Detrazioni fiscali casa: come effettuare i pagamenti

NEWS DI Detrazioni e agevolazioni fiscali14 Febbraio 2018 ore 14:55
Detrazioni fiscali per la casa: il pagamento si fa col bonifico parlante, con eccezioni e alcuni possibili correttivi in caso di errore. Vediamoli in dettaglio.

Pagamento detrazioni fiscali per la casa


Riqualifcazioni energeticheCome noto, la legge di bilancio per il 2018 (L. 205/2017) ha prorogato, con modifiche, le agevolazioni fiscali previste per ristrutturazioni, riqualificazioni energetiche e acquisto di mobili ed elettrodomestici.

Si tratta di detrazioni di varia entità da effettuare sulle spese sostenute per realizzare lavori o per acquistare i beni suddetti.

A tal fine, la legge prescrive particolari modalità per il pagamento, che nella normalità dei casi, va effettuato con il cosiddetto bonifico parlante (un discorso a parte va fatto per la detrazione mobili, di cui ci occupiamo più avanti), salvo eccezioni.

Ricordiamo che le ricevute dei bonifici sono tra i documenti che naturalmente vanno conservati ed esibiti in caso di controlli.

Dunque, un aspetto da seguire con attenzione è quello relativo alle corrette modalità di pagamento.


Bonifico parlante


Il bonifico parlante è una particolare forma di bonifico, che si distingue dal bonifico ordinario, nel quale devono essere indicati determinati dati, ovvero: la causale del versamento, con riferimento anche alla norma, il codice fiscale del beneficiario della detrazione e il codice fiscale o il numero di partita IVA del beneficiario del pagamento.


Codice fiscale, ordinante e beneficiario della detrazione


Può succedere che l’ordinante sia diverso dal beneficiario della detrazione; in tal caso, in presenza di tutte le altre condizioni, beneficerà della detrazione colui che è indicato come beneficiario (v. Circ. 17/2015).

Ove più soggetti sostengano le spese e tutti vogliano beneficiare della detrazione, il bonifico deve contenere il codice fiscale di tutti.

Nel caso di parti in condominio, deve essere indicato, oltre al codice fiscale del condominio, anche il codice fiscale dell’amministratore o del condòmino che effettua il pagamento (sono stati ammessi alla detrazione anche i condomini minimi privi di codice fiscale, purché si indichi in autodichiarazione il codice fiscale del condòmino che effettua il pagamento e si possa dare prova della natura condominiale delle parti su cui è effettuato l'intervento, v. Circ. 3/2016).


Bonifico parlante, causale


Nella causale del versamento bisogna indicare che il pagamento è effettuato per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio che danno diritto alla detrazione.

Nel caso in cui, per errore materiale, siano stati riportati i riferimenti errati indicando interventi di recupero invece di interventi di riqualificazione energetica o viceversa, in presenza di tutte le altre condizioni la detrazione può comunque essere riconosciuta (Circ. 11/2014).

Condominio

Ricordiamo che i riferimenti normativi variano a seconda della detrazione e che la distinzione tra percentuali (prima erano 65% per il risparmio energetico, 50% per il recupero) non è più così semplice, in particolare dopo le modifiche introdotte della legge di bilancio 2018.

Nel caso di pagamento di oneri di urbanizzazione al Comune con bonifico non va indicato nella causale il riferimento agli interventi edilizi e alle relative norme e va invece indicato il Comune come soggetto beneficiario e la causale del versamento (ad esempio, oneri di urbanizzazione, tosap, etc..), né va usato il modello di bonifico parlante (Ris. 3/2011).


Banche, Poste e Istituti di pagamento


Il bonifico parlante può essere effettuato anche online.

Al momento del pagamento le banche e le Poste devono operare una ritenuta d’acconto (dal 1.1.2015, ammontante all’8%) sull’imposta di reddito dell’impresa che effettua i lavori.

L'obbligo è stato introdotto dal D.L. 78/2010

per l'accredito dei pagamenti relativi ai bonifici disposti dai contribuenti per beneficiare di oneri deducibili o per i quali spetta la detrazione d'imposta D. Lgs. 78/2010.


Il Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate del 30 giugno 2010 ha poi specificato che l'obbligo vale per i bonifici relativi alle spese per interventi di recupero del patrimonio edilizio e per interventi di risparmio energetico ed ha indicato altresì le modalità di attuazione dell'adempimento.

