L'assemblea non può deliberare di non convocare un condomino

NEWS DI Assemblea di condominio26 Giugno 2014 ore 10:49
L'assemblea non può deliberare di non convocare uno o più condomini al fine di sanzionarli per il perdurante stato di morosità nel pagamento delle quote condominiali.

Partecipazione all'assemblea


Tizio, il mio vicino di casa non paga le rate condominiali! Per punirlo e sollecitarlo a pagare, oltre a sollecitare l' amministratore ad intraprendere l'azione legale, in assemblea abbiamo deciso che Tizio non dev'essere invitato alle riunioni fintanto che non salderà i propri debiti.

AssembleaAbbiamo fatto bene?Non è giusto che decida che fare e quanto spendere e che poi non paghi!

Inutile prendere decisioni del genere: l'assemblea si deve sempre comporre di tutti i partecipanti al condominio (aventi diritto a partecipare, dice la legge) e la deliberazione presa senza che ogni condomino sia stato convocato può essere invalidata (art. 1136 c.c.).

In questo caso, la decisione dell'assemblea sarebbe da considerarsi nulla e se eseguita successivamente tutte le deliberazioni annullabili.

Il perché di quest'affermazione è giustificato da quanto deciso dalle Sezioni Unite della Suprema Corte di Cassazione. Si legge nella sentenza n. 4806/05 che sono da ritenersi nulle le delibere prive degli elementi essenziali, con oggetto impossibile o illecito (contrario all'ordine pubblico, alla morale e al buon costume), con oggetto che non rientra nella competenza dell'assemblea, che incidono sui diritti individuali, sulle cose, sui servizi comuni o sulla proprietà esclusiva di ognuno dei condomini o comunque invalide in relazione all'oggetto.

Assemblea condominialeNell'ambito della categoria delle delibere contrarie alla legge o al regolamento condominiale, la Corte ha affermato che sono da ritenersi annullabili le delibere con vizi relativi alla regolare costituzione dell'assemblea, quelle adottate con maggioranza inferiore a quella prescritta dalla legge o dal regolamento condominiale, quelle affette da vizi formali in violazione di prescrizioni legali, convenzionali, regolamentari attinenti al procedimento di convocazione o informazione in assemblea, quelle genericamente affette da irregolarità nel procedimento di convocazione, quelle che richiedono maggioranze qualificate in relazione all'oggetto.

In questo contesto, pertanto, la decisione di escludere il condomino dalle future riunioni è nulla in quanto per legge (art. 1136 c.c., 67 disp. att. c.c.) tutti i condomini hanno diritto di partecipare all'assemblea e tali norme sono considerate inderogabili (artt. 1138 c.c. e 72 disp. att. c.c.).

Essa, quindi, può essere impugnata senza limiti di tempo e da qualunque condomino, ivi compreso uno di quelli che ha concorso a deliberare (cfr. Cass. n. 6714/10).

La sentenza n. 4806/05 è stata pronunciata ben prima dell'entrata in vigore della riforma del condominio ma la situazione è la stessa poiché la legge n. 220/2012, ha recepito in grandi linee, quanto affermato dalle Sezioni Unite in quell'occasione e comunque non ha scalfito la validità del principio espresso.


Omessa convocazione e conseguenze


Non solo la decisione di escludere un condomino è nulla, ma tutte le successive decisioni sono da ritenersi invalide in quanto adottate in violazione delle norme attinenti il procedimento di convocazione.

Ad essere più precisi, s'è vero, comèè vero che, nel caso descritto, le delibere successive alla prima devono essere considerate la conseguenza di un ordine contrario alla legge, esse potrebbero, di conseguenza, essere considerate nulle al pari della prima.

Ad ogni modo per prudenza è sempre bene impugnare le deliberazioni da considerarsi, astrattamente, annullabili nei modi e nei termini di cui all'art. 1137 c.c. (vale a dire per gli assenti entro 30 giorni dalla loro comunicazione).

L'unica sanzione possibile per il moroso, oltre all'azione giudiziaria con condanna alle spese, è quella prevista dall'ultimo comma dell'art. 63 disp. att. c.c. che recita: in caso di mora nel pagamento dei contributi, che si sia protratta per un semestre, l'amministratore, se il regolamento di condominio ne contiene l'autorizzazione, può sospendere al condomino moroso l'utilizzazione dei servizi comuni che sono suscettibili di godimento separato.

La così detta azione con ricorso per decreto ingiuntivo.

riproduzione riservata
Articolo: L'assemblea non può deliberare di non convocare un condomino
Valutazione: 3.00 / 6 basato su 1 voti.

L'assemblea non può deliberare di non convocare un condomino: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano L'assemblea non può deliberare di non convocare un condomino che potrebbero interessarti
Richiesta di convocazione di un'assemblea straordinaria

Richiesta di convocazione di un'assemblea straordinaria

Assemblea di condominio - È possibile distinguere due diverse tipologie di assemblea condominiale: assemblea ordinaria annuale e assemblea straordinaria. Come richiederne la convocazione?
Vicissitudini della delibera condominiale tra prima e seconda convocazione

Vicissitudini della delibera condominiale tra prima e seconda convocazione

Assemblea di condominio - Alcuni motivi di invalidità della delibera assembleare possono sorgere tra la prima e la seconda convocazione, perché devono essere osservate delle particolari regole.
Appartamento in comunione, chi convocare in assemblea?

Appartamento in comunione, chi convocare in assemblea?

Condominio - Un appartamento,in comunione,ubicato in condominio dà diritto a tutti i comproprietari di ricevere l'avviso di convocazione dell'assemblea?

Convocare un'assemblea di condominio

Condominio - Il procedimento di convocazione dell'assemblea di condominio non è vincolato a particolari forme, l'intera materia condominiale è informata ad un modello di gestione snello e privo di significative formalità.

Comunicazioni all'assemblea

Condominio - L'assemblea, è notorio, è il luogo in cui i condomini decidono sulla gestione e conservazione delle parti comuni dell'edificio.

Voto in assemblea

Assemblea di condominio - In assemblea di condominio, alla fine della discussione deve prendere una decisione. Anche per decidere di non decidere è necessario esprimere un voto.

Nuove modalità di convocazione dell'assemblea condominiale

Assemblea di condominio - A partire dal 18 giugno 2013 entreranno in vigore le nuove norme sulla convocazione dell'assemblea condominiale che garantiranno maggiore certezza della ricezione.

Riforma e cause d'invalidità delle delibere condominiali

Normative - La riforma del condominio, pur lasciando inalterato il concetto di causa d'invalidità delle delibere, è intervenuta inserendo nel codice alcune novità: quali?

Assemblea di condominio e appartamento in comproprietà

Assemblea di condominio - Ogni condomino ha diritto a partecipare all'assemblea di condominio. L'assemblea non può deliberare, se non consta che tutti i condomini sono stati invitati alla riunione.
REGISTRATI COME UTENTE
295.600 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Manutenzione condomini Monza e Brianza, Milano
    Manutenzione condomini monza e...
    19.00
  • Manutenzione Stabili, Condomini, Uffici Milano
    Manutenzione stabili, condomini,...
    100.00
  • Tinteggiatura esterna al quarzo classico
    Tinteggiatura esterna al quarzo...
    7.00
  • Rifacimenti esterni
    Rifacimenti esterni...
    500.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Inferriate.it
  • Mansarda.it
  • Officine Locati
  • Black & Decker
  • Weber
  • Kone
  • Faidatebook
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.