Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Locazione, registrazione del contratto e canone di affitto

La legge prevede un meccanismo di registrazione dei contratti di locazione che consente di entrate nel circuito legale con grande vantaggio sul canone da corrispondere.
08 Febbraio 2014 ore 12:58 - NEWS Affittare casa

Contratto di locazione


La locazione è il contratto col quale una parte si obbliga a far godere all'altra una cosa mobile o immobile per un dato tempo, verso un determinato corrispettivo.

CasaQuesta la definizione di contratto di locazione contenuta nell'art. 1571 c.c..

La legge, con specifico riferimento ai contratti di locazione ad uso abitativo, prevede tre tipologie di contratto:

a) quella così detta a canone libero di durata di quattro anni con rinnovo automatico salvo particolari casi di disdetta (cfr. artt. 2-3 l. n. 431/98);

b) quella a canone concordato, ossia i contratti triennali con rinnovo per un biennio, rispetto ai quali le parti devono sottostare a determinati vincoli (cfr. l. n. 431/98 e d.m. 30.12.2002);

c) quella per particolari esigenze transitorie (es. lavoratori in trasferta, studenti universitari, ecc.) della durata minima di 1 mese e della durata massima di 18 mesi.

Tutti questi contratti devono essere redatti in forma scritta pena la loro nullità.


Obbligo di registrazione dei contratti di locazione


I contratti di locazione finalizzati a soddisfare esigenze di carattere abitativo devono essere registrati attraverso deposito presso l'ufficio del registro (agenzia delle entrate).

A stabilirlo l' art. 1, comma 346 della legge n. 311/04, meglio nota come Legge finanziaria per il 2005, a mente del quale:

Contratto di locazioneI contratti di locazione, o che comunque costituiscono diritti relativi di godimento, di unità immobiliari ovvero di loro porzioni, comunque stipulati, sono nulli se, ricorrendone i presupposti, non sono registrati.

Sulla nullità, la più grave forma d'invalidità di un contratto, vi sono tutt'ora posizioni non univoche.

Ad ogni buon conto, a dirlo è l'art. 13 del d.p.r. n. 131/86:

La registrazione degli atti che vi sono soggetti in termine fisso deve essere richiesta, salvo quanto disposto dall'articolo 17, comma 3 - bis, entro venti giorni dalla data dell'atto se formato in Italia, entro sessanta giorni se formato all'estero.

In realtà, considerando che la registrazione segue il pagamento dell'imposta di registro e che per pagamento il termine è di 30 giorni dalla stipula, si considera valido quest'ultimo termine per ambedue gli adempimenti (Ministero delle Finanze circolare n. 207/E del 16/11/00) (Fonte Aduc.it).


Registrazione tardiva e canone di locazione


Il legislatore (leggasi il Parlamento e comunque anche il Governo, che spesso interviene quale legislatore d'urgenza o delegato) è sempre alla ricerca di mezzi e strumenti idonei ad arginare il fenomeno dei così detti affitti in nero.

Tra questi v'è quello previsto e disciplinato dall'art. 3, ottavo comma, d.lgs n. 23 del 2011.

Recita la norma:

Ai contratti di locazione degli immobili ad uso abitativo, comunque stipulati, che, ricorrendone i presupposti, non sono registrati entro il termine stabilito dalla legge, si applica la seguente disciplina:

a) la durata della locazione è stabilita in quattro anni a decorrere dalla data della registrazione, volontaria o d'ufficio;

b) al rinnovo si applica la disciplina di cui all'articolo 2, comma 1, della citata legge n. 431 del 1998;

c) a decorrere dalla registrazione il canone annuo di locazione è fissato in misura pari al triplo della rendita catastale, oltre l'adeguamento, dal secondo anno, in base al 75 per cento dell'aumento degli indici ISTAT dei prezzi al consumo per le famiglie degli impiegati ed operai. Se il contratto prevede un canone inferiore, si applica comunque il canone stabilito dalle parti.

Esempio.


Tizio e Caio stipulano un contratto di locazione ma il proprietario (è l'esempio più classico ma esistono casi in cui è il conduttore) non vuole registrarlo.

Ebbene, in tali ipotesi, il conduttore potrà attivarsi per ottenere una registrazione che inizia a far decorrere il contratto, come se si trattasse di un normale contratto 4+4 dal momento della sua registrazione. Anche se il contratto sta per spirare per normale scadenza del termine? Sì.

In tal caso come si determina il canone di locazione, che, s'è detto in principio, per i contratti 4+4 è liberamente determinato dalle parti?

