Comunicazione Inizio Lavori (CIL)

NEWS DI Leggi e Normative Tecniche14 Giugno 2012 ore 18:49
La Comunicazione inizio lavori (CIL) introdotta nel 2010 dalla Legge 73/10 permette di semplificare l'iter per alcuni interventi tra cui la manutenzione straordinaria.

Lavori in casa: comunicazione inizio lavori CILDopo gli aggiornamenti normativi realizzati in questa legislatura per semplificare le autorizzazioni in materia edilizia, è nato uno strumento molto utilizzato dai cittadini e dai professionisti, che permette di velocizzare i tempi per realizzare alcuni interventi edilizi: la comunicazione di inizio lavori.

L'art. 6 del Testo Unico dell'Edilizia si occupa di attività edilizia libera ed è stato completamente riscritto dalla Legge 73 nel 2010.
Le modifiche principali introdotte da questa legge sono state:

- includere la manutenzione straordinaria all'interno dell'attività edilizia libera;
- introdurre uno strumento semplificato chiamato comunicazione inizio lavori.



Fino al 2010 lo strumento più utilizzato per la maggior parte degli interventi edilizi era la DIA (denuncia di inizio attività) che si caratterizzava per il silenzio-assenso di 30 giorni dopo il quale era possibile cominciare i lavori.

Oggi, dopo le modifiche apportate dalla Legge 73/2010 e dal Decreto Legge 70/2011, la DIA è sostituita (salvo alcune eccezioni) dalla CIL (Comunicazione Inizio Lavori) e dalla SCIA (Segnalazione Certificata Inizio Attività).


Art. 6 del Testo Unico: Attività edilizia libera


comunicazione inizio lavoriPrima di cominciare qualsiasi intervento edilizio è importante capire in quale categoria si rientra, per fare questo bisogna leggere l'Art. 3 del Testo Unico intitolato appunto definizioni degli interventi edilizi.
Gli interventi sono 6: manutenzione ordinaria, manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia, nuova costruzione, ristrutturazione urbanistica.

Rientrano nell'attività edilizia libera la manutenzione ordinaria (comma 1 Art. 6 T.U.) e la manutenzione straordinaria (comma 2 Art. 6 T.U.).

Va precisato che la straordinaria vi rientra solo se gli interventi non modificano parti strutturali dell'edificio, non comportano l'aumento delle unità immobiliari o la modifica dei parametri urbanistici.

Il tipico intervento di ristrutturazione di una casa con lo spostamento di alcuni tramezzi rientra solitamente in manutenzione straordinaria.

All'interno dell'attività edilizia libera, insieme alle due manutenzioni sono inclusi altri lavori come l'eliminazione di barriere architettoniche, opere temporanee per attività di ricerca nel sottosuolo, opere di pavimentazione e di finitura di spazi esterni, pannelli solari e fotovoltaici a servizio degli edifici, etc.

Vista la complessità della classificazione prima di iniziare qualsiasi lavoro è necessario valutare con il proprio tecnico di fiducia quale strumento normativo utilizzare per realizzare regolarmente i lavori.


Che tipo di comunicazione consegnare: i tre casi


Rivestimento di una pareteAbbiamo visto come all'interno dell'attività edilizia libera (Art.6) rientrano diversi tipi di interventi, rispetto a questi esistono 3 tipi di comunicazioni da effettuare al comune.

1) Lettera in carta semplice

2) Comunicazione di inizio lavori

3) Comunicazione di inizio lavori asseverata

1) Lettera in carta semplice


Nel caso in cui i lavori rientrano in manutenzione ordinaria (o altri interventi dell'elenco Art.6 comma 1 del T.U.) non è necessario presentare al comune nessuna comunicazione formale. Tuttavia per maggiore tutela, il proprietario può consegnare una lettera in carta semplice in cui comunica la data e la tipologia di lavori che realizzerà nel proprio immobile.

