Problematiche connesse al rendiconto condominiale

NEWS DI Ripartizione spese
Il rendiconto è il documento conclusivo dell'anno di gestione del condominio, contenente determinate informazioni previste dalla legge e può essere contestato.
07 Dicembre 2015 ore 13:30
Avv. Alessandro Gallucci

Funzione del rendiconto


Rendiconto consuntivoLa misura dei contributi condominiali che ogni comproprietario è tenuto a versare per la conservazione ed il godimento delle parti comuni di un edificio è stabilita in due documenti; si tratta del preventivo e del rendiconto consuntivo.

In sostanza con il preventivo, come fa intuire il termine, si calcola in anticipo quanto necessario per l'erogazione dei servizi comuni (es. assicurazione stabile, compenso amministratore, spese per luce e pulizia scale, ecc.).
Nel corso dell'anno, quindi, la quota indicata a preventivo sarà quella che dovrà essere versata poiché, presumibilmente, l'amministratore (o comunque chi s'impegna a gestire il condominio) dovrà spendere.

Al termine della gestione annuale l'amministratore è tenuto a rendere il conto della gestione.

In questo caso si parlerà di rendiconto consuntivo per indicare la valutazione finale delle spese effettuate e per verificare se quanto versato è sufficiente, insufficiente o addirittura sovrabbondante.

Entrambi i documenti sono atti che devono essere predisposti dall'amministratore e sottoposti all' assemblea di condominio per la loro approvazione.

Tale approvazione è da ritenersi valida:

a) in prima convocazione, se la deliberazione che la riguarda è adottata dalla maggioranza degli intervenuti all'assemblea che rappresentino almeno 500 millesimi (cfr. art. 1136, secondo comma, c.c.);

b) in seconda convocazione, se viene approvata dalla maggioranza dei presenti in assemblea che rappresenti quantomeno un terzo del valore dell'edificio (ossia 333 millesimi, cfr. art. 1136, quarto comma, c.c.).


Contenuto del rendiconto


Norma di riferimento è il primo comma dell'art. 1130-bis c.c. a mente del quale:

Il rendiconto condominiale contiene le voci di entrata e di uscita ed ogni altro dato inerente alla situazione patrimoniale del condominio, ai fondi disponibili ed alle eventuali riserve, che devono essere espressi in modo da consentire l'immediata verifica. Si compone di un registro di contabilità, di un riepilogo finanziario, nonché di una nota sintetica esplicativa della gestione con l'indicazione anche dei rapporti in corso e delle questioni pendenti.

Si tratta di una norma inserita nel codice civile dalla così detta riforma del condominio; essa, in buona sostanza, ha ripreso le indicazioni della giurisprudenza riguardanti chiarezza, semplicità e trasparenza. È questo il significato da attribuire alla locuzione consentire l'immediata verifica.

Nel merito, poi, è bene specificare che il registro di contabilità dev'essere redatto secondo il criterio di cassa mentre il riepilogo finanziario secondo quello di competenza.

È utile rammentare che, ai sensi dell’art. 1130 n. 10 c.c., l’amministratore è tenuto a presentare il rendiconto di gestione all’assemblea entro centottanta giorni dalla chiusura dell’esercizio di riferimento.

La mancata presentazione dei entro tale termine legittima ogni condomino, senza il preventivo passaggio assembleare, a ricorrere al Tribunale competente (quello del luogo in cui è ubicato l'immobile) per ottenere la revoca giudiziale dell'incarico dell'amministratore (art. 1129 c.c.).


Effetti dell’approvazione del rendiconto condominiale


Approvazione rendicontoAccade sovente che nonostante l'approvazione del rendiconto condominiale uno o più condomini si rifiutino di pagare perché a loro modo di vedere i conteggi sono errati o, peggio ancora, le spese in esso inserite non sono veritiere.

Che cosa fare in questi casi?

Quando il condomino ha ragione e quando, invece, è tenuto a versare gli importi richiesti?

Prima della riunione è prassi, confermata dalle pronunce giurisprudenziali, che l'amministratore debba mettere a disposizione i documenti giustificativi di spesa al fine di consentire una discussione quanto più informata possibile in sede d'assemblea.

Nel corso dell'assise i condomini, discusso il rendiconto di gestione, possono:

a) approvarlo;

b) non approvarlo;

c) chiederne una modifica ed approvare quello risultante da tale richiesta.

