Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Sicurezza antincendio dei materiali nell'edilizia

Quali caratteristiche di sicurezza deve possedere un materiale di rivestimento di una facciata esterna di un edificio per garantire la protezione dall'incendio
- NEWS Isolamento termico
sicurezza , antincendio , isolanti , facciate esterne

Materiali isolanti per ridurre i consumi energetici


Tra gli interventi agevolati previsti dal Decreto Bilancio, sono compresi anche quelli capaci di migliorare dal punto di vista dell'isolamento termico gli involucri edilizi, al fine di ridurre i costi energetici.

Esecuzione di un cappotto termico esterno
L'agevolazione citata, meglio nota come Superbonus 110, permette di elevare al 110% l'aliquota di detrazione delle spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 30 giugno 2022, per specifici interventi in ambito di efficienza energetica, oltre che per interventi antisismici, di installazione di impianti fotovoltaici o delle infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici negli edifici.

Tale provvedimento ha aperto un dibattito molto acceso, circa l'applicazione del cappotto termico su ogni tipo di edifici, a prescindere dall'importanza architettonica e dalle condizioni statiche degli stessi.


Materiali isolanti e sicurezza


A peggiorare le cose, contribuiscono gli interventi eseguiti con materiali spesso non certificati e peggio ancora da ditte che in materia non possiedono alcuna competenza specifica.

Incendio pannelli di rivestimento Torre dei Moro Milano
Il recente incendio della Torre di via Antonini a Milano, ha aggiunto alle problematiche sopracitate, i dubbi circa la sicurezza dei materiali impiegati per rivestire le facciate degli edifici. Questo soprattutto in virtù della velocità con cui i rivestimenti di facciata dell'edificio in oggetto, hanno preso fuoco, sotto gli occhi di tutti, in così poco tempo.

In seguito a quanto accaduto, i dubbi circa la sicurezza dei materiali di rivestimento da impiegare, sono aumentati notevolmente, facendo di ogni erba un fascio tra materiali impiegati per l'isolamento termico e materiali di finitura sovrapposti.


Sicurezza e requisiti dei materiali da costruzione


Lasciando alle autorità competenti in materia la ricerca delle cause dell'incendio in questione, ritengo di dover fare un po' di chiarezza sull'argomento della sicurezza dei materiali da rivestimento delle facciate, tenuto conto dei numerosi cantieri aperti e delle scelte che molti utenti si apprestano a fare per realizzare opere di isolamento e rivestimento delle facciate.

A livello nazionale, i materiali e i prodotti isolanti utilizzati nelle facciate a cappotto sono materiali da costruzione e pertanto ricadono nel campo di applicazione del Regolamento CPR (EU) n.305/2011.

In particolare, in ambito europeo, la norma UNI EN 13501-1, regolamenta la classificazione di reazione al fuoco dei prodotti e degli elementi da costruzione.
Pertanto, tutti i prodotti marcati CE sono classificati secondo delle Euroclassi A1, A2, B, F, tale classificazione denomina con A1 i materiali sicuramente incombustibili mentre combustibili in ordine crescente tutti gli altri.


Norme diverse per materiali comuni


Confrontando le norme nazionali con quelle europee in materia antincendio, occorre rilevare come sia difficile effettuare una comparazione tra esse, essendo le stesse definite con criteri molto diversi.

Basti pensare che la classificazione europea prevede anche una distinzione di classe rispetto alla produzione di fumi e gocciolamento in caso d'incendio, contraddistinguendo tali materiali rispettivamente con le sigle S (Smoke) e D (Drops).

Incendio edifici con propagazione di fumi e fiamme
Nell'ambito nazionale, l'utilizzo dei prodotti di rivestimento esterno non è oggetto di una armonica normativa che ne regolarizza il loro impiego.

Pertanto, il consiglio nazionale dei vigili del fuoco ha ritenuto utile pubblicare nel 2013 le Linee guida per la determinazione dei requisiti di sicurezza delle facciate negli edifici di civile abitazione, le quali, per ogni tipologia di facciata (semplice, a doppia parete, ventilata, etc.), ne definiscono i requisiti fuoco.

Tutte le normative che riguardano la sicurezza in presenza di incendio dei materiali da costruzione, si riferiscono a due parametri fondamentali, i quali sono rappresentati rispettivamente dalla:

  • reazione al fuoco

  • resistenza al fuoco.


