Ravvedimento IMU e Tasi: nuova scadenza il 16 marzo 2015

NEWS DI Fisco casa02 Febbraio 2015 ore 13:52
La Legge di Stabilità, introducendo il ravvedimento medio, prevede la facoltà di pagare il saldo IMU e Tasi 2014 entro il 16 marzo 2015 con la sanzione ridotta al 3,33%.
imu , ravvedimento operoso

Ravvedimento IMU e Tasi 2015


IMU Tasi ravvedimentoIl saldo IMU e Tasi dovuto per il 2014 si potrà pagare entro il 16 marzo 2015, con una sanzione ridotta al 3,33% grazie al nuovo ravvedimento medio.

Una nuova chance per i contribuenti distratti che non hanno provveduto al pagamento del saldo IMU e Tasi lo scorso 16 dicembre 2014. La Legge di Stabilità 2015 (la Legge n. 190 del 2014) ha riscritto infatti le regole per il ravvedimento operoso, introducendo una nuova tipologia, il ravvedimento medio.


Ravvedimento operoso: le novità dal 1 gennaio 2015


A decorrere dal 1 gennaio 2015, cambia l'istituto del ravvedimento operoso disciplinato all'art. 13, D.Lgs. n. 472/1997. L'istituto in oggetto prevede la facoltà per il contribuente di regolarizzare la sua posizione con il Fisco, quindi sanare omessi o insufficienti versamenti entro un certo arco temporale, pagando insieme all'importo totale dovuto invece che la sanzione piena pari al 30% dell'importo stesso, sanzioni ridotte in base ai giorni di ritardo, insieme agli interessi legali.

In particolare il legislatore con la nuova Legge di Stabilità 2015 ha previsto la possibilità di usufruire sempre dell'istituto del ravvedimento, anche quando la violazione sia già stata constatata ovvero siano iniziati accessi, ispezioni, verifiche o altre attività amministrative di accertamento, delle quali i diretti interessati abbiano avuto formale conoscenza (eccezion fatta in caso di notifica di un avviso di liquidazione e di accertamento, comprese le comunicazioni automatiche di controllo delle dichiarazioni emesse ai sensi degli articoli 36-bis, 36-ter, D.P.R. n. 600/1973 e 54-bis, D.P.R. n. 633/1972).


Ravvedimento: il nuovo trattamento sanzionatorio


Vengono riformulate anche le sanzioni in caso di ravvedimento così come sono riportate di seguito:

- sanzione ridotta di 1/10
, se il ravvedimento avviene entro 30 giorni dall'omissione (ravvedimento breve);

-sanzione ridotta di 1/9, se la regolarizzazione degli errori e delle omissioni, anche se incidenti sulla determinazione o sul pagamento del tributo, avviene entro il 90esimo giorno successivo al termine per la presentazione della dichiarazione ovvero, quando non è prevista la dichiarazione periodica, entro 90 giorni dall'omissione o dall'errore (ravvedimento medio);

- sanzione ridotta di 1/8
, se il ravvedimento avviene entro il termine per la presentazione della dichiarazione relativa all'anno nel corso del quale è stata commessa la violazione ovvero, quando non è prevista dichiarazione periodica, entro un anno dall'omissione o dall'errore (ravvedimento lungo);

- sanzione ridotta di 1/7
, se la regolarizzazione degli errori e delle omissioni, anche se incidenti sulla determinazione o sul pagamento del tributo, avviene entro il termine per la presentazione della dichiarazione relativa all'anno successivo a quello nel corso del quale è stata commessa la violazione ovvero, quando non è prevista dichiarazione periodica, entro due anni dall'omissione o dall'errore;

- sanzione ridotta di 1/6
, se la regolarizzazione degli errori e delle omissioni, anche se incidenti sulla determinazione o sul pagamento del tributo, avviene oltre il termine per la presentazione della dichiarazione relativa all'anno successivo a quello nel corso del quale è stata commessa la violazione ovvero, quando non è prevista dichiarazione periodica, oltre due anni dall'omissione o dall'errore;

- sanzione ridotta di 1/5
, se la regolarizzazione degli errori e delle omissioni, anche se incidenti sulla determinazione o sul pagamento del tributo, avviene dopo la constatazione della violazione mediante processo verbale (la violazione non deve consistere nella mancata emissione di ricevute fiscali, scontrini fiscali o documenti di trasporto e/o nell'omessa installazione degli apparecchi per l'emissione dello scontrino fiscale).


Ravvedimento IMU e Tasi entro il 16 marzo 2015


ravvedimento IMU Tasi 2015Le nuove regole sul ravvedimento si applicano sempre ai tributi amministrati dall'Agenzia delle entrate, mentre ai tributi comunali, come IMU e Tasi , si applica solo il nuovo ravvedimento medio. Inoltre le nuove disposizioni si applicano anche alle violazioni commesse prima del 1° gennaio 2015.