In relazione alla non approvazione è necessario distinguere l'ipotesi dell'impossibilità di approvare per mancato raggiungimento della maggioranze richieste da quella della bocciatura sic et simpliciter dei conti.

Alla prima ipotesi segue la necessità di una ulteriore convocazione per sottoporre nuovamente i conti all'attenzione dell'assise.

Quanto al caso di bocciatura, invece, bisognerà valutare se l'assise non ha stabilito null'altro o se invece si siano richieste delle correzioni del conto di gestione (si pensi al non riconoscimento di alcune spese straordinarie non urgenti).

Nel primo caso, in assenza di utili indicazioni che facciano comprendere le ragioni della mancata approvazione, non è errato ipotizzare che l'amministratore debba riconvocare l'assemblea per permettere una nuova decisione (la sostituzione di deliberazione è pienamente legittima se fatta con le maggioranze necessarie per il singolo punto posto in discussione).

Nell'ipotesi di richiesta di modifiche, l'amministratore dovrà modificare il rendiconto e presentare quest'ultimo all'adunanza per l'approvazione dello stesso.

È utile ricordare che l’assemblea, con il voto favorevole della maggioranza dei presenti ad almeno 500 millesimi, può deliberare la revisione della contabilità condominiale per una o più annualità specificamente individuate. La spesa per la revisione contabile dev’essere ripartita tra tutti i condòmini secondo i millesimi di proprietà (art. 1130-bis c.c.).

Che cosa accade una volta approvato il rendiconto?

La legge è chiara nell'affermare che le deliberazioni assembleari sono obbligatorie per tutti i condomini (art. 1137 c.c.).

Ciò vuol dire che assenti, astenuti e dissenzienti, al pari dei favorevoli, dovranno rispettare la delibera e, quindi, eventualmente pagare i conguagli a debito che sono stati approvati.

Riprendendo i quesiti formulati all'inizio, la risposta è molto semplice: per contestare i conteggi, i condòmini devono impugnare la deliberazione con cui sono stati approvati.

Ciò vuol dire che se può ipotizzarsi l'annullabilità della deliberazione assenti, astenuti e dissenzienti potranno opporsi nei modi e nei termini di cui agli artt. 1137 c.c.

Nel caso in cui, invece, può supporsi la nullità della decisione dell'assise, l'azione giudiziaria potrà essere avviata in ogni tempo e da chiunque vi abbia interesse (ivi compresi i condomini favorevoli).

Senza l'impugnazione e fino alla sentenza definitiva che decida in merito, nessun condomino potrà avanzare supposte causa d'invalidità della deliberazione al fine di non rispettarla (e quindi non pagare gli oneri condominiali); così facendo egli si esporrebbe ad un'azione giudiziaria per morosità per omessa pagamento degli oneri condominiali ai sensi dell'art. 63 disp. att. c.c.

Resta inteso che nel caso d'impugnazione il giudice, se richiesto, può sospendere l'efficacia della deliberazione di approvazione dei conti.

Solamente in questo caso il condomino sarebbe esonerato a pagare quanto contestato, fino alla definizione del giudizio.


Rendiconto consuntivo falso


Quali sono le conseguenze rispetto alla validità della delibera di approvazione del rendiconto, se si scopre che lo stesso è falso, ossia contiene voci (di entrata o di spesa) non veritiere? Quali le conseguenze per l’amministratore?

Le voci inserite nel documento contabile devono trovare riscontro nella documentazione in possesso dell'amministratore. In sostanza se nel rendiconto si dice che nell'anno 2015 sono stati spesi 1.000,00 € per manutenzione ascensore, tra le fatture in possesso dell'amministratore ve ne devono essere tante (o una) che diano riscontro a quel dato.

Lo stesso dicasi per le entrate: se Tizio ha versato 100 € dev'essere indicato nel rendiconto l'esatto ammontare del suo versamento.

Siamo abituati a ragionare in termini d'impugnazione del rendiconto per errori nei criteri di ripartizione. Che cosa accade, però, se ci si avvede che il rendiconto è falso? Con questa locuzione intendiamo fare riferimento ad una rendicontazione non veritiera, diversa dalla realtà sottostante.

