Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Immobili abusivi: sanatoria solo se ultimati

Con la sentenza 05/02/2015 n. 554, il Consiglio di Stato ha sancito che la sanatoria per opere edilizie abusive possa essere concessa solo per immobili ultimati.
- NEWS Leggi e Normative Tecniche

Sanatoria abusi edilizi


La sanatoria di un abuso edilizio, tramite il cosiddetto condono, non può essere concessa se l'immobile non risulti ultimato, ossia non sia stato eseguito il rustico e completata la copertura, compreso il solaio. A stabilirlo è il Consiglio di Stato con la sentenza n. 554 del 5 febbraio 2015.

Il caso


domanda di sanatoriaIl caso in oggetto riguarda il ricorso presentato nei confronti del Comune di Orbetello da un privato che, in seguito alla realizzazione abusiva di una costruzione in muratura a uso residenziale, aveva presentato domanda di sanatoria, ai sensi dell'articolo 39 della Legge 23 dicembre 1994, n. 724, sostenendo che lo stesso immobile fosse stato ultimato prima del 31 dicembre 1993.

Mediante documentazione fotografica, il Comune però aveva avuto modo di verificare che l'opera edilizia abusiva non sarebbe stata ancora ultimata, visto la mancanza del solaio di copertura, e come tale aveva respinto la domanda e, ai sensi dell'articolo 7 della Legge 28 febbraio 1985, n. 47 aveva ingiunto la demolizione del manufatto. Il caso è arrivato così dinanzi al Consiglio di Stato.


Sanatoria abusi edilizi


Prima di entrare nel merito della pronuncia del Consiglio di Stato, preme specificare alcune nozioni fondamentali. In primo luogo che il condono è un procedimento che consente la regolarizzazione amministrativa degli illeciti edilizi, quindi la sanatoria di opere abusivamente realizzate e l'estinzione dei reati penali connessi a tale attività illecita.

Opere abusivePer opere abusive si intende ai sensi dell'articolo 31 della Legge 28 febbraio 1985, n. 47 costruzioni (edifici) e altre opere (manufatti di ogni tipo e opere di urbanizzazione) che sono eseguite:

-senza licenza o concessione edilizia o autorizzazione a costruire prescritte da norme di legge o di regolamento, ovvero in difformità dalle stesse;

-in base a licenza o concessione edilizia o autorizzazione annullata, decaduta o comunque divenuta inefficace, ovvero nei cui confronti sia in corso procedimento di annullamento o di declaratoria di decadenza in sede giudiziaria o amministrativa.

Il condono edilizio è una legge speciale e nel nostro Paese si sono succeduti tre condoni diversi:

-condono ex Legge n. 47 del 1985

-condono ex Legge n. 724 del 1994

-condono ex Legge n. 326 del 2003.

Il primo condono è quindi quello previsto alla Legge 28 febbraio 1985, n. 47 e intitolato Norme in materia di controllo dell'attività urbanistico-edilizia, sanzioni, recupero e sanatoria delle opere edilizie, mentre l'ultimo condono quello della Legge n. 326 del 2003, ha permesso di sanare abusi edilizi realizzati entro il 31 marzo 2003 e la cui domanda andava presentata entro il 31 marzo 2004. Allo stato attuale quindi non si può usufruire del condono edilizio.


Sanatoria abusi edilizi: quando l'immobile è ultimato?


Tornando alla sentenza del Consiglio di Stato, il supremo Giudice Amministrativo ribadisce che un immobile realizzato abusivamente non poteva essere sanato, quindi non si poteva fruire del condono e, nel caso di specie, non si poteva fare domanda di sanatoria ai sensi dell'articolo 31 della Legge n. 724 del 1993, perché non era stato ultimato.


Quando un immobile è ultimato?
Viene in aiuto anche in questo caso la Legge n. 47/1985 secondo cui, all'articolo 31 secondo comma, si intendono ultimati gli edifici nei quali sia stato eseguito il rustico e completata la copertura, ovvero, quanto alle opere interne agli edifici già esistenti e a quelle non destinate alla residenza, quando esse siano state completate funzionalmente.

