Sanatoria di opere abusive senza pratica edilizia

NEWS DI Leggi e Normative Tecniche23 Novembre 2014 ore 01:03
Il Regolamento Edilizio di alcuni comuni consente di sanare le opere di manutenzione straordinaria eseguite abusivamente senza presentare una pratica edilizia.

Sanare le opere abusive senza pratica edilizia


In alcuni Comuni (e limitatamente ad alcune tipologie di interventi) è possibile sanare le opere abusive senza presentare una pratica a sanatoria.Generalmente si pensa che, quando si vuole regolarizzare alcune opere eseguite senza titolo abilitativo (cioè abusivamente), sia inevitabile presentare una pratica edilizia a sanatoria, pagando a seconda delle circostanze una semplice oblazione oppure gli oneri concessori (urbanizzazione primaria e secondaria più il costo di costruzione) in misura doppia a titolo di sanzione.

Questo però non è sempre vero, perchèin alcuni Comuni è possibile regolarizzare gli abusi minori (purchè pienamente rispondenti ai requisiti indicati nei rispettivi strumenti normativi e di pianificazione urbanistica) senza presentare alcuna pratica edilizia a sanatoria.


Ambito di applicazione della sanatoria senza pratica edilizia


Un comune in cui la sanatoria di opere abusive viene regolarmente applicata è Bologna.

Infatti, l'articolo 100 comma 4 del Regolamento Urbanistico-Edilizio (RUE) prescrive che: [...] Qualora siano trascorsi 10 anni dalla loro ultimazione gli interventi edilizi abusivi che non abbiano comportato aumento di superficie utile, alterazione della sagoma planivolumetrica o nuova costruzione, si ritengono sanati a tutti gli effetti amministrativi, e non si procede pertanto all'applicazione delle relative sanzioni.
Il termine di prescrizione delle opere riconducibili alla manutenzione straordinaria, abusivamente eseguite, è di anni 5.

Abbiamo quindi tre diverse possibilità:

1) Per inteventi di ristrutturazione, restauro, risanamento eadeguamento funzionale (la nuova costruzione è infatti esclusa dalla casistica) eseguiti abusivamente - purchè ovviamente con le limitazioni chiaramente elencare nel RUE - il termine di prescrizione è di dieci anni.

2) Per le opere di manutenzione straordinaria - tra cui rientrano ad esempio l'esecuzione di modifiche interne, l'accorpamento di due unità immobiliari, il passaggio di uno spazio (ad esempio una stanza) da un'unità immobiliare ad un'altra, l'installazione di pergolati privi di copertura fissa e chiusure laterali, l'apertura di una porta o di una finestra, eccetera - il termine di prescrizione è invece ridotto a soli cinque anni.

3) Per il cambio di destinazione d'uso (con o senza opere), non indicato esplicitamente dal RUE, il discorso è invece assai più complesso, perchè, pur non rientrando ovviamente nella nuova costruzione, questa tipologia di intervento a mio parere non sempre rientra nell'ambito di applicazione dell'articolo 100. Infatti, anche senza aumento della superficie utile, spesso un cambio di destinazione d'uso genera un incremento del carico urbanistico, cioè, a parità di superficie utile insediata, un aumento delle dotazioni urbanistiche richieste (sopratutto nel campo dei parcheggi) per compensare l'eventuale maggiore impatto ad esempio sul sistema dei parcheggi o sui volumi di traffico urbano.
Possiamo quindi ipotizzare che l'articolo 100 sia applicabile al cambio di destinazione d'uso (con un termine di prescrizione di dieci anni) solo quando non si verifica un aumento delle dotazioni urbanistiche richieste, come avviene ad esempio per il passaggio da ufficio o negozio ad abitazione (ma non viceversa).

