Finitura delle superfici di marmo

NEWS DI Progettazione28 Maggio 2012 ore 20:26
Il tipo di finitura delle superfici rivestite di marmo, per pavimenti e rivestimenti, esalta la bellezza e la caratteristica naturale di questo materiale.
marmo , lastra , lastra di marmo , levigato

La finitura superficiale di una lastra di marmo (pietra o granito), riveste un ruolo decisivo per l'esaltazione estetica dell'elemento lapideo.

Non vi è dubbio che questa condizione si evidenzia maggiormente in determinati usi, come ad esempio per l'arredamento, il rivestimento di pareti, le pavimentazioni, le decorazioni e per tutto ciò che rappresenta l'aspetto puramente visivo.

Per ottenere il prodotto finito, il blocco estratto dalla cava, è sottoposto al taglio in lastre dello spessore (in genere) di due o tre centimetri.

Queste diverse conformazioni sono una conseguenza di scelte di tipo tecnico che consigliano uno spessore maggiore per la realizzazione di soglie di porte, pedate, ecc., e quello minore (due centimetri) per il rivestimento di superfici non soggette all'usura da calpestio.

È evidente che questa regola non è fissa in quanto, per evidenti esigenze pratiche ed estetiche, lo spessore può variare in conformità delle diverse applicazioni.

Si hanno, infatti, pedate in granito da due centimetri (in considerazione della resistenza del materiale) o soglie di finestre da tre centimetri (per un miglior effetto estetico).

Vari tipi di finitura superficiali


Per ciò che riguarda il tipo di finitura esistono diversi trattamenti finali che vanno dai più conosciuti: levigato e lucidato, fino al bocciardato, a piano sega, a spacco naturale, ecc.

In ciascuna di queste lavorazioni, la differenza sostanziale si basa sulla rugosità e regolarità del piano, che mettono in risalto la lucentezza o la variazione cromatica in chiaroscuro della superficie.

Con un trattamento di tipo levigato si ha una definizione naturale del colore, pur mantenendo una gradazione complessivamente chiara e opaca, mentre, con l'effetto lucidato, si evidenziano maggiormente i contrasti (venature e bande cromatiche) più scuri e con una brillantezza della superficie.

Chi invece predilige un effetto più naturale può scegliere la finitura a piano sega, ossia con la superficie planare ottenuta dal taglio della lastra, ma con lievi irregolarità dovuti al passaggio della lama.

Se si vuole ottenere una texture più marcata, si può ricorrere a trattamenti d'urto come la bocciardatura, che consiste nel picchettare il piano con uno speciale attrezzo (bocciarda) fino a formare una rugosità tipo buccia di arancia.

Questa lavorazione, considerato il costo della mano d'opera e il tempo necessario per ottenere un elemento finito, è oggi eseguita in maniera meccanica.

La particolarità di questo trattamento è nei contrasti in chiaroscuro (evidenziati con luce radente) delle asperità in superficie, che risaltano le sfumature e cromie del materiale.

In alternativa a questo risultato (piuttosto disomogeneo) vi è un'altra soluzione che consiste nel produrre, tramite particolari macchinari, delle rigature sul piano.
L'effetto di questa trama tiene conto della distanza e forma dei solchi, della profondità, oltre che dalla tessitura, in altre parole, se eseguita in un'unica direzione o con passo incrociato.

Anche in questo caso valgono le considerazioni su indicate, con l'unica differenza dovuta alla regolarità degli effetti chiaroscurali rispetto alla luce radente.

Un'altra lavorazione è quella a spacco, ottenuta tramite l'azione diretta (con battitura) dell'elemento e conseguente suddivisione del pezzo in varie parti secondo un piano che, gli addetti ai lavori, individuano come di scistosità.

L'effetto che si produce è chiaramente molto irregolare e rustico e quindi è apprezzato solo in determinati ambiti.