Parametri fondamentali per la sicurezza antincendio


La reazione al fuoco di un materiale, rappresenta il comportamento al fuoco del materiale stesso, il quale, per effetto della sua decomposizione può alimentare o meno il fuoco al quale è esposto, partecipando così all'incendio.

Isolamento interno tetto a falde con materiale in lana di vetro non infiammabile
La reazione al fuoco è un parametro specificatamente riferito ai materiali come tali.
Assume particolare rilevanza nelle costruzioni, relativamente ai materiali di rifinitura e rivestimento, delle pannellature, dei controsoffitti, delle decorazioni e simili, comprendendo inoltre anche agli articoli di arredamento,i tendaggi e i tessuti in genere.

La determinazione della reazione al fuoco di un materiale non è protocollata in maniera standardizzata, ma viene definita volta per volta attraverso delle prove sperimentali di laboratorio, impiegando campionature dei materiali da impiegare nelle costruzioni.


Certificazioni dei materiali e loro limiti


A esclusione dei materiali appartenenti alla euroclasse A1, tutti gli altri partecipano in maniera differente ad alimentare un eventuale incendio in modo differente, con tempi diversi e condizioni diverse.

Si comprende bene come le suddette prove di laboratorio, possono anche trascurare alcuni fattori, che in determinate condizioni possono innescare incendi favoriti da situazioni non previste.


Guardando i filmati diventati ormai virali dell'incendio di Milano, considerato che l'innesco dell'incendio è partito da un piano alto, non è insensato pensare che un fenomeno di gocciolamento infuocato nei piani sottostanti, abbia potuto propagare in maniera repentina le fiamme.

Il secondo parametro definito resistenza al fuoco, non va confuso con il primo, in quanto si riferisce fondamentalmente alla resistenza al fuoco delle parti strutturali dell'edificio, tale resistenza è valutata sia rispetto al singolo elemento che all'insieme delle parti strutturali costituenti l'intero edificio.


Resistenza strutturale al fuoco


Con riferimento alla normativa che definisce le classi di resistenza al fuoco, nota come Normativa REI, le classi di resistenza al fuoco sono così distinte: 10, 15, 20, 30, 45, 60, 90, 120, 180, 240 e 360.

Intonaco tagliafuoco Leca per protezione antincendio strutture
La sigla REI 120, ad esempio, esprime il tempo in minuti durante il quale la resistenza al fuoco dell'elemento deve essere assicurata. Pertanto, una porta antincendio REI 120 deve garantire 2 ore di resistenza e così via.

Anche in questo caso, colui che produce il manufatto, deve ottemperare ad una serie di obblighi, al fine di poter produrre la certificazione relativa alle caratteristiche tagliafuoco del proprio prodotto.

La sigla che contraddistingue la resistenza al fuoco di un materiale, nota come REI, è composta dalle iniziali delle lettere che definiscono le specifiche caratteristiche di resistenza del prodotto a cui si riferiscono.


La resistenza strutturale al fuoco in tre componenti


In particolare la lettera R si riferisce alla resistenza meccanica che il manufatto deve mantenere in seguito all'esposizione alle fiamme per il tempo previsto, per cui REI 120 rappresenta una resistenza meccanica di due ore.

La lettera E rappresenta la capacità che il manufatto possiede di impedire la trasmissione di fuoco e fiamme da un compartimento all'altro.

Edificio rivestito con pannelli sandwich in alluminio alucobond
Infine, la lettera I rappresenta il grado di isolamento termico capace di ridurre la trasmissione del calore da un lato all'altro dell'elemento divisorio, senza superare la temperatura di circa 150° C sulla superficie interessata dal fuoco.

Da quanto descritto, appare evidente come la sicurezza dei materiali da costruzione, non può dipendere solamente da prove di laboratorio datate, ma ha bisogno di continue verifiche in virtù delle diverse condizioni d'impiego e degli abbinamenti di materiali con caratteristiche fisiche e meccaniche differenti.


Progettare la sicurezza


L'attenzione alla sicurezza, inizia in cantiere, con il controllo delle certificazioni dei materiali stoccati e della loro corrispondenza ai requisiti richiesti.
Tale compito, di competenza della direzione dei lavori, può richiedere in particolari circostanze anche un supplemento di prove di laboratorio, qualora non si è convinti delle caratteristiche di sicurezza dei materiali.

