Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Scadenza IMU 2020: quando, come e chi deve pagare

Salvo proroghe legate all'emergenza Covid-19, il 16 giugno è l'ultimo giorno utile per pagare la prima rata dell'IMU: ecco le informazioni su chi deve pagare.
03 Giugno 2020 ore 15:18 - NEWS Fisco casa

Scadenze IMU 2020


Rispetto all'anno scorso, la nuova Legge di Stabilità ha introdotto alcune modifiche all'impianto generale delle imposte sulla casa. L'IMU e la TASI sono state unificate di conseguenza è stata eliminata la IUC, la vecchia l'Imposta Unica Comunale.

Altra novità importante introdotta da quest'anno riguarda la TASI sugli immobili strumentali delle aziende legati alla produzione di beni o servizi, è rappresentata dalla deducibilità della tassa nella misura del 50%.

IMU 2020

Per tutto il resto è rimasto invariato, sono infatti completamente esenti le prime case di civile abitazione con caratteristiche non di lusso.


Quando si paga IMU


L'emergenza Covid-19 ha fatto slittare una serie di adempimenti fiscali a carico dei contribuenti. Al momento, però, resta confermata la data del 16 giugno, anche se da più parti è stata richiesta una proroga dei termini con un possibile differimento al 30 settembre 2020.

Va comunque rammentato che l' IMU sulla prima casa, non deve essere pagata purché rientrino nella definizione di abitazioni civili non di lusso.

Scadenza acconto IMU 2020

Entro martedì 16 giugno andrà eseguito il versamento, in acconto, pari alla metà dell'importo totale pagato nel 2019, fermo restando la possibilità di ogni comune, entro il 31 luglio 2020, di modificare o confermare le proprie aliquote impositive previste dal regolamento IMU, in base alle possibilità di bilancio.

Nel caso di variazioni deliberate successivamente al 16 giugno, il contribuente avrà modo di ricalcolare l'imposta IMU dell'intero anno solare 2020 portando in detrazione l'acconto versato in precedenza in sede di saldo, fissato entro la data del 16 dicembre.


Chi deve pagare l'IMU


Già dal 2016, i proprietari di abitazioni principali non sono più tenuti a pagare l'IMU e TASI, dal 2020 solo IMU, ad eccezione delle case di lusso, cioè quelle accatastate come A/1abitazioni di tipo signorile, A/8 ville, A/9 castelli o palazzi di eminenti pregi artistici o storici, in tal caso si applica un'aliquota base dello 0,5% che ciascun comune ha facoltà di aumentarla fino allo 0,6% o di azzerarla totalmente, in base alle proprie disponibilià di cassa.
Scadenza IMU 2019
Ricordiamo che per abitazione principale si intende l'immobile in cui il proprietario e il suo nucleo familiare hanno la residenza e vi dimorano abitualmente; quindi la prima casa è quella in cui si ha sia la residenza sia il domicilio.

Nel caso in cui si ha la residenza in un immobile, ma si dimora in un'altra casa solo una delle due abitazioni sarà quindi definita abitazione principale.

Anche le pertinenze all'abitazione principale rientrano nell'agevolazione prima casa, ma bisogna ricordare che sono privilegiate non più di tre per categoria catastale.  Le pertinenze ammesse sono quelle classificate come C2: magazzini, depositi, C6 box, autorimesse e C7 tettoie chiuse o aperte.


