Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

La difficile gestione dei rifiuti in condominio

Il condomino può chiedere di essere esonerato dal pagamento del servizio di movimentazione dei bidoni condominiali? Sì, ma occorre apposita delibera dell’assemblea
- NEWS Assemblea di condominio

Le problematiche della gestione dei rifiuti condominiali


L'introduzione nel nostro Paese della raccolta differenziata porta a porta ha acutizzato la già problematica gestione dei rifiuti in condominio.

Il sistema della raccolta differenziata nei condomini garantisce indubbi vantaggi alla collettività in termini di efficienza, poiché consente il recupero e riciclo di diverse tipologie di rifiuti che in precedenza venivano trattati indistintamente.

Criteri di riparto costi spese difefrenziata in condominio
D'altro canto comporta un importante incremento della spesa per i singoli condomini/contribuenti.

In alcuni casi, i condomini provvedono autonomamente al posizionamento dei bidoni fuori dall'edificio nei giorni e orari stabiliti dall'amministrazione comunale, per consentire il conferimento dei rifiuti, e al successivo ritiro degli stessi contenitori a seguito dell'avvenuta raccolta.

Sovente, accade che tale attività di movimentazione dei bidoni sia affidata a società esterne o a singoli condomini che assumono l'incarico, impegnandosi a spostare i carrellati dallo spazio condominiale dedicato, al posizionamento in strada.

È possibile sottrarsi al sostenimento di tale costo extra per il servizio di spostamento dei bidoni?


Costi per la movimentazione di carrellati


Per rispondere a tale interrogativo, occorre preliminarmente precisare che il potere decisionale in ordine all'affidamento di tale servizio spetta l'assemblea condominiale.

Tale competenza in merito alla gestione dei carrellati condominiali discende dalla previsione della generalizzata attribuzione all'assemblea condominiale del compito di organizzare operativamente la gestione dei rifiuti (individuazione aree dedicate per collocazione dei bidoni nel rispetto di specifiche distanze e/o parametri, ecc.) e identificare, qualora vi sia necessità, nuove modalità per l'espletamento del servizio.

È evidente che l'attività di spostamento dei bidoni deve essere retribuita, sia nelle ipotesi in cui sia eseguita da un condomino, sia allorquando tale servizio sia affidato a personale esterno.

Criteri ripartizione costi


Tale costo, una volta deliberato in assemblea, deve essere chiaramente ripartito fra i condomini.

Sul punto, l'art. 1123 c.c. individua tre criteri a cui, solitamente, si fa riferimento ai fini della corretta ripartizione di qualsivoglia spesa:

  • l primo, di ordine generale, che suddivide i costi in proporzione al valore della proprietà (art. 1123, primo comma, c.c.).

  • l'altro, di carattere speciale, poiché si ripartiscono le spese in ragione dell'uso che ogni condòmino può fare delle cose comuni (art. 1123, secondo comma, c.c.).

  • in ultimo, di godimento (art. 1123, terzo comma, c.c.).


Con specifico riferimento ai costi per la movimentazione dei bidoni, i criteri da considerare, ai fini della corretta suddivisione sono, essenzialmente, il riparto in base ai millesimi di proprietà e/o in ragione dell'uso.

Gestione rifiuti in condominio
L'applicazione del generale criterio relativo al valore della proprietà per le spese afferenti ai carrellati trova giustificazione nella previsione, contenuta nell'art. 1123 c.c., secondo la quale si suddividono in millesimi di proprietà, le seguenti spese:

  • conservazione e godimento delle parti comuni dell'edificio;

  • prestazione dei servizi nell'interesse comune;

  • innovazioni.

Nel caso in cui sia stata deliberata l'adozione di tale criterio (scelta più frequente e da applicarsi allorquando nel regolamento condominiale non vi siano prescrizioni precise in ordine alla ripartizione delle spese relative alla raccolta differenziata), non si pongono particolari dubbi interpretativi da risolvere.

Chi è proprietario paga in base ai millesimi di proprietà e, pertanto, nulla quaestio.

Maggiori difficoltà si riscontano con riferimento alla concreta applicazione del criterio dell'uso, poiché, non del tutto correttamente, si ritiene che tale norma legittimi alla non contribuzione, o in ogni caso alla minore partecipazione.

L'ampiezza e la genericità della norma non aiutano.

Ciò che sembra pacifico, salvo posizioni di senso contrario, è che l'uso a cui fa riferimento l'art. 1123, secondo comma, c.c. è un uso di tipo potenziale, ovverosia l'uso di cui ogni singolo condomino può astrattamente usufruire.


