Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Deposito al Genio Civile

Quando si costruisce un edificio in c.a., c.a.p. o acciaio o si effettuano interventi sulle strutture di edifici esistenti, va fatto il deposito al Genio Civile.
07 Marzo 2013 ore 00:55 - NEWS Leggi e Normative Tecniche

Quando bisogna effettuare il deposito al Genio Civile


Quando si deve costruire un edificio con strutture in cemento armato, cemento armato precompresso o acciaio o si devono effettuare interventi sulle strutture di edifici esistenti realizzate con questi materiali, è necessario effettuare il deposito del progetto strutturale presso gli uffici del Genio Civile, così come prescrive la Legge 1086 del 1971, Norme per la disciplina delle opere di conglomerato cementizio armato, normale e precompresso ed a struttura metallica.

deposito al Genio Civile di edificio in c.a.Quindi, prima di iniziare la costruzione dell'opera, il costruttore deve presentare tale denuncia, contenente nomi e recapiti del Committente, del Progettista delle strutture, del Direttore dei Lavori e dello stesso Costruttore, oltre che l'indicazione del tipo di intervento da realizzare e del Comune in cui sarà ubicato.

Inoltre, nel caso di interventi su edifici esistenti, anche in muratura, come ad esempio l'apertura di un nuovo vano in un muro portante, il taglio di un solaio, ampliamenti e sopraelevazioni, va depositata la verifica sismica delle strutture.

In questo caso la normativa di riferimento è rappresentata dalla Legge 64 del 1974 (Provvedimenti per le costruzioni con particolari prescrizioni per le zone sismiche) e dalle Norme Tecniche per le costruzioni del 2008.


In ogni caso, poiché le singole Regioni possono legiferare in materia, è possibile che ciascuna di esse regolamenti, caso per caso, quando non è obbligatorio procedere al deposito, se si tratta di interventi di limitata consistenza.

Nell'ottica, inoltre, di uno snellimento delle procedure burocratiche, il futuro sarà quello di utilizzare un procedimento di invio degli elaborati progettuali delle strutture attraverso dei moduli informatici.Ad esempio, per la Regione Lazio, già dal primo gennaio di quest'anno non è più possibile presentare elaborati cartacei.

Nel momento in cui si andranno ad iniziare i lavori, dovrà essere segnalato al Comune, nell'ambito della comunicazione di inizio lavori, l'avvenuto deposito, citando il protocollo rilasciato dall'Ufficio.


Documenti necessari per il deposito al Genio Civile


Alla denuncia presentata al Genio Civile andranno allegati una serie di elaborati:
- l'accettazione, firmata e timbrata, del Collaudatore statico, che dovrà essere una figura estranea alla progettazione dell'opera e alla direzione dei lavori, e dovrà essere un architetto o un ingegnere iscritto al proprio ordine profesionale da almeno 10 anni;
- una relazione tecnica sulle caratteristiche dei materiali, firmata e timbrata dal progettista delle strutture e dal Direttore dei Lavori, dalla quale risultino caratteristiche, dosaggi e quantità di quelli impiegati;
-la relazione di calcolo, firmata e timbrata dal progettista delle strutture;
- il progetto strutturale, composto di tutti gli elaborati grafici necessari, sempre timbrata e firmata dal progettista;
- copia del progetto architettonico, firmata e timbrata dal progettista architettonico.

deposito al Genio Civile È poi necessario allegare una relazione geologica, redatta da un geologo, sulle caratteristiche del terreno di fondazione dell'edificio.

Tale documentazione va presentata in duplice copia. Entro 60 giorni, una delle due copie deve essere restituita, dopo che l'ufficio avrà apposto un timbro attestante l'avvenuto deposito.
Nel caso in cui il progetto risultasse in contrasto con la normativa vigente, esso sarà restituito dando comunicazione agli interessati delle modifiche da apportare con le relative motivazioni.
Il progetto così modificato dovrà comunque essere soggetto ad ulteriore controllo.

Una volta terminati i lavori, il Direttore dei Lavori dovrà presentare sempre al Genio Civile, entro 60 giorni dalla data dichiarata in cui è avvenuta tale ultimazione, apposita documentazione, composta da:
- dichiarazione di fine lavori, timbrata e firmata;
- relazione a struttura ultimata, in duplice copia, con allegati i certificati delle prove eseguite sui materiali, acciaio e calcestruzzo, eseguite dai laboratori specializzati.