Detrazioni fiscali mobili

Il bonifico parlante è dunque utilizzabile presso le Banche e le Poste Italiane (per quest'ultime, lo ha specificato l'Agenzia con la Circolare 24 del 2004, mentre per le riqualificazioni è ammesso espressamente nel DM 19.92.2007), ma, secondo quanto ha chiarito con la Risoluzione 9 del 2017 (cui si rimanda per i dettagli), anche da Istituti di pagamento, cioè imprese finanziarie non bancarie autorizzate dalla Banca d’Italia a effettuare servizi di pagamento nell’ambito del mercato unico; gli Istituti di pagamento sono una figura introdotta dal D.Lgs. 11 del 2010.

Anche l'Istituto di pagamento deve operare la ritenuta d'acconto ex D.Lgs. 78/2010 secondo le modalità indicate dal Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate del 30 giugno 2010.

L'Istituto di pagamento deve inoltre aderire alla Rete Nazionale Interbancaria e utilizzare la procedura TRIF, che consente lo scambio dei dati tra gli operatori e la trasmissione dei dati all'Agenzia (obbligo quest'ultimo, di cui al DM 41/1998).

Ricordiamo, inoltre, che con la Circolare n. 40 del 28 luglio 2010 l'Agenzia ha indicato ulteriori chiarimenti sulle modalità di pagamento della ritenuta (base imponibile su cui operare la ritenuta, decorrenza dei termini per l'adempimento, etc).


Cosa si può pagare senza bonifico parlante


Il bonifico parlante non è previsto per oneri di urbanizzazione, diritti per concessioni, autorizzazioni e denunce di inizio lavori, ritenute fiscali sugli onorari dei professionisti, imposte di bollo.

Per la TOSAP è sufficiente il versamento mediante conto corrente intestato al concessionario del servizio di accertamento e riscossione del tributo.

Ulteriore caso a parte è quello relativo alle detrazioni per l'acquisto di mobili ed elettrodomestici: in questo caso la maglia è un po' più larga: oltre al bonifico parlante è infatti ammesso il pagamento mediante bonifico ordinario e carte di debito e di credito; restano esclusi assegni e contanti o altri mezzi di pagamento.

Detrazioni fiscali arredi

Nel caso in cui si utilizzino i mezzi di pagamento diversi dal bonifico parlante, non vi è l'obbligo di ritenuta da parte di banche, Poste e Istituti di pagamento.

Per i lavori di riqualificazione energetica, dove la detrazione è ammessa anche per le imprese, i titolari di reddito d'impresa non sono tenuti al pagamento per bonifico parlante e la prova delle spese può essere costituita da altra idonea documentazione; lo stesso è previsto nel caso degli interventi di riqualificazione mediante leasing.

Per usufruire della detrazione per l'acquisto di immobili ristrutturati (ai sensi dell'art. 16-bis, co.4, DPR 917/1986) non è necessario che il pagamento sia effettuato con bonifico.


Bonifico parlante e finanziamento a rate


L'Agenzia ha inoltre ammesso la detrazione anche se il pagamento sia effettuato da una società finanziaria in caso di finanziamento a rate per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio o di riqualificazione energetica.

L'importante è che tale pagamento sia effettuato con bonifico parlante e correttamente e che il contribuente abbia copia del bonifico.


Errata compilazione del bonifico


Come detto, ai sensi del DM 41/1998, il bonifico deve indicare la causale del versamento, con riferimento alla norma, il codice fiscale del beneficiario della detrazione e il codice fiscale o il numero di partita IVA del beneficiario del pagamento.

Secondo lo stesso DM la detrazione non è riconosciuta (tra le altre ipotesi) in caso di mancato rispetto delle dette modalità.

Di conseguenza, l'Agenzia ha escluso l'ammissione alla detrazione in caso di pagamento non corretto, che pregiudicasse

in maniera definitiva il rispetto da parte delle banche e di Poste Italiane SPA dell’obbligo di operare la ritenuta disposta dall’art. 25 del DL n. 78 del 2010, non consente il riconoscimento della detrazione (Ris. 55/2012)


a meno che non si ripetesse il pagamento in maniera corretta (Ris. 55/2002).

