Il trattamento delle acque reflue domestiche

NEWS Impianti idraulici16 Giugno 2015 ore 13:46
Per evitare l'inquinamento ambientale e la diffusione di malattie, è fondamentale trattare adeguatamente le acque nere provenienti dagli scarichi di bagni e cucine.
acque nere , acque reflue , acque reflue domestiche

Classificazione delle acque reflue domestiche


Le acque reflue si distinguono in acque bianche (acque piovane) e acque nere, provenienti dagli scarichi di bagni e cucine.Lo smaltimento delle acque reflue è sempre stato un problema di salute pubblica e sicurezza igienica assolutamente fondamentale, in quanto fino a epoche molto recenti una loro cattiva gestione ha contribuito in maniera determinante allo sviluppo e diffusione di gravissime epidemie di malattie come dissenteria, epatite e colera.

Attualmente, le acque reflue si distinguono in base alla loro origine: le acque reflue domestiche provengono quindi sia dalle abitazioni private, sia da esercizi commerciali e attività a esse parificate, tra cui caserme, collegi, alberghi, studentati, impianti sportivi, uffici, bar e ristoranti.

Le acque reflue domestiche a loro volta si suddividono in due precise tipologie, le acque bianche (ritenute non pericolose per la salute pubblica e derivanti dal dilavamento di tetti, strade, giardini e cortili a opera di pioggia, neve o grandine), e le acque nere, prodotte invece dagli scarichi delle cucine e dei bagni.

Gli scarichi delle cucine sono anche detti acque saponate grasse per la presenza di detersivi e residui di cibo oleosi, mentre gli scarichi dei bagni si classificano in acque grigie (moderatamente sporche e provenienti da docce, vasche da bagno, lavandini e lavatrici), e acque fecali (orinatoi e tazze wc), contenenti le deiezioni umane.


Smaltimento delle acque reflue in pubblica fognatura


La rete di scolo delle acque nere è formata da tubazioni in pvc serie rossa.Il metodo più semplice per smaltire le acque reflue domestiche è avviarle nella pubblica fognatura: a questo scopo, è però necessario costruire un adeguato impianto di scarico, che nei suoi componenti fondamentali è identico per le abitazioni unifamiliari e gli edifici condominiali.

La prima (e ovvia) accortezza è quella di separare la rete di scolo delle acque nere da quella destinata allo smaltimento dell'acqua piovana, generalmente formata da:
- grondaie in corrispondenza dello sporto di gronda nel caso di coperture a falde inclinate, e/o appositi bocchettoni sui terrazzi, lastrici solari e coperture piane non praticabili;
- pluviali o calate di gronda generalmente in lamiera metallica (rame o acciaio) o robusti tubi di pvc;
- pozzetti di ispezione prefabbricati (quasi sempre di calcestruzzo) ai piedi di ciascuna calata;
- una rete di raccolta in tubazioni di pvc serie grigia (così detti dal loro colore), solitamente con un diametro di almeno 10 cm.

La rete di scarico delle acque nere è invece similmente composta:

- Tubazioni di scarico provenienti dalle singole utenze (ad esempio doccia, lavabo, acquaio della cucina, eccetera), che nel caso di edifici plurifamiliari si immettono nella colonna di scarico condominiale.

- Colonna di scarico condominiale, costituita da una canalizzazione di piombo, acciaio, eternit o addirittura ceramica (nelle abitazioni più vecchie del centro storico), oppure - molto più comunemente - da tubi di pvc serie rossa, così chiamati dal loro colore (in realtà tendente più all'arancione) e garantiti per resistere alle alte temperature. Per evitare la diffusione di cattivi odori o fuoriuscite di acqua sporca dai sanitari, ciascuna colonna è inoltre dotata di un piccolo sfiatatoio sfociante oltre la copertura con un terminale simile a un comignolo detto canna di esalazione.

Pozzetti prefabbricati in cls, studiati per l'ispezione e la protezione delle tubazioni e in particolare del sifone Firenze.- In corrispondenza degli scarichi delle cucine, un pozzetto degrassatore per ciascuna colonna di scarico: si tratta di un pozzetto prefabbricato di cls, di forma cubica con dimensioni di circa 90x60x60 e diviso al suo interno in due o tre parti comunicanti, nelle quali il grasso e l'unto delle acque reflue saponate può depositarsi per sedimentazione senza ostruire le tubature.