È sempre l'assemblea a decidere?


Il primo passo per ottenere l'esenzione dal pagamento dei costi per la movimentazione dei bidoni è prendere visione del regolamento condominiale nella parte in cui è disciplinato lo specifico servizio, per verificare, in primis, quale criterio sia stato scelto per ripartire i costi fra i condomini.

Assemblea condominio
Inoltre, controllare anche eventuali prescrizioni contenute nella delibera assembleare, riguardante il conferimento dell'incarico e i relativi costi.

In seguito, affinché al condomino possa essere riconosciuto il diritto di non adempiere al pagamento del servizio, occorre in ogni caso che l'assemblea condominiale, con le medesime maggioranze, deliberi e preveda espressamente l'esonero della spesa.


È possibile smaltire i rifiuti in autonomia?


Questo è spesso la sintesi dei quesiti che molti condomini si pongono per evitare di pagare costi (a volte elevati) per la gestione dei rifiuti.

Gestione autonoma dei rifiuti
Le difficoltà nel comprendere gli obblighi e le conseguenti responsabilità, relativi alla raccolta dei rifiuti è, in primis, dovuta al coacervo di direttive, norme e regolamenti emessi dai diversi legislatori nazionali, territoriali e anche sovranazionali, aventi competenze in materia.

L'attuale modello di gestione dei rifiuti, infatti, prevede un sistema articolato in cui si innescano competenze statali, regionali, provinciali e comunali.

Normativa di riferimento in materia di rifiuti


In ambito europeo, la Direttiva 2008/98/CE ha obbligato gli Stati membri ad adottare le disposizioni necessarie, al fine di riutilizzare e riciclare i rifiuti provenienti dalla raccolta differenziata domiciliare.

In Italia, tale obbligo è stato recepito dal D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152, che ha il merito di aver ordinato la disciplina in materia di gestione dei rifiuti, demandando alle autorità territoriali la regolamentazione di importanti aspetti, in particolare, di ordine pratico.

Il compito delle istituzioni nazionali si esaurisce essenzialmente nella definizione di criteri generali per la gestione dei rifiuti (art. 195, D.lgs n. 152/2006), mentre alle regioni spettano le funzioni di pianificazione e programmazione (art. 196, D.lgs n. 152/2006).

Il ruolo degli enti locali


Gli enti locali, infine, assolvono a un ruolo di non poco conto nella pianificazione e gestione operativa della raccolta dei rifiuti, mediante provvedimenti aventi efficacia solo nel rispettivo ambito territoriale di competenza (art. 198, D.lgs n. 152/2006).

Le amministrazioni comunali hanno il compito di stabilire le specifiche modalità del servizio di raccolta e di trasporto, oltre che le misure di tutela igienico-sanitaria da seguire durante le varie fasi di stoccaggio dei rifiuti.

In tale contesto, primaria rilevanza deve riconoscersi, in particolare, ai provvedimenti assunti dalle amministrazioni comunali, soprattutto nella risoluzione di controversie, tutt'altro che isolate, fra condomini di un medesimo condominio e fra condomini abitanti in diversi edifici.


Utilizzo dei cassonetti comunali


Fermo quanto sopra anticipato, ovverosia che ogni Comune ha la potestà di organizzare la gestione dello stoccaggio dei rifiuti domestici nei propri territori e che, dunque, occorre prendere visione di quanto prescritto dai regolamenti comunali per individuare i comportamenti consentiti, proviamo a ragionare sulla possibilità di utilizzo di diversi canali per lo smaltimento.

I bidoni presenti sulle strade pubbliche (cassonetti) sono di proprietà dell'amministrazione comunale.

Ciò significa che, in linea di principio, i condomini di uno stabile possono essere legittimati a utilizzare i contenitori posti sulle strade pubbliche anche se collocati nelle vicinanze di un altro edificio, salvo contrarie disposizioni previste dai regolamenti comunali.

Cassonetti pubblici collocati su strada

Ne consegue che, al fine di poter legittimamente utilizzare cassonetti pubblici per lo smaltimento di rifiuti domestici, occorre verificare cosa prevede il regolamento comunale anche informandosi presso l'ufficio competente del proprio Comune.

L'Ente comunale, infatti, nel disciplinare le norme di comportamento dei cittadini, con riferimento allo stoccaggio dei rifiuti, può non consentire l'utilizzo di bidoni o cassonetti pubblici o prevedere l'esclusivo utilizzo di specifici contenitori, appositamente individuati e messi a disposizione della collettività, in aree riservate.


