CILA: Comunicazione di Inizio Lavori Asseverata

NEWS DI Leggi e Normative Tecniche19 Maggio 2017 ore 16:56
La CILA è lo strumento che consente di iniziare lavori edilizi contestualmente alla presentazione dell'istanza, aggiornata e ampliata oggi con il Decreto Madia-

Iniziare i lavori alla presentazione dell'istanza


Non tutti i giorni si fanno lavori di ristrutturazione in casa e quindi la gran parte dei non addetti ai lavori, non sa che dal 2010, grazie ad alcuni provvedimenti di legge ad hoc, si possono iniziare dei lavori in casa subito, dopo aver presentato istanza presso gli uffici competenti del Comune nel quale ricade l'immobile.


Modello unico CILA

Modello unico CILA

Modello unico CILA
Interventi edilizi con CILA

Interventi edilizi con CILA

Interventi edilizi con CILA
Semplificazione con invio telematico CILA

Semplificazione con invio telematico CILA

Semplificazione con invio telematico CILA
Presentazione pratiche CILA

Presentazione pratiche CILA

Presentazione pratiche CILA
Chiusura dei lavori CILA

Chiusura dei lavori CILA

Chiusura dei lavori CILA

In particolare, con la legge 73/2010, si è modificato l'articolo 6 del Testo Unico dell'Ediliza, introducendo la CILA, comunicazione inizio lavori asseverata.

Possiamo dire che questa innovazione ha segnato un passo avanti sia nell'ambito delle azioni legislative a favore della semplificazione e sburocratizzazione dei processi amministrativi legati all'edilizia libera, ma anche come incentivo che induce a vedere gli interventi in casa , come qualcosa di più facile da fare: paradossalmente, l'idea di non dover aspettare autorizzazioni per procedere, sembra rendere più veloce l'iter realizzativo delle opere che desideriamo fare per rendere la nostra casa più bella!


CILA 2017


Dal 2010, le buone notizie per chi vuole realizzare interventi di ristrutturazione in casa, non sono mancate e fino ad oggi, ci sono state ulteriori modifiche al Testo Unico dell'Edilizia, e sempre con l'obiettivo di rendere più semplice e veloce poter fare dei lavori nelle nostre case, uffici, ecc.

L'ultima modifica, riguarda proprio le tipologie di interventi che possiamo fare ricorrendo alla Comunicazione Inizio Lavori Asseverata.

Manutenzione straordinaria con CILA edilizia
In effetti grazie, al D.Lgs 222/2016, sarà consentito realizzare interventi non riconducibili all'elenco di cui agli articoli 6, 10 e 22 e quindi:

- interventi di manutenzione straordinaria di cui all'articolo 3, comma 1, lettera b) del Dpr n.380/01 smi, sempre che non riguardino le parti strutturali dell'edificio;

- interventi di restauro e di risanamento conservativo, gli interventi edilizi rivolti a conservare l'organismo edilizio e ad assicurarne la funzionalità mediante un insieme sistematico di opere che, nel rispetto degli elementi tipologici, formali e strutturali dell'organismo stesso, ne consentano destinazioni d'uso con essi compatibili. Tali interventi comprendono il consolidamento, il ripristino e il rinnovo degli elementi costitutivi dell'edificio, l'inserimento degli elementi accessori e degli impianti richiesti dalle esigenze dell'uso, l'eliminazione degli elementi estranei all'organismo edilizio, sempre che non riguardino le parti strutturali dell'edificio;

- le attività edilizie di cui alla Tabella A allegata al D. Lgs 222/2016 per le quali è prevista la CILA come regime amministrativo.

Attività ediliza libera : ristrutturazione appartamenti con CILA
Nel tentativo di essere più chiari possibile facciamo un passo indietro inquadrando il criterio sul quale si basa il rapporto tra tipologia di intervento e titolo abilitativo edilizio associato.

Il sopra menzionato Testo Unico dell'Ediliza, più correttamente detto D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia, all'articolo 3 ci fornisce la definizione dei diversi tipi di intervento, sinteticamente:

- Manutenzione Ordinaria
- Manutenzione Straordinaria
- Interventi di restauro e di risanamento conservativo
- Interventi di ristrutturazione edilizia
- Interventi di nuova costruzione
- Interventi di ristrutturazione urbanistica

Scia edilizia
A questo elenco di possibili interventi viene associato il titolo abilitativo corrispondente, di cui all'artt. 6, 6 bis, 10, 22 e 23:

- Comunicazione di Avvio lavori
- Comunicazione di Inizio Lavori Asseverata, CILA
- Segnalazione Certificata di Attività edilizia, SCIA
- Segnalazione Certificata di Inizio Attività in alternativa al Permesso di Costruire, SCIAPDC
- Permesso di Costruire.

