Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Ripartizione delle spese condominiali per facta concludentia

In tema di ripartizione delle spese condominiali, la giurisprudenza considera lecita l'utilizzazione di un criterio di riparto approvato per facta concludentia.
15 Dicembre 2014 ore 18:31 - NEWS Ripartizione spese

Spese condominiali


Ripartizione speseCiascun proprietario di un'unità immobiliare ubicata in un edificio in condominio è obbligato a pagare le spese condominiali per il sol fatto d'essere titolare di quel cespite.

Questo principio di carattere generale – che è poi graduato rispetto alla particolare tipologia di beni e servizi di cui il condomino fruisce – è rinvenibile da una serie di norme dettate dal codice civile nonché dall'interpretazione dottrinario-giurisprudenziale delle medesime; partiamo dalle norme.

A mente dell'art. 1118 c.c., infatti, ciascun condomino il cui diritto sulle cose comuni è proporzionale al valore millesimale (art. 69 disp. att. c.c.) dell'unità immobiliare di sua proprietà, salvo particolari indicazioni contenute nelle leggi speciali, non può sottrarsi all'obbligo di pagamento delle spese per la conservazione delle parti comuni.

Insomma l'obbligo di pagamento è stabilito dalla legge e deriva dall'essere proprietari; dottrina e giurisprudenza hanno classificato questa obbligazione, quale obbligazione propter rem, vale a dire quale obbligo legato al diritto reale (la proprietà, l'usufrutto, ecc.) e che con esso circola (cfr. Cass. 18 aprile 2003 n. 6323).

Venduto l'appartamento – salvo il caso della solidarietà per omessa comunicazione della copia autentica dell'atto all'amministratore – il cedente non è più obbligato verso il condominio rispetto alle spese maturate dopo la compravendita.

Chiarito questo aspetto è utile comprendere in che maniera debbano essere ripartite le spese condominiali e perché determinati comportamenti, pur non sanciti in patti scritti, i così detti facta concludentia, possano assumere rilievo.


Ripartizione delle spese condominiali


Le spese devono essere ripartite secondo i criteri indicati dalla legge (o da un diverso accordo tra tutti i condomini), anche se i comportamenti concludenti (così detti facta concludentia) di senso opposto conferiscono legittimità ai criteri concretamente applicati.

Il criterio generale è dettato dall'art. 1123, primo comma, c.c. e prevede che determinate spese, ossia i costi inerenti conservazione delle parti comuni, innovazioni e prestazione dei servizi nell'interesse comune debbano essere suddivisi tra i condomini secondo i millesimi di proprietà.

Ripartizione spese condominialiQuesto criterio è mitigato dal secondo comma del medesimo articolo, a mente del quale se le cose servono i condomini in misura diversa, le spese devono essere ripartite in base all'uso che ciascuno può farne. Questa regola di carattere generale è poi ripresa nei successivi artt. 1124 e 1126 c.c.

Il terzo comma, infine, specifica che se alcune cose non servono in alcun modo ad una parte dei condomini, le spese che li riguardano devono essere sostenute solamente da chi trae utilità da quei beni; è il caso del così detto condominio parziale.

In questo contesto può accadere che:

a) l'amministratore all'atto di ripartizione della spesa la ripartisca correttamente;

b) l'amministratore ripartisca la spesa erroneamente e l'assemblea approvi quella ripartizione;

c) l'assemblea decida una ripartizione difforme ai criteri legali.

In questi ultimi due casi la deliberazione dev'essere considerata annullabile per l'ipotesi di cui al punto b) mentre dev'essere considerata nulla nel caso di deroga volontaria non adottata con il consenso di tutti i condomini (cfr. Cass. 18 gennaio 2010 n. 657).

Che cosa succede, però, se a fronte di una deroga volontaria ma non unanime nessun condomino contesta ed anzi tutti si adeguano di buon grado?

I comportamenti univocamente orientati possono assurgere al ruolo di tacito accordo derogatorio?


Facta concludentia


Con la locuzione latina facta concludentia (letteralmente comportamenti concludenti), si fa riferimento a quelle condotte tacite dalle quali è possibile desumere l'accettazione di una determinata situazione di fatto che riverbera i propri effetti anche sul piano giuridico.

Alla domanda, nella sostanza, ha risposto – ultimo in ordine di tempo – il Tribunale di Milano con la sentenza n 10802 del 5 settembre 2014.

Secondo il giudice meneghino in tema di disciplina della ripartizione delle spese condominiali e applicazione dei criteri legali o pattizzi, la convenzione modificatrice può considerarsi perfezionata anche per facta concludentia.