RendicontoSi pensi a versamenti non riconosciuti o peggio a spese inserite e mai sostenute. In tal caso il rendiconto dev'essere considerato nullo.

Vale la pena ricordare che, secondo la Cassazione, che sono da ritenersi nulle le delibere prive degli elementi essenziali, con oggetto impossibile o illecito (contrario all'ordine pubblico, alla morale e al buon costume), con oggetto che non rientra nella competenza dell'assemblea, che incidono sui diritti individuali, sulle cose, sui servizi comuni o sulla proprietà esclusiva di ognuno dei condomini o comunque invalide in relazione all'oggetto (Cass. SS.UU. n. 4806/05).

Una delibera di approvazione di un rendiconto falso (per dolo o per colpa del suo redattore) è nulla in quanto lesiva del diritto del condomino a conoscere l'esatto stato contabile della compagine.

Se, poi, vi fossero gli elementi utili a far ipotizzare una frode, ciascun condomino potrebbe denunciare l' amministratore di condominio per il reato di cui all'art. 640 c.p. vale a dire per truffa.


Rendiconto e anticipazioni dell’amministratore


Alle volte, per esigenze di celerità e per urgenza, l'amministratore si trova a dover anticipare delle somme di denaro per il condominio.

In tal caso, anche in considerazione delle norme sul mandato, i condòmini devono rimborsare al mandatario le anticipazioni, con gli interessi legali dal giorno in cui sono state fatte (art. 1720, primo comma, c.c.).

Per ottenere il rimborso, naturalmente, il legale rappresentante dei condomini dovrà dar prova d'aver anticipato delle somme.

La Cassazione ha più volte affermato che in materia di deliberazioni di assemblea condominiale , l'approvazione del rendiconto ha valore di riconoscimento di debito in relazione alle sole poste passive specificamente indicate.

Pertanto, l'approvazione di un rendiconto di cassa che presenti un disavanzo tra uscite ed entrate, non implica che, per via deduttiva, possa ritenersi riconosciuto il fatto che la differenza sia stata versata dall'amministratore utilizzando denaro proprio, ovvero che questi sia comunque creditore del condominio per l'importo corrispondente, atteso che la ricognizione di debito, sebbene possa essere manifestata anche in forma non espressa, richiede pur sempre un atto di volizione su di un oggetto specificamente sottoposto all'esame dell'organo collettivo, chiamato a pronunciarsi su di esso (così Cass. 9 maggio 2011 n. 10153).

Il rendiconto, quindi, per essere utilizzato in tal senso dall'amministratore, dovrà contenere la specifica indicazione delle somme per le quali egli ha effettuato le anticipazioni.


Rendiconto condominiale e privacy


I condòmini possono lamentare una lesione del loro diritto alla riservatezza data dalla circostanza che i eventuali debiti verso il condominio siano inseriti nel rendiconto condominiale?

La domanda, in sostanza, è stata posta al Garante della privacy che ha risposto negativamente.

L’Autorità per la protezione dei dati personali ha avuto modo di specificare che anche per esercitare i controlli in ordine all'esattezza dell'importo dovuto a titolo di contributo per la manutenzione delle parti comuni e per l'esercizio dei servizi comuni, ciascun partecipante può essere informato in ordine all'ammontare della somma dovuta dagli altri; in ragione delle regole sul mandato, che (per costante giurisprudenza) trovano applicazione per regolare il rapporto tra i partecipanti e l'amministratore, questi informa i singoli partecipanti degli eventuali inadempimenti, sia nelle usuali forme del rendiconto annuale (art. 1130 c.c.), come pure, in ogni tempo, a seguito dell'esercizio del potere di vigilanza e controllo spettante a ciascun partecipante al condominio sull'attività di gestione delle cose, dei servizi e degli impianti comuni (cfr. Cass., 26 agosto 1998, n. 8460; Cass., 29 novembre 2001, n. 15159; v. altresì, Provv. Garante 16 luglio 2003) (Provv. Garante 18 maggio 2006).

