Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA

Catalogare il degrado delle superfici con il lessico Normal

NEWS Materiali edili07 Gennaio 2015 ore 18:19
Il lessico Normal - usato correntemente negli interventi di restauro - permette di catalogare con precisione le forme di degrado delle superfici dell'architettura.

Cos'è il Lessico NORMAL


Una muratura fortemente degradata, con presenza di Mancanze, Macchie, Polverizzazione/Disgregazione dei giunti di malta e una leggera Patina Biologica.Nel 1979, per monitorare l'efficacia degli interventi di protezione e restauro sulle superfici decorate dell'artichitettura e stabilire una classificazione standardizzata delle patologie più ricorrenti, venne formata la cosiddetta Commissione NOR.MA.L (Normativa per i Manufatti Lapidei), a sua volta suddivisa in vari gruppi di studio e lavoro.

Uno dei risultati più rilevanti fu l'emanazione di numerose Raccomandazioni (comunemente indicate con la sigla UNI NORMAL e contraddistinte da un numero) relative ai vari aspetti della catalogazione, studio e trattamento conservativo dei materiali lapidei, e oggi aventi valore prescrittivo e normativo perché inserite a pieno titolo tra le Norme UNI-EN: in particolare, ai nostri fini risulta fondamentale la Raccomandazione 1/88 dal titolo Lessico per la descrizione delle alterazioni e degradazioni macroscopiche dei materiali lapidei.Ricordo inoltre che nel restauro i materiali lapidei comprendono non solo la roccia naturale propriamente intesa, ma anche i laterizi e i cosiddetti materiali lapidei artificiali (malte, intonaci e stucchi).

Come utilizzare il Lessico NORMAL


Una muratura degradata, con Lacune e Distacchi dello strato di intonaco.È quindi evidente che, per chiunque si occupa di restauro (cioè restauratori, architetti e ovviamente imprenditori edili e operai specializzati), risulta assolutamente fondamentale utilizzare il Lessico NORMAL e saper riconoscere e catalogare correttamente le varie tipologie di degrado, perché la Soprintendenza negli interventi sugli edifici vincolati ai sensi del Decreto Legislativo 42/2004 per il rilascio del nulla-osta spesso richiede una specifica documentazione contenente l'analisi del degrado.

È quindi necessario redigere e presentare:

- una relazione tecnico-descrittiva contenente la descrizione dello stato di conservazione generale dell'edificio e delle singole superfici (decorate o meno) oggetto dell'intervento, l'indicazione delle patologie riscontrate e tutte le modalità di pulitura, consolidamento e protezione che si intende adottare;

- una o più tavole del degrado, consistenti in piante (per le coperture, le volte e i pavimenti), sezioni e prospetti (per gli elevati) a piccola scala - 1:50 o meglio ancora 1:20 - sui quali, utilizzando come base il fotopiano in bianco e nero o un rilievo pietra per pietra (ricavato dal fotopiano o disegnato dal vero sulla base di numerosi punti di controllo accuratamente misurati), indicare le varie tipologie di degrado mediante retini o apposite simbologie. Allo scopo si possono utilizzare i retini in bianco e nero forniti dalle stesse Raccomandazioni oppure - soluzione che preferisco perché decisamente più chiara - vari tipi di simboli, linee continue e campiture colorate: in ogni caso, è necessario allegare una buona legenda.

Tale documentazione potrà essere predisposta soltanto dopo l'esecuzione del completo rilievo geometrico e materico dell'edificio, comprendente le misurazioni vere e proprie, l'esecuzione dei fotopiani, lo studio delle fasi, dei materiali e delle tecniche costruttive, e ovviamente una valutazione dello stato di conservazione generale e l'analisi del degrado mediante accurate ispezioni visive e strumentali (che a seconda dei casi possono comprendere anche analisi di laboratorio e altre prove diagnostiche).


Classificare il degrado secondo il Lessico NORMAL


Muratura con Presenza di Vegetazione (muschio), Patine Biologiche, Mancanze e Disgregazione dei giunti di malta..A questo punto, non resta che descrivere le singole tipologie di degrado individuate:

Alterazione cromatica - Si manifesta con un cambiamento di uno o più parametri che definiscono il colore: tinta, chiarezza e saturazione. Ha varie cause (non necessariamente dannose per la conservazione del materiale, perché ad esempio alcune pietre subiscono naturalmente un'alterazione cromatica se esposte per lungo tempo all'aria e alla luce) e può riguardare zone piccole o molto estese (anche un'intera facciata). Generalmente compromette solo l'aspetto estetico del materiale. Se dovuta a cause naturali e riguarda l'intera superficie prende il nome di patina.

