Spese condominiali contestate

NEWS DI Ripartizione spese07 Maggio 2015 ore 15:20
Le spese condominiali devono essere pagate perché si è proprietario di un'unità immobiliare ubicata in condominio. Chi e in che modo può contestarle se le ritiene errate?

Spese condominiali


Spese condominialiChi e perché è obbligato a pagare le spese condominiali ?

La domanda sembra banale, ma invece nasconde dei risvolti tutt’altro che di pronta soluzione.

Partiamo dal perché si pagano le spese condominiali per poi passare all’individuazione dei soggetti obbligati.

Le spese condominiali si pagano perché s’è proprietari dell’unità immobiliare ubicata in condominio. Si tratta, ce lo dicono la dottrina e la giurisprudenza, di un’obbligazione propter rem (cfr. Cass. 18 aprile 2003 n. 6323).

La dottrina ha spiegato che sono tali quelle obbligazioni derivanti dalla contitolarità del diritto reale sulle cose, sugli impianti e sui servizi comuni (A. Scarpa, L'obbligazione propter rem dei condomini per le spese di conservazione delle parti comuni , Riv. giur. edilizia 004, 1, 107).

Così come si pagano le rate del mutuo perché s’è stipulato un contratto con la banca, nel caso delle spese condominiali il vincolo al pagamento sta nel fatto che s’è proprietari dell’immobile; la misura dell’obbligo, poi, è questione rimessa alla gestione del condominio.

Il proprietario, s’è detto, paga in quanto proprietario. Esistono, tuttavia, una serie di altri soggetti tenuti al pagamento degli oneri condominiali. Si pensi all’usufruttuario o al conduttore.

Il primo di questi due è tenuto a contribuire direttamente verso il condominio, rispondendo in solido con il proprietario (art. 67 disp. att. c.c.).

L’inquilino, invece, non ha nessun rapporto diretto con l’amministratore per ciò che concerne le spese condominiali, almeno così dice l’unanime giurisprudenza di legittimità ed è obbligato al pagamento solamente verso il proprietario di casa . Il conduttore che non paga gli oneri condominiali non rischia di vedersi notificare un decreto ingiuntivo dall’amministratore condominiale, ma – a determinate condizioni – una intimazione di sfratto dal proprietario.

La misura dell’obbligo contributivo è determinata dal preventivo e dal rendiconto di gestione, che sono atti predisposti dall’amministratore e approvati dall’assemblea.

Nell’ambito di tali documenti contabili, poi, è possibile individuare le spese che spettano all’usufruttuario (es. spese ordinarie) e al conduttore (es. quelle connesse all’erogazione di servizi, quali pulizia scale, luce, ecc.).

Questo il contesto di carattere generale: vediamo ora che cosa si può fare se ci sono delle spese condominiali contestate, anche in relazione alla veste assunta dal contestatore.


Contestazione delle spese condominiali


Ciò che dice il preventivo o il rendiconto, non è la bibbia: insomma il suo contenuto, entro determinati limiti e condizioni, può essere contestato. Lo stesso dicasi per la richiesta avanzata dal proprietario verso l’inquilino.

Nel preventivo e nel rendiconto, si diceva, sono inserite le spese condominiali rispettivamente da sostenersi nel corso dell’anno, nonché quelle sostenute durante l’anno di gestione appena trascorso. È da qui che parte tutto, anche le eventuali contestazioni dell’usufruttuario e del conduttore. Vediamo perché.


Esempio di spese condominiali contestate dal proprietario


Tizio, proprietario di un locale commerciale nel condominio Alfa con accesso esclusivo dalla pubblica via, si avvede che al momento dell’approvazione del rendiconto gli sono addebitate spese condominiali per la pulizia delle scale, dalle quali è specificamente escluso sulla base del regolamento condominiale. In tal caso Tizio ha due possibilità:

a) contestare la spesa in sede di approvazione del rendiconto chiedendo il ricalcolo della sua quota e conseguentemente la modifica del piano di riparto;

b) in caso di insuccesso, contestare le spese condominiali addebitategli mediante un’impugnazione della delibera condominiale.


Esempio di spese condominiali contestate dall’usufruttuario



Spese contestateCaio, usufruttuario di un appartamento nel condominio Beta, si avvede che al momento dell’approvazione del rendiconto gli sono addebitate spese condominiali straordinarie, che, invece dovrebbero essere poste in capo al nudo proprietario. In tal caso Caio ha due possibilità:

a) contestare la spesa in sede di approvazione del rendiconto chiedendo il ricalcolo della sua quota e conseguentemente la modifica del piano di riparto con addebito al nudo proprietario;

b) in caso di insuccesso, contestare le spese condominiali addebitategli mediante un’impugnazione della delibera condominiale.

Si badi: rispetto al condominio nudo proprietario e usufruttuario sono solidamente obbligati (art. 67 disp. att. c.c.); la contestazione della delibera, pertanto, ha valore soprattutto per ristabilire una regolarità formale dei conti che possa tornare utile nel caso di azione di rivalsa ma che non precluderebbe al condominio di agire contro l’usufruttuario al di là della corretta imputazione formale di quel costo, stante per l’appunto la succitata solidarietà tra questi due soggetti nei rapporti con il condominio.


Esempio di spese condominiali contestate dal conduttore


Sempronio, conduttore di un appartamento nel condominio Beta, si avvede che tra le spese condominiali che gli vengono richieste è inserito anche il costo dell’assicurazione condominiale che dev’essere pagato dal proprietario. Egli può farlo presente al proprietario:

a) chiedendo la rideterminazione della quota e riservandosi di pagare in quel momento;

b) rideterminando egli stesso il dovuto, specificando per iscritto al proprietario il perché del pagamento in misura inferiore, invitando a desistere dal chiedergli quella somma in futuro;

c) pagando il tutto riservandosi di domandarne la restituzione al termine di ulteriori verifiche.

