, in sostituzione dell'assise, a nominarlo.

Che cosa accade se l'inerzia del consesso assembleare non è relativa alla nomina del mandatario dei condomini?

Le norme dettate in materia di condominio non si occupano di disciplinare questa evenienza. In questo contesto è, comunque, possibile ottenere dall'Autorità Giudiziaria un provvedimento equipollente a quello che avrebbe dovuto prendere l'assemblea?

La risposta è positiva ed il suo addentellato normativo va rintracciato nel quarto comma dell'art. 1105 c.c.

Si tratta di una disposizione dettata in relazione alla comunione in generale ma che, in virtù del richiamo contenuto nell'art. 1139 c.c., è applicabile anche al condominio negli edifici (cfr. tra le tante Cass. 30 maggio 2003 n. 8803).

Che cosa dice il quarto comma dell'art. 1105 c.c.?

Se non si prendono i provvedimenti necessari per l'amministrazione della cosa comune o non si forma una maggioranza, ovvero se la deliberazione adottata non viene eseguita, ciascun partecipante può ricorrere alla autorità giudiziaria. Questa provvede in camera di consiglio e può anche nominare un amministratore.

La norma trova applicazione tanto nei condomini che hanno l'obbligo di nominare un amministratore, tanto in quei c.d. piccoli condomini in cui ciò non è necessario.

Un esempio chiarirà quando la norma può essere applicata. Si pensi alle ipotesi in cui sorta l'esigenza di effettuare dei lavori di manutenzione straordinaria, l'amministratore (o uno dei condomini in caso di mancanza dell'amministratore) convochi più e più volte l'assemblea ma questa per l'incuranza di molti condomini non riesca mai a deliberare quanto necessario.

Gli interessati, cioè i comproprietari e l'amministratore, ma solo se anch'egli è condomino, possono adire l'Autorità Giudiziaria affinché sia la stessa ad ordinare i lavori indispensabili.

Quello ex art. 1105, quarto comma, c.c. è qualificato dalla giurisprudenza quale ricorso in sede di volontaria giurisdizione (Cass. n. 5762/80).

Si badi: non è sufficiente che i condomini, conoscendo per esperienza l'andazzo delle assemblee decidano, per evitare di perdere tempo, di rivolgersi preventivamente al giudice. Condizione indispensabile, per l'utile esperimento del ricorso fondato sull'art. 1105, quarto comma, c.c., è che vi siano dei precedenti sotto il profilo della mancata formazione di una maggioranza, o della mancata esecuzione di una decisione assunta (Trib. Modena 24 febbraio 2009). In sostanza all'atto introduttivo del giudizio andranno allegate le circostanze (es. verbali di assemblea, ecc.) che dimostrino lo stallo decisionale o esecutivo in cui versa il condominio.

riproduzione riservata
Articolo: L'inerzia dell'assemblea e dell'amministratore di condominio
Valutazione: 3.00 / 6 basato su 5 voti.
  • fs
  • fs
  • fs
  • fs

L'inerzia dell'assemblea e dell'amministratore di condominio: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Allman51
    Allman51
    Venerdì 16 Marzo 2018, alle ore 15:48
    L'inerzia di un amministratore di condominio, può creare ed essere causa di situazioni che possono manifestarsi in propri e veri scontri sociali.
    L'inerzia, ingiustificata,  ma attuata, o per inesperienza o per garantirsi unicamente il mensile, dovrebbe essere perseguita giudizialmente, in modo da non permettere a queste persone di  operare.
    E' un aspetto molto delicato, perchè all'interno di un condominio vivono ceti sociali diversi tra loro.
    L'amministratore, dovrebbe essere l'educatore civile e normativo per far convivere mentalità diverse insieme ad aspetti omogenei.
    rispondi al commento
  • Eugenia Rosaspina
    Eugenia Rosaspina
    Sabato 13 Agosto 2016, alle ore 22:14
    Non chiarite se in caso di inerzia dell'amministratore un condomino può lui fare fare il lavoro urgente.