Esenzioni IMU 2020


Oltre all'abitazione principale che come abbiamo detto è esente dal pagamento dell'imposta, la legge prevede specifici casi in cui l'immobile viene equiparato ad abitazione principale e quindi non è tenuto al pagamento:

  • unità immobiliari che appartengono alle cooperative edilizie a proprietà indivise, adibite a ad abitazione principale di soci assegnatari;

  •  gli alloggi classificati come sociali ai sensi del decreto del 22 aprile del 2008 del Ministero delle Infrastrutture;

  •  le unità immobiliari di proprietà del personale delle Forze Armate o della Polizia, dei Vigili del Fuoco e del personale prefettizio non concesso in locazione;

  •  la casa assegnata al coniuge in caso di separazione;

  •  la casa di proprietà di cittadini residenti all'estero, se pensionati nel Paese in cui risiedono, se iscritti all'AIRE e l'immobile non è stato né locato né utilizzato per un comodato d'uso. Se invece si è pensionati in Italia ma residenti all'estero, non si può considerare l'immobile come abitazione principale;

  •  unità immobiliare, non data in locazione, posseduta per proprietà o usufrutto da anziani o disabili ricoverati in istituto, nel caso che sia stata disposta relativa delibera comunale.


Esenzione imposta IMU per anziani e disabili


IMU e casi particolari


Ci sono casi particolari che meritano una menzione a parte per quanto riguarda il pagamento dell'IMU. Ecco quali.

Comodato d'uso gratuito


Il comodato d'uso gratuito è un contratto nel quale è previsto che un soggetto, detto il comodante, concede in uso gratuito un immobile a un altro soggetto, detto il comodatario.

Comodato uso gratuito tra genitori e figli

Se il comodato d'uso gratuito è tra genitori e figli e l'immobile non rientra nella categoria di lusso, la base imponibile su cui si calcolano le imposte, va ridotta della metà.

È inoltre obbligatoria la registrazione del contratto presso l'Agenzia delle Entrate e lo stesso, per avere diritto alla riduzione, deve essere esclusivamente tra genitori e figli, non sono ammesse altre forme di parentela.

Locazione a canone concordato


Nel caso di immobili dati in affitto a canone concordato è prevista, in base alla legge 431/98 il cui riferimento deve essere indicato nel contratto, la riduzione del 25% sia per l'IMU che per la TASI .

Case in eredità


In caso di decesso, l'IMU va pagata a nome del defunto fino alla data in cui è mancato.
Bisogna quindi considerare la situazione preesistente al decesso e pagare l'imposta con le regole applicabili fino a quel momento.


Come si calcola l'importo da pagare


Per stabilire l'importo da pagare si può procedere autonomamente grazie ai diversi calcolatori presenti online oppure con il supporto di un Centro di assistenza fiscale.
Sarà sufficiente conoscere la rendita catastale dell'unità immobiliare, reperibile dalla visura catastale, e le aliquote previste dal comune in cui l'immobile è ubicato.

Calcolo Importo IMU 2019

Avendo a disposizione queste informazioni si potrà procedere nel seguente ordine:

  1. rivalutare la rendita rinvenuta nella visura catastale del 5%:
    moltiplicare il valore della rendita per 1.05;

  2.  moltiplicare la rendita rivalutata per il coefficiente di ogni immobile per cui si effettuano i versamenti e cioè: rendita rivalutata per moltiplicatore delle categorie catastali, (esempio: 160 per le abitazioni da A/1 ad A/11 ad esclusione della categoria A/10 il cui coefficiente moltiplicatore è 0,80);

  3.  moltiplicare il risultato ottenuto in precedenza per le aliquote deliberate da ciascun Comune: valore ottenuto x aliquota comunale. All'importo definitivo va applicata la detrazione, se dovuta.


Come si paga l'IMU



Per effettuare il pagamento del importo dovuto sono possibili diverse soluzioni.

Strumento obbligatorio per effettuare il pagamento in entrambe le modalità descritte di seguito è il modello F24.

La prima modalità è quella di utilizzare la versione cartacea del modello F24; si dovrà quindi compilare accuratamente il modulo e procedere al pagamento della somma richiesta.

È possibile eseguire il pagamento, portando con sè il modello cartaceo F24 già compilato presso:

  • Banca con assegni bancari o circolari;

  • Ufficio postale con assegni postali, assegni bancari su piazza, assegni circolari, vaglia postali o tramite la carta Postamat;

  • Equitalia con assegni bancari e circolari, vaglia cambiari.


