Scioglimento del condominio

NEWS DI Condominio19 Gennaio 2011 ore 14:42
Un'interessante sentenza della Suprema Corte di Cassazione, la n. 24380 dell'1 dicembre 2010 consente, laddove uno o più edifici originariamente costituivano un solo condomino, lo scioglimento della compagine.

Il codice civile, più nello specifico gli artt. 61 e 62 delle disposizioni di attuazione, disciplina le modalità di divisione del condominio.
ScioglimentoIn sostanza la legge consente, laddove uno o più edifici originariamente costituivano un solo condomino, lo scioglimento della compagine.
Un'interessante sentenza della Suprema Corte di Cassazione, la n. 24380 dell'1 dicembre 2010, delinea con chiarezza il concetto di possibilità dello scioglimento, rimarcando che tale aspetto deve riguardare la struttura dello stabile da dividere e non solamente i profili meramente gestori delle costituende compagini.

Prima d'ogni cosa è utile ricordare cosa dicono le norme citate in principio.
Ai sensi dell'art. 61 disp. att. c.c. :
Qualora un edificio o un gruppo di edifici appartenenti per piani o porzioni di piano a proprietari diversi si possa dividere in parti che abbiano le caratteristiche di edifici autonomi, il condominio può essere sciolto e i comproprietari di ciascuna parte possono costituirsi in condominio separato.

Lo scioglimento è deliberato dall'assemblea con la maggioranza prescritta dal secondo comma dell'art. 1136 del codice, o è disposto dall'autorità giudiziaria su domanda di almeno un terzo dei comproprietari di quella parte dell'edificio della quale si chiede la separazione
.
Il successivo art. 62
specifica che la divisione può avvenire anche se alcune parti restano in comune (si pensi all'impianto di riscaldamento o a quello idrico) e come si debba agire se per la divisione sia necessario porre in essere delle opere innovative.
La Cassazione, nella sentenza succitata, concentrando la propria attenzione sul significato dell'art. 61 disp. att. c.c. specifica che:
il tenore della norma, riferito all'espressione edifici autonomi esclude di per se che il risultato della separazione si concreti in una autonomia meramente amministrativa, giacche, più che ad un concetto di gestione, il termine edificio va riferito ad una costruzione, la quale, per dare luogo alla costituzione di più condomini, dev'essere suscettibile di divisione in parti distinte, aventi ciascuna una propria autonomia strutturale, indipendentemente dalle semplici esigenze di carattere amministrativo.Scioglimento
La sola estensione che può consentirsi a tale interpretazione è quella prevista dall'art. 62 citato, il quale fa riferimento all'art. 1117 cod. civ. (parti comuni dell'edificio in quanto destinate in modo permanente al servizio generale e alla conservazione dell'immobile, riguardato sia ne suo complesso unitario che nella separazione di edifici autonomi).

In questo ultimo caso, l'istituzione di nuovi condomini non è impedita dalla permanenza, in comune delle cose indicate dall'art. 1117, la cui disciplina d'uso potrà formare oggetto di particolare regolamentazione riferita alle spese e agli oneri relativi.

Al di fuori di tali interferenze di carattere amministrativo espressamente previste dalla legge, se la separazione del complesso immobiliare non può attuarsi se non mediante interferenze ben più gravi, interessanti la sfera giuridica propria di altri condomini, alla cui proprietà verrebbero ad imporsi limitazioni, servitù o altri oneri di carattere reale, è da escludere, in tale ipotesi che l'edificio scorporando possa avere una propria autonomia strutturale, pur essendo eventualmente autonoma la funzionalità di esso riferita alla sua destinazione e gestione amministrativa
. (Cass. 1 dicembre 2010 n. 24380).
In sostanza la divisione è possibile anche se restano in comune alcune parti che, ad ogni modo, non possono essere tali e tante da rendere lo scioglimento una mera separazione amministrativa e non anche fisica.
Accertamento, questo, che evidentemente deve essere svolto caso per caso.

riproduzione riservata
Articolo: Scioglimento del condominio
Valutazione: 3.00 / 6 basato su 3 voti.

Scioglimento del condominio: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Riforma Del Condominio, Molti Amministratori Rischiano Il Posto
    Riforma Del Condominio, Molti Amministratori Rischiano Il Posto
    Martedì 29 Gennaio 2013, alle ore 17:45
    [...] buona sostanza non si può parlare di scioglimento del condominio, o meglio per lo scioglimento delle compagini la legge di riforma del condominio non dice nulla di [...]
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Scioglimento del condominio che potrebbero interessarti
Scioglimento giudiziale del condominio

Scioglimento giudiziale del condominio

Assemblea di condominio - Da un condominio ne posso sorgere due. I casi che portano alla scissione, la quale avviene su impulso dell'assemblea o tramite ricorso all'Autorità Giudiziaria.
Divisione del condominio

Divisione del condominio

Condominio - La legge consente, in determinate condizioni, di dividere il condominio esistente in più parti che per caratteristiche strutturali possono poi costituirsi in autonomi condomini.
Scioglimento del condominio, gli adempimenti e i poteri del giudice

Scioglimento del condominio, gli adempimenti e i poteri del giudice

Assemblea di condominio - Lo scioglimento del condominio, in linea generale, può avvenire se le compagini scaturenti dalla divisione sono completamente autonome tra loro, salvo alcune eccezioni.

Riforma del condominio, molti amministratori rischiano il posto

Condominio - La così detta riforma del condominio, dal 18 giugno 2013 i condomini con meno di dieci partecipanti potranno decidere di revocare l'amministratore, così molti amministratori rischiano di restare disoccupati.

Condominio 4.0: un convegno sulle nuove opportunità relative al mondo condominiale

Leggi e Normative Tecniche - Condominio 4.0: un convegno organizzato da Harley&Dikkinson a Roma per fare una analisi su tutte le opportunità lavorative relative alla gestione condominiale.

Condominio minimo e spese urgenti

Condominio - Nel condominio minimo,così come in una normale compagine,le spese urgenti possono essere rimborsate solamente nel rispetto dell'art. 1134 cc

Bonus ristrutturazioni per il condominio minimo: i chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Possibile per i condomini di un condominio minimo portare in detrazione le spese per lavori di ristrutturazione su parti comuni. Cosa dice l'Agenzia delle Entrate

Condominio e parti comuni

Ripartizione spese - In tema di condominio negli edifici, se alcuni beni servono solamente un gruppo di condòmini, solo questi partecipano alle spese e devono essere considerati proprietari.

730 precompilato: comunicazione delle spese di ristrutturazione del condominio

Fisco casa - L'Agenzia delle Entrate pubblica le istruzioni per inviare al Fisco i dati relativi alle spese effettuate per lavori di ristrutturazione nell'ambito condominiale
REGISTRATI COME UTENTE
295.402 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Progettazione di interni
    Progettazione di interni...
    300.00
  • Facciate condominio
    Facciate condominio...
    50.00
  • Inferriate blindate di sicurezza
    Inferriate blindate di sicurezza...
    329.00
  • Ristrutturazione bagno zona Roma
    Ristrutturazione bagno zona roma...
    3790.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Inferriate.it
  • Mansarda.it
  • Officine Locati
  • Black & Decker
  • Weber
  • Faidatebook
  • Kone
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.