L'Agenzia delle Entrate, però, ha anche ammesso, con la Circolare 43/2016, alla detrazione il caso in cui l'errore del bonifico abbia precluso l'effettuazione corretta della ritenuta d'acconto da parte di banche etc., e non sia stato possibile ripetere il bonifico se l'impresa

attesti nella dichiarazione sostitutiva di atto notorio di aver ricevuto le somme e di averle incluse nella contabilità dell’impresa ai fini della loro concorrenza alla corretta determinazione del suo reddito. Tale documentazione dovrà essere esibita dal contribuente che intende avvalersi della detrazione al professionista abilitato o al CAF in sede di predisposizione della dichiarazione dei redditi o, su richiesta, agli uffici dell’amministrazione finanziaria (Circ. 43/2016 e v. anche Circ. 7/2017)


La Circolare 43/2016 traeva spunto da un interpello riguardante la detrazione per acquisto di box pertinenziale (compresa tra gli interventi che consentono la detrazione, ex art. 16-bis, D.P.R. 917/1986). In tal caso si ammetteva, ai fini della detrazione, il pagamento mediante assegno attestato nell'atto notarile purché il venditore, oltre alla apposita certificazione circa il costo di realizzo del box, presenti una dichiarazione sostitutiva di atto notorio che attesti l'inclusione dei corrispettivi accreditati a suo favore nella contabilità dell’impresa, ai fini della loro concorrenza alla determinazione precisa del reddito del percipiente, se notorio.

Per ulteriori informazioni si possono consultare le guide annuali sulle detrazioni emesse dell'Agenzia delle Entrate e tutte le norme e i documenti di prassi ivi richiamati; attendiamo dunque per eventuali novità l'emissione delle Guide 2018.

riproduzione riservata
Articolo: Pagamenti per detrazioni fiscali sulla casa
Valutazione: 4.73 / 6 basato su 48 voti.

Pagamenti per detrazioni fiscali sulla casa: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Lucasoli
    Lucasoli
    Mercoledì 22 Agosto 2018, alle ore 16:01
    Sto effettuando un fotovoltaico per quanto riguarda i bonifici bancaro parlanti, posso effeuarli in piu pagamenti sempre relativi alla stessa fattura e dallo stesso conto corrente ?
    rispondi al commento
  • Giorgi82
    Giorgi82
    Martedì 3 Aprile 2018, alle ore 11:48
    Sto effettuando una ristrutturazione di casa, posso pagare una fattura con due pagamenti differenti (dilazionarla) sempre tramite boinfico parlante? 
    rispondi al commento
  • Clab
    Clab
    Martedì 19 Dicembre 2017, alle ore 09:15
    Per i lavori di ristrutturazione mi sono rivolto a una ditta slovena, e devo dunque effettuare il pagamento su un c/c estero.
    Purtroppo la mia banca in questo caso non prevede il particolare bonifico, né se lo faccio online e neppure allo sportello.
    Come mi devo regolare?
    rispondi al commento
  • Lucia genovese
    Lucia genovese
    Lunedì 18 Dicembre 2017, alle ore 09:29
    Sto effettuando una ristrutturazione a casa mia e il pagamento delle spese di acquisto mobili e cappotto li sto realizzando facendo bonifici online.
    Volevo sapere se lo stesso la banca applica comunque automanticamente l’imposta sul reddito dovuta dall’impresa, nella misura dell’8%, ai miei bonifici o devo fare io qualcosa.
    rispondi al commento
  • Mass2773@gmail.com
    Mass2773@gmail.com
    Giovedì 2 Novembre 2017, alle ore 13:10
    Buongiornomi sono accorto che sulla fattura di acconto intestata solo a me, al momento del bonifico per detrazione fiscale ho inserito anche il codice fiscale di mia moglie, (anche lei proprietaria al 50% dell'immobile ristrutturato, ma non indicata in fattura), nella successiva fattura di saldo invece ho inserito solo il mio codice fiscale come indicato in fattura. Ci sono problemi in caso di 730?Grazie
    rispondi al commento
  • Vittorio
    Vittorio
    Mercoledì 22 Febbraio 2017, alle ore 11:08
    Volevo cambiare gli infissi esterni dell'appartamento, con quelli in vetrocamera utilizzando il bonus ristrutturazioni (50%).
    In questo modo dovrei poter usufruire del bonus mobili.
    In caso affermativo, posso acquistare una cucina su misura?
    rispondi al commento
  • Gabriella
    Gabriella
    Venerdì 17 Febbraio 2017, alle ore 10:47
    Nel bonifico per agevolazioni fiscali se si tratta di bene in comproprietà va indicato solo chi intende avvalersi dell'agevolazione o comunque vanno indicati tutti i proprietari.
    rispondi al commento
    • Vittorio Setale
      Vittorio Setale Gabriella
      Martedì 28 Febbraio 2017, alle ore 19:20
      Grazie gabriella ma volevo specificare perchè forse non si è capito che la casa è intestata solo a mia moglie, siamo regolarmente sposati da 40 anni.
      Se devo riportare il nome della proprietaria dove va inserito??
      rispondi al commento
  • Vittorio Setale
    Vittorio Setale
    Mercoledì 15 Febbraio 2017, alle ore 22:02
    Ci apprestiamo ad effettuare lavori di ristrutturazione al bagno di servizio con l'idea delle detrazioni al 50%.
    La casa è intestata a mia moglie pensionata.
    I bonifici e relative fatture le intesterei a me ,essendo io ancora al lavoro e teoricamente potrei avere la detrazione anno per anno.
    La cosa e' regolare cioè che la casa sia intestata a persona diversa dal beneficiario della detrazione?
    rispondi al commento
  • Fabio Carnicchia
    Fabio Carnicchia
    Venerdì 10 Febbraio 2017, alle ore 11:19
    Vi chiedo cortesemente di sapere se è possibile usufruire del bonus mobili, a seguito dei lavori eseguiti per la sola sostituzione della caldaia per il riscaldamento con una a condensazione, beneficiando della detrazione fiscale del 65%.
    Se non ricordo male, questa possibilità era data per l'anno 2016, ma non ne ho trovato traccia per l'anno in corso. 
    rispondi al commento
  • espandi
  • espandi
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Pagamenti per detrazioni fiscali sulla casa che potrebbero interessarti
Bonifico detrazioni errato