Immaginiamo una sorta di scala, dove più complesso è l'intervento, si sale al titolo superiore e viceversa, derubricando l'intervento si passa al titolo di livello inferiore.

Ebbene, alla luce della riforma Madia, con la presentazione della CILA, oggi possiamo fare una serie di interventi edilizi che prima prevedevano titoli di livello superiore e tempi maggiori, in questi termini la vera rivoluzione è l'introduzione della SCIA in alternativa al Permesso di Costruire.

Per maggiori chiarimenti si può leggere quanto già affrontato a tale riguardo anche per la SCIA 2017.


Come si presenta la CILA, contenuti e modelli


A seconda del Comune in cui vi trovate la CILA può essere inoltrata per via telematica o presentata in formato cartaceo.

Generalmente la Comunicazione prevede:
- comunicazione firmata dal proprietario e dal progettista;
- relazione asseverata a firma di un tecnico abilitato;
- elaborati di progetto con lo stato di fatto, lo stato dopo i lavori e l'intra-operam;
- documentazione fotografica dello stato dei luoghi;
- dati dell'impresa e DURC (documento unico di regolarità contributiva).

All'interno delle novità previste dalla Riforma Madia, troviamo anche quella relativa ai modelli di presentazione dell'istanza di CILA.

Viene previsto, infatti, l'utilizzo di modello unico uguale per tutto il territorio nazionale.

Modello cila
In generale, tutti i modelli relativi ai diversi titoli edilizi saranno obbligatori dal luglio 2017.

I modelli unificati rappresentano una innovazione a favore dei professionisti chiamati a inoltrare le pratiche, in quanto non saranno chiamati, di volta in volta, a seconda del comune in cui si opera, a dover interloquire con gli uffici e adeguarsi a modelli diversi.

Si può quindi dire che questa scelta del legislatore nazionale va in direzione di un'efficace snellimento delle procedure edilizie.


CILA in sanatoria


Nel caso in cui si dovessero realizzare lavori senza aver presentato istanza di CILA, si può incorrere in una sanzione pecuniaria pari a 1.000,00 euro. Tale sanzione è ridotta di due terzi, 333,00 euro, se la comunicazione viene effettuata, spontaneamente, durante l'esecuzione dell'intervento stesso.

Si precisa che l'intervento in essere va necessariamente contemplato tra quelli realizzabili mediante presentazione di CILA.
In questo ultimo caso si parla di CILA tardiva o in sanatoria .


Cila e chiusura lavori


Al termine degli interventi previsti dalla CILA, il direttore dei lavori è chiamato a comunicare al Comune la regolare esecuzione degli stessi, le eventuali varianti minime che comunque non hanno comportato un cambiamento della tipologia di intervento per la quale sarebbe stato necessario un permesso di costruire.

Lavori di ristrutturazione edilizia
Tra i diversi allegati si segnala la ricevuta di accatastamento, chiaramente sarà necessaria se la tipologia di interventi è stata tale da modificare l'impianto planimetrico dell'immobile sul quale si è intervenuti.

Se la tipologia di lavori lo richiede dall'inizio, è necessario inoltre presentare, in chiusura dei lavori, una dichiarazione di corretta esecuzione degli impianti da parte del tecnico installatore e la dichiarazione relativa al corretto smaltimento dei rifiuti, con il rilascio da parte delle relative discariche delle analisi dei materiali, se le opere comportano la produzione di materiali di risulta.


I costi della CILA


La CILA, essendo solo una comunicazione, non prevede il pagamento di oneri concessori.

Molti comuni applicano dei diritti di segreteria che a volte raggiungono cifre importanti; a titolo di esempio, a Napoli, i diritti hanno un costo di circa 125,00 euro, mentre in altri comuni si arriva a 250,00 euro e oltre.

Cil asseverata costo
In aggiunta alle spese dei diritti di segreteria, bisogna prevedere la parcella del tecnico che può variare seguendo le fluttuazioni del libero mercato.

L'onorario non dipende più da tariffe minime decise dagli Ordini, essendo stato questo obbligo abrogato nel 2006 dalla Riforma Bersani. L'incarico può essere conferito a un architetto, un ingegnere, un geometra o un perito industriale.

