Si può ricavare un nuovo ingresso nell'androne condominiale?

NEWS DI Parti comuni27 Novembre 2014 ore 18:58
Il proprietario dell'immobile posto al piano terra può aprire un nuovo ingresso con l'affaccio sull'androne condominiale e se si quali sono i limiti di tale potere?
androne , uso delle cose comuni , pianerottolo , ingresso

Apertura nuovi ingressi: servitù o uso della cosa comune?


IngressoÈ il quesito a cui ha risposto la Suprema Corte con una recente ordinanza (Cass. 24295/14), rigettando, per quanto ci interessa, l'ipotesi che si tratti di costituzione di servitù e in generale che vi sia un uso della cosa comune in violazione dell'art. 1102 c.c.

Nel caso di specie, una controversia condominiale aveva portato le parti, singolo proprietario e condominio , sino al terzo grado di giudizio per sentire il Giudice accertare se, come detto, la proprietaria potesse o no lecitamente realizzare l'apertura di tale nuovo ingresso.

I giudici dei primi due gradi di giudizio avevano accolto le ragioni della proprietaria ed infatti le sentenze erano state impugnate dal condominio.

In particolare, in terzo grado il condominio contestava, nel merito, la violazione e falsa applicazione dell'art. 1102 c.c., affermando che il giudice a quo, ritenendo l'apertura del nuovo accesso al locale terraneo [...] idonea a garantire anche agli altri condomini l'uso dell'androne della scala [...], avrebbe in realtà costituito una servitù di ingresso sul menzionato androne in favore della resistente.

In sostanza si affermava che venisse leso il diritto all'uso della cosa comune sancito dall'art. 1102 c.c. mediante la costituzione di una servitù.

Dopo avere escluso ogni dubbio circa la qualità di condomina in capo alla resistente e dunque della sua attitudine sia ad impugnare la delibera assembleare, sia, ad utilizzare, in quanto bene comune ex art. 1102 c.c., l'androne della scala del condominio, la sentenza entra nel vivo della questione.


Aperture a immobili di terzi e servitù


Va escluso, afferma la corte, che si ricada nell'ipotesi di costituzione di servitù: non ritiene infatti pertinente il riferimento alla giurisprudenza della stessa corte relativa alla costituzione di servitù di passaggio su beni condominiali, in ragione della diversità tra la fattispecie concretamente verificatasi e quella prevista dall'orientamento in esame. Infatti, l'indirizzo de quo si riferisce all'ipotesi della costituzione di servitù di passaggio su beni condominiali per consentire un collegamento diretto tra distinti immobili di proprietà del medesimo privato (cfr., ex multis, Cass., 18-09-2013, n. 21395; Cass., 06-02-2009, n. 3035; Cass., 19-04-2006, n. 9036; Cass., 13-01-1995, n. 360).

Ingresso in casaAl contrario, nel caso di specie l'intimata si è limitata a chiedere l'apertura di un nuovo ingresso per il proprio immobile presso l'androne condominiale , cosi da realizzare unicamente un utilizzo più intenso di tale bene comune, senza, quindi, escludere gli altri condomini dall'uso del bene in questione
.

Effettivamente le sentenze richiamate dall'appellante e menzionate dalla Corte nel provvedimento in commento riguardano situazioni ove la realizzazione della nuova apertura aveva creato un collegamento con beni immobili esterni al condominio, consentendo l'accesso a soggetti estranei e per questo motivo erano stante ritenute illegittime, potendo dare luogo a servitù a carico della proprietà condominiale e non risolvendosi affatto in un semplice maggior godimento della cosa comune da parte del condominio, integrando una anormale e diversa utilizzazione, diretta a sopperire ai bisogni di un bene al quale non è legata da alcun rapporto e che può dar luogo all'acquisto di una servitù a carico della proprietà condominiale (Cass. 360/1995).


Uso della cosa comune e comunione


Ciò, prosegue la Suprema Corte, appare pienamente in linea con il consolidato orientamento della Suprema Corte, secondo il quale, in tema di comunione, ciascun comproprietario ha diritto di trarre dal bene comune una utilità maggiore e più intensa di quella che ne viene tratta dagli altri comproprietari, purché non venga alterata la destinazione del bene o compromesso il diritto al pari uso da parte di quest'ultimi. In particolare, per stabilire se l'uso più intenso da parte del singolo sia da ritenere consentito ai sensi dell'art. 1102 cod. civ., non deve aversi riguardo all'uso concreto fatto della cosa dagli altri condomini in un determinato momento, ma a quello potenziale in relazione ai diritti di ciascuno.