4) La sanatoria ai sensi dell'articolo 100 non è applicabile a inteventi su parti strutturali dell'edificio che costituiscano interventi rilevanti ai fini della prevenzione del rischio sismico, così come stabiliti dalla normativa regionale in materia; mentre risulta applicabile anche agli edifici vincolati come beni culturali (cioè ai sensi del Decreto legislativo 42/2004), purchè si richieda preventivamente l'assenso della Soprintendenza.


Come applicare la sanatoria di opere abusive senza pratica edilizia



Verifiche preliminari


Per prima cosa, è necessario verificare se nel regolamento edilizio (o RUE) del vostro comune è prevista la sanatoria senza pratica edilizia.Per prima cosa, è necessario verificare tramite un'accurata lettura del regolamento edilizio (oppure del RUE, per i comuni dell'Emilia-Romagna) se nel comune in cui si trova l'edificio o unità immobiliare con opere abusive è prevista la sanatoria senza pratica edilizia.

In caso affermativo, bisogna quindi assicurarsi che le opere abusive abbiano i requisiti richiesti: ricordo infatti che l'esempio sopra descritto riguarda il solo comune di Bologna, e quindi l'effettiva applicabilità della sanatoria senza pratica edilizia andrà valutata caso per caso, perchè altri comuni potrebbero aver stabilito requisiti diversi o più restrittivi.


Come inserire la sanatoria in una pratica edilizia normale


A questo punto, è consigliabile inserire la sanatoria in una pratica edilizia normale, cosa fattibile in due modi diversi:

1) In caso di interventi di manutenzione straordinaria, ristrutturazione o ampliamento, è possibile sanare le opere abusive con la normale pratica edilizia (CIL, SCIA o Permesso di Costruire), semplicemente predisponendo della documentazione aggiuntiva.
Infatti, oltre a compilare correttamente le specifiche opzioni per la sanatorie di opere abusive generalmente previste dalla modulistica edilizia dei comuni che ammettono questa possibilità, è necessario integrare la normale documentazione tecnica, ad esempio aggiungendo una descrizione delle opere da sanare all'interno della relazione tecnica e curando particolarmente la documentazione fotografica dello stato di fatto, che dovrà evidenziare gli abusi.

Inoltre, gli elaborati grafici saranno formati da cinque disegni, comprendenti:
- lo stato legittimo, così come risultante dall'ultima pratica edilizia presentata (o in mancanza di questa, come ad esempio nel caso di edifici storici mai oggetto di trasformazioni recenti, da una planimetria del catasto storico;
- lo stato di fatto, cioè il rilievo ovviamente comprensivo delle opere da sanare;
- gli interventi tra lo stato legittimo e lo stato di fatto, indicando in giallo le parti demolite e in rosso gli elementi aggiunti (anche se in alcuni comuni per non creare confusione nella regolarizzazione di opere abusive è esplicitamente richiesto l'uso di altri colori, come ad esempio il verde e il blu);
- il progetto;
- la normale tavola degli inteventi tra lo stato di fatto e il progetto, cioè il cosiddetto rosso e giallo.

2) Se invece non si devono eseguire interventi edilizi, è possibile presentare la Scheda Tecnica dell'Unità Immobiliare (o per le abitazioni unifamigliari dell'edificio) aggiornata, eventualmente corredata dalla domanda di Agibilità, qualora l'edificio ne fosse sprovvisto.

In questo caso, la documentazione specifica da predisporre è la seguente:
- relazione tecnica con descrizione delle opere da sanare;
- documentazione fotografica completa dello stato di fatto;
- tavola grafica con indicazione dello stato legittimo, dello stato di fatto e degli interventi tra lo stato legittimo e lo stato di fatto.

Oltre alla documentazione tecnica, è ovviamente necessario anche provare la datazione delle opere abusive, per verificare che siano effettivamente trascorsi i termini di prescrizione: questo può essere fatto presentando della documentazione probatoria (ad esempio una planimetria castale o fotografie in cui compaia la data di esecuzione) oppure con un semplice atto sostitutivo di notorietà firmato dal proprietario.

riproduzione riservata
Articolo: Sanatoria di opere abusive senza pratica edilizia
Valutazione: 4.40 / 6 basato su 5 voti.