- Un sifone Firenze, generalmente situato tra il pozzetto degrassatore e l'immissione della rete di scolo delle acque nere nella pubblica fognatura: consiste in una tubatura di pvc serie rossa sagomata a gomito dotata di un coperchio per l'ispezione, e inoltre protetta da un pozzetto prefabbricato in calcestruzzo da interrare in posizione accessibile; ha la fondamentale funzione di consentire l'ispezione dell'impianto, favorire lo spurgo della rete di scolo e impedire la risalita di cattivi odori.

- Pozzetti di ispezione: normalmente sistemati in corrispondenza di ogni cambio di direzione delle tubazioni della rete di scolo, sono costituiti da manufatti prefabbricati in calcestruzzo di forma quadrata, con lato di circa 40 o 50 cm e dotati di coperchio a botola pedonale o carrabile.

- Tubazioni della vera e propria rete di scolo, in pvc serie rossa e con diametro non inferiore a 10 cm: i tratti rettilinei vengono uniti a incastro con appositi giunti a bicchiere, mentre per i raccordi e le curve esistono appositi pezzi speciali.


Metodi alternativi: fosse biologiche e fitodepurazione


Per le abitazioni isolate (ad esempio in campagna), dove cioè non sarebbe economicamente sostenibile e/o praticabile dal punto di vista logistico fare arrivare la fognatura, si possono utilizzare alcuni sistemi alternativi per lo smaltimento delle acque reflue, e cioè la fossa biologica e la fitodepurazione.

La fossa biologica, o fossa settica convenzionale (un tipo di fognatura definito statico, cioè senza scorrimento dei liquami), è in pratica un grande contenitore a tenuta stagna di vetroresina oppure calcestruzzo prefabbricato o gettato in opera, di forma cilindrica o parallalepipeda, da interrare a una quota prefissata rispetto al piano di campagna.

In superficie emergono infatti solo una botola per l'ispezione e una canna di esalazione dei gas prodotti dalla fermentazione dei liquami.

Anche se ne esistono diverse tipologie, il loro funzionamento è simile: le acque nere vengono immesse all'interno del manufatto, o più precisamente in un apposito vano (ogni fossa biologica è infatti divisa in due o più parti) in cui la componente solida si deposita e fermenta, venendo digerita dai batteri anaerobi, che ne riducono la setticità. Successivamente la parte liquida risultante, ormai depurata dalle deiezioni umane e parzialmente chiarificata, fuoriesce dalla fossa tramite un apposito condotto, e può essere sottoposta a ulteriori trattamenti (come la fitodepurazione) oppure utilizzata per irrigare e concimare il terreno.

Tuttavia, per funzionare correttamente, una fossa biologica richiede una costante manutenzione, perchè è fondamentale procedere regolarmente al suo espurgo, svuotamento e lavaggio con getti d'acqua da parte di una ditta specializzata.

Anche la fitodepurazione si basa su principi di funzionamento abbastanza simili: un impianto di fitodepurazione è infatti costituito da una vasca a cielo aperto adeguatamente impermeabilizzata in cui vengono convogliate le acque reflue.

Sul fondo si trova uno strato di ghiaia di varia granulometria, con la funzione fondamentale di filtrare le acque nere, mentre nella vasca vanno messe a dimora numerose piante acquatiche, le vere protagoniste del processo di depurazione: infatti, assorbendo le sostanze nutritive contenute nei liquami, è possibile abbatterne la setticità, chiarificando le acque che possono venire re-immesse nell'ambiente senza alcun danno.

riproduzione riservata
Articolo: Trattamento acque reflue domestiche
Valutazione: 3.54 / 6 basato su 13 voti.