Il tecnico deve essere un libero professionista iscritto al rispettivo albo professionale e dotato di partita IVA. Dovrà rilasciare, dopo aver presentato la pratica, una fattura per prestazione professionale.

Si tenga conto che il professionista incaricato, oltre a formulare un'idea progettuale idonea alle esigenze della committenza, sarà impegnato in diverse attività articolate nel tempo, che vanno dai primi sopralluoghi al rilievo, l'eventuale interlocuzione con gli uffici preposti, la redazioneinoltro della CILA attraverso la compilazione dei modelli.

La fattura può essere detratta se i lavori rientrano tra quelli agevolabili con detrazione così come previste dalle normative ad oggi vigenti.

riproduzione riservata
Articolo: Comunicazione inizio lavori asseverata - CILA
Valutazione: 1.65 / 6 basato su 89 voti.
  • fs
  • fs
  • fs
  • fs

Comunicazione inizio lavori asseverata - CILA: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Frana1
    Frana1
    Giovedì 15 Febbraio 2018, alle ore 22:38
    Ho redatto una CILA, fatto i lavori, ma dopo due mesi il comune mi dice che la planimetria che ho utilizzato era diversa da quella depositata in catasto.
    Che si può fare per evitare di rifare CILA? 
    rispondi al commento
    • Piero mannino
      Piero mannino Frana1
      Domenica 11 Marzo 2018, alle ore 21:52
      Se il comune ha riscontrato che le planimetrie depositate in catasto o che la planimetria depositata in catasto è stata presentata errata o non aggiornata, oppure che non è stato presentato l'aggiornamento della planimetria dopo la fine lavori. 
      rispondi al commento
      • Frana1
        Frana1 Piero mannino
        Domenica 18 Marzo 2018, alle ore 13:39
        In realtà trattandosi di un mobiletto sulla planimetria catastale non viene riportato il mobiletto alto mezzo metro, ecco perchè non c'è corrispondenza. ma esiste un condono per quel mobiletto, quindi è legittimo installarlo.
        Ora mi chiedo se la CILA è integrabile oppure devo farne una ex-novo?
        rispondi al commento
  • Claudiode maio
    Claudiode maio
    Mercoledì 22 Novembre 2017, alle ore 09:29
    Salve, ho presentato una cila a ottobre ma non ho iniziato i lavori. Adesso però ho bisogno di integrare con altre imprese e altri lavori non dichiarati nella cila. Cosa succede se presento un altra cila? 
    rispondi al commento
  • Marcolavinca
    Marcolavinca
    Martedì 17 Ottobre 2017, alle ore 11:34
    Ho letto che generalmente per presentare la CILA serve anche il DURC.Se il tecnico non me l'ha inserita tra i vari documenti, non posso richiederla io?Come mai non è possibile per un privato richiedere il DURC ma solo tramite professionisti?Grazie
    rispondi al commento
  • Sanal
    Sanal
    Lunedì 2 Ottobre 2017, alle ore 13:57
    Devo fare una ristrutturazione completa del bagno (tubature, sanitari, piastrelle etc.) senza che venga modificata forma e dimensione del bagno, intendo beneficiare della detrazione fiscale del 50%, quale comunicazione va fatta al comune ?
    Che costi indicativamente puo' avere questa comunicazione ?
    rispondi al commento
  • Studio tecnicogeoproject roma
    Studio tecnicogeoproject roma
    Mercoledì 30 Agosto 2017, alle ore 18:18
    Articolo ben fatto complimenti http://geometra-roma-studio-tecnico.it 
    rispondi al commento
  • Chiaranicc
    Chiaranicc
    Martedì 13 Giugno 2017, alle ore 10:30
    Qualcuno mi sa dire se cambiare gli infissi (da detrarre al 50%) con comunicazione CILA mi da il beneficio della detrazione al 50% per mobili e arredamento?
    Gli infissi da sostituire sono in legno e andranno cambiati con dei nuovi di differente materiale (interni in pvc ed esterni in alluminio).
    La tematica è di dubbia interpretazione.
    rispondi al commento
  • Carmine
    Carmine
    Domenica 28 Maggio 2017, alle ore 09:07
    Nelle prossime settimane devo iniziare dei lavori di ristrutturazione in un appartamento in un condominio a Firenze, i lavori consistono di:
    rifacimento infissi interni ed esterni, abbattimento di due piccoli tramezzi, spostamento del tramezzo dello sgabuzzino e la realizzazione ex novo di un secondo bagno.
    Per lavori di questo tipo di che adempimento burocratico ho bisogno? Cila o Scia?
    rispondi al commento
  • Francesco
    Francesco
    Giovedì 25 Maggio 2017, alle ore 10:26
    Ho eseguito all'interno del mio appartamento una ristrutturazione nel 2015 che ha previsto tra gli innumerevoli lavori l'installazione di due soppalchi con regolare deposito al genio civile del progetto e dei relativi calcoli.
    Tutti i lavori sono stati realizzati mediante una DIA chiusa nel 2015.
    Ora devo completare i lavori con l'installazione delle balaustre sui due soppalchi e quindi le chiedo:
    posso eseguirli mediante una CILA asseverata da un tecnico?
    Rientrerebbero all'interno dello sgravio fiscale al 50% (i primi lavori non hanno superato l'ammontare dei 98 mila euro) seppur uno dei soppalchi sarà installato da me?
    rispondi al commento
  • Enzo
    Enzo
    Giovedì 18 Maggio 2017, alle ore 22:27
    Per rifare il prospetto di una villa al mare c'è bisogno del CIL o della CILA?
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Enzo
      Venerdì 19 Maggio 2017, alle ore 12:04
      Se l'immobile non ricade in zona sottoposta ai vincoli paesaggistico-ambientali, va bene la Cil. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • espandi
  • espandi
  • espandi
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Comunicazione inizio lavori asseverata - CILA che potrebbero interessarti
Comunicazione Inizio Lavori (CIL)

