Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Spese condominiali e ricevuta di pagamento

NEWS Ripartizione spese23 Marzo 2015 ore 14:42
La ricevuta di pagamento delle spese condominiali attesta l'avvenuto pagamento delle quote e i condomini hanno diritto a chiederla e ottenerla dall'amministratore.

Ripartizione delle spese condominiali


Spese condominialiOgni condomino, in quanto proprietario di un'unità immobiliare ubicata nell'edificio, ha l'obbligo di contribuire al pagamento degli oneri condominiali.

Si tratta di un'obbligazione propter rem, ossia che sorge in virtù del fatto d'essere titolari del diritto di proprietà sulla porzione di piano.

La misura della partecipazione al pagamento delle spese condominiali è determinata in relazione alla quota millesimale indicata nelle tabelle allegate al regolamento.

La quantificazione concreta della spesa che ogni comproprietario è tenuto ad affrontare è operata nel seguente modo:

a) per le spese ordinarie e straordinarie approvate dall'assemblea sulla base delle rendicontazioni preventive e consuntive adottate dall'assise condominiale;

b) per le spese ordinarie e straordinarie ordinate dall' amministratore in ragione della ripartizione predisposta dallo stesso mandatario; tali spese e ripartizioni devono comunque essere inserite nel rendiconto finale al termine dell'anno di gestione.

A seconda del tipo di spesa si applicherà una tabella differente.

Così per fare un esempio: per le spese relative a interventi conservativi si dovrà utilizzare ai fini della ripartizione del costo la tabella millesimale di proprietà. La periodicità dei versamenti è stabilita dall'assemblea in sede di approvazione dei conti tenute presenti anche le eventuali esigenze o scadenze poste dai fornitori del condominio .

Contro le decisioni dell'assemblea che decidono sulla ripartizione delle spese ciascun condomino può fare ricorso all'Autorità Giudiziaria, chiaramente se vi sono i presupposti per una dichiarazione d'invalidità.

È utile ricordare che:

a) si considerano nulle le delibere con le quali l'assemblea a maggioranza adotta un nuovo criterio o modifica quello esistente;

b) si considerano annullabili le decisioni con cui l'assise applica erroneamente un diverso criterio già esistente.


Ricevuta di pagamento


Chiusa questa breve parentesi connessa alla ripartizione delle spese è utile tornare al momento del pagamento; in questa circostanza il condomino può pretendere che gli venga rilasciata la ricevuta che attesti quanto versato; quello alla quietanza, infatti, è un vero e proprio diritto riconosciuto dalla legge (art. 1198 c.c.).

Spese per il condominioLa ricevuta di pagamento attesta che una persona ha pagato e un'altra ha incassato una determinata somma di denaro.

Nella ricevuta, che solitamente è detta anche quietanza, l'amministratore od un suo incaricato dovranno indicare a che titolo sono versate le somme di denaro. Si tratta, sostanzialmente, della c.d. imputazione di pagamento.

Così, ad esempio, se il condomino corrisponde all'amministratore le quote relative ad una o più mensilità quest'ultimo dovrà indicare nella ricevuta di pagamento i mesi di riferimento delle somme versate. Se, invece, il comproprietario si limita a pagare una somma forfettaria ben potrà chiedere che sia indicato il versamento di un acconto.

Che cosa accade se il condomino, in presenza di più debiti verso il condominio, non indica a quale mensilità o a quale intervento (per il caso di quote straordinarie) riferire il versamento della somma?

Al riguardo è utile citare l'art. 1195 c.c. a mente del quale: chi, avendo più debiti, accetta una quietanza nella quale il creditore ha dichiarato di imputare il pagamento a uno di essi, non può pretendere un'imputazione diversa, se non vi è stato dolo o sorpresa da parte del creditore.

