Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Pratiche edilizie

In questo articolo illustriamo quali sono le pratiche necessarie a seconda degli interventi edilizi, rimandandovi a ciascun articolo specifico per maggiori dettagli.
09 Luglio 2014 ore 11:53 - NEWS Leggi e Normative Tecniche
pratiche edilizie , scia , cila

Quali pratiche edilizie predisporre per lavori nella propria casa?


Qualunque tipo di intervento edilizio si effettui sulla propria abitazione o su un immobile in genere deve essere se non richiesta, per lo meno segnalata, al Comune in cui l'edificio è ubicato.
Certo, esistono anche interventi di edilizia libera, come la tinteggiatura delle pareti, o la sostituzione delle piastrelle, ma, in genere, qualunque intervento comporti una minima trasformazione deve seguire questa prassi.

architetto per pratiche ediliziePremesso che, affidandosi per i lavori ad un tecnico abilitato (architetto, ingegnere o geometra), sarà il professionista ad indicarvi la pratica appropriata al tipo di intervento, è utile in ogni caso avere informazioni generali sull'argomento.

Non dimentichiamo però che, in virtù dell'autonomia legislativa locale, in Italia è possibile trovare normative diverse da Regione a Regione e da Comune a Comune, senza dimenticare l'abitudine a interpretare in maniera differente anche la stessa norma, da parte di ogni ente.

Un primo passo verso un'unificazione delle procedure a livello nazionale è stato fatto con la pubblicazione dei modelli standard per Scia e Permesso di Costruire, ma molto ancora si dovrà fare per rendere più semplice la vita ai cittadini e il lavoro ai professionisti.

Per capire, comunque, quale pratica predisporre per i lavori che si intende eseguire, bisogna fare riferimento in particolare al Testo Unico dell'Edilizia, il d.p.r. 380/2001, e in particolare all'art. 3, che così suddivide gli interventi edilizi:
a) interventi di manutenzione ordinaria;
b) interventi di manutenzione straordinaria;
c) interventi di restauro e risanamento conservativo;
d) interventi di ristrutturazione edilizia;
e) interventi di nuova costruzione;
f) interventi di ristrutturazione urbanistica.

In questo articolo vi riassumeremo, quindi, quali sono le pratiche necessarie a seconda degli interventi da mettere in atto, rimandandovi a ciascun articolo specifico per maggiori dettagli e approfondimenti.


Comunicazione di Inizio Lavori


Per realizzare interventi di manutenzione ordinaria è, in genere, sufficiente, presentare una C.I.L., Comunicazione di Inizio Lavori.

Per questo tipo di comunicazione i Comuni predispongono di solito un'apposita modulistica, disponibile anche on line sul loro sito, che può essere semplicemente compilata dal richiedente, e non è necessario l'affiancamento del tecnico.

Alcuni Comuni, però, prevedono degli elaborati tecnici da allegare per cui, in questo caso, la presenza del tecnico sarà indispensabile.


Comunicazione di Inizio Lavori Asseverata


pratiche ediliziePer interventi di manutenzione straordinaria è invece necessario fare ricorso alla C.I.L.A., cioè la Comunicazione di Inizio Lavori Asseverata.

L'asseverazione è di fatto un'autocertificazione con la quale il tecnico si assume la responsabilità di dichiarare che gli interventi da eseguire sono conformi alle normative vigenti e pertanto, non è necessario attendere l'assenso dell'ente prima di iniziare i lavori, che possono cominciare il giorno stesso in cui avviene la comunicazione.

Attenzione: la C.I.L.A. può essere denominata in maniera differente a seconda dei vari Comuni, ad esempio a Milano è chiamata C.I.A.L..


Segnalazione Certificata di Inizio Attività


Se i lavori di manutenzione straordinaria da realizzare richiedono interventi sulle strutture o modifiche in facciata è necessario presentare una S.C.I.A., Segnalazione Certificata di Inizio Attività, pratica necessaria anche in caso di ristrutturazione, restauro e risanamento conservativo.

Anche in questo caso è possibile iniziare i lavori il giorno stesso della comunicazione.


Denuncia di Inizio Attività



La D.I.A., Denuncia di Inizio Attività, sarebbe dovuta decadere con l'entrata in vigore di C.I.L.A. e S.C.I.A. ma, di fatto, continua ad essere ancora utilizzata in molti Comuni per interventi come il cambio di destinazione d'uso, il frazionamento di un immobile o la demolizione e ricostruzione.
Inoltre viene utilizzata anche per interventi di ampliamento o sopraelevazione, quando previsti dal Piano Casa .

In questo caso, prima di procedere all'inizio dei lavori è necessario attendere 30 giorni e il silenzio assenso del Comune.