Infatti, tra i compiti del direttore dei lavori c'è proprio quello di far raccogliere dal costruttore alcuni campioni dei materiali utilizzati (provini), nel numero che riterrà opportuno, in modo da farli esaminare da questi laboratori e conservare poi i relativi certificati rilasciati.


Collaudo delle strutture da presentare al Genio Civile


Dopo la conclusione dei lavori le opere realizzate dovranno essere collaudate entro 60 giorni.

Il collaudatore dovrà verificare che le opere eseguite siano conformi agli elaborati strutturali presentati e che gli esiti delle prove eseguite sui materiali siano positive.
Per far questo potrà compiere, in corso d'opera, una serie di sopralluoghi, nel numero che riterrà opportuno.

Una volta compiuti questi controlli potrà redigere e presentare il proprio certificato di collaudo, in duplice copia, allo stesso Genio Civile, che provvederà a restituirgli una copia, timbrata, a certificarne l'avvenuto deposito.

riproduzione riservata
Articolo: Deposito al Genio Civile
Valutazione: 4.81 / 6 basato su 48 voti.

Deposito al Genio Civile: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Vincenzo
    Vincenzo
    3 giorni fa
    Dovrei effettuare i lavori per Eco e Sisma Bonus, ma la ditta che eseguirà i lavori necessita del deposito strutturale presso il Genio Civile.
    Premesso che la casa è stata edificata agli inizi del 1900 e che risulta regolare in tutte le sue "parti burocratiche" e premesso che tutti i documenti ante 1971 sono stati inceneriti dallo stesso Genio, come ovviare alla cosa?
    Senza il suddetto documento non posso procedere con la richiesta ed i relativi lavori.
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Vincenzo
      2 giorni fa
      Può ovviare incaricando uno tecnico abilitato di Sua fiducia, preferibilmente uno strutturista, per un'attestazione sostituva. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Giovanni
    Giovanni
    Lunedì 22 Marzo 2021, alle ore 16:24
    Vorrei realizzare una scala interna in ferro tra due appartamenti sovrastanti, è neccessario chiedere autorizzazione al Genio Civile?
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Giovanni
      Lunedì 22 Marzo 2021, alle ore 19:06
      Dipende molto dal foro da farsi nel solaio. Se l'apertura supera i 90 cm. di larghezza necessità dell'autorizzazione sismica. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Stefano75
    Stefano75
    Lunedì 15 Marzo 2021, alle ore 08:01
    Dovrei realizzale un taglio sul solaio di dimensione 90 x 130 cm per posizionare una scala fissa con struttura in ferro autoportante per accedere da piano secondo al sottotetto e contestualmente chiudere la botola attualmente esistente che consente l'accesso tramite una scala retrattile.
    È necessario presentare la pratica al Genio Civile e se sì occorrono anche i calcoli strutturali effettuati da un professionista abilitato.
    La pratica la può presentare il geometra che mi istruisce la CILA al Comune per la manutenzione straordinaria.
    L'immobile si trova nella Regione Marche.
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Stefano75
      Lunedì 15 Marzo 2021, alle ore 17:24
      La norma dice che non va presentata alcuna pratica al Genio Civile per la realizzazione di scale interne tra un piano ed un altro, in legno o metallo, per un solo piano e di larghezza inferiore a 90 cm. purché la necessaria demolizione di porzione del solaio non comprometta la staticità della struttura né il suo comportamento sismico. Se le dimensioni sono quelle da Lei indicate basta la figura del geometra e la presentazione di una Cila al comune. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Lando
    Lando
    Giovedì 11 Febbraio 2021, alle ore 12:17
    Ad un asta pubblica vorrei acquistare un immobile diciamo al grezzo che fa parte di una costruzione di villette a schiera di 7 di cui 3 sono finite e abitate.
    La relazione del perito evidenzia l'assenza di deposito del progetto strutturale della struttura portante in C.A.
    Risulta che gli immobili sono stati costruiti in conformità con il progetto approvato in comune (3 appartamenti sono finiti e abitati con relativa abitabilità concessa) e che la zona è zona sismica.
    Sempre dalla relazione dice che bisogna richiedere l'accertamento di conformità in sanatoria.
    Che costo e che tempistica per regolarizzare il tutto?
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Lando
      Lunedì 15 Febbraio 2021, alle ore 10:03
      La vendita di un immobile all'asta apre automaticamente le porte a tutte le sanatorie, compresa quella del deposito all'ex Genio Civile. Sui tempi e costi è difficile fare previsioni senza aver prima visionato la documentazione, di certo non sono brevi. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Enea
    Enea