Ciò significa che l'immobile è ultimato, secondo quanto disposto dalla Legge, in caso di:

-esecuzione del rustico (nel rustico è compresa, oltre alla muratura portante anche l'intelaiatura in cemento armato o in travi in acciaio e le tamponature perimetrali. L'edificio privo delle tamponature, si considera ultimato quando le chiusure esterne siano previste in materiali o strutture prefabbricate da applicare come vetrate che formano la parte o infissi che chiudono le aperture dell'intelaiatura)

-completamento copertura (deve essere costituita dal tetto ovvero dal solaio dell'ultimo piano realizzato).


Sanatoria abusi edilizi solo se ultimati: la decisione del Consiglio di Stato


sanatoria opere abusiveIl Consiglio di Stato, nel caso posto alla sua attenzione ha rilevato che risultando solo appoggiate sulle murature perimetrali le parti componenti il solaio, vale a dire pignatte in laterizio e travetti in c.a. precompresso, mancando il getto del calcestruzzo e la conseguente impermeabilizzazione, la copertura del manufatto non risulta completata e come tale l'opera non si può considerare ultimata e non potrà beneficiare del condono edilizio.

Una decisione questa del Consiglio di stato che conferma un orientamento già espresso in passato secondo cui l'ultimazione della costruzione richiedere anche il completamento della copertura (Sentenza sez. V, 19 ottobre 2011, n. 5625; sezione IV, 9 febbraio 2012, n. 683).

riproduzione riservata
Articolo: Sanatoria immobili abusivi solo se ultimati
Valutazione: 4.25 / 6 basato su 12 voti.

Sanatoria immobili abusivi solo se ultimati: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
340.131 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Sanatoria immobili abusivi solo se ultimati che potrebbero interessarti


Sanatoria catastale

Normative - La manovra finanziaria approvata ieri contiene, tra le altre misure, una nuova forma di condono edilizio.

Condono per mini abusi

Normative - Allo studio un condono per le piccole irregolarita' edilizie, prima della presentazione della Manovra Finanziaria in Commissione Bilancio.

Proroga sanatoria catastale

Catasto - Con l'approvazione di un emendamento al Decreto Milleproroghe viene posticipato al 30 aprile 2011 il termine ultimo per presentare la sanatoria catastale.

Condono edilizio: a quale punto della costruzione è possibile ottenerlo?

Leggi e Normative Tecniche - Secondo una recente sentenza della Cassazione, non è necessario che tutti i lavori edili siano terminati, ma sono sufficienti anche coperture e tamponature dei muri

Superbonus 110, spetta per un condominio difforme dal progetto originario e non sanabile?

Detrazioni e agevolazioni fiscali - In presenza di un condominio difforme dal progetto originario, che non può essere sanato dal punto di vista urbanistico, il Superbonus 110% è fruibile, sì o no?

Case fantasma

Fisco casa - Diffusi i dati dell'Agenzia del Territorio relativi a più di un milioni di immobili completamente sconosciuti al Fisco e per questo ribattezzati: case fantasma.

La legittimità edilizia degli edifici confinanti per le nuove costruzioni

Leggi e Normative Tecniche - Controllo da parte delle Pubblica Amministrazione della legittimità e della regolarità urbanistica degli edifici confinanti nelle ipotesi di nuove costruzioni

Superbonus 110%: è possibile la detrazione in caso di interventi abusivi?

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Superbonus 110%: sì alla detrazione in caso di interventi abusivi purché siano sanabili. Abusi di piccole o medie entità e le differenze ai fini della detrazione

Veranda abusiva: spetta il Superbonus 110?

Leggi e Normative Tecniche - La presenza di logge o verande abusive, trattandosi di opere irregolari e difformi non consentono di poter usufruire della misura agevolativa del Superbonus 110%