Bonifico detrazioni errato

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Cosa accade quando si sbaglia ad effettuare il bonifico per lavori che beneficiano della detrazione fiscale sulle ristrutturazioni o sul risparmio energetico?
Applicazione della ritenuta d'acconto sui bonifici per detrazioni 50% e 65%

Applicazione della ritenuta d'acconto sui bonifici per detrazioni 50% e 65%

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Sui bonifici per le detrazioni banche e poste devono operare una ritenuta a titolo di acconto dell'imposta sul reddito dovuta dall'impresa che effettua i lavori
Detrazioni fiscali e pagamenti con finanziamento

Detrazioni fiscali e pagamenti con finanziamento

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Le detrazioni fiscali per lavori di ristrutturazione o risparmio energetico pagati con finanziamento sono ammesse, ma solo se vengono rispettate alcune procedure.

Come risolvere errori commessi negli adempimenti per la detrazione 65%

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Tra gli adempimenti per la detrazione sul risparmio energetico, gli errori più comuni riguardano le fatture, i pagamenti e l'invio della comunicazione all'Enea.

Detrazioni 50% e 65% per l'installazione di ponteggio

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Il ponteggio o altri dispositivi di sicurezza dei lavoratori sono necessari quando si eseguono lavori in quota e detraibili se anche i lavori eseguiti sono detraibili.

Detrazioni fiscali: il bonifico parlante

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Adempimento necessario per poter fruire delle detrazioni fiscali per interventi su immobili, è pagare le spese relative con bonifico bancario o postale parlante

Bonifico detrazioni errato: come rimediare?

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Una condizione essenziale per godere delle detrazioni è quella del pagamento tramite bonifico parlante: vediamo quali sono le informazioni corrette da inserire.

Tagli alle detrazioni fiscali

Normative - Approvata alla Camera la legge di conversione della Manovra Finanziaria che introduce una serie di tagli a tutte le agevolazioni fiscali, comprese quelle per la casa.

Fatture e bonifici Conto Termico

Impianti rinnovabili - In allegato alla domanda per accedere al Conto Termico è necessario fornire copia delle fatture e delle ricevute dei bonifici, compilati rispettando alcune regole.
REGISTRATI COME UTENTE
294.423 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Pozzetto circolare claber
    Pozzetto circolare claber...
    12.44
  • Cucina nuova
    Cucina nuova...
    1690.00
  • Coppia di tavolini in legno laccato
    Coppia di tavolini in legno laccato...
    252.00
  • Coppia di poltrone francesi laccate e dipinte
    Coppia di poltrone francesi...
    945.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Mansarda.it
  • Pensiline.net
  • Officine Locati
  • Faidatebook
  • Black & Decker
  • Kone
  • Weber
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.