In pratica non solamente il singolo condomino deve sottostare a vedere inserita nel rendiconto la sua posizione contabile nei confronti della compagine ma deve pure tollerare, in quanto legittime, le eventuali richieste individuali rivolte da uno dei suoi vicini all'amministratore.

riproduzione riservata
Articolo: Rendiconto condominiale: approvazione ed effetti
Valutazione: 4.18 / 6 basato su 11 voti.
  • fs
  • fs
  • fs
  • fs

Rendiconto condominiale: approvazione ed effetti: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Antonio
    Antonio
    Martedì 24 Gennaio 2017, alle ore 12:36
    Vorrei sapere come mai nel bilancio ci sono due volte le spese bancarie
    rispondi al commento
    • Lucag1979
      Lucag1979 Antonio
      Giovedì 2 Febbraio 2017, alle ore 15:28
      Senza poterlo leggere non è possibile rispondere. Magari è un errore, magari il condominio ha due conti correnti, magari ci sono state più spese ma non sono state chiaramente indicate.
      rispondi al commento
  • Adriana Assegnati
    Adriana Assegnati
    Domenica 27 Novembre 2016, alle ore 20:59
    Per far valere la nullità è necessario rivolgersi ad un Giudice?
    rispondi al commento
    • Lucag1979
      Lucag1979 Adriana Assegnati
      Lunedì 28 Novembre 2016, alle ore 18:14
      Sì, ad un giudice per il tramite di un avvocato.
      rispondi al commento
  • Alla Munchenbach
    Alla Munchenbach
    Mercoledì 16 Novembre 2016, alle ore 10:13
    Grazie del dettagliato articolo.
    Tuttavia non ho trovato risposta al mio quesito.
    In che misura può differire il consuntivo dal preventivo. avendo io subito un aumento di oltre il 50% in un anno.
    Mi chiedevo se ciò fosse regolare o al contrario contestabile.
    Mi pare che tale info manchi nel suo articolo.
    rispondi al commento
    • Lucag1979
      Lucag1979 Alla Munchenbach
      Giovedì 17 Novembre 2016, alle ore 14:35
      La differenza può consistere anche in migliaia di euro, purché si tratti di spese legittimamente operate dall'amministratore, ad esempio in quanto urgenti, o comunque deliberate dall'assemblea. Per rispondere bisognerebbe valutare le carte.
      rispondi al commento
  • Admaiora
    Admaiora
    Martedì 25 Ottobre 2016, alle ore 16:54
    Gent.le Avvocato, vorrei essere certo che in caso di versamenti non riconosciuti il rendiconto debba considerarsi falso e perciò nullo (non annullabile).
    A quali delle ragioni di nullità elencata dalla Cassazione citata il caso di versamenti non riconosciuti può essere ricondotto?
    rispondi al commento
    • Lucag1979
      Lucag1979 Admaiora
      Mercoledì 26 Ottobre 2016, alle ore 15:49
      Il rendiconto non veritiero è nullo in quanto contrario alla legge.
      rispondi al commento
  • Pinguino62
    Pinguino62
    Giovedì 10 Dicembre 2015, alle ore 12:05
    I termini dei 30 giorni sono passati, ma se c'è una ripartizione errata da ben oltre un anno e lui non l'ha corretta quanto tempo ho?
    rispondi al commento
    • Lucag1979
      Lucag1979 Pinguino62
      Lunedì 14 Dicembre 2015, alle ore 17:20
      Molto dipende da ciò che è scritto nel verbale. Solitamente, almeno secondo le ultime indicazioni della cassazione, la ripartizione errata è causa di annullabilità della delibera, mentre la deroga ai criteri legali senza il consenso di tutti i condòmini rende la delibera nulla. Fossi in te farei vedere le carte ad un legale di tua fiducia per valutare comunque il da farsi.
      rispondi al commento
  • Pinguino62
    Pinguino62
    Giovedì 10 Dicembre 2015, alle ore 08:42
    Durante l'assemblea dello scorso anno 2014, ho rilevato che c'erano delle ripartizioni errate, l'amministratore ha verbalizzato quanto ho detto ed ha assicurato che avrebbe controllato.Passato un anno, assemblea 2015 ho chiesto all'amministratore se aveva controllato e mi ha detto che andava tutto bene e voleva sapere dove era che io avevo pagato di più? Ho risposto che i miei conteggi andavano bene ma che erano sbagliati quelli degli
    rispondi al commento
    • Lucag1979
      Lucag1979 Pinguino62
      Giovedì 10 Dicembre 2015, alle ore 11:07
      Credo tu debba contestare il rendiconto per via giudizlale, previa mediazione, se sei ancora nei termini. Per fare ciò hai bisogno dell'assistenza di un avvocato.
      rispondi al commento
  • Legale
    Legale
    Lunedì 30 Dicembre 2013, alle ore 16:04
    Dipende dalla formulazione del verbale ma l'approvazione con riserva di verifica è una fattispecie di dubbia validità.
    rispondi al commento
  • Miriam72
    Miriam72
    Venerdì 20 Dicembre 2013, alle ore 18:50
    Il piano di riparto di un rendiconto consuntivo è stato approvato con riserva per la verifica del corretto funzionamento dei contabilizzatori di addebito acqua su un condomino.
    In tal caso vige sempre il termine dei 30 gg per impugnare la delibera di approvazione con riserva del consuntivo?
    Per le verifiche l'amministratore riferirà nella prossima assemblea rendendo impossibile l'impugnazione nei 30g.
    E' corretto?
    rispondi al commento
  • Giovanni
    Giovanni
    Giovedì 5 Dicembre 2013, alle ore 18:59
    Nel mio condominio, dopo aver approvato il rendiconto, alcuni condomini si sono accorti che la ripartizione delle spese è errata, in quanto l'amministratore ha fatto confusione con le tabelle condominiali.
    L'amministratore può integrare con una comunicazione chiarendo il tutto e riportando ad ognuno le relative spese?
    rispondi al commento
    • Legale
      Legale Giovanni
      Martedì 10 Dicembre 2013, alle ore 11:46
      Si, ma in mancanza di volontà dell'amministratore di agire in tal senso è necessaria l'impugnazione della delibera.
      rispondi al commento
  • espandi
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Rendiconto condominiale: approvazione ed effetti che potrebbero interessarti
Calcolo dei termini per la presentazione del rendiconto condominiale