    Esempio un grosso problema al pozzo nero con tremende esalazioni dentro l'appartamento di un condomino.

    Può il condomino chiamare un idraulico e fargli fare il lavoro? Mi pareva che ci fosse un articolo di legge che lo permette (forse 1103 ?)
    rispondi al commento
    • Lucag1979
      Lucag1979 Eugenia Rosaspina
      Mercoledì 7 Settembre 2016, alle ore 16:19
      Dorvebbe essere l'art. 1134 c.c., ma la valutazione dell'urgenza per l'opera a spese del condomino (salvo rimborso) dev'essere reale. Se vuoi una risposta più dettagliata ed approfondita sull'argomento, prova il nostro servizio di consulenza su aspetti, legali, fiscali, condominiali riguardanti la casa Consulenza Legale, Fiscale e Condominiale.
      rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano L'inerzia dell'assemblea e dell'amministratore di condominio che potrebbero interessarti
Revoca dell'amministratore giudiziario

Revoca dell'amministratore giudiziario

L'assemblea condominiale è l'organo competente a nominare e revocare l'amministratore. Per l'amministratore giudiziario i condomini potranno agire in giudizio per chiedere la revoca del mandatario.
Richiesta di convocazione di un'assemblea straordinaria

Richiesta di convocazione di un'assemblea straordinaria

È possibile distinguere due diverse tipologie di assemblea condominiale: assemblea ordinaria annuale e assemblea straordinaria. Come richiederne la convocazione?...
Comunicazioni all'assemblea

Comunicazioni all'assemblea

L'assemblea, è notorio, è il luogo in cui i condomini decidono sulla gestione e conservazione delle parti comuni dell'edificio.
Assemblea condominiale e la ratifica delle scelte dell'amministratore

Assemblea condominiale e la ratifica delle scelte dell'amministratore

L'assemblea condominiale è il centro nevralgico delle decisioni sulle parti comuni, anche quando si tratta di ratificare scelte dell'amministratore.
Partecipazione dell'amministratore all'assemblea condominiale

Partecipazione dell'amministratore all'assemblea condominiale

L'amministratore del condominio raffigura un ufficio di diritto privato assimilabile al mandato con rappresentanza, rappresenta i condomini per ciò che concerne i rapporti interni e con i terzi.
usr REGISTRATI COME UTENTE
289.223 Utenti Registrati
usr
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Riscaldamento a pavimento Schluter-BEKOTEC-THERM
    Riscaldamento a pavimento...
    55.00
  • Sistemi per massetti galleggianti Schluter-BEKOTEC
    Sistemi per massetti galleggianti...
    13.37
  • Tunnel solare VELUX
    Tunnel solare velux...
    408.70
  • Tapparella elettrica e solare VELUX INTEGRA
    Tapparella elettrica e solare...
    435.54
  • Termocamino klover
    Termocamino klover...
    2810.00
  • Mitsubishi climatizzatore inverter dual 12000+12000 btu a++
    Mitsubishi climatizzatore inverter...
    1805.00
  • Coprimaterasso threelevel permaflex
    Coprimaterasso threelevel permaflex...
    49.00
  • Sedile copriwater termoindurente
    Sedile copriwater termoindurente...
    14.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Mansarda.it
  • Officine Locati
  • Tende.online
  • Black & Decker
  • Kone
  • Faidatebook
  • Weber
MERCATINO DELL'USATO
€ 229.00
foto 1 geo Lecce
Scade il 31 Maggio 2018
€ 68.00
foto 1 geo Milano
Scade il 31 Ottobre 2018
€ 49 000.00
foto 6 geo Torino
Scade il 16 Settembre 2018
€ 500.00
foto 2 geo Roma
Scade il 31 Luglio 2018
€ 39 000.00
foto 6 geo Torino
Scade il 09 Settembre 2018
€ 28.00
foto 6 geo Frosinone
Scade il 31 Dicembre 2018
VENDI SUBITO IL TUO USATO DI CASA
Inserisci annuncio
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, navigando ne accetti l'utilizzo. Leggi l'informativa.