L'uso deve ritenersi in ogni caso consentito se l'utilità aggiuntiva, tratta dal singolo comproprietario dall'uso del bene comune, non sia diversa da quella derivante dalla destinazione originaria del bene e sempre che detto uso non dia luogo a servitù a carico del suddetto bene comune (cfr. Cass., 27-02-2007, n. 4617; Cass., 30-05-2003, n. 8808; Cass., 01-08-2001, n. 10453; Cass., 12-02-1998, n. 1499)
.

Nel caso di specie, chiosano gli ermellini, pare evidente che l'apertura nell'androne della scala [..] di una nuova entrata per il locale terraneo dell'intimata non impedisca agli altri condomini di fruire dell'androne per raggiungere i propri appartamenti. Né, tantomeno, si potrebbe ragionevolmente affermare che l'ingresso de quo sia idoneo ad alterare irreversibilmente la destinazione dell'androne.

Al contrario, l'apertura del nuovo accesso all'immobile dell'intimata valorizzerebbe e potenzierebbe la funzione dell'androne in esame, ossia quella di facilitazione del transito dei condomini, e dei terzi, da e verso le singole unità abitative della scala.

riproduzione riservata
Articolo: Ingresso nell'androne condominiale, si può ricavare?
Valutazione: 5.00 / 6 basato su 1 voti.

Ingresso nell'androne condominiale, si può ricavare?: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Ingresso nell'androne condominiale, si può ricavare? che potrebbero interessarti
Uso dei pianerottoli e dell'androne e responsabilità

Uso dei pianerottoli e dell'androne e responsabilità

Parti comuni - I pianerottoli e l'androne di un edificio in condominio sono parti comuni e quindi tutti i condòmini devono rispettare le regole d'uso previste per questi beni.
Spazi condominiali comuni

Spazi condominiali comuni

Condominio - Biglietto da visita di ogni edificio residenziale, possono essere riqualificati a partire dal trattamento delle superfici e dallo studio dell'illuminazione.
Riutilizzo di un vecchio androne

Riutilizzo di un vecchio androne

Soluzioni progettuali - Il progetto di recupero ed arredamento nelle sue parti essenziali, consiste nell'inserimento nell'androne di un soppalco a ridosso del portone d'ingresso.

Scivoloni in condominio e risarcimento dei danni

Liti tra condomini - La responsabilità del condominio per le cose in custodia non copre i danni subiti dai condomini in ambienti che conoscono molto bene

Beni comuni non censibili

Proprietà - I beni comuni non censibili rappresentano una proprietà indivisa che non produce reddito, comune sì a tutti i condomini, ma senza che questi ne siano proprietari.

Modalità d'uso delle cose comuni

Parti comuni - In tema di utilizzazione delle parti comuni, quali sono i poteri dell'assemblea, quali i diritti dei condòmini e quali le soluzioni in caso di abuso da parte di qualcuno?

Perchà© l'art. 1102 c.c. si applica anche al condominio?

Condominio - In questo blog ci occupiamo spesso di sentenze che affrontano il tema dell?uso dei beni condominiali

Danni alle parti comuni e risarcimento

Condominio - I danni derivanti da comportamenti illeciti dei condomini non gli possono essere addebitati se non dopo una regolare sentenza di condanna.

Tutela delle destinazioni d'uso delle cose comuni dopo la riforma

Condominio - L'uso individuale delle cose comuni è sottoposto a dei limiti, che dopo l'entrata in vigore della riforma saranno più specifici, per garantire il diritto di tutti.
REGISTRATI COME UTENTE
295.776 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Pensilina naxos policarbonato
    Pensilina naxos policarbonato...
    75.00
  • Porta blindata raso muro di sicurezza
    Porta blindata raso muro di...
    1220.00
  • Tapparella VELUX
    Tapparella velux...
    297.00
  • Fioriera indonesiana in radice di mangrovia
    Fioriera indonesiana in radice di...
    2300.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Faidacasa.com
  • Officine Locati
  • Mansarda.it
  • Weber
  • Faidatebook
  • Black & Decker
  • Kone
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.