Calcolo dei termini per la presentazione del rendiconto condominiale

Il rendiconto condominiale è il documento con cui l'amministratore relaziona sull'anno di gestione trascorso. Come calcolare i termini di presentazione di legge?...
Rendiconto debiti pregressi e compravendita

Rendiconto debiti pregressi e compravendita

L?amministratore di condominio, al termine di ogni anno, deve rendere il conto della propria gestione...
Spese condominiali contestate

Spese condominiali contestate

Le spese condominiali devono essere pagate perché si è proprietario di un'unità immobiliare ubicata in condominio. Chi e in che modo può contestarle se le ritiene errate?...
Pulizia delle scale, è obbligatorio pagare l'impresa affidataria?

Pulizia delle scale, è obbligatorio pagare l'impresa affidataria?

La pulizia delle scale in condominio può essere eseguita in proprio solamente se tutti i condomini sono d'accordo e l'assemblea non può obbligare nessuno.
Revoca giudiziale dell'amministratore

Revoca giudiziale dell'amministratore

La revoca giudiziale dell'amministratore di condominio, che può essere chiesta da ciascun condomino singolarmente, è un procedimento di volontaria giurisdizione.
accedi al social
Visibilità AziendeRegistrati
21.112 Aziende Registrate
img azienda img preventivi aziende img redazionale
img impresa img marketing img banner
barra aziende
SERVIZI UTENTIRegistrati
280.355 Utenti Registrati
img mypage img ristrutturazione img preventivi utente
img progettazione img consulenza img mercatino
img cadcasa img forum img computo
img riscaladamento img clima img imu
barra utenti
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
    • Tp-link archer d5 modem router wi-fi ac1200 adsl-adsl2+, dual band, 2 porte usb multifunzione, 4 lan gigabit, ipv6, rete ospite, smart gestione via ap
      Tp-link archer d5 modem router...
      66.83
    • De longhi dex 14 bianco - deumidificatore
      De longhi dex 14 bianco -...
      197.64
    • Philips d1202b-23 twin - telefono cordless - garanzia italia
      Philips d1202b-23 twin - telefono...
      25.99
    • Kenwood impastatrice planetaria kvl8300s chef titanium
      Kenwood impastatrice planetaria...
      504.99
    • Cuccia per cani spike classic - l 97 x p 115 x h 109 cm
      Cuccia per cani spike classic - l...
      93.99
    • Beghelli multipresa spegni spia
      Beghelli multipresa spegni spia...
      14.99
    • Integral df a
      Integral df a...
      150.00
    • Integral df b
      Integral df b...
      165.00
    • Integral df c
      Integral df c...
      180.00
    • NEA SMART REHAU
      Nea smart rehau...
      890.00
    • Binario motore easy
      Binario motore easy...
      380.00
    • Schlüter®-ditra-heat
      Schlüter®-ditra-heat...
      435.00
    • Cuccia per cani spike classic - l 65 x p 85 x h 76 cm
      Cuccia per cani spike classic - l...
      55.99
    • Argo dry baby 11 bianco - deumidificatore
      Argo dry baby 11 bianco -...
      105.77
    • Samsung hw-j250 - soundbar 80w
      Samsung hw-j250 - soundbar 80w...