2) Comunicazione di inizio lavori


Per i seguenti interventi elencati nel comma 2 dell'Art.6 dalla lettera b) alla lettera e):

b) le opere dirette a soddisfare obiettive esigenze contingenti e temporanee e ad essere immediatamente rimosse al cessare della necessità e, comunque, entro un termine non superiore a novanta giorni;
c) le opere di pavimentazione e di finitura di spazi esterni, anche per aree di sosta, che siano contenute entro l'indice di permeabilità, ove stabilito dallo strumento urbanistico comunale, ivi compresa la realizzazione di intercapedini interamente interrate e non accessibili, vasche di raccolta delle acque, locali tombati;
d) i pannelli solari, fotovoltaici, a servizio degli edifici, da realizzare al di fuori della zona A) di cui al decreto del Ministro per i lavori pubblici 2 aprile 1968, n. 1444;
e) le aree ludiche senza fini di lucro e gli elementi di arredo delle aree pertinenziali degli edifici.

Il proprietario presenta una comunicazione di inizio lavori su modulistica precompilata del comune senza alcun obbligo di asseverazione del tecnico.

I lavori possono iniziare subito dopo aver protocollato la CIL.

3) Comunicazione di inizio lavori Asseverata


In caso di manutenzione straordinaria (senza interventi strutturali) il proprietario deve consegnare una CIL Asseverata (chiamata anche CILA) che, oltre alla comunicazione, è composta da una relazione asseverata di un tecnico abilitato e da elaborati grafici di progetto.

Il tecnico dichiara di non avere rapporti di dipendenza con l'impresa né con il committente, che i lavori sono conformi agli strumenti urbanistici approvati e ai regolamenti edilizi vigenti e che per essi la normativa statale e regionale non prevede il rilascio di un titolo abilitativo.

Approfondisci la CILA , invia un commento in basso o apri una discussione sul Forum.

riproduzione riservata
Articolo: Comunicazione Inizio Lavori (CIL)
Valutazione: 3.89 / 6 basato su 189 voti.

