Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Ventilazione del tetto con i coppi

NEWS Tetti e coperture13 Febbraio 2014 ore 17:58
La ventilazione del tetto è un'ottima soluzione riguardo il problema della dissipazione del calore, ecco alcune considerazioni sull'uso del sistema con i coppi.

Sistema di ventilazione


Quando si parla di sistema di ventilazione la prima idea che ci sovviene è quella legata ai flussi d'aria schematizzati secondo quello che comunemente è conosciuto come effetto camino. Gli schemi classici indicano con l'ausilio di frecce colorate, il moto dell'aria.

sistema di ventilazioneIl principio di funzionamento di una copertura ventilata è esattamente coincidente con quello di un condotto dell'aria, che presenta un ingresso, in questo caso la gronda, e un'uscita posta in prossimità della falda.

Questo condotto se riscaldato sulla superficie esterna genererà al suo interno una serie di processi che riguardano la circolazione dell'aria e il trasferimento di calore. Il corretto funzionamento di una copertura ventilata realizzata secondo questo sistema è legato essenzialmente alla dimensione del canale di ventilazione, da cui dipenderà di conseguenza anche la velocità di movimento dell'aria al suo interno.


Copertura in coppi come soluzione alla ventilazione


Se si considera una coperture in coppi, confrontando varie tipologie che differiscono tra loro per parametri costruttivi, si è arrivati a definire che per queste tipologie di coperture che sono tipiche della nostra tradizione costruttiva non vale il riferimento al sistema di ventilazione così come lo abbiamo spiegato precedentemente.

copertura in coppiInfatti quando parliamo di coperture realizzate con coppi, la ventilazione risulta essere legata solo parzialmente alla dimensione del condotto, dove per condotto in questo caso s'intende lo spazio che intercorre tra le tegole e il sottotetto. Questo fenomeno della ventilazione è dipendente per buona parte dalle caratteristiche di permeabilità del manto all'aria.

Quindi per ottenere il massimo rendimento termico in una copertura ventilata, cioè per avere la massima portata d'aria nell'intercapedine e quindi la massima quantità di calore asportato dovremmo verificare che siano rispettate alcune condizioni.

Innanzitutto le aree d'ingresso e di uscita dell'aria dovranno essere quarto più grandi possibili in modo da minimizzare cadute di pressione dovute alle ostruzioni che potrebbero esserci in ingresso ed in uscita. Poi la sezione del condotto dovrà essere sufficientemente grande, così come la pendenza della copertura dovrà essere abbastanza elevata.

Se vengono rispettati tutti questi parametri la ventilazione che si ottiene è ottimale, e quindi durante la stagione estiva il tetto realizzato con i coppi in laterizio costituisce un buon mezzo di dissipazione del calore.


Studio del sistema a coppi


Questo sistema di copertura con i coppi può risultare una soluzione valida al problema della ventilazione. Sono stati fatti degli studi relativi ad alcuni tipi di coperture in coppi, facendo riferimento anche ai materiali utilizzati

I tipi scelti sono stati seguenti: un sistema ventilato con coppi realizzato con una culla di alloggiamento in polipropilene e una foratura inferiore per il passaggio di aria; sistema ventilato con coppi realizzato con una culla di alloggiamento in metallo e una foratura inferiore; sistema ventilato con coppi realizzato con distanziatori metallici atti a definire uno spazio ventilato di sezione maggiore rispetto ai precedenti; sistema di copertura con microventilazione e coppi in appoggio al manto di copertura; sistema di copertura non ventilato e non microventilato con malta cementizia per il fissaggio dei coppi.

A seguito di questo è stata eseguita un'analisi termica, dalla quale poi sono state tratte delle considerazioni relativamente al comportamento e al conseguente consumo energetico durante la stagione invernale e durante quella estiva.
Per quanto riguarda il periodo invernale l'arco temporale riguarda i mesi che vanno da novembre a febbraio.
coperture ventilate in coppi (da M. D'Orazio, La progettazione delle coperture ventilate in laterizio)
Per eseguire l'analisi è stato fornito calore al sottotetto secondo uno schema tipo di riscaldamento di circa 8 ore, suddiviso tra mattina e pomeriggio così da cercare di simulare la condizione reale, cercando di capire a quanto ammontava il flusso disperso di calore attraverso i pacchetti di copertura .


Il comportamento di tutte le tipologie rispetto all'apporto di calore interno è lo stesso, cioè durante il giorno le coperture seguono l'innalzamento delle temperature dell'aria interna per l'apporto di calore fornito.