In pratica nell'assenza di un'imputazione del pagamento da parte del debitore (condomino) il creditore (il condominio, nella persona dell'amministratore) può imputare autonomamente ad uno dei debiti senza che il primo, eccezion fatta per i casi di malafede del secondo, possa obiettare nulla. Delle ricevute di pagamento è sempre bene conservare copia per tutto il tempo necessario alla maturazione della prescrizione dei relativi crediti.

Nel caso di versamento tramite bonifico bancario l'imputazione del pagamento corrisponde alla causale dello stesso bonifico.

Che cosa accade se, per assurdo, l'amministratore si rifiuta di rilasciare la ricevuta di pagamento? Si tratta, forse, di un caso limite ma vale la pena affrontarlo.

In primis il condomino deve comunque sincerarsi che le somme siano inserite nella contabilità del condominio – nei modi e nei termini di legge – chiedendo accesso alla documentazione condominiale ; così non fosse verrebbe ad essere integrato il reato di appropriazione indebita.

Qualora fosse tutto in regola, non potendo il condomino non corrispondere le rate condominiali dovrebbe inviare all'amministratore una lettera di diffida al fine di ottenere quanto dovuto e nel caso di perduranza attivarsi per chiedere la revoca (eventualmente anche in via giudiziale, ipotesi da valutarsi in concreto) per irregolarità nella gestione.

riproduzione riservata
Articolo: Ricevuta spese condominiali: quando è dovuta?
Valutazione: 4.88 / 6 basato su 8 voti.

Ricevuta spese condominiali: quando è dovuta?: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Sergio
    Sergio
    Giovedì 2 Febbraio 2017, alle ore 19:00
    Per il rifacimento della facciata del condominio, in assemblea era stato deciso una serie di versamenti rateali in vari anni.
    Io ho pagato in anticipo perchè altri condomini non pagavano e saremmo andati in mora con la ditta appaltatrice, quindi l'amministratore ha pagato il primo sal coi miei soldi.
    Però mi fa la ricevuta solo per la quota che avrei dovuto secondo la dilazione, sostenendo che recupererò in seguito.
    Io temo che non sarà possibile, perchè se è vero che per l'anno in qestione ha fatto ricevute inferiori a quanto il condominio ha effettivamente bonificato, non potrà farne di superiori gli anni successivi
    rispondi al commento
    • Lucag1979
      Lucag1979 Sergio
      Lunedì 6 Febbraio 2017, alle ore 16:20
      Anche secondo me ha sbagliato. Lui doveva riconoscerti l'intero importo corrisposto all'impresa nella misura in cui quel denaro era a te riferibile.
      rispondi al commento
  • Carl
    Carl
    Giovedì 2 Febbraio 2017, alle ore 13:05
    L'amministratore deve dare al pagamento della quota condominiale la ricevuta in originale ho in copia al condomino in base a quale legge. 
    rispondi al commento
    • Lucag1979
      Lucag1979 Carl
      Giovedì 2 Febbraio 2017, alle ore 16:08
      L'amministratore deve dare la ricevuta firmata in originale (art. 1195 c.c.)
      rispondi al commento
      • Carl
        Carl Lucag1979
        Giovedì 2 Febbraio 2017, alle ore 20:32
        L'art.1195 non parla di originale ho ocopia della ricevuta
        rispondi al commento
        • Lucag1979
          Lucag1979 Carl
          Lunedì 6 Febbraio 2017, alle ore 16:21
          Non parla di originale perché è sottointeso.
          rispondi al commento
  • Attilio Di Eugenio
    Attilio Di Eugenio
    Lunedì 19 Dicembre 2016, alle ore 11:32
    Sono l' amministratore delle parti comuni di un supercondominio.
    Un condomino ha versato delle quote condominiali con bonifico sul conto corrente condominiale ed ora chiede ricevuta del versamento.
    La ricevuta del bonifico non è già una quietanza?
    rispondi al commento
    • Lucag1979
      Lucag1979 Attilio Di Eugenio
      Martedì 20 Dicembre 2016, alle ore 17:56
      No, ha diritto alla quietanza firmata dall'amministratore, la ricevutadel bonifico è solamente un'attestazione che la banca ha eseguito l'operazione ordinata.
      rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
REGISTRATI COME UTENTE
306.725 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Cersaie
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Pratiche detrazioni fiscali
    Pratiche detrazioni fiscali...
    500.00
  • Porta basculante blindata
    Porta basculante blindata...
    690.00
  • Pavimenti pavè
    Pavimenti pavè...
    30.00
  • Colori tapparelle alluminio
    Colori tapparelle alluminio...
    5.00
Notizie che trattano Ricevuta spese condominiali: quando è dovuta? che potrebbero interessarti
Il conduttore ha diritto alla specifica degli oneri condominiali