Alveolizzazione - Forma di degrado assai grave perché compromette la resistenza del materiale lapideo: si manifesta con la formazione di cavità di dimensioni molto variabili e spesso interconnesse tra loro. Si riscontra generalmente nelle rocce composite, cioè formate da minerali diversi (come ad esempio il granito, le breccie, l'arenaria con molte impurità) ed è dovuta alla diversa resistenza agli agenti atmosferici.

Concrezione - Forma di degrado caratterizzata da una serie di formazioni compatte molto simili a stalattiti, dovute alla percolazione prolungata nel tempo di acqua molto ricca di minerali in corrispondenza di sporti, grondaie, eccetera.

Crosta - Strato superficiale di spessore variabile molto duro e compatto, generalmente rimuovibile con grande difficoltà e particolarmente dannoso per il materiale lapideo, perché alcune tipologie di pietra - ad esempio l'arenaria - possono venire letteralmente consumate e distrutte. Può essere causato dall'inquinamento atmosferico (e in questo caso prende il nome di crosta nera per il suo colore scuro) o da residui di precedenti trattamenti superficiali. Si riconosce facilmente per il suo aspetto molto diverso dal materiale sano.

Deposito superficiale - Accumulo di materiale estraneo (polvere, terriccio, guano di uccelli, eccetera) sulla superficie del materiale: viene rimosso con una semplice pulizia e - con la sola eccezione del guano - non risulta dannoso.


Disgregazione
- Riguarda sopratutto la malta, gli stucchi e gli intonaci, e consiste nella decoesione caratterizzata dal distacco di granuli o piccole parti di materiale sotto minime sollecitazioni meccaniche. Se la disgregazione è molto grave e avanzata - al punto da ridurre la malta a un materiale pulverulento privo di resistenza meccanica - si parla di polverizzazione.

Distacco - Forma di degrado tipica degli intonaci e dei mosaici, consistente nel distacco di uno o più strati dal supporto e/o da uno strato meno superficiale. Può tuttavia riguardare anche rocce con stratificazioni evidenti, tra cui la lavagna o alcuni tipi di arenaria. Il distacco è molto dannoso perché se non trattato velocemente può comportare la caduta di materiale con pericoli di danni a cose o persone e/o la perdita di intere porzioni di superficie.

Efflorescenza - Formazione di sostanze generalmente di colore biancastro e aspetto cristallino, filamentoso o pulverulento sulla superficie del materiale o all'interno di esso (e in caso si parla più propriamente di subefflorescenza). Spesso dovuta ai sali solubili presenti all'interno del materiale, è molto dannosa perché - se non asportata - può causare lesioni, scagliature, distacchi, disgregazione e caduta di parti.

Erosione - Perdita delle porzioni superficiali di un materiale dovuta sopratutto all'usura, alla corrosione chimica o agli agenti atmosferici, e in particolare al vento, al gelo e alla pioggia. Riguarda sopratutto le malte, gli intonaci e l'arenaria.

Esfoliazione - Simile alla scagliatura, questa forma di degrado si manifesta con il distacco e la caduta di sottili fette di materiale tra loro parallele chiamate sfoglie. È tipica sopratutto dell'arenaria e altre rocce sedimentarie.

Fratturazione, Fessurazione o Lesione - Consiste nella formazione di soluzioni di continuità nel materiale, con eventuale spostamento reciproco delle parti. Spesso dovuta agli agenti atmosferici (e in particolare all'alternanza dei cicli gelo/disgelo) e/o ai carichi meccanici troppo elevati, è molto pericolosa perché compromette la resistenza del materiale e - se non trattata - prelude alla caduta di parti.

Incrostazione - Deposito stratiforme compatto e aderente al substrato formato da elementi estranei al materiale: costituisce l'evoluzione di un deposito superficiale molto spesso, tenace e non asportato da lungo tempo.

Macchia - Alterazione superficiale consistente nella colorazione accidentale e limitata di una porzione di materiale. È formata da materiali diversi (ad esempio ruggine, olii o vernice) e deriva anche da atti di vandalismo: se non rimossa con trattamenti adeguati può danneggiare seriamente la superficie, sopratutto nel caso di affreschi o di materiali porosi.

