Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Quando un condomino è usufruttuario, cosa succede?

Se in un'unità immobiliare vi sia un altro diritto reale, ad esempio l'usufrutto, qual è la sua posizione nei confronti del condominio? Chi pagherà le spese e la manutenzione?
14 Giugno 2018 ore 09:31 - NEWS Assemblea di condominio

Quando il condomino non è proprietario ma usufruttuario


L'usufrutto è un diritto reale di godimento su cosa altrui.

Per diritto reale s'intende il diritto di un soggetto su di una cosa (mobile o immobile) che si esercita senza l'interposizione di un soggetto terzo.

Usufrutto in condominioI diritti reali di godimento su cosa altrui sono dei diritti reali c.d. minori.

Ciò perché la relazione giuridica che s'instaura tra soggetto e bene è meno intensa di quella che s'instaura nel diritto reale fondamentale, ossia il diritto di proprietà.

Vale la pena approfondire come si atteggia l'usufrutto nell'ambito dei rapporti condominiali.

A norma dell'art. 978 c.c. l'usufrutto si costituisce per legge (es. usufrutto legale dei genitori sui beni dei figli minori), per volontà delle parti (es. contratto) o per usucapione (possesso prolungato per più di 20 anni).

Chi acquisisce l'usufrutto prende il nome di usufruttuario, mentre il proprietario verrà a chiamarsi nudo proprietario.

La durata dell'usufrutto non può mai eccedere la vita dell'usufruttuario.
Proprio la particolare connotazione di questo diritto porta ad una serie di specificazioni in relazione ai diritti e doveri dell' condomino usufruttuario in relazione alla cosa che ha in godimento.

Tra queste specificazioni, qualora l'abitazione è sita in condominio, vanno annoverate quelle relative al ruolo che l'usufruttuario svolge nell'ambito del consesso condominiale.

Essendo noto, infatti, che con il termine condomino, in senso tecnico, si faccia riferimento al proprietario dell'unità immobiliare, è logico domandarsi:
una volta che su quell'unità immobiliare vi sia un altro diritto reale (in questo caso l'usufrutto) qual è la sua posizione nei confronti del condominio?

Totale esclusione o piena partecipazione?
La risposta è una via di mezzo.
Sono due, sostanzialmente, le norme cui fare riferimento.

L'art. 67, terzo e quarto comma, c.c. che recita:
L'usufruttuario di un piano o porzione di piano dell'edificio esercita il diritto di voto negli affari che attengono all'ordinaria amministrazione e al semplice godimento delle cose e dei servizi comuni.
Nelle deliberazioni che riguardano innovazioni, ricostruzioni od opere di manutenzione straordinaria delle parti comuni dell'edificio il diritto di voto spetta invece al proprietario.

In sostanza, l'usufruttuario ha diritto a partecipare alla vita condominiale (come se fosse un vero e proprio condomino) nei limiti delle questioni attinenti alla gestione ordinaria della cosa comune.


A chi inviare avviso di convocazione assemblea, all'usufruttuario?


Usufrutto in condominioIn effetti la questione non è affrontata direttamente dalla norma che, invece, si limita a disciplinare la ripartizione del diritto di voto.

Per logica, l'amministratore che indice un'assemblea solamente per questioni attinenti alla gestione ordinaria non incorre in errori se invia l'avviso di convocazione solamente all'usufruttuario.

Per essere certi di non incorrere in contestazioni, tuttavia, è sicuramente consigliabile inviarlo a tutte e due le parti, lasciando alle stesse l'organizzazione dei profili interni al loro rapporto.

La partecipazione diretta alla vita condominiale porta con sè come diretta ed immediata conseguenza l'onere di partecipare alle spese per le gestione delle cose comuni.


Chi paga le spese e le manutenzioni, l'usufruttuario o il proprietario?


Nel silenzio delle norme dettate in materia di usufrutto in condominio le norma cui fare riferimento sono gli artt. 1004-1005 c.c.Usufrutto in condominioL'art. 1004 c.c. recita:

Le spese e, in genere, gli oneri relativi alla custodia, amministrazione e manutenzione ordinaria della cosa sono a carico dell'usufruttuario.

Sono pure a suo carico le riparazioni straordinarie rese necessarie dall'inadempimento degli obblighi di ordinaria manutenzione.

Le disposizioni sulle spese sono completate dall'art. 1005 c.c. a norma del quale:
Le riparazioni straordinarie sono a carico del proprietario.
Riparazioni straordinarie sono quelle necessarie ad assicurare la stabilità dei muri maestri e delle volte, la sostituzione delle travi, il rinnovamento, per intero, o per una parte notevole, dei tetti, solai, scale, argini, acquedotti, muri di sostegno o di cinta.
L'usufruttuario deve corrispondere al proprietario, durante l'usufrutto, l'interesse delle somme spese per le riparazioni straordinarie.