Permesso di Costruire


Il Permesso di Costruire, pertanto, resta lo strumento utilizzato per interventi edilizi più consistenti, come quelli di nuova costruzione o di ristrutturazione urbanistica.


Altre pratiche edilizie


pratiche edilizieMa gli aspetti burocratici connessi alla realizzazione di un intervento edilizio non si fermano a quelli descritti.

Innanzitutto essi non sono sufficienti quando l'immobile oggetto dell'intervento è vincolato, e quindi è necessario richiedere preventivamente un'autorizzazione paesaggistica.

Poi, quando ci sono degli interventi sulle strutture, è necessario provvedere alla verifica sismica e progettazione strutturale e al suo deposito al Genio Civile.

Infine, se l'intervento comporta una modifica della consistenza catastale (in genere quando si realizza una diversa distribuzione interna), bisognerà procedere alla denuncia di variazione catastale.

riproduzione riservata
Articolo: Pratiche edilizie
Valutazione: 5.64 / 6 basato su 14 voti.

Pratiche edilizie: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
328.394 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Pratiche edilizie che potrebbero interessarti


Con lo Sblocca Italia rinnovare, frazionare o accorpare appartamenti è diventato più facile

Leggi e Normative Tecniche - Lo Sblocca Italia snellisce l'iter burocratico per chi intende realizzare opere edilizie su appartamenti esistenti ed anche per frazionamenti e accorpamenti.

CILA, SCIA e Permesso di Costruire: quali differenze?

Leggi e Normative Tecniche - Lavori non soggetti ad obbligo di pratica edilizia e lavori che invece la richiedono: come districarsi tra edilizia libera, CILA, SCIA e Permesso di costruire.

CILA: Comunicazione di Inizio Lavori Asseverata

Leggi e Normative Tecniche - La CILA è lo strumento che consente di iniziare lavori edilizi contestualmente alla presentazione dell'istanza, aggiornata e ampliata oggi con il Decreto Madia-

Denuncia di inizio attività e opere illegittime

Leggi e Normative Tecniche - In materia di autorizzazioni amministrative inerenti le opere edilizie, che cosa può fare l'amministrazione comunale se si rende conto che il silenzio assenso è sbagliato?

Abuso edilizio: secondo la Cassazione è responsabile anche il progettista

Leggi e Normative Tecniche - In caso di abuso edilizio per l'opera realizzata senza permesso di costruire è responsabile anche il progettista dei lavori. È quanto affermato dalla Cassazione

Modello Standard per SCIA e Permesso di Costruire

Leggi e Normative Tecniche - Con la pubblicazione in G.U. del Decreto Semplificazioni, entra in vigore il modello unico per Permesso di Costruire e Segnalazione Certificata di Inizio Attività.

DIA online anche a Roma

Leggi e Normative Tecniche - È partita anche nella Capitale, come in altre città italiane, la presentazione telematica delle pratiche edilizie inerenti la Denuncia di Inizio Attività.

Emilia Romagna - Tutte le pratiche edilizie per via telematica

Leggi e Normative Tecniche - Avviata la sperimentazione del Sistema Informativo Edilizio Emilia Romagna per l'invio telematico di tutte le pratiche edilizie sul territorio della Regione.

Semplificazione delle procedure edilizie

Leggi e Normative Tecniche - I decreti attuativi della legge Madia prevedono diverse semplificazioni per avviare un'attività: modelli unici più semplici e un unico sportello a cui rivolgersi
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img fabioanaclerio
Buonasera mi sono ritrovato ahimè in una situazione un po' ingarbugliata: In data 12/11/2020 l'ingegnere mi comunica che ha presentato la CILA al Comune e mi da il via...
fabioanaclerio 20 Aprile 2021 ore 17:32 19
Img varchi
Buongiorno,ho acquistato da poco un appartamento per cui a breve presenterò una CILA.Vorrei ampliare la zona giorno, includendo quello che è il bagno esistente, che...
varchi 29 Marzo 2021 ore 14:13 2
Img luglio_2014
Buonasera, sto facendo dei lavori di ristrutturazione della cucina di manutenzione straordinaria. Pertanto, abbiamo aperto la CILA, con lavori in economia. In questo caso è...
luglio_2014 28 Marzo 2021 ore 18:54 9
Img alehandro
Buongiorno,avrei bisogno di un consiglio relativo ad un recente atto di compravendita immobiliare.Il 30 novembre scorso ho stipulato rogito di acquisto di una casa con sue...
alehandro 19 Marzo 2021 ore 17:35 4
Img criss89
Salve, sono nuova nel forum e avrei bisogno di un chiarimento. Devo acquistare una cucina per un appartamento da completare e non da ristrutturare. Per l'acquisto della cucina mi...
criss89 26 Febbraio 2021 ore 14:34 1