Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA

Uso della cosa comune

In tema di condominio negli edifici, il codice civile, sia pur rimandando ad una norma dettata in materia di comunione, disciplina le modalità d'uso dei beni comuni.
17 Settembre 2014 ore 12:40 - NEWS Parti comuni

Modalità di utilizzazione dei beni comuni


CondominioQuando si parla di questioni condominiali è frequente sentir chiedere: come possono essere usate le parti comuni?

Che cosa può fare il condomino senza incorrere in lamentele o, peggio ancora, in vere e proprie reprimenda che possono anche portare a lunghi contenziosi?

La prima cosa da fare è consultare il regolamento di condominio; esso, qualunque sia la sua natura (tanto contrattuale, tanto assembleare), per espressa disposizione di legge deve disciplinare l'uso delle cose comuni (art. 1138, primo comma, c.c.).

Può così accadere, ad esempio, che nel regolamento ci sia scritto che il cortile comune è destinato a parcheggio, piuttosto che a deposito, ecc. In questi casi, per fare un uso diverso della cosa comune è necessario deliberarlo in assemblea con le maggioranze previste per le innovazioni.

Che cosa accade, invece, se il regolamento non disciplina l'uso di alcune parti o nel farlo rinvia alle disposizioni contenute nel codice civile?

Quali sono queste norme?

Tra quelle specificamente dettate in materia di condominio (artt. 1117-1139 c.c.) non vi sono espliciti riferimenti all'uso della cosa comune. L'articolo di legge cui fare riferimento, in virtù del richiamo contenuto nell'art. 1139 c.c., è l'art. 1102, primo comma, c.c. dettato in materia di comunione in generale.

Dice questa norma: ciascun partecipante può servirsi della cosa comune, purché non ne alteri la destinazione e non impedisca agli altri partecipanti di farne parimenti uso secondo il loro diritto. A tal fine può apportare a proprie spese le modificazioni necessarie per il migliore godimento della cosa.

Molto spesso, erroneamente, si ritiene che con l'inciso farne parimenti uso, s'intenda dire che ogni condomino può usare la cosa comune al pari degli altri nell'ambito di un comportamento identico e preferibilmente contemporaneo. Come dire, ognuno ha diritto di utilizzare il cortile per parcheggiare, purché questo suo comportamento non impedisca agli altri condomini di fare la stessa cosa nello stesso momento. Si tratta di un'interpretazione della norma troppo restrittiva e per certi versi errata.


Uso della cosa comune secondo la Cassazione


Uso parti comuniI giudici di legittimità sono intervenuti sull'argomento in diverse circostanze affermando che il pari uso della cosa comune non postula necessariamente il contemporaneo uso della cosa da parte di tutti i partecipanti alla comunione, che resta affidata alla concreta regolamentazione per ragioni di coesistenza; che la nozione di pari uso del bene comune non è da intendersi nel senso di uso necessariamente identico e contemporaneo, fruito cioè da tutti i condomini nell'unità di tempo e di spazio, perché se si richiedesse il concorso simultaneo di tali circostanze si avrebbe la conseguenza della impossibilità per ogni condomino di usare la cosa comune tutte le volte che questa fosse insufficiente a tal fine; che, pertanto, la disciplina turnaria dei posti macchina, lungi dal comportare l'esclusione di un condomino dall'uso del bene comune, - come ritiene la sentenza impugnata, - è adottata per disciplinare l'uso di tale bene in modo da assicurarne ai condomini il massimo godimento possibile nell'uniformità di trattamento e secondo le circostanze; che la delibera, la quale disciplina l'uso di un bene comune può essere legittimamente assunta con le maggioranze di cui all'art. 1136 cod. civ., purché sia assicurato il pari uso di tutti i condomini, e cioè il massimo godimento possibile, come è avvenuto nel caso in esame (Cass. 16 giugno 2005 n. 12873).