In questo contesto è utile sottolineare che, proprio in virtù di questa partecipazione diretta alla vita condominiale, anche l'usufruttuario, nei limiti delle spese cui è tenuto a contribuire, può essere soggetto all'azione giudiziaria di recupero del credito di cui all'art. 63 disp. att. c.c. (decreto ingiuntivo immediatamente esecutivo).

riproduzione riservata
Articolo: Usufrutto e condominio
Valutazione: 5.00 / 6 basato su 2 voti.

Usufrutto e condominio: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Adriano Salviati
    Adriano Salviati
    Martedì 14 Dicembre 2010, alle ore 11:09
    Sono l'amministratore e il socio unico di un società SRL Unipersonale il quale vuole acquistare un immobile da un privato.
    L'acquisto viene fatto dalla società alfine di avere l'usufrutto a favore dell'amministratore nonché socio.
    È n/s conoscenza che l'usufruttuario deve partecipare all'acquisto nella misura dell'80% del valore dell'immobile e che alcuni oneri derivanti sono a suo carico.Il quesito da noi posto è il seguente: l'amministratore ha 44 anni, può essere usufruttuario senza addossarsi oneri di ogni genere ( IRPEF, IMU, TARSU, acqua, ecc.) portandoli a carico della società acquirente?
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
323.124 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Usufrutto e condominio che potrebbero interessarti


Usufruttuario e nudo proprietario sono condomini distinti

Condominio - L'usufruttuario e il nudo proprietario sono responsabili verso il condominio per i propri debiti e non ne rispondono in solido

L'usufruttuario è un condomino a tutti gli effetti

Condominio - Se il pagamento riguarda le spese di un appartamento concesso in usufrutto o in locazione, il nudo proprietario non è tenuto, neanche in via sussidiaria o solidale al pagamento delle spese condominiali.

Usufrutto e condomino apparente

Ripartizione spese - Il condomino, nell'accezione tecnico giuridica del termine, è il proprietario dell'unità immobiliare ubicata in un edificio in condomino.A dire il

Usufrutto congiuntivo: nozione e durata

Proprietà - L'usufrutto congiuntivo consente ai vari usufruttuari di accrescere le proprie quote, fino all'esitinzione del diritto dopo il decesso dell'ultimo usufruttuario.

Usufrutto nuda proprietà: chi paga tasse e spese condominiali?

Proprietà - Diritto di usufrutto: una breve guida pratica per capire a chi spetta il pagamento delle spese e delle tasse sull'immobile. Usufruttuario o nudo proprietario?

Quando l'usufruttuario ha diritto di partecipare all'assemblea di condominio?

Assemblea di condominio - L'usufruttuario è titolare di un diritto reale di godimento e come tale soggetto titolato a partecipare all'assemblea. Quando deve essere convocato e quando no?

Usufrutto: atto di donazione e sua revoca

Proprietà - Mediante donazione si può cedere l'usufrutto o donare la nuda proprietà con riserva di usufrutto per sè o per altri. Tale atto, a certe condizioni è revocabile.

Nuda proprietà: vantaggi e svantaggi

Proprietà - La nuda proprietà di un immobile o bene, rappresenta il suo valore venale decurtato dell'usufrutto, cioè del diritto di utilizzare il bene vita natural durante.

Richiedere un mutuo per la nuda proprietà: si può?

Mutui e assicurazioni casa - È possibile fare richiesta di mutuo per acquistare la nuda proprietà. Vediamo in quali casi e con quali modalità gli istituti di credito erogano il finanziamento
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img gabriella pobiati
Buongiorno, ho una donazione con atto notarile fatto nel 2005 con diritto di usufrutto da parte di mia madre, di una casa in cui io vivo dal 2005. Nel 2020, in vista della vendita...
gabriella pobiati 18 Gennaio 2021 ore 16:55 1
Img giovannisala
Buongiorno, avrei un quesito al quale non riesco a trovare una risposta certa. Mio figlio abita in un appartamento con i nonni.L'appartamento è totalmente diviso in due...
giovannisala 18 Agosto 2020 ore 10:49 1
Img andreadamasco
Salve sono nuovo del forum,Mia moglie è proprietaria di un appartamento e come usufruttuaria c'è sua madre.Il problema è questo la madre non paga la sua...
andreadamasco 26 Febbraio 2018 ore 16:22 8
Img diante
Salve,in quale modo un amico può dare in prestito un'immobile a un'altro, in modo che l'altro possa affittare tutto l'immobile e ricadano su di lui compensi e spese?Grazie...
diante 12 Settembre 2015 ore 09:14 4
Img antonellooliverio
Ciao ragazzi avevo un quesito da porvi.Sono il nudo proprietario di un appartamento che mi è stato donato dai miei nonni.Nell'atto c'è scritto che il nonno detiene...
antonellooliverio 15 Luglio 2015 ore 18:25 1