Si moltiplica il valore della rendita catastale per 3, mentre se il canone già applicato è minore rispetto alla risultante di questa moltiplicazione, si applica quello stabilito dalle parti.

Rispetto alla così detta cedolare secca , il canone così determinato è rivalutato di anno in anno in base agli indici ISTAT.

La norma, che con l'opportunità di pagare canoni bassi (è noto il valore irrisorio di molte rendite catastali rispetto ai prezzi di mercato) faceva presagire una forte emersione del così detto nero, non ha sortito gli effetti sperati così come in generale la così detta cedolare secca disciplinata dal medesimo decreto legislativo.

riproduzione riservata
Articolo: Locazione, registrazione del contratto e canone di affitto
Valutazione: 3.67 / 6 basato su 3 voti.

Locazione, registrazione del contratto e canone di affitto: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
325.268 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Locazione, registrazione del contratto e canone di affitto che potrebbero interessarti


Arriva la cedolare secca per locazioni commerciali con canone variabile

Affittare casa - Cedolare secca per locazioni commerciale. Il contratto prevedere un canone variabile. È quanto chiarito dall'Agenzia delle Entrate con risposta ad interpello.

Come registrare il contratto di locazione

Affittare casa - Tutta la procedura da seguire, le tasse da pagare e l'opzione alla cedolare secca per la registrazione del contratto di locazione di immobili ad uso abitativo.

Manovra 2020 e affitti agevolati: stop all'aumento della cedolare secca

Affittare casa - Tra le misure della nuova manovra economica spiccano quelle sulla casa: oltre alla proroga dei bonus fiscali, conferma dell'aliquota del 10% della cedolare secca

Registrazione del contratto di locazione, tempi e costi

Affittare casa - La registrazione del contratto di locazione rappresenta un obbligo per le parti che dev'essere adempiuto in breve termine e che comporta l'esborso di denaro.

Cedolare secca 2019: come funziona la tassazione sostitutiva

Fisco casa - Contratto di locazione cedolare secca: come esercitare l'opzione del regime di tassazione facoltativo, aliquote e modalità di versamento. Le novità per il 2019.

In aumento la cedolare secca su affitti concordati

Fisco casa - Manovra 2020: quali gli effetti per i contribuenti. Triplicano le imposte ipotecarie e catastali e aumenta al 12,5% la cedolare secca. Vediamo quali sono le novità

Cedolare secca: tutte le novità del 2017

Affittare casa - La cedolare secca è un regime fiscale dei contratti di locazione alternativo e facoltativo che comporta benefici e rinunce. Vediamo come è disciplinato nel 2017.

Quali sono le imposte per i contratti d'affitto?

Affittare casa - Ecco quali sono le imposte da pagare quando si stipula un contratto d'affitto di un immobile a uso abitativo per chi sceglie la cedolare secca o altre soluzioni

Nuovo modello registrazione contratti affitto online

Affittare casa - Un nuovo modello da compilare e inviare per via telematica all'Agenzia delle Entrate per la registrazione, proroga, cessione, risoluzione di contratti di affitto.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img lucav22
Salve a tutti, volevo sapere se io (conduttore) potessi chiedere la restituzione dei canoni versati per un immobile ad uso abitativo tramite contratto di locazione non registrato...
lucav22 29 Dicembre 2020 ore 19:08 19
Img fabriziolepiscopo
Avrei una richiesta di informazioni in merito alle detrazioni fiscali su ristrutturazione immobile. Trovandomi in una casistica particolare, non ho trovato una risposta esaudiente...
fabriziolepiscopo 17 Settembre 2020 ore 19:34 1
Img francoli
Salve avrei bisogno di sapere se dopo la prima scadenza di un contratto di locazione (4+4) con rinnovo automatico per i 4 anni a seguire, ad un anno circa dalla scadenza dello...
francoli 23 Luglio 2020 ore 16:37 6
Img barbarafranzoni
Buongiorno. Sono in affitto dal 2009 con contratto 4+4 regolarmente rinnovato. A gennaio il proprietario mi ha mandato una raccomandata dicendo che entro il 31 luglio dovrò...
barbarafranzoni 23 Luglio 2020 ore 16:33 7
Img apache7
Buongiorno vorrei chiedere un vs parere. Starei per acquistare una seconda casa vicino al mare come investimento da poter locare d'estate, la mia disponibilità non è...
apache7 18 Maggio 2020 ore 16:05 2