Vi è infine un altro trattamento, definito a spacco termico o a fiammatura, ed è ottenuto con il riscaldamento della superficie del materiale.
Questo effetto provoca sbalzi termici localizzati, causando il distacco di scaglie, di varia dimensione e secondo le caratteristiche meccaniche del materiale.

È evidente che si possono ottenere anche altre finiture, come ad esempio con l'azione di martellina a testa piatta, ma è necessario rilevare tuttavia che, queste lavorazioni, non possono essere applicate indistintamente a tutti i materiali.

Esistono, infatti, delle regole pratiche che si basano su alcuni fattori come: compattezza, resistenza meccanica, ecc., del marmo (pietra o granito).

Variazioni delle caratteristiche dei materiali sottoposti a lavorazione


Un'altra cosa da rilevare è la conseguenza di queste lavorazioni sulle caratteristiche fisiche del materiale e quindi di resistenza agli agenti esterni (atmosferici e d'inquinamento).

Con la lucidatura, infatti, la chiusura dei pori, determina una migliore protezione superficiale, mentre, con l'azione d'urto (bocciardatura o a spacco), si evidenzia la struttura naturale del marmo rispetto agli agenti esterni.

Per la finitura fiammata, infine, si può provocare (a seguito del riscaldamento) un'alterazione della caratteristica del materiale e quindi la variazione della sua naturale resistenza.

riproduzione riservata
Articolo: Finitura delle superfici di marmo
Valutazione: 5.20 / 6 basato su 5 voti.

Finitura delle superfici di marmo: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Finitura delle superfici di marmo che potrebbero interessarti
Rifiniture delle lastre in pietra

Rifiniture delle lastre in pietra

Progettazione - Come conciliare sicurezza ed estetica nelle lavorazioni delle opere in pietra.
I vincitori del Dressed Stone 2010

I vincitori del Dressed Stone 2010

Bagno - Sono riusciti ad unire il marmo bianco di Carrara con il vetro creando prodotti originali e assolutamente contemporanei per il bagno. E ora i tre vincitori
Pietra sintetica

Pietra sintetica

Progettazione - Difetti e pregi di un prodotto largamente impiegato.

Lastre di quarzo e marmo

Ristrutturazione - Stone Italiana è l'azienda di riferimento nel mondo per la produzione di lastre in quarzo e marmo ricomposto: per prima, nel 1979, ha iniziato la produzione

Spazi condominiali comuni

Condominio - Biglietto da visita di ogni edificio residenziale, possono essere riqualificati a partire dal trattamento delle superfici e dallo studio dell'illuminazione.

Tecniche di lavorazione del marmo artificiale

Materiali edili - Si descrivono le tecniche di lavorazione del marmo artificiale, cioè di un particolare intonaco molto liscio trattato a imitazione delle tipiche venature del marmo.

Collezioni ceramiche

Ristrutturazione - Nonostante la crisi economica internazionale che ha colpito anche questo settore, il comparto ceramico continua ad essere uno dei fiori all?occhiello

8 fantastiche vasche da bagno in marmo dal design contemporaneo

Vasche e docce - Le vasche da bagno in marmo sono d'indiscussa bellezza, conferiscono prestigio e valore all'ambiente in cui sono collocate, sono resistenti e durevoli nel tempo

Marmo di design e piastrelle extra-large

Arredamento - Tra le tante fiere d'autunno, si è appena concluso l?appuntamento del Marmomacc a Verona, dedicato in particolare al marmo e alle pietre.
REGISTRATI COME UTENTE
295.527 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Levigatura marmo
    Levigatura marmo...
    30.00
  • Pavimento marmo
    Pavimento marmo...
    70.00
  • Vaso in marmo a calice del xx
    Vaso in marmo a calice del xx...
    1450.00
  • Pavimento a mosaico e palladiana di marmo
    Pavimento a mosaico e palladiana...
    250.00
integra
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Mansarda.it
  • Inferriate.it
  • Officine Locati
  • Weber
  • Faidatebook
  • Black & Decker
  • Kone
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.