Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Lavori in condominio e delibere relative ai balconi

NEWS Assemblea di condominio31 Maggio 2015 ore 09:00
L'assemblea condominiale può deliberare lavori di manutenzione della facciata dell'edificio, ma solo a determinate condizioni può decidere anche sui lavori per i balconi.

Manutenzione del condominio


BalconiIn tema di condominio negli edifici l’assemblea può deliberare solamente su interventi manutentivi concernenti le parti comuni dell’edificio; diversamente quella deliberazione dev’essere considerata nulla per incompetenza.

In questo contesto, pertanto, non è valida la deliberazione assembleare che, nel deliberare lavori di rifacimento della facciata, abbia altresì imposto l’esecuzione d’interventi conservativi anche in relazione a parti di proprietà esclusiva, quali i balconi di pertinenza delle unità immobiliari.

Questa, in breve sintesi, la sentenza resa dal Tribunale di Napoli con deposito in cancelleria il 26 febbraio 2015.

Prima di entrare nel merito della questione, è utile rammentare i passaggi assembleari necessari per la deliberazione dei lavori di manutenzione dell’edificio.

In primis è necessario distinguere tra manutenzione ordinaria e straordinaria. La prima, solitamente connessa al normale uso dei beni comuni, può essere disposta dall’ amministratore , di propria iniziativa, o deliberata dall’assemblea. La manutenzione ordinaria disposta dall’amministratore deve rientrare nel novero delle normali spese preventivate dall’assemblea e non può mai comportare una spesa ingente.

Gli interventi di manutenzione straordinari, invece, possono essere sempre deliberati dall’assemblea e possono essere disposti dall’amministratore solamente per il caso d’urgenza (cfr. art. 1135, primo e secondo comma, c.c.).

Con il termine urgenza si fa riferimento a un intervento improcrastinabile e che non può essere sottoposto all’assemblea senza pericolo di danno o di aggravamento di situazioni dannose già in atto.

Gli interventi di manutenzione straordinaria di notevole entità devono essere sempre deliberati (cioè sia in prima, sia in seconda convocazione) con il voto favorevole della maggioranza dei partecipanti all’assemblea e almeno la metà dei millesimi. La legge non specifica cosa debba intendersi per notevole entità, sicché tale valutazione va eseguita caso per caso, non facendo riferimento alle condizioni economiche dei condòmini ma a quello dello stabile e in caso di controversia, spetta la giudice adito valutarla (cfr. Cass. 26 novembre 2014 n. 25145).

In ogni caso gli interventi manutentivi devono riguardare parti comuni dell’edificio.


Balconi in condominio


Balconi in condominioLa natura condominiale o esclusiva dei balconi è da sempre oggetto di problemi al momento della deliberazione di lavori di conservazione dell’edificio e la sentenza del Tribunale di Napoli ne rappresenta la prova lampante.

Di chi sono i balconi?

Secondo la Cassazione bisogna operare una distinzione tra balconi incassati e balconi aggettanti.

Rispetto ai primi, è stato detto, vale quanto segue:

a) la parte orizzontale è equiparabile al solaio ed è in comunione tra i proprietari delle unità immobiliari cui serve rispettivamente da piano di calpestio e da copertura;

b) la parte frontale è di proprietà comune facendo parte dalla facciata.

Rispetto ai balconi aggettanti, invece, è stato affermato che costituendo un prolungamento della corrispondente unità immobiliare, appartengono in via esclusiva al proprietario di questa; soltanto i rivestimenti e gli elementi decorativi della parte frontale e di quella inferiore si debbono considerare beni comuni a tutti, quando si inseriscono nel prospetto dell'edificio e contribuiscono a renderlo esteticamente gradevole (v., da ultimo, Cass. 23 settembre 2003 n. 14076) (così Cass. 30 luglio 2004, n. 14576).

Conseguenze di queste considerazioni: l’assemblea, nel caso di balconi incassati può sempre deliberare le spese necessarie alla manutenzione della facciata considerando la parte frontale del balcone (il parapetto) parte integrante di essa (con l’eccezione dei balconi che pur essendo incassati, cioè non sporgenti rispetto ai muri perimetrali hanno comunque la strutturazione del tutto assimilabile ai balconi aggettanti).

Per i balconi aggettanti, invece, la competenza dell’assemblea si ferma alla deliberazione della manutenzione della parte frontale e del così detto sottobalcone e solamente nei casi in cui tali parti del balcone incidano sul decoro dell’edificio.