Trattamento acque reflue domestiche: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Trattamento acque reflue domestiche che potrebbero interessarti
Acque reflue e il trattamento con le vasche Imhoff

Acque reflue e il trattamento con le vasche Imhoff

Impianti idraulici - L'installazione di una vasca Imhoff costituisce una valida alternativa al classico sistema fognario, adatta per singole abitazioni o per piccoli nuclei abitativi
I sistemi per il trattamento delle acque reflue domestiche

I sistemi per il trattamento delle acque reflue domestiche

Impianti idraulici - Le acque reflue domestiche vanno trattate e chiarificate per evitare la diffusione delle malattie e l'inquinamento di corsi d'acqua e falde acquifere sotterranee
Disoleatori-Degrassatori per trattamento acque reflue

Disoleatori-Degrassatori per trattamento acque reflue

Ristrutturazione - I degrassatori-disoleatori, effettuano un trattamento di decantazione, sedimentazione e flottazione a gravità per separare sostanze inquinanti dalla acqua.

Smaltimento acque di prima Pioggia

Impianti - L'importanza di smaltire le acque piovane che spesso sono causa di allagamenti.

Smaltimento delle acque reflue in fossa biologica

Impianti idraulici - Le fosse biologiche consentono il regolare e sicuro smaltimento delle acque reflue domestiche nelle zone non servite dalla pubblica fognatura perché isolate.

Reflusso dalla fognatura

Impianti idraulici - Il reflusso dalla fognatura può avvenire nei servizi igienici dell'interrato soprattutto in occasione di temporali, ma esistono delle soluzioni per prevenirlo.

Funzionamento Sistemi Fumari

Impianti - I sistemi fumari nelle principali caldaie ad uso civile, le più diffuse delle quali sono quelle di tipo C, si distinguono per tipologia nei generi a secco ed a umido.

Bagno interrato: evitare errori di costruzione

Zona bagno - Quali problemi per gli scarichi fognari possono sorgere collocando un bagno nell'interrato o nel seminterrato e quali sono gli accorgimenti efficaci per prevenirli?

Impianto di fitodepurazione per il trattamento delle acque reflue

Impianti rinnovabili - La fitodepurazione è una nuova tecnologia per il trattamento delle acque reflue. Un sistema innovativo che attraverso l'impiego di piante è in grado di depurare
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img albinetti
E' vero che la pendenza per le tubazioni relative alle acque nere deve essere 1-2 PER MILLE al massimo, ovvero 1mm al metro, altrimenti si intasano?...
albinetti 29 Giugno 2010 ore 20:35 8
Img veloxino
Salve  vivo nel comune di Aprilia,ho bisogno di sapere quale regolamento vige nel Lazio in merito alle acque reflue.In maniera particolare ho un impianto di depurazione ma...
veloxino 27 Giugno 2016 ore 15:38 2
Img maryquant
In merito alla distinzione fra acque nere, grigie e bianche, quali sono gli adempimenti che il condominio deve eseguire?Spero di aver posto bene la domanda, perchè l'...
maryquant 02 Giugno 2015 ore 22:52 2
Img svabodafree_2017
Buongiorno a tutti, abito in un piccolo condominio con amministratore. Al rientro da un weekend lungo, mi sono trovato la casa allagata (l'acqua è uscita dall'ingresso ed...
svabodafree_2017 18 Luglio 2017 ore 14:45 5
Img deddo001
Buongiorno.sto costruendo un piccolo monolocale in campagna per il quale abbiamo in prima fase dichiarato nella SCIA che gli scarichi verranno collegati alla Imhoff del fabbricato...
deddo001 08 Giugno 2018 ore 12:21 1
REGISTRATI COME UTENTE
304.810 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Pompa sommergibile per acque bianche DAB Verty Nova
    Pompa sommergibile per acque...
    142.00
  • Tenda da giardino EMMA
    Tenda da giardino emma...
    3048.98
  • Protettivo idrorepellente weber FV-A KIT
    Protettivo idrorepellente weber...
    93.00
  • Ciottoli di pietra bianca Marino di Roma
    Ciottoli di pietra bianca marino...
    10.00
  • Metal detector cercametalli
    Metal detector cercametalli...
    129.99
  • Tester multimetro digitale
    Tester multimetro digitale...
    22.99
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Velux
  • Claber
  • Faidatebook
  • Kone
  • Vimec
MERCATINO DELL'USATO
CHIEDI PREVENTIVI DEL SETTORE:
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.