    Giovedì 4 Febbraio 2021, alle ore 13:20
    Devo effettuare lavori esterni urgenti di consolidamento-ripristino di un tratto di muro divisorio e recinzione di confine con altra proprietà che ha ceduto a seguito di piogge intense.
    Interpellati due studi d'ingegneri ho ricevuto pareri discordi sulle pratiche da effettuare, mentre sul tipo d'intervento (uso di micropali cemento acciaio per consolidamento terreno sottostante e ripristino muro-recinzione e pavimentazione esterna con stessi materiali utilizzati in origine per un area di circa 20mq) c'è stato consenso.
    Premesso che la proprietà non è sottoposta a vincolo paesagistico, occorre depositare le pratiche (indagine geologica, progetto, direzione e collaudo lavori) anche al genio civile o è sufficiente il comune di residenza (regione Lazio area metropolitana di Roma)?
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Enea
      Lunedì 8 Febbraio 2021, alle ore 11:25
      L'intervento ipotizzato di consolidamento con micropali richiede la presentazione e deposito di un progetto strutturale al settore "sismica", ex Genio Civile. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Stefania
    Stefania
    Lunedì 25 Gennaio 2021, alle ore 16:09
    Sto facendo richiesta per il superbonus ed è venuto fuori che nella mia casa non è mai stata costruita una scala tra il garage ed in piano superiore che invece risulta nel progetto di licenza presentato al comune.
    Sin dalla prima visura catastale la scala non risulta.
    Sono obbligata ad effettuare una sanatoria?
    Oppure non è necessario visto che il garage non è oggetto del superbonus?
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Stefania
      Martedì 26 Gennaio 2021, alle ore 09:44
      Per beneficiare del Superbonus del 110% è indispensabile avere la conformità urbanistica e catastale dell'immobile certificata. Nel Suo caso è necessario sanare l'incongruenza tra lo stato dei luoghi e la documentazione depositata. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Antonia
    Antonia
    Giovedì 14 Gennaio 2021, alle ore 11:51
    Ho acquistato un immobile al quale i vecchi proprietari hanno apportato delle modifiche con regolare concessione data dal comune nel 1986.
    Sembra che non sia stato fatto il deposito strutturale e neanche la pratica è stata chiusa e per un evento fortuito sono venuta a conoscenza di questo inghippo.
    Volevo chiedere se il deposito strutturale sempre obbligatorio?
    Nel mio caso si tratta di un terrazzino con relative scale per poter entrare nell'abitazione e al momento risulta abusivo nonostante la concessione comunale.
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Antonia
      Venerdì 15 Gennaio 2021, alle ore 16:57
      Se la struttura del terrazzino e delle scale è in cemento armato era obbligatorio la pratica all Genio Civile. In ogni caso si può sanare presentando un progetto a sanatoria, incaricando un professionista abilitato di propria fiducia. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Rino
    Rino
    Giovedì 8 Ottobre 2020, alle ore 13:25
    Tramite una ditta e con un Ingegnere sono stati fatti dei lavori di ripristino di una trave di cemento armato, che precedentemente era stata carotata per creare un foro di aerazione di 12,5 cm, per la fuoriuscita del monossido di carbonio.
    Vorrei sapere, per essere in regola e che tutto sia stato fatto a regola d'arte, quali documenti dovrei chiedere al professionista che si è occupato di seguire i lavori e quali documenti burocratici avrebbe dovuto produrre per i vari enti.
    Rino
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Rino
      Lunedì 12 Ottobre 2020, alle ore 11:33
      Per questi tipi di interventi non vengono presentate pratiche. Per stare tranquilli può chiedere all'ingegnere strutturista una relazione con verifica di calcolo. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Lor67
    Lor67
    Venerdì 2 Ottobre 2020, alle ore 10:11
    Per la realizzazione di una tettoia di 48 mq circa è necessario il deposito al Genio Civile?
    Quali sono le "dimensioni ridotte" perché non si presenti nulla al Genio Civile?
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Lor67
      Lunedì 5 Ottobre 2020, alle ore 10:51
      Dipende dal tipo di struttura (acciaio, cemento armato, ecc.) e se è posta in pianta fissa o removibile. In quest'ultimo caso vanno verificati gli agganci posti a terra e se necessitato di una struttura intelaiata. Per quanto riguarda le dimensioni del manufatto non ci sono limiti di superficie nè di volume. Cordiali saluti.   
      rispondi al commento
  • espandi
  • espandi
  • espandi
Torna Su Espandi Tutto
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
328.394 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Deposito al Genio Civile che potrebbero interessarti