Comunicazione Inizio Lavori (CIL): Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Aurelio1
    Aurelio1
    Giovedì 25 Ottobre 2018, alle ore 18:29
    Devo effettuare una ristrutturazione della facciata della mia casa.
    È una villetta a schiera anni 60 nel comune di Novate Milanese ( Mi ).
    Vorrei fare il cappotto in grafite da 8 cm. e mettere delle modanature e marcapiani per abbellire la casa.
    Devo presentare una SCIA o rientro nella manuntezione di edilizia libera?
    Perchè in comune non sapeva cosa dirmi il tecnico, infine mi ha detto che non gli hanno mai fatto richieste per cappotti e di presentare la scia per effettuare I lavori.
    Il mio geometra invece dice che non cé bisogno.
    Sapete dirmi.quacosa in merito.
    Aurelio
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Aurelio1
      Lunedì 29 Ottobre 2018, alle ore 09:35
      E consigliabile presentare una Scia, non tanto per i lavori a farsi, ma soprattutto se ha in animo  di beneficiare delle detrazioni fiscali e per  una conformità urbanistica, che un domani piu o meno prossimo, Le verrebbe richiesto. Cordiali saluti. 
      rispondi al commento
  • Otto Enne
    Otto Enne
    Martedì 10 Aprile 2018, alle ore 22:37
    Volevo porre all'attenzione degli esperti questo fatto.
    La mia casa in campagna, è recintata da tre lati, ne manca uno verso un confinante.
    Ho presentato una CIL il 28 marzo dichiarando che il muretto sarà alto 95 cm e sarà sormontato da una rete con paletti metallici, dichiarando di iniziare i lavori il 4 aprile.
    Oggi 10 aprile ad opera finita muraria (manca solamente la rete metallica), il comune mi notifica che anziché CIL andava fatta la CILA cioè con l'asseverazione del tecnico, è giusto?
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Otto Enne
      Giovedì 12 Aprile 2018, alle ore 09:03
      La notifica del comune è nei termini di legge. Riguardo alla Cila in luogo della Cil presentata, va consultato il regolamento edilizio e le prescrizioni previste per l'intervento a farsi. In generale quando il muretto di confine supera i 20 cm di altezza il provvedimento più appropriato è la Scia. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Imma2
    Imma2
    Giovedì 14 Settembre 2017, alle ore 12:20
    Ciao,
    devo sostituire i pavimenti del salone, devo presentare la domanda in carta semplice?
    Sono a roma e l'immobile non è soggetto nè a vincoli nè è di pregio.
    rispondi al commento
  • Arch. Angelo Baldo
    Arch. Angelo Baldo
    Sabato 1 Luglio 2017, alle ore 12:10
    Rguardo alla CIL è necessaria solo la comunicazione di inizio lavori da parte del committente/proprietario?
    Oppure bisogna comunicare eventuale impresa che realizza i lavori?
    Atteso che il lavori rientrano tra quelli elencati all'art. 6 del dpr 380/2001 ovviamente.
    P.S. chiedo questo perchè nei nuovi moduli CIL rilasciati dalla regione Campania (dove esercito io) non c'è nessuno specchietto nel quale chiede l'inserimento di eventiali imprese!
    Mentre per alcuni comuni, precedentemente alla formulazione del modello regionale, bisognava comunicare obbligatoriamente l'impresa esecutrice.
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Arch. Angelo Baldo
      Martedì 4 Luglio 2017, alle ore 12:52
      La comunicazione di inizio lavori (Cil) è fatta dal richiedente/proprietario e non va oltre una breve descrizione delle opere a farsi, senza la nomina della ditta esecutrice. Come a Lei ben noto, il nostro è un paese dove le regole dettate da un comune, non hanno trovano la stessa applicazione in un altro, anzi in qualche caso anche nella stessa stanza due "scrivanie" non dialogano tra loro. Cordiali saluti. 
      rispondi al commento
      • Alessandro
        Alessandro Pasquale
        Venerdì 14 Luglio 2017, alle ore 15:34
        Buongiorno,
        devo eseguire dei lavori nel mio appartamento che comprendono il rifacimento degli impianti elettrici, idraulici e gas con il rilascio delle relative certificazioni.
        Se ho interpretato correttamente le norme rientro nelle opere di straordinaria amministrazione in edilizia libera e, pertanto, non è necessaria la Cila, ma non ho chiaro invece se la comunicazione di inizio lavori debba avvenire in carta semplice oppure con una dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà. La ringrazio e invio cordiali saluti.
        rispondi al commento
        • Pasquale
          Pasquale Alessandro
          Martedì 18 Luglio 2017, alle ore 08:17
          Ha inteso perfettamente. Le opere da Lei indicato sono di manutenzione straordinaria ma di "edilizia libera" cioè non soggette ad aluna autorizzazione comunale. Va detto, però, alcuni comuni particolarmente "zelanti"che ricadono in aree o zone di alto pregio storico e/o ambientale, chiedono la presentazione di una Cil in carta libera a firma del proprietario/richiedente, dove sinteticamente vengono descritti i lavori a farsi. Sull'autocertificazione è consigliabile solo se si beneficia delle detrazioni fiscali, per eventuali controlli da parte dell'AdE. Cordiali saluti.
          rispondi al commento
  • Lorenzo Sterrantino
    Lorenzo Sterrantino
    Martedì 6 Giugno 2017, alle ore 13:28
    Sono detraibili con bonifico ristrutturazione edilizia le spese di segreteria per l'apertura di una CIL?
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Lorenzo Sterrantino
      Mercoledì 7 Giugno 2017, alle ore 15:39
      Sì. La conferma viene data dalla Guida dell'AdE, ed. febbraio 2017, a pag. 9, scrive: "ALTRE SPESE AMMESSE ALL’AGEVOLAZIONE - l’imposta sul valore aggiunto, l’imposta di bollo e i diritti pagati per le concessioni, le autorizzazioni e le denunzie di inizio lavori". Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Stella
    Stella
    Mercoledì 14 Dicembre 2016, alle ore 13:45
    Interessante per avere immediate informazioni 
    rispondi al commento
  • Claudia
    Claudia
    Martedì 18 Ottobre 2016, alle ore 10:59
    Otto anni fa ho ristrutturato casa, spostando una porta.
    Adesso ho venduto casa,  se presento una dia e troppo tardi?
    Come mi devo comportare?
    rispondi al commento
    • Antonio
      Antonio Claudia
      Mercoledì 18 Gennaio 2017, alle ore 07:12
      Anche io mi trovo nella tua stessa situazione.
      Ho acquistato casa da un tizio che aveva effettuato dei lavori spostando l'apertura di una porta.
      Ad oggi a 15 giorni dal rogito sto ristrutturando il bagno e il vecchio proprietario ha voluto a sue spese aprire una cil.
      Adesso lui per la chiusura della cil mi chiede le certificazioni degli impianti.
      Ma la mia ditta Si rifiuta nel farglieli.
      Perché l'impianto totale lo ha eseguito lui 5 anni fa e sicuramente senza nessuna certificazione.
      Il furbetto,mi chiede questo, adesso mi trovo con il coltello dalla parte del manico perché lui mi deve completare il tutto con l'adeguamento catastale come da accordi notarili.
      Secondo te cosa posso fare adesso?
      rispondi al commento
  • Fabio
    Fabio
    Giovedì 30 Giugno 2016, alle ore 16:52
    In data 17/03/2015 il mio geometra ha presentato la C.I.L. dimenticandosi di inserire la sostituzione degli infissi.
    Siccome vorrei usufruire dell'IVA ridotta al 10% è possibile fare una integrazione a tale C.I.L.?
    rispondi al commento
  • Margherita
    Margherita
    Giovedì 16 Giugno 2016, alle ore 10:13
    Devo rifare la pavimentazione della mia veranda con relativa impermeabilizzazione.