La fase di progettazione accurata, fatta da tecnici competenti, la scelta dei materiali più adatti alle caratteristiche costruttive da realizzare e la corretta posa in opera, consentono di realizzare interventi sicuri ed efficaci.

riproduzione riservata
Articolo: Sicurezza antincendio dei materiali edili
Valutazione: 5.75 / 6 basato su 4 voti.

Sicurezza antincendio dei materiali edili: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
332.243 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Sicurezza antincendio dei materiali edili che potrebbero interessarti


Bonus antincendi per il 2020: di cosa si tratta

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Manovra economica 2020: introdotto un bonus antincendio. Detrazione del 70 e 75% per la riqualificazione dei condomini in presenza di particolari requisiti tecnici

Nuove regole per il condominio in materia di sicurezza antincendio

Regolamento condominiale - Nuove disposizioni relative alla sicurezza antincendio nei condominii sono state introdotte con la bozza del decreto del Ministero degli Interni. Ecco le novità

Progettazione antincendio nelle autorimesse condominiali

Progettazione - Il D.M.38/1986 stabilisce le norme da seguire per la corretta progettazione di un'autorimessa condominiale, al fine di garantire la sicurezza e l'incolumità degli utenti.

Sprinkler

Impianti di sicurezza - Gli sprinkler sono usati negli impianti antincendio automatici e sono dei dispositivi che oltre a rilevare l'incendio, provvedono a spegnerlo contenendo i danni

Impianto antincendio domestico per una maggiore sicurezza in casa

Impianti di sicurezza - Impianti antincendio completi, formati da sistemi di rilevazione incendi e sistemi di spegnimento per garantire la giusta prevenzione di danni causati da fiamme

Deroghe alla progettazione antincendio nelle autorimesse condominiali

Leggi e Normative Tecniche - Nell'atto di progettare e adeguamre le autorimesse condominiali alle normative antincendio è opportuno tenere conto di circolari, deroghe e chiarimenti esistenti.

Pannelli isolanti con materiale derivante dalla pellicola del caffè

Isolamento Acustico - Per un’edilizia sostenibile è possibile produrre pannelli isolanti attraverso l'impiego di un materiale innovativo proveniente dalla pellicola argentea del caffè

Sicurezza 2021: a Fiera Milano si punterà sull'innovazione tecnologica

Impianti di sicurezza - Si svolgerà nel mese di novembre presso Fiera Milano l’evento Sicurezza 2021 in cui saranno esposte tutte le ultime proposte di innovazione tecnologica avanzata

Dichiarazione di Rispondenza Impianti Tecnologici

Impianti - Tutti gli impianti tecnologici di vecchia data o sprovvisti della dichiarazione di conformita' possono essere regolarizzati con la dichiarazione di rispondenza.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img pacri
Salve a tutti,ho letto qui altre richieste simili ma avrei bisogno di un parere tecnico:vorrei acquistare un acquario cm 70*36 che con allestimento, acqua, fondo e mobile di...
pacri 31 Luglio 2021 ore 12:36 2
Img elisabettafelicetti
Buongiorno, ho fatto installare le inferriate di sicurezza, tutti mi dicono che devo registrare la pratica sul portale BonusCasa2020 di Enea ma la voce inferriate di sicurezza non...
elisabettafelicetti 23 Novembre 2020 ore 11:14 4
Img orazio12
Buongiorno. Sto sostituendo nella mia abitazione i vecchi infissi in metallo con altri in PVC.È mia intenzione avvalermi delle agevolazioni ecobonus 50% (spero di farmi...
orazio12 16 Novembre 2020 ore 12:46 7
Img cirostorace
Volevo sapere quali sono le norme tecniche che regolano il posizionamento di una cabina tecnica di zona dell'ENEL posta sotto al fabbricato in diretto contatto con un appartamento...
cirostorace 04 Novembre 2020 ore 16:54 1
Img proverbiopietro
Buonasera, ho in programma di fare un intervento di manutenzione straordinaria per ristrutturare un bagno e per sostituire la pavimentazione di tutto il piano della casa. Ho...
proverbiopietro 19 Aprile 2020 ore 20:44 5