Il conduttore ha diritto alla specifica degli oneri condominiali

Condominio - Il conduttore di un'unità immobiliare ubicata in condominio ha sempre diritto alla specifica degli oneri condominiali richiestigli dal proprietario
Ripartizione delle spese condominiali per facta concludentia

Ripartizione delle spese condominiali per facta concludentia

Ripartizione spese - In tema di ripartizione delle spese condominiali, la giurisprudenza considera lecita l'utilizzazione di un criterio di riparto approvato per facta concludentia.

Ripartizione delle spese legali derivanti da cause condominiali, ipotesi e soluzioni

Ripartizione spese - In tema di cause condominiali è utile distinguere le posizioni dei vari condòmini al fine di poter valutare se imporgli parte del pagamento per l'onorario dell'avvocato.

Piano di ripartizione spese condominiali: cos'è e a cosa serve

Ripartizione spese - Il piano di ripartizione delle spese condominiali, specie se approvato dall'assemblea, è fondamentale per una corretta gestione delle spese in un condominio.

Modifica dei criteri di ripartizione delle spese

Condominio - Nel condominio Alfa per lunghi anni, in ragion delle disposizioni contenute nel regolamento contrattuale, le spese per il riscaldamento sono state ripartite

Ripartizione spese condominiali e scelta del criterio sbagliato

Ripartizione spese - Che cosa accade se l'assemblea decidesse, erroneamente, di applicare un criterio di ripartizione delle spese errato e le tabelle fossero, anch'esse, errate?

Perché chi acquista paga le spese arretrate?

Ripartizione spese - In tema di condominio uno dei problemi più frequenti, e motivo di litigio al momento della compravendita d'una unità immobiliare, riguarda le spese condominiali.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img frank68k
Nel mio condominio devono cambiare le porte delle cantine con porte REI, nel sotterraneo dove sono ubicate io possiedo un garage ma non ho cantina, devo contribuire alla spesa?...
frank68k 07 Aprile 2014 ore 23:16 1
Img faror
Buonasera,abito in un appartamento con riscaldamento a pavimento con impianto condominiale centralizzato.Il mio contabilizzatore della Siemens contabilizza il consumo in KWH.Quale...
faror 13 Aprile 2014 ore 20:38 1
Img zorrozorro
In caso di riunione dell'usufrutto con la nuda proprietà per i debiti condominiali non pagati dall'usufruttuario prima della cessazione dell'usufrutto e se costui non ha...
zorrozorro 16 Maggio 2014 ore 14:39 1
Img elenalo79
Buongiorno, vorrei porre un quesito!! Il mio condominio è composto da civico 9 e civico 11.Nel civico 9 ci sono parecchi morosi con cifre davvero importanti, ed...
elenalo79 02 Aprile 2015 ore 15:34 2
Img anonimo
Vorrei sapere se per le spese di rifacimento del tetto si ripartisce la spesa in millesimi tra tutti i condomini.Se due tra loro hanno il tetto del garage a lato del condominio, i...
anonimo 16 Dicembre 2013 ore 21:28 1