Tale circostanza modificatrice può essere desunta:

a) dalla partecipazione con il voto favorevole alle reiterate decisioni assunte dall'assemblea condominiale per ripartire le spese in ragione di un criterio differente rispetto a quello dettato dall'art. 1123 c.c.;


b) anche dall'acquiescenza mostrata verso l'esecuzione di tali delibere.

Osservare le decisioni dell'assemblea cui non s'è preso parte, infatti, può essere considerato comportamento rivelatore della volontà del condomino rispetto all'applicazione di criterio di ripartizione ivi deciso (cfr. Trib. Milano 5 settembre 2014 n. 10802).

Anche la Cassazione, quando s'è espressa sull'argomento, ha riconosciuto il valore modificativo ai così detti comportamenti concludenti (facta concludentia, cfr. Cass. 24 maggio 2013, n. 13004), in quanto afferenti a questioni non legate ai diritti reali ma solamente alle obbligazioni di pagamento di somme di denaro.

riproduzione riservata
Articolo: Ripartizione delle spese condominiali per comportamenti concludenti
Valutazione: 5.00 / 6 basato su 3 voti.

Ripartizione delle spese condominiali per comportamenti concludenti: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
330.371 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Ripartizione delle spese condominiali per comportamenti concludenti che potrebbero interessarti


Nuove conferme e vecchi dubbi riguardo alle tabelle millesimali

Tabelle millesimali - Per l'approvazione e revisione di tabelle millesimali è sufficiente una deliberazione assembleare approvata con il voto favorevole della maggioranza degli intervenuti.

Tabelle millesimali

Condominio - Le tabelle millesimali servono a ripartire le spese condominiali in modo proporzionale alla superficie e alle caratteristiche delle singole unità immobiliari.

Contestazione della ripartizione delle spese condominiali

Ripartizione spese - La ripartizione delle spese condominiali dev'essere contestata attravero l'impugnazione della delibera. L'importante è saper scegliere quale contestare.

Modifica dei criteri di ripartizione delle spese

Condominio - Nel condominio Alfa per lunghi anni, in ragion delle disposizioni contenute nel regolamento contrattuale, le spese per il riscaldamento sono state ripartite

Ripartizione spese condominiali e scelta del criterio sbagliato

Ripartizione spese - Che cosa accade se l'assemblea decidesse, erroneamente, di applicare un criterio di ripartizione delle spese errato e le tabelle fossero, anch'esse, errate?

Il conduttore ha diritto alla specifica degli oneri condominiali

Ripartizione spese - Il conduttore di un'unità immobiliare ubicata in condominio ha sempre diritto alla specifica degli oneri condominiali richiestigli dal proprietario.

Raccomandate in condominio: quando è possibile addebitarle al singolo condòmino?

Ripartizione spese - In condominio sono previsti criteri di ripartizione delle spese: quando i costi delle raccomandate possono essere addebitati al singolo e non ripartiti tra tutti?

Piano di ripartizione spese condominiali: cos'è e a cosa serve

Ripartizione spese - Il piano di ripartizione delle spese condominiali, specie se approvato dall'assemblea, è fondamentale per una corretta gestione delle spese in un condominio.

Ripartizione delle spese legali derivanti da cause condominiali, ipotesi e soluzioni

Ripartizione spese - In tema di cause condominiali è utile distinguere le posizioni dei vari condòmini al fine di poter valutare se imporgli parte del pagamento per l'onorario dell'avvocato.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img paolino76
Buongiorno,vorrei sapere se la riparazione/sostituzione di un lucernario (per infiltrazione d'acqua) sul tetto condominiale è a carico del proprietario della soffitta...
paolino76 25 Maggio 2021 ore 11:10 1
Img alt197
Salve,sono un affittuario che il 31/08/2020 ha lasciato un immobile con delle spese condominiali da saldare e con la caparra trattenuta dal proprietario che mi verrà...
alt197 31 Marzo 2021 ore 16:45 2
Img margherita grazia
Due anni fa, ho acquistato un garage annesso ad un condominio adiacente la mia casa. Con lo stesso contratto di compravendita ho poi acquistato il mio appartamento che il garage...
margherita grazia 07 Febbraio 2021 ore 17:49 2
Img anonimo
Mi chiamo Alberto e vorrei avere chiarimenti su una questione che riguarda i rifiuti. Vivo in un condominio e da diversi anni uno dei condomini si occupa di portare fuori i...
anonimo 08 Gennaio 2021 ore 15:19 2
Img giodeco
Buongiorno, vorrei sottoporre il mio caso: nel condominio in cui ho acquistato recentemente casa c'è un condomino che non paga da molto tempo le spese condominiali e...
giodeco 05 Gennaio 2021 ore 17:22 9