La Suprema Corte andava a dare giustizia su di una questione inerente i parcheggi condominiali ma il principio espresso ha validità generale.

Si pensi al condominio in cui non tutti i partecipanti hanno l'autovettura. In questi casi se l'uso del cortile non è disciplinato ogni condomino potrà fare l'uso della parte comune che ritiene più soddisfacente senza che però questo limiti il diritto degli altri a farne pari uso secondo i loro intendimenti.


Per chiarire, chi ha l'autovettura potrà parcheggiarla sempre nel cortile ma ciò non deve limitare l'uso che potrebbe fare l'altro condomino sprovvisto di macchina e che per sua scelta vuole adibire una parte del cortile, ad esempio, a deposito.

Ogni uso illegittimo della cosa comune potrà essere sanzionato per il tramite di un'apposita sanzione pecuniaria, se ciò è previsto dal regolamento di condominio .

L'uso illecito o l'abuso sono censurabili anche dall'Autorità Giudiziaria, con azione da parte dell' amministratore o dei singoli condomini, previo esperimento di un tentativo di conciliazione (cfr. artt. 71-quater disp. att. c.c. e 5 d.lgs. n. 28/2010).

riproduzione riservata
Articolo: Uso della cosa comune
Valutazione: 5.00 / 6 basato su 3 voti.

Uso della cosa comune: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • La Targa Professionale Lede Il Decoro Dell?edificio?
    La Targa Professionale Lede Il Decoro Dell?edificio?
    Martedì 20 Marzo 2012, alle ore 11:33
    [...] Il secondo, invece, nel disciplinare il decoro (art. 1138 c.c.) deve comunque tenere presente che ogni condomino ha diritto a far uso delle cose comuni senza che ciò comporti modifiche alle stesse o menomi il pari diritto degli altri (art. 1102 c.c.). [...]
    rispondi al commento
  • Il Costruttore, Il Condominio E Le Servitù : Condominiale.Lavorincasa.it
    Il Costruttore, Il Condominio E Le Servitù : Condominiale.Lavorincasa.it
    Sabato 21 Gennaio 2012, alle ore 12:27
    [...] ciò e considerando che non si potrà richiamare l’art. 1102 c.c. in quanto esso fa riferimento all’uso della cosa comune (ed il passaggio abbiamo detto che è di [...]
    rispondi al commento
  • Lucia Falzoi
    Lucia Falzoi
    Martedì 16 Novembre 2010, alle ore 14:50
    Stabile; 4 appatramenti,3 al piano terra, quarto unico appartamento al primo piano con sottotetto ad uso esclusivo e lastricato solare anchesso ad uso esclusivo( lstricato che fa da copertura alle restanti stanze degi 3 appartamenti del piano terra. Come vengono suddivise le spese del tetto e del lastricato ? metà al primo piano e la restante metà ai piani terra?
    rispondi al commento
  • Lucia Falzoi
    Lucia Falzoi
    Martedì 16 Novembre 2010, alle ore 14:39
    Buon giorno.volevo un chiarimento su una parte comune ( tetto e lastricato solare) ,siamo 4 famiglie in un fabbricato di 4 appartamenti ,io faccio parte dei 3 propietari del piano terra mentre il quarto propietario è al primo piano in un unico appartamento con sottotetto ad uso esclusivo e lastricato solare ad uso esclusivo,che fa da copertura sulle restanti stanze degli appartamenti del piano terra . per il tetto l'inquilino del primo piano deve pagare la metà della spesa e noi restanti tre l'altra metà?e per quanto riguarda il lastricato? grazie
    rispondi al commento
  • Giovanni Degennaro
    Giovanni Degennaro
    Martedì 9 Novembre 2010, alle ore 12:38
    Salve domanda? abbiamo un piccolo giardino in comune in un residence di 32 condomini. Hanno proposto per l'assemblea di fare installare dei giochi per bambini desidero sapere se mi posso opporre e di quanti millesimi ho bisogno, e se ci fosse una legge se qualcuno si fa male. grazie anticipatamente.
    rispondi al commento
  • Sara
    Sara
    Lunedì 8 Febbraio 2010, alle ore 11:06
    Salve, è possibile per un condomino allergico richiedere che nessuno metta piante nelle parti comuni del condominio? oppure è un diritto di tutti i condomini?
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Sostieni Lavorincasa
REGISTRATI COME UTENTE
320.183 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Uso della cosa comune che potrebbero interessarti