Sanatoria di opere abusive senza pratica edilizia: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Cristina90
    Cristina90
    Lunedì 9 Novembre 2015, alle ore 23:10
    Salve architetto Matteuzzi,Vorrei rivolgerle qualche domanda. Tre mesi fa io e il mio fidanzato abbiamo comprato una casa, e adesso stiamo sbrigando le carte per poter ottenere il permesso di fare una costruzione precaria accorpata all'attuale casa. Però abbiamo scoperto solamente adesso che la casa è abusiva. Cosa dobbiamo fare? Possiamo renderla a norma di legge? Possiamo farci risarcire dai vecchi proprietari, che ci hanno omesso la truffa?
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Sanatoria di opere abusive senza pratica edilizia che potrebbero interessarti
Immobili abusivi: sanatoria solo se ultimati

Immobili abusivi: sanatoria solo se ultimati

Leggi e Normative Tecniche - Con la sentenza 05/02/2015 n. 554, il Consiglio di Stato ha sancito che la sanatoria per opere edilizie abusive possa essere concessa solo per immobili ultimati.
Ritenute incostituzionali le sanatorie edilizie previste dal Piano Casa in Campania

Ritenute incostituzionali le sanatorie edilizie previste dal Piano Casa in Campania

Leggi e Normative Tecniche - Il Piano Casa della Regione Campania contiene troppe sanatorie ponendosi in contrasto con il Testo Unico dell'edilizia. Lo ha affermato la Corte Costituzionale
Norme antisismiche e sanatoria edilizia

Norme antisismiche e sanatoria edilizia

Leggi e Normative Tecniche - Il permesso in sanatoria salva dal reato di opere abusive, ma non dai connessi reati di violazione delle norme antisismiche, anche in assenza di pericolo.

Dpr 380-01: opere abusive, demolizioni e sanatorie

Leggi e Normative Tecniche - Immobili abusivi realizzati senza permesso di costruire ai sensi dell'art 31-380: quando si possono sanare? Che succede se non si rispetta l'ordine di demolizione?

Opere edilizie abusive, conseguenze e rimedi

Leggi e Normative Tecniche - Costruire senza il necessario permesso, o comunque farlo senza attenersi al suo contenuto, può portare all'irrogazione di gravi sanzioni come quella della confisca.

Qual è la differenza tra Sanatoria e Condono?

Leggi e Normative Tecniche - Nella pratica professionale capita spesso di percepire che non si comprenda la differenza tra Condono e Sanatoria: cerchiamo di fare chiarezza sull'argomento.

Proroga sanatoria catastale

Catasto - Con l'approvazione di un emendamento al Decreto Milleproroghe viene posticipato al 30 aprile 2011 il termine ultimo per presentare la sanatoria catastale.

Come controllare la conformità edilizia in caso di compravendita

Comprare casa - Prima della compravendita è consigliabile incaricare un tecnico di verificare la conformità urbanistico-edilizia e catastale dell'immobile che vogliamo acquistare.

Veranda abusiva: l'inerzia del Comune non costituisce sanatoria automatica

Affittare casa - In caso di appartamento con veranda abusiva, il nuovo acquirente non può dirsi al sicuro. L'inerzia da parte del Comune non è costituisce sanatoria automatica.
REGISTRATI COME UTENTE
295.600 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Controsoffitto cartongesso antincendio Rei 120 Milano
    Controsoffitto cartongesso...
    48.00
  • Pavimento in laminato ad incastro milano
    Pavimento in laminato ad incastro...
    35.00
  • Coibentazione delle coperture Bologna
    Coibentazione delle coperture...
    29.00
  • Pittura di argilla Clayfix di Yosima
    Pittura di argilla clayfix di...
    19.82
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Officine Locati
  • Inferriate.it
  • Mansarda.it
  • Kone
  • Black & Decker
  • Weber
  • Faidatebook
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.