È utile ricordare che l’esempio dell’assicurazione è estensibile a tutte le altre che, per legge o per contratto, devono essere poste in capo al proprietario. Nei casi di spese dubbie, infine, il conduttore può sempre attivare la procedura di cui all’art. 9, terzo comma, l n. 392/78 che recita:

Il pagamento deve avvenire entro due mesi dalla richiesta. Prima di effettuare il pagamento il conduttore ha diritto di ottenere l'indicazione specifica delle spese di cui ai commi precedenti con la menzione dei criteri di ripartizione. Il conduttore ha inoltre diritto di prendere visione dei documenti giustificativi delle spese effettuate.

riproduzione riservata
Articolo: Contestazioni spese condominiali
Valutazione: 5.75 / 6 basato su 4 voti.

Contestazioni spese condominiali: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Stella3
    Stella3
    Lunedì 30 Luglio 2018, alle ore 11:44
    Mi scusi vorrei chiederle un'informazione,
    ho un problema che non so come risolvere, abito in un appartamento che non è di mia proprietà ma che in passato sono rimasta d'accordo con l'amministratore di condominio e con il proprietario che io mi facevo carico delle spese condominiali.
    Dopo 6 anni l'amministratore di condominio è cambiato, i bollettini delle spese sono sempre a mio nome ed ho contratto un debito al 2016 di quasi 6000 euro.
    Pagando più o meno da 300 o 250 o quello che potevo ho fatto ridurre il debito a 2300 euro.
    Oggi ricevo una lettera dall'avvocato dove spiega che devo pagare quella cifra più 300 euro di oneri, io ho fatto presente più di una volta che pagavo come potevo è che non ho un lavoro fisso, loro quando hanno fatto il cambio d'amministratore di condominio, hanno continuato a inviarmi i bollettini della spesa come prima.
    Come devo fare se quella cifra non gli ho e non ho come averla per difendermi?
    Scusi per il disturbo,
    Spero possiate aiutarmi, ringrazio.
    rispondi al commento
  • Mariu1
    Mariu1
    Sabato 2 Giugno 2018, alle ore 01:52
    Mi sono accorta di aver pagato anche l'assicurazione condominiale tra le spese al proprietario. Ho chiuso il contratto due anni fa. Posso chiedere il rimborso? 
    rispondi al commento
    • Lucag1979
      Lucag1979 Mariu1
      Lunedì 4 Giugno 2018, alle ore 10:52
      Se non avete firmato una liberatoria, cioè una dichiarazione con la quale le parti dichiarano di non avere nulla a pretendere, secondo me sì. Però fai conto che devi valutare se "l'impresa vale la spesa", poiché  se il proprietario non vuole saperne di restituirti la spesa devi fargli causa.
      rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Contestazioni spese condominiali che potrebbero interessarti
Il conduttore ha diritto alla specifica degli oneri condominiali

Il conduttore ha diritto alla specifica degli oneri condominiali

Condominio - Il conduttore di un'unità immobiliare ubicata in condominio ha sempre diritto alla specifica degli oneri condominiali richiestigli dal proprietario
Il proprietario, l'inquilino e le spese condominiali.

Il proprietario, l'inquilino e le spese condominiali.

Condominio - Chi abita in affitto ed in condominio sa che la materia delle spese condominiali genera frizioni, se non proprio contrasti con il proprietario dell'unità
Nuovo condomino e pagamento delle spese condominiali del venditore

Nuovo condomino e pagamento delle spese condominiali del venditore

Ripartizione spese - Il nuovo condomino non ha altra possbilità se non quella di pagare le spese condominiali del venditore, per poi rivalersi sullo stesso delle somme sborsate

Comodato e spese condominiali

Ripartizione spese - Il comodato d'uso è un contratto da cui deriva un diritto personale di godimento. La relazione tra comodato e spese condominiali e i vantaggi per il comodante.

Conduttore e spese condominiali

Affittare casa - Il proprietario di un unità immobiliare in condominio ha sempre diritto di ottenere dal conduttore il rimborso di determinate spese condominiali. Come provarle?

Spese ascensore in condominio: spettano anche a chi abita al piano terra

Parti comuni - Suddivisione delle spese per la manutenzione e sostituzione dell'ascensore. Sono dovute anche da chi ha un locale o negozio con accesso diretto a piano terra.

Ripartizione delle spese legali derivanti da cause condominiali, ipotesi e soluzioni

Ripartizione spese - In tema di cause condominiali è utile distinguere le posizioni dei vari condòmini al fine di poter valutare se imporgli parte del pagamento per l'onorario dell'avvocato.

Perché chi acquista paga le spese arretrate?

Ripartizione spese - In tema di condominio uno dei problemi più frequenti, e motivo di litigio al momento della compravendita d'una unità immobiliare, riguarda le spese condominiali.

Spese condominiali e onere della prova verso il conduttore

Ripartizione spese - Il conduttore di un'unità immobiliare deve pagare le spese condominiali di sua competenza e per farlo può chiedere chiarimenti sulla natura delle somme domandategli.
REGISTRATI COME UTENTE
295.563 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Pratiche detrazioni fiscali
    Pratiche detrazioni fiscali...
    500.00
  • Installazione di antenne
    Installazione di antenne...
    54.00
  • Colombo forever spandisapone
    Colombo forever spandisapone...
    85.00
  • Colombo forever appenditutto
    Colombo forever appenditutto...
    28.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Inferriate.it
  • Mansarda.it
  • Officine Locati
  • Weber
  • Kone
  • Faidatebook
  • Black & Decker
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.