      72.99
    • Vortice nordik ventilatore a soffitto con luce 61001
      Vortice nordik ventilatore a...
      172.99
    • Stufa a pellet salvaspazio palazzetti ecofire ginger 12 kw canalizzata installabile a filo muro
      Stufa a pellet salvaspazio...
      2.58
    • Vortice nordik evolution ventilatore a soffitto potenza 70 watt 61750
      Vortice nordik evolution...
      101.99
    • Edilkamin caldaia termostufa pellet kw 35 4
      Edilkamin caldaia termostufa...
      4489.00
    • Edilkamin caldaia termostufa pellet kw 26 1
      Edilkamin caldaia termostufa...
      4000.00
    • Edilkamin caldaia termostufa pellet kw 13 3
      Edilkamin caldaia termostufa...
      2519.00
    • Edilkamin termostufa pellet stufa kw 18 ande
      Edilkamin termostufa pellet stufa...
      3044.00
    • Ip Camera Megapixel 720p Da Esterno Varifocale 49 Mm Comp Apexis Foscam
      Ip camera megapixel 720p da...
      149.00
    • M audio oxygen 61 usb
      M audio oxygen 61 usb...
      168.00
    • Trattorino rasaerba castelgarden rider 827
      Trattorino rasaerba castelgarden...
      1.33
    • De longhi sfornatutto mini eo 12012 bianco - fornetto elettrico
      De longhi sfornatutto mini eo...
      79.50
    • Dremel serie 4000 6 complementi + 128 acc. + valigetta in aluminio - utensile...
      Dremel serie 4000 6 complementi +...
      176.52
    • Ctm termocamino policombustibili serie premium pro porta a bandiera con sys250
      Ctm termocamino policombustibili...
      2.09
    • Cuccia per cani spike classic - l 54 x p 77 x h 67 cm
      Cuccia per cani spike classic - l...
      45.99
    • Hp enterprise ap881a storageworks d2200sb harddisk
      Hp enterprise ap881a storageworks...
      5.24
    • Sime caldaia convenzionale a camera aperta brava
      Sime caldaia convenzionale a...
      560.00
    • M audio oxygen 88 tastiera
      M audio oxygen 88 tastiera...
      398.00
    • Marquant mha 062 impianto micro
      Marquant mha 062 impianto micro...
      89.90
    • Altoparlante 2x25cm (10?) 900w cassa
      Altoparlante 2x25cm (10?) 900w...
      99.90
    • Set termostato da radiatore universale
      Set termostato da radiatore...
      59.90
    • Megafono auna 45w 1 5
      Megafono auna 45w 1 5...
      84.90
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Pensiline.net
  • Weber
  • Mansarda.it
  • Officine Locati
  • Onlywood
  • Immobiliare.it
  • Black & Decker
  • Faidatebook
  • Ceramica Rondine
MERCATINO DELL'USATO
€ 290.00
foto 3 geo Roma
Scade il 31 Gennaio 2018
€ 60.00
foto 3 geo Milano
Scade il 31 Ottobre 2017
€ 68.00
foto 1 geo Milano
Scade il 31 Ottobre 2018
€ 50.00
foto 2 geo Livorno
Scade il 30 Novembre 2017
€ 1.50
foto 0 geo Messina
Scade il 01 Gennaio 2018
€ 800 000.00
foto 6 geo Parma
Scade il 31 Dicembre 2017
VENDI SUBITO IL TUO USATO DI CASA
Inserisci annuncio
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
101739
cookie

Utilizzo dei Cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, navigando ne accetti l'utilizzo. Leggi l'informativa.
ok