Smaltimento rifiuti con bidoni di altro condominio. Si può?


Come noto, le amministrazioni comunali, all'indomani dell'introduzione della raccolta differenziata, hanno dotato i condomini di bidoni (talvolta in comodato d'uso) per il conferimento dei rifiuti differenziati.










In tali casi, il condominio è il soggetto che in via esclusiva, può utilizzare i bidoni forniti dal Comune per lo smaltimento dei rifiuti, con l'ovvia conseguenza che può inibire a altri l'utilizzo dei propri contenitori.

Tale preclusione è giustificata anche dal fatto che, se si utilizzassero i contenitori per la raccolta differenziata di condominio vicino e dovessero essere riscontrate irregolarità nello stoccaggio dei rifiuti, ne risponderebbe, in ogni caso, il condominio possessore dei contenitori.

In tali casi, infatti, sarebbe comminata una multa al condominio per la raccolta differenziata.

riproduzione riservata
Articolo: Rifiuti in condominio e relative problematiche
Valutazione: 5.75 / 6 basato su 8 voti.

Rifiuti in condominio e relative problematiche: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
332.138 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Rifiuti in condominio e relative problematiche che potrebbero interessarti


Bidoni in condominio e conferimento rifiuti: le possibili sanzioni

Parti comuni - Rifiuti in condominio: le sanzioni che si rischiano per l'inosservanza delle norme sul corretto conferimento. Le sanzioni del condominio e quelle della municipale.

Parcheggi in condominio e modifiche per posizionare i bidoni

Parti comuni - La trasformazione di una parte del parcheggio condominiale per alloggiare i bidoni della raccolta differenziata è un'innovazione? Che cosa dice la giurisprudenza?

L'assemblea e le spese extra condominiali

Condominio - L?assemblea di condominio, tanto nella sede ordinaria, tanto in quella straordinaria, ha una competenza generale sulla gestione conservazione delle parti

Modifica dei criteri di ripartizione delle spese

Condominio - Nel condominio Alfa per lunghi anni, in ragion delle disposizioni contenute nel regolamento contrattuale, le spese per il riscaldamento sono state ripartite

Ratifiche delle spese condominiali

Ripartizione spese - Spese condominiali assunte dall'amministratore: l'assemblea può ratificarle. L'approvazione del rendiconto è sempre un momento particolarmente teso.

Cassonetti per la raccolta differenziata lontani dalle abitazioni

Parti comuni - Capita spesso che i bidoni della raccolta differenziata siano contestati perché troppo lontani o troppo vicini alle abitazioni. E la lite finisce in tribunale.

Torna la solidarietà condominiale? Sembra di si!

Ripartizione spese - Torna la solidarietà tra condomini per le spese comuni? A leggere la sentenza n. 1133 resa dal Tribunale di Bari lo scorso 30 marzo parrebbe proprio di si.

Ripartizione spese condominiali e scelta del criterio sbagliato

Ripartizione spese - Che cosa accade se l'assemblea decidesse, erroneamente, di applicare un criterio di ripartizione delle spese errato e le tabelle fossero, anch'esse, errate?

Come schermare i bidoni della differenziata

Idee fai da te - In balcone, giardino o nel cortile condominiale è possibile nascondere i bidoni raccolta differenziata ricorrendo a copribidoni o schermature.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img serenabosco
Salve,nel mio condominio vengono spesso date deleghe ai condomini che partecipano all'assemblea per assicurare il numero sufficiente di presenze, affinchè l'assemblea possa...
serenabosco 09 Luglio 2021 ore 09:42 2
Img 64brunica
Buona sera,con riferimento ai nuovi DPCM, le assemblee serali che si prolungano oltre le ore 22,00 si possono fare?Grazie.
64brunica 04 Giugno 2021 ore 16:45 2
Img tonyalcapon
Buongiorno, mi è sorto un dubbio.Siamo un palazzo di 6 appartamenti, il mio appartamento supera il 25% della superficie disperdente lorda, questo grazie al sottotetto visto...
tonyalcapon 21 Maggio 2021 ore 18:30 3
Img luca1954
Salve,l'amministratore del nostro condominio ha indetto un'assemblea dopo aver fatto fare l'analisi di fattibilità.Nell'ordine del giorno è scritto infatti...
luca1954 18 Aprile 2021 ore 21:19 2
Img 64brunica
Buon giorno, il registro della contabilità deve essere presente nel luogo dove viene svolta l'assemblea? Il mandato è obbligato a portarlo? C'è una norma o...
64brunica 06 Aprile 2021 ore 15:48 3