Mancanza - Termine generico riferito alla caduta o perdita di parti, sopratutto se non decorate, come ad esempio mattoni o conci di pietra. Se invece la mancanza riguarda superfici decorate (affreschi, mosaici, intonaci decorati, bassolievi, stucchi, eccetera) si definisce lacuna.

Patina biologica - Strato superficiale di evidente origine biologica morbido e omogeneo, spesso di colore verde, che aderisce perfettamente alla superficie: può essere formato da muffe, alghe o microrganismi.

Presenza di vegetazione - Si riferisce alla presenza di muschi, licheni o vere e proprie piante (perfino arbusti o alberi veri e propri).

Pellicola superficiale - Strato di materiale coerente ed estraneo al materiale lapideo, e generalmente derivante da precedenti finiture superficiali (ad esempio scialbature o spalmature di olii e cere) o trattamenti conservativi e protettivi.

Pitting - Si tratta di una forma di degrado abbastanza simile all'alveolizzazione che prevede la formazione a distanza ravvicinata di fori ciechi, numerosi e ravvicinati, caratterizzati da forma cilindrica e dimensioni di pochi millimetri. Se non trattato adeguatamente, può compromettere la resistenza meccanica del materiale lapideo provocando fessurazioni, distacchi e caduta di parti.

Rigonfiamento - Consiste in un sollevamento localizzato di uno strato del materiale. Riguarda lastre di pietra molto sottili (ad esempio porzioni di rivestimenti superficiali o targhe a muro), pietre molto stratificate (come alcune tipologie di arenaria) e strati di intonaco: in questi ultimi casi, è un evidente indizio di distacchi e sollevamenti, e se non trattato prelude alla caduta di porzioni di materiale.

Scagliatura - Si riferisce al distacco totale o parziale di piccole parti di materialecon forma e spessore irregolari dette scaglie. Spesso si manifesta in corrispondenza di soluzioni di continuità del materiale e può essere provocato e/o aggravato dalla presenza di efflorescenze e subefflorescenze.

riproduzione riservata
Articolo: Lessico Normal: come catalogare il degrado
Valutazione: 5.00 / 6 basato su 3 voti.

Lessico Normal: come catalogare il degrado: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Sostieni Lavorincasa
REGISTRATI COME UTENTE
316.700 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Lessico Normal: come catalogare il degrado che potrebbero interessarti


Isola di calore (UHI)

Progettazione - Fenomeno in crescita nelle metropoli, e' una delle cause piu' silenziose della scarsa qualita' dell'aria e del cambiamento del microclima nelle aree urbane.

Grandi eventi e ingresso gratuito per la Fiera della Casa edizione 2017

Complementi d'arredo - Al via l'edizione numero 60 della Fiera della Casa, l'evento partenopeo dedicato all'arredamento e alla tecnologia per la casa. Quest'anno con ingresso gratuito

Possibili cause di degrado delle superfici di architettura

Restauro edile - Riconoscere e rimuovere le cause di degrado delle superfici dell'architettura è fondamentale per garantire l'efficacia di ogni intervento di protezione e restauro.

Banksy fa ancora notizia col suo negozio di arredamenti a Londra

Complementi d'arredo - Banksy, lo street artist noto per e sue trovate al di fuori degli schemi, sorprende ancora tutti aprendo un negozio d'arredamenti a Londra, ma l'accesso è vietato

Barriere chimiche contro l'umidità di risalita capillare

Risanamento umidità - Uno dei sistemi più efficaci per proteggere un edificio dall'umidità di risalita consiste nel creare una barriera chimica iniettando appositi prodotti nelle murature.

Cucine in polimerico: l'evoluzione del laminato

Cucine moderne - Le cucine in polimerico sono oggi disponibili in una vasta gamma di finiture, stili e colori, con un occhio di riguardo alla funzionalità.

Arredi in carbonio

Arredamento - Nuovi, pregiati e tecnicamente performanti, i complementi realizzati con fibra di carbonio si stanno affermando nel mondo dell'arredo e del design domestico.

Calcolo Trasmittanza Infissi

Infissi Esterni - Per una rapida valutazione della trasmittanza degli infissi di casa occorrono una serie di dati incluse le misure dell'infisso e le caratteristiche termiche.

Il tritarifiuti in cucina: un alleato contro i cattivi odori

Impianti idraulici - Il tritarifiuti da cucina si sta diffondendo sempre più nelle case degli italiani. Scopriamo insieme caratteristiche e vantaggi di questo utile elettrodomestico