Delibere condominiali e balconi


E se i balconi non hanno tali ultime caratteristiche e l’assemblea delibera ugualmente in merito a interventi che li riguardano?

È questo il caso affrontato e risolto (sia pur solamente a livello virtuale essendo stata sostituita l’originaria delibera) dal Tribunale di Napoli con la sentenza del 26 febbraio 2015 citata in precedenza.

Secondo il giudice partenopeo l’ assemblea condominiale non può assumere decisioni che riguardino i singoli condomini nell’ambito dei beni di loro proprietà esclusiva, salvo che non si riflettano sull’adeguato uso delle cose comuni che i balconi appartengono in modo esclusivo al proprietario dell’appartamento di cui fanno parte (così Trib. Napoli 26 febbraio 2015).

In questo contesto, specifica la pronuncia, i balconi possono essere oggetto di deliberazione assembleare solamente nella misura in cui la loro parte frontale e inferiore caratterizzi l’estetica dell’edificio e solo limitatamente a queste parti. Altrimenti si può deliberare sul contorno (la facciata) lasciando il balcone così com’è.

La sentenza parla di frontalino (ossia di fascia marcapiano), ma se è l’intero parapetto a caratterizzare l’estetica dell’edificio, non sorgono dubbi sul fatto che tutti gli elementi decorativi ivi presenti debbano considerarsi parti comuni.

riproduzione riservata
Articolo: Delibere condominiali relative ai balconi
Valutazione: 4.50 / 6 basato su 2 voti.

Delibere condominiali relative ai balconi: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
REGISTRATI COME UTENTE
309.263 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Guaina in opera
    Guaina in opera...
    15.00
  • Teli onda per
    Teli onda per...
    10.00
  • Arella sempreverde edera
    Arella sempreverde edera...
    66.00
  • Arella sempreverde lauro
    Arella sempreverde lauro...
    64.00
Notizie che trattano Delibere condominiali relative ai balconi che potrebbero interessarti


Balconi aggettanti e danni alle parti comuni

Parti comuni - I balconi aggettanti sono parti di proprietà esclusiva e come tali bisogna considerarli ai fini del risarcimento del danno che causano

Sottobalcone: proprietà comune

Parti comuni - I balconi di pertinenza delle unità immobiliari rappresentano un elemento di grande discussione in ambito condominiale. Il punto di vista del Tribunale di Novara.

Problematiche e soluzioni giurisprudenziali per i balconi in condominio

Parti comuni - I balconi in condominio sono da sempre elemento foriero di problematiche in relazione all'individuazione del proprietario e quindi per le spese di manutenzione.

Ripartizione spese condominiali: cosa cambierà con la riforma?

Ripartizione spese - Tra gli argomenti che avrebbero meritato maggiore attenzione nell'ambito della riforma del condominio e che, invece, hanno subito poche modifiche ci sono le spese.

Quando si può costruire un balcone in un edificio in condominio?

Manutenzione condominiale - La costruzione di un balcone in condominio può essere considerata lecita, ma per esserlo deve rispettare determinate norme che variano a seconda delle circostanze.

La proprietà, le spese e le responsabilità connesse al solaio interpiano

Ripartizione spese - Il solaio interpiano in condominio è escluso dal novero delle parti comuni tra tutti i condòmini ed è di proprietà di chi se ne serve come pavimento e soffitto.

Impugnazione delibere e ripartizione delle spese: vizi contestabili e casi ricorrenti

Ripartizione spese - L'impugnazione delle delibere è materia che s'intreccia spesso con quella della ripartizione delle spese: gli aspetti comuni e quelli principali dei due argomenti

Balconi e terrazzi: manutenzione in condominio

Manutenzione condominiale - Quando balconi e terrazzi richiedono una manutenzione questi sono spesso oggetto di discussione nelle riunioni condominiali, e allora come vanno ripartite le spese a seconda dei casi?

Come mettere in sicurezza gli elementi aggettanti

Restauro edile - Il degrado degli elementi aggettanti negli edifici è diventato un problema molto diffuso: ecco alcuni metodi per un risanamento definitivo senza più pericoli.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img 64brunica
Buon giorno,installazione motore esterno del condizionatore su balcone aggettante verandato e ante scorrevoli.Impossibilitato a posizionarlo a terra si è convenuti con...
64brunica 12 Agosto 2015 ore 15:04 3