Comunicazione Inizio Lavori (CIL)

La Comunicazione inizio lavori (CIL) introdotta nel 2010 dalla Legge 73/10 permette di semplificare l'iter per alcuni interventi tra cui la manutenzione straordinaria.
In vigore i modelli unici CIL e CILA

In vigore i modelli unici CIL e CILA

Da oggi possono essere utilizzati i modelli unici per la compilazione della Comunicazione Inizio Lavori (Cil) e Comunicazione Inizio Lavori Asseverata (Cila).
In arrivo il Modello Unico Super DIA

In arrivo il Modello Unico Super DIA

Dopo CIL e CILA, anche per il deposito di una Superdia, i professionisti potranno utilizzare un modello unico standardizzato, valido su tutto il territorio nazionale.
Ecodesign: il nuovo decreto

Ecodesign: il nuovo decreto

L'Italia recepisce le linee guida dell'Unione Europea sull'ecodesign e i nuovi scenari per una progettazione ecosostenibile.
Ritenute incostituzionali le sanatorie edilizie previste dal Piano Casa in Campania

Ritenute incostituzionali le sanatorie edilizie previste dal Piano Casa in Campania

Il Piano Casa della Regione Campania contiene troppe sanatorie ponendosi in contrasto con il Testo Unico dell'edilizia. Lo ha affermato la Corte Costituzionale...
usr REGISTRATI COME UTENTE
288.646 Utenti Registrati
usr
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Tunnel solare VELUX
    Tunnel solare velux...
    408.70
  • Tapparella elettrica e solare VELUX INTEGRA
    Tapparella elettrica e solare...
    435.54
  • Tenda oscurante a rullo VELUX
    Tenda oscurante a rullo velux...
    85.00
  • Tenda alla veneziana VELUX
    Tenda alla veneziana velux...
    95.16
  • Gazebo australia 3x3
    Gazebo australia 3x3...
    499.00
  • Lavello antico Alessandria
    Lavello antico alessandria...
    840.00
  • Stipite pvc per
    Stipite pvc per...
    50.00
  • Dipinto italiano olio su tavola di gusto
    Dipinto italiano olio su tavola di...
    315.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Mansarda.it
  • Officine Locati
  • Tende.online
  • Weber
  • Black & Decker
  • Kone
  • Faidatebook
MERCATINO DELL'USATO
€ 68.00
foto 1 geo Milano
Scade il 31 Ottobre 2018
€ 500.00
foto 2 geo Roma
Scade il 31 Luglio 2018
€ 290 000.00
foto 6 geo Alessandria
Scade il 30 Settembre 2018
€ 40.00
foto 1 geo Napoli
Scade il 30 Giugno 2018
€ 229.00
foto 1 geo Lecce
Scade il 31 Maggio 2018
€ 299.00
foto 4 geo Roma
Scade il 31 Maggio 2018
VENDI SUBITO IL TUO USATO DI CASA
Inserisci annuncio
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, navigando ne accetti l'utilizzo. Leggi l'informativa.