    I mattoni verranno sovrapposti ai vecchi.

    E' da considerare lavoro ordinario ?

    Devo compilare la CIL o non è necessario fare niente ?

    rispondi al commento
  • espandi
  • espandi
  • espandi
  • espandi
  • espandi
  • espandi
  • espandi
  • espandi
  • espandi
  • espandi
  • espandi
  • espandi
  • espandi
  • espandi
  • espandi
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Comunicazione Inizio Lavori (CIL) che potrebbero interessarti
Quando decade il permesso di costruire?

Quando decade il permesso di costruire?

Leggi e Normative Tecniche - Permesso di costruire e inizio dei lavori: quali sono i termini per evitare la decadenza del titolo abilitativo. Ecco i chiarimenti del Tar della Valle d'Aosta.
Termine per l'inizio lavori con Permesso di Costruire

Termine per l'inizio lavori con Permesso di Costruire

Leggi e Normative Tecniche - Quando si ottiene un permesso di costruire i lavori devono cominciare entro un anno dal rilascio del titolo abilitativo, a meno che non si chieda proroga motivata.
Pratiche edilizie

Pratiche edilizie

Leggi e Normative Tecniche - In questo articolo illustriamo quali sono le pratiche necessarie a seconda degli interventi edilizi, rimandandovi a ciascun articolo specifico per maggiori dettagli.

Interventi edili: quali sono le responsabilità del committente?

Leggi e Normative Tecniche - In caso di lavori edili, anche di piccola entità, il committente ha delle responsabilità sia per la regolarità urbanistica che per la sicurezza nei cantieri.

Quando occorre la DIA e quando il Permesso di Costruire

Leggi e Normative Tecniche - In questo articolo vediamo in quali casi è necessario richiedere un Permesso di Costruire e quando, invece, si può fare ricorso alla Denuncia di Inizio Attività.

Denuncia di inizio attività e opere illegittime

Leggi e Normative Tecniche - In materia di autorizzazioni amministrative inerenti le opere edilizie, che cosa può fare l'amministrazione comunale se si rende conto che il silenzio assenso è sbagliato?

Con lo Sblocca Italia rinnovare, frazionare o accorpare appartamenti è diventato più facile

Leggi e Normative Tecniche - Lo Sblocca Italia snellisce l'iter burocratico per chi intende realizzare opere edilizie su appartamenti esistenti ed anche per frazionamenti e accorpamenti.

Sismabonus: detrazione non ammessa se l'asseverazione del tecnico è tardiva

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Ecco i chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate forniti ad un contribuente che si interroga circa l'ammissibilità di una asseverazione tardiva per il sismabonus.

IVA e detrazioni fiscali per completamento casa al rustico

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Quando si completa una casa lasciata al rustico, per l'applicazione dell'iva e per benefciare di detrazioni fiscali per i nuovi lavori bisogna valutare vari aspetti.
REGISTRATI COME UTENTE
296.519 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Manutenzione ordinaria e straordinaria bologna
    Manutenzione ordinaria e...
    35.00
  • Ristrutturazione casa Bologna
    Ristrutturazione casa bologna...
    350.00
  • Feltro da pittura
    Feltro da pittura...
    6.00
  • Ristrutturazione bagno Bologna e provincia
    Ristrutturazione bagno bologna e...
    4200.00
Natale in Casa
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Policarbonato online
  • Officine Locati
  • Mansarda.it
  • Kone
  • Faidatebook
  • Weber
  • Black & Decker
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.