Questo accade principalmente al mattino, durante il pomeriggio invece si assiste ad un comportamento differente poiché si avverte anche se in maniera lieve la differenza di temperatura tra interno ed esterno.

coperture ventilate in coppi (da M. D'Orazio, La progettazione delle coperture ventilate in laterizio)Questo ci fa capire come questo tipo di coperture con i coppi sono un buon modo per evitare la dissipazione di calore.
Quando però viene spento l'impianto di riscaldamento la copertura tende a raffreddarsi più rapidamente, ma la presenza dei laterizi con la loro inerzia termica ritardano in modo consistente questo fenomeno.

Durante la stagione estiva la capacità dissipativa delle coperture ventilate subisce dei cambiamenti.
Abbiamo esattamente il comportamento opposto, notiamo come si ha qualche difficoltà a dissipare il calore accumulato per irraggiamento durante il giorno.

In definitiva, le coperture ventilate appaiono garantire, una effettiva dissipazione del calore in estate, più che in inverno, quindi possono essere una soluzione semplice da adottare.

riproduzione riservata
Articolo: Ventilazione del tetto con i coppi
Valutazione: 5.33 / 6 basato su 3 voti.

Ventilazione del tetto con i coppi: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Ing.montesano
    Ing.montesano
    Venerdì 14 Febbraio 2014, alle ore 18:54
    Grazie mille per i complimenti, spero che questo articolo possa essere d'aiuto a tutti coloro che non hanno ben chiaro come funziona un tetto ventilato.
    rispondi al commento
  • Previatoantonio
    Previatoantonio
    Venerdì 14 Febbraio 2014, alle ore 00:48
    Articolo molto interessante, e ben spiegato, in maniera tecnica!
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
REGISTRATI COME UTENTE
309.263 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Tetto
    Tetto...
    49.00
  • Serramenti risparmio energetico
    Serramenti risparmio energetico...
    220.00
  • Copertura per terrazzo
    Copertura per terrazzo...
    10810.00
  • Box modulare eco
    Box modulare eco...
    1050.00
  • Dondolo da giardino 3 posti
    Dondolo da giardino 3 posti...
    229.90
  • Telo copertura frangivista per ringhiera
    Telo copertura frangivista per...
    19.90
Notizie che trattano Ventilazione del tetto con i coppi che potrebbero interessarti


Le tegole in laterizio

Tetti e coperture - Uno dei sistemi più antichi di copertura prevede l'utilizzo di tegole in laterizio, il cui scopo è quello di proteggere il tetto dalle infiltrazioni di pioggia.

Isolare coperture di sottotetti e mansarde con il minimo ingombro

Tetti e coperture - Per isolare le coperture di mansarde e sottotetti, esistono delle soluzioni dal mininimo ingombro e dalla massima efficienza: si tratta dei pannelli sottocoppo.

Tante tipologie di coppi in cotto per realizzare coperture belle e tecnologiche

Tetti e coperture - Ristrutturare una copertura in coppi nel centro storico senza modificarne l'aspetto, oggi si può con i moderni coppi in cotto. Tante le tipologie disponibili.

Ristrutturare il tetto col sottocoppo metallico

Tetti e coperture - Il sottocoppo metallico è un sistema costituito da una lastra grecata di acciaio e da correntini sagomati al fine di ancorare in modo stabile i coppi tradizionali

Tetti sicuri

Normative - Ripubblicazione della Norma UNI che disciplina le caratteristiche a cui devono rispondere i tetti di copertura.

Lastre portacoppo

Tetti e coperture - Progettare i tetti a falde con le tegole e i coppi in laterizio, utilizzando le nuove tecniche di costruzione, con le lastre portacoppo in fibrocemento PVA, si può.

Tetti mediterranei realizzati con tegole colorate

Materiali edili - Le tegole colorate smaltate sono il materiale da copertura più versatile, bello e resistente alle intemperie. Prodotte in una vastissima gamma di forme e colori

Nuove tegole e coppi per tetti

Tetti e coperture - Oltre all'efficienza energetica, la scelta di un particolare tipo di tegola o coppo per la copertura dei tetti cambia l'aspetto esteriore della propria casa.

Sistemi di fissaggio a secco dei manti di copertura discontinui

Tetti e coperture - I ganci o clip fermacoppi consentono il fissaggio a secco degli elementi dei manti di copertura discontinui in coppi, embrici e tegole marsigliesi o portoghesi.