Pagamento IMU con carta

In tutti gli uffici appena elencati sarà inoltre possibile pagare l'IMU in contanti o con carta Pagobancomat qualora siano dotati di terminali abilitati.
La seconda opzione consiste nell'avvalersi della modalità telematica.

Questa tipologia è obbligatoria per i titolari di partita IVA.

Si può quindi procedere utilizzando diverse procedure:

  •  tramite le opzioni di internet banking offerte da banche e Poste Italiane, convenzionate con l'agenzia delle entrate;

  •  tramite i servizi messi a disposizione direttamente dall'Agenzia delle Entrate come F24 Web o F24 Online;

  •  per mezzo di intermediari abilitati al servizio come Caf, professionisti o associazioni.

È possibile inoltre il pagamento tramite bollettino, sul quale andrà indicato l'importo richiesto per il 2020, il codice relativo al Comune, il numero di immobili per i quali si intende pagare la tassa e barrare la casella corrisponde all'acconto.


Quanto costa il ritardo del pagamento IMU


Se non si paga entro le scadenze previste, ci si può avvalere della regolarizzazione spontanea attraverso il ravvedimento operoso.

La sanzione applicata è pari al 3,75% dell'importo non versato oltre al tasso di interesse calcolato in base al numero di giorni di ritardo nel pagamento a cominciare dal 16 giugno.

riproduzione riservata
Articolo: Scadenza IMU
Valutazione: 5.86 / 6 basato su 22 voti.

Scadenza IMU: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Gasmi Rafika
    Gasmi Rafika
    Giovedì 16 Giugno 2016, alle ore 20:44
    E' fantastico
    rispondi al commento
  • Ovlas
    Ovlas
    Lunedì 12 Ottobre 2015, alle ore 18:13
    Salve per motivi di lavoro mi sono trasferito dalla Sicilia in Piemonte con mia moglie e due bambini, e abbiamo spostato anche residenza la casa in Sicilia e di nostra proprietà mentre in Piemonte siamo in affitto, vorrei sapere se posso usufruire di una riduzione visto che in sicilia risulta come seconda abitazione e noi ci siamo trasferiti per lavoro.GRAZIE
    rispondi al commento
  • Nikpik
    Nikpik
    Lunedì 15 Dicembre 2014, alle ore 18:01
    Salve, ho acquistato un appartamento il 26 maggio scorso. Esso è stato acquistato come fosse abitazione principale (tassazione ridotta) solo che ho effettivamente spostato la residenza a inizio ottobre perché prima ci sono stati dei lavori di ristrutturazione. Devo pagare l'IMU per i 4 mesi in cui non avevo la residenza? grazie
    rispondi al commento
    • Anonymous
      Anonymous Nikpik
      Martedì 16 Dicembre 2014, alle ore 09:38
      Sì.
      rispondi al commento
  • Mauriziocannarella19
    Mauriziocannarella19
    Lunedì 15 Dicembre 2014, alle ore 13:41
    Sono proprietario di un appartamento a Ciampino che è la mia abitazione principale, appartamento per cui pago la TASI. Sono proprietario di un altro appartamento in un altro comune, pertanto seconda casa, che è affittato. Per quest appartamento pago l'IMU con l'aliquota seconda casa. Ma per tale appartamento chi paga la TASI?
    rispondi al commento
  • Impellizzeri
    Impellizzeri
    Venerdì 12 Dicembre 2014, alle ore 20:10
    Ho comprato un appartamento questa estate, precisamente il 5 agosto, ho fatto il calcolo tasi tramite il sito del comune della mia città, viene 0 euro, ho sbagliato qualcosa? In caso devo fare un pagamento f24 a zero euro?Grazie
    rispondi al commento
  • Tovi
    Tovi
    Giovedì 23 Gennaio 2014, alle ore 07:03
    Perché il Locatore con l' affitto a canone concordato è penalizzato rispetto a chi affitta a contratto libero?Forse perché con il contratto libero si può aumentare il canone?
    rispondi al commento
  • Italo
    Italo
    Mercoledì 4 Dicembre 2013, alle ore 16:02
    Il soggetto che possieda in proprietà un bene immobile, ma che non abbia redditi perché è disoccupato da anni, come può rifiutarsi di pagare l'IMU?
    rispondi al commento
  • Massimo
    Massimo
    Lunedì 8 Luglio 2013, alle ore 21:11
    Praticamente se un immobile diverso dall'abitazione principale è locato con un canone inferiore al valore della rendita rivalutata è comunque soggetto a IMU e IRPEF?
    rispondi al commento
  • Loredana
    Loredana
    Mercoledì 23 Gennaio 2013, alle ore 10:20
    Avrei dovuto pagare 12 euro come saldo seconda rata, adesso con la sanzione e la mora quanto dovrò pagare? Mi potete aiutare?
    Grazie
    rispondi al commento
  • espandi
Torna Su Espandi Tutto
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
322.796 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Scadenza IMU che potrebbero interessarti