Pratiche edilizie

Leggi e Normative Tecniche - In questo articolo illustriamo quali sono le pratiche necessarie a seconda degli interventi edilizi, rimandandovi a ciascun articolo specifico per maggiori dettagli.

Tetto in legno ventilato

Tetti e coperture - E' possibile eliminare i fenomeni di condensa e risolvere i problemi dovuti al surriscaldamento della copertura attraverso l'uso di un tetto in legno ventilato.

Contratto tra Committente e Professionista

Leggi e Normative Tecniche - Il rapporto che si instaura tra Committente e Professionista, implica un confronto anche su temi puramente economici e contrattuali.

Pubblicato il regolamento attuativo del Codice Appalti su direttore dei lavori ed esecuzione

Leggi e Normative Tecniche - Approvato il decreto di attuazione del Codice degli Appalti che disciplina le funzioni di direttore dei lavori e direttore dell'esecuzione. Vediamo cosa prevede

Perché scegliere un professionista per il Superbonus 110%

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Le mansioni che i professionisti svolgono per una buona pratica di Superbonus 110%. Architetto, ingegnere e commercialista, come possono collaborare tra loro?

In arrivo il Modello Unico Super DIA

Leggi e Normative Tecniche - Dopo CIL e CILA, anche per il deposito di una Superdia, i professionisti potranno utilizzare un modello unico standardizzato, valido su tutto il territorio nazionale.

Accertamento di conformità urbanistica

Normative - Anche se si riscontrano delle difformità, rispetto al progetto autorizzato, vi possono essere le condizioni per un eventuale condono.

Collaudo di opere strutturali

Normative - Dopo il completamento delle opere in cemento armato di un fabbricato, segue la fase di verifica delle strutture tramite una procedura di collaudo finale.

Architetti e ingegneri: a chi spetta competenza su immobili vincolati?

Leggi e Normative Tecniche - Varie sentenze hanno ribadito e sancito ancora una volta che l'architetto ha competenza esclusiva per la progettazione e direzione lavori su immobili vincolati.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img giacomocaria
Ciao a tutti, non so se questo sia il forum più adatto per questo tipo di domande, grazie per indicarmi un miglior forum nel caso ce ne fosse uno. Sto per costruire una...
giacomocaria 29 Febbraio 2020 ore 19:19 2
Img perla&jenni
Buonasera, l'anno scorso ho acquistato una casa strutturalmente da ristrutturare completamente. Il Geometra dopo alcuni mesi si è presentato con il capitolato strutturale...
perla&jenni 29 Febbraio 2020 ore 19:09 3
Img maurizio.vit
Salve, ho costruito una casa con concessione anno 1992, e successivamente nel 1996, siccome dovevo finire dei lavori, il geom, ha presentato un completamento lavori nel 1996..
maurizio.vit 05 Ottobre 2016 ore 08:09 2
Img a_les
Ciao a tutti e grazie per l'ospitalità! Sto per effettuare un ampliamento di una villetta con contemporanea ristrutturazione dell'esistente struttura. Ho ottenuto il...
a_les 17 Gennaio 2016 ore 09:08 3
Img 30061984
Salve,prossimamente dovrò ristrutturare una casa a Roma di 85 metri quadri. Ho già un'idea di massima su cosa fare ma vorrei comunque affidarmi ad un architetto che...
30061984 23 Ottobre 2015 ore 10:50 2