È possibile la formazione di un regolamento condominiale giudiziale?

Regolamento condominiale - In questo articolo viene approfondita la questione relativa alla possibilità, per ogni condomino, di chiedere la formazione di un regolamento condominiale giudiziale.

Assemblea condominiale e gestione delle cose comuni

Condominio - L?assemblea è l?organo del condominio avente la funzione di gestione e conservazione delle cose comuni.In sostanza spetta all?assemblea, anche per

Comunicazioni all'assemblea

Condominio - L'assemblea, è notorio, è il luogo in cui i condomini decidono sulla gestione e conservazione delle parti comuni dell'edificio.

Modifica dei criteri di ripartizione delle spese

Condominio - Nel condominio Alfa per lunghi anni, in ragion delle disposizioni contenute nel regolamento contrattuale, le spese per il riscaldamento sono state ripartite

Assemblea e autorità giudiziaria

Condominio - L'assemblea è sovrana! Quante volte, di fronte ad una decisione assunta in sede di riunione, alcune sentenze specificano che le decisioni dell?assise sono obbligatorie per tutti i condomini, assenti e dissenzienti inclusi.

Delibera condominiale e uso delle cose comuni

Condominio - E' regolare la deliberazione che, a maggioranza,decide di delimitare gli spazi pedonali e quelli carrabili in un'area di proprietà comune

Androne in condominio, modalità e limiti nell'uso da parte dei condòmini

Parti comuni - In che modo è possibile utilizzare l'androne condominiale rispettando la sua destinazione e comunque il diritto degli altri condòmini? Le norme e i casi pratici

Delimitazione del parcheggio condominiale

Condominio - Se un condominio è dotato di area a parcheggio comune, l?assemblea, legittimamente ed al fine di disciplinarne l?uso, può decidere di delimitarla

Provvedimenti dell'amministratore e diritti dei condomini

Condominio - La Cassazione, con una sentenza dello scorso 11 maggio, la n. 10347, torna ad occuparsi dei poteri dell?amministratore, dei loro limiti e del corretto
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img manude80
Buongiorno a tutti, volevo porre un quesito riguardo il numero massimo di deleghe per ogni condomino.In questo periodo di Covid il numero di persone possibile per un assemblea...
manude80 16 Novembre 2020 ore 09:10 3
Img luca1954
Salve. Tre settimane fa è stata convocata l'assemblea condominiale che aveva come ordine del giorno l'incarico ad un termotecnico per iniziare il discorso sul superbonus...
luca1954 29 Ottobre 2020 ore 18:56 3
Img leakimetnarud
Buongiorno, sicuramente una domanda simile e già stata trattata ma non ho trovato discussioni che rispondessero al mio quesito...Errore mio, non ho partecipato all'ultima...
leakimetnarud 28 Novembre 2019 ore 10:18 5
Img rodrigo73
Nel mio condominio vi sono alcuni che partecipano all'assemblea senza aver ancora stipulato il contratto di proprietà. Uno ha dichiarato di aver già pagato tutto...
rodrigo73 28 Maggio 2019 ore 18:26 3
Img simonecet
Salve, scusate ho fatto un errore nel titolo ma non mi lascia correggerlo ora..una mia amica ha appena acquistato un appartamento in un condominio, e con sua delusione ha scoperto...
simonecet 13 Marzo 2019 ore 17:16 8