Scade oggi il termine per il pagamento prima rata IMU e TASI 2019

Fisco casa - Scade oggi 17 giugno il termine per pagare la prima rata dell'IMU e TASI per l'anno 2019. Ecco chi deve pagare e come fare se si è in ritardo con il pagamento.

Tasi 2017: scadenza e modalità di pagamento della seconda rata

Fisco casa - Si avvicina l'appuntamento annuale con le imposte sulla casa: fissata al 18 dicembre la scadenza della seconda rata della Tasi, la tassa su servizi indivisibili

Scadenza Imu: previsto il pagamento entro il 18 dicembre 2017

Fisco casa - Il 18 dicembre è la data prevista per il pagamento della seconda rata dell'Imu, l'imposta municipale unica sugli immobili; quali sono le modalità di pagamento?

Scadenza Imu 2020: prorogato il conguaglio a febbraio 2021

Fisco casa - Prorogato al 28 febbraio 2021 il termine per effettuare il pagamento del conguaglio dell'Imu, l'imposta sulla casa. Ferma la data per la seconda rata al 16 dicembre

TARI: le scadenze per il pagamento della tassa rifiuti

Fisco casa - Cambiano da comune a comune le scadenze di pagamento per la TARI del 2015, la tassa sui rifiuti che dal 1 gennaio 2014 ha sostituito TARSU, TARES, TIA1 E TIA2.

Stop a Imu di giugno

Fisco casa - Approvato dal Consiglio dei Ministri il decreto legge che sospende il pagamento della rata Imu di giugno. Entro agosto la riforma che deciderà l'eventuale abolizione.

Tari 2020: scadenze rinviate in alcuni Comuni

Fisco casa - Nuove scadenze per il pagamento della Tari 2020, la tassa sui rifiuti. Molti Comuni italiano hanno optato per la proroga dei termini di versamento dell'imposta.

Scadenze Imu 2020: per chi slitta al 2021?

Fisco casa - Si avvicina la scadenza del 16 dicembre prevista per il pagamento della seconda rata dell’Imu. Vediamo quali sono le novità di quest’anno per la tassa sulla casa

Decreto debiti PA e imposte sulla casa

Normative - Nel Decreto sblocca debiti delle Pubbliche Amministrazioni sono contenute importanti novità di carattere tributario, in particolare in materia di Imu e Tares.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img antomotti
Buonasera,innanzitutto grazie per la consulenza.Mi è stato donato un terreno edificabile da mia zia con atto notarile, lasciandole l'usufrutto.Di conseguenza il pagamento...
antomotti 26 Gennaio 2015 ore 18:41 1
Img ottorino1946
Ho acquistato la mia prima casa ed unico immobile in possesso in data 3 luglio 2014.Lavoravo e lavoro già da prima dell'acquisto della casa nello stesso Comune ma abitavo...
ottorino1946 04 Novembre 2014 ore 14:32 1