Tutto ciò si traduce nella possibilità per i contribuenti che sono stati chiamati al versamento del doppio saldo IMU e Tasi il 16 dicembre 2014 e non hanno rispettato questa scadenza, a regolarizzare la propria posizione, usufruendo del ravvedimento medio.

In sostanza pagando l'importo dovuto delle imposte entro 90 giorni dalla scadenza prevista per il saldo, quindi entro il 16 marzo 2015, insieme a una sanzione ridotta a 1/9 del 30% (la sanzione piena), ossia al 3,33%.


Ravvedimento IMU e Tasi 2015 con il modello F24


Il pagamento del saldo IMU e Tasi entro il 16 marzo 2015, deve avvenire sempre utilizzando il modello di pagamento F24, dove nella casella relativa andrà barrata la voce Ravv.

I codici tributo da indicare sono per la Tasi :

-3958 per l'abitazione principale e relative pertinenze;

-3959 per fabbricati rurali ad uso strumentale;

-3960 per le aree fabbricabili;

-3961 per altri fabbricati.

I codici tributo per pagare l'IMU invece sono:

-3912 per l'abitazione principale e relative pertinenze;

-3914 per i terreni;

-3916 le aree fabbricabili;

-3918 per gli altri fabbricati.

Oltre alla casella Ravv, nel modello F24 vanno indicati questi codici, in particolare vanno esposti nella sezione IMU e altri tributi locali, mentre nello spazio codice ente/codice comune, va indicato il codice catastale del Comune nel cui territorio si trova l'immobile.

riproduzione riservata
Articolo: Ravvedimento IMU e TASI entro il 16 marzo 2015
Valutazione: 4.50 / 6 basato su 4 voti.

Ravvedimento IMU e TASI entro il 16 marzo 2015: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Ravvedimento IMU e TASI entro il 16 marzo 2015 che potrebbero interessarti
Ravvedimento per regolarizzare contratti di locazione

Ravvedimento per regolarizzare contratti di locazione

Affittare casa - Per alcune violazioni fiscali in materia di contratti di locazione ed entro certi termini si può regolarizzare la propria posizione mediante il ravvedimento operoso.
Ravvedimento operoso IMU

Ravvedimento operoso IMU

Fisco casa - Il 16 dicembre è l'ultimo giorno per pagare il saldo IMU dovuto per il 2015. Ecco le istruzioni per chi paga l'imposta in ritardo, usufruendo del ravvedimento.
TASI: come pagare in ritardo

TASI: come pagare in ritardo

Fisco casa - I contribuenti che non rispettano le scadenze previste dalla Legge per pagare la TASI, possono fruire del ravvedimento operoso e versare sanzioie ridotte e interessi.

Come mettersi in regola in caso di affitti in nero

Affittare casa - Tutte le novità previste dalla Legge di Stabilità 2016 per gli affitti in nero e come mettersi in regola con il Fisco, con l'istituto del ravvedimento operoso.

Quali sono le scadenze per Imu e Tasi 2018?

Fisco casa - Si avvicinano gli appuntamenti con il Fisco per quanto concerne l'Imu e la Tasi 2018. Vediamo quando devono essere pagate le imposte sulla casa: acconto e saldo

Come si calcola l'IMU

Fisco casa - L'Imposta Municipale Unica, IMU, ha sostituito la vecchia Ici: in prossimità della scadenza della prima rata, vediamo alcuni esempi per capire come si calcola.

Pagamento sanzioni catastali con F24

Catasto - Dal 1 giugno 2015 le sanzioni catastali, dovranno essere pagate usando il modello di versamento unificato F24. Novità anche per il ravvedimento operoso.

Comodato d'uso gratuito: sconto IMU e TASI

Fisco casa - Introdotta dalla Legge di Stabilità 2016 l'agevolazione per IMU e TASI sugli immobili concessi in comodato d'uso gratuito ai parenti in linea retta di primo grado

TASI: come si compila il modello F24

Fisco casa - Le istruzioni per la corretta compilazione, insieme ai codici tributo, del modello F24 per il pagamento della Tasi, il tributo comunale sui servizi indivisibili.
REGISTRATI COME UTENTE
295.550 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Pavimento in laminato ad incastro milano
    Pavimento in laminato ad incastro...
    35.00
  • Trasforma vasca in doccia firenze e toscana
    Trasforma vasca in doccia firenze...
    2300.00
  • Imbiancatura pareti al mq milano
    Imbiancatura pareti al mq milano...
    5.00
  • Porta in noce tanganica
    Porta in noce tanganica...
    180.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Inferriate.it
  • Mansarda.it
  • Officine Locati
  • Weber
  • Faidatebook
  • Kone
  • Black & Decker
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.