Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

TASI: come si compila il modello F24

Le istruzioni per la corretta compilazione, insieme ai codici tributo, del modello F24 per il pagamento della Tasi, il tributo comunale sui servizi indivisibili.
24 Maggio 2015 ore 12:39 - NEWS Fisco casa
tasi f24 , pagamento tasi

TASI F24


La TASI, il tributo sui servizi indivisibili comunali, introdotto con l' IMU e la TARI nella IUC (Imposta Unica Comunale) deve essere pagata con il mod. F24.
Ecco i codici tributo da usare e le istruzioni per la corretta compilazione del modello di versamento.


TASI 2015: soggetti obbligati al pagamento e scadenze


Tasi F24La Legge 27 dicembre 2013, n. 147 ha istituito la IUC, l'imposta unica comunale che si basa su due presupposti impositivi, uno costituito dal possesso di immobili e collegato alla loro natura e al loro valore e l'altro connesso all'erogazione e alla fruizione di servizi comunali.
Sulla base di queste indicazioni, la IUC si compone di:

-IMU: l'imposta municipale propria dovuta dal possessore di immobili, tranne per le abitazioni principali che non siano classificate di lusso e di pregio (categoria catastale A1, A8 e A9)

-TASI: il tributo per i servizi indivisibili (come illuminazione pubblica e manutenzione delle strade) a carico sia del possessore che dell'utilizzatore dell'immobile, a prescindere dalla classificazione catastatale

-TARI: la nuova tassa rifiuti destinata a finanziare i costi del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti, a carico dell'utilizzatore dell'immobile.

Per quanto riguarda la TASI, a pagarla devono essere:

-proprietario dell'abitazione principale e relative pertinenze

-possessore a qualsiasi titolo dell'immobile (usufrutto, uso, abitazione o altro diritto reale minore)

-inquilino in caso di immobile concesso in locazione (la quota a suo carico tra il 10 e il 30% del tributo totale deve essere determinata dal comune nella delibera relativa).

La TASI per il 2015 ha queste scadenze:

-16 giugno 2015: acconto o prima rata

-16 dicembre 2015: saldo.

Visto che nel 2014 alcuni comuni, in mancanza delle delibere relative al tributo, hanno deciso di far pagare la prima rata a ottobre, possono anche nel 2015 aver deciso di far slittare il versamento dell'acconto. Si consiglia quindi di verificare sui siti dell'amministrazione comunale di residenza eventuali comunicazioni in merito.


TASI F24: modalità di pagamento


Modello F24 TasiIl tributo si può pagare con bollettino postale o con il modello F24.
Per quanto riguarda il mod. F24, l'Agenzia delle entrate ha istituito i codici tributo che vanno indicati nel modello di pagamento (risoluzione n. 46/E del 24 aprile 2014), distinti in base all'immobile su cui grava il tributo.

Tali codici tributo per la TASI sono:

-3958 denominato TASI – tributo per i servizi indivisibili su abitazione principale e relative pertinenze – art. 1, c. 639, L. n. 147/2013 e succ. modif.

-3959 denominato TASI – tributo per i servizi indivisibili per fabbricati rurali ad uso strumentale – art. 1, c. 639, L. n. 147/2013 e succ. modif.

-3960 denominato TASI – tributo per i servizi indivisibili per le aree fabbricabili – art. 1, c. 639, L. n. 147/2013 e succ. modif.

-3961 denominato TASI – tributo per i servizi indivisibili per altri fabbricati – art. 1, c. 639, L. n. 147/2013 e succ. modif.


TASI F24: i codici tributo per il ravvedimento



Nella suddetta risoluzione, l'Agenzia ha istituito anche i codici tributo da usare in caso di ravvedimento, l'istituto che permette di regolarizzare la propria posizione fiscale, nel caso di omessi o ritardati versamenti, pagando oltre all'importo dovuto, sanzioni ridotte insieme agli interessi legali.

I codici tributo da utilizzare per il ravvedimento TASI sono:

-3962 denominato TASI - tributo per i servizi indivisibili - art. 1, c. 639, L. n. 147/2013 e succ. modif. – INTERESSI

-3963 denominato TASI - tributo per i servizi indivisibili - art. 1, c. 639, L. n. 147/2013 e succ. modif. – SANZIONI.


TASI F24: istruzioni per la compilazione


Tasi F24 codici Il modello F24 con cui si deve pagare la TASI, deve essere così compilato:

- i codici tributo vanno esposti nella SEZIONE IMU E ALTRI TRIBUTI LOCALI, in corrispondenza delle somme indicate esclusivamente nella colonna importi a debito versati

- nello spazio codice ente/codice comune, si deve indicare il codice catastale del Comune nel cui territorio sono situati gli immobili (Tabella codici comuni)

- lo spazio Ravv. : va barrato solo se il pagamento si riferisce al ravvedimento

- lo spazio Acc: va barrato solo se il pagamento si riferisce all'acconto (16 giugno o altra data a seconda della delibera del comune di residenza)

- lo spazio Saldo: deve essere barrato se il pagamento si riferisce al saldo (16 dicembre). Se il pagamento è effettuato in unica soluzione per acconto e saldo, vanno barrate entrambe le caselle;

- lo spazio Numero immobili: in esso va indicato il numero degli immobili (massimo 3 cifre);

- lo spazio Anno di riferimento: in esso va indicato l'anno d'imposta a cui si riferisce il pagamento.


F24 TASI: modalità di versamento


Il modello F24 per pagare la TASI può essere utilizzato:

- presso gli uffici postali, anche on line dai canali telematici BancoPostaonline, BancoPostaImpresaonline e BancoPostaClick

- presso gli istituti di credito anche tramite i servizi Bancomat.

Si ricorda che dal 1° ottobre 2014 nel caso in cui per effetto delle compensazioni effettuate, il saldo finale sia di importo pari a zero o di importo positivo, oppure nel caso in cui il saldo finale sia di importo superiore a 1.000 euro, i versamenti con il modello F24, anche per la TASI, devono essere eseguiti esclusivamente mediante i servizi telematici messi a disposizione dall'Agenzia delle Entrate:

- direttamente dal contribuente utilizzando i canali telematici Fisconline o Entratel

- per il tramite di un intermediario abilitato (professionisti, CAF, associazioni sindacali di categoria, etc.)

- mediante i servizi di internet banking messi a disposizione dagli intermediari della riscossione (banche, poste italiane, etc.).

riproduzione riservata
Articolo: F24 TASI
Valutazione: 6.00 / 6 basato su 1 voti.

F24 TASI: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
323.097 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano F24 TASI che potrebbero interessarti


Scade oggi il termine per il pagamento prima rata IMU e TASI 2019

Fisco casa - Scade oggi 17 giugno il termine per pagare la prima rata dell'IMU e TASI per l'anno 2019. Ecco chi deve pagare e come fare se si è in ritardo con il pagamento.

IMU e TASI: ravvedimento operoso per chi non ha pagato

Fisco casa - In caso di ritardo nel pagamento di IMU e TASI si potrà fruire del ravvedimento operoso, un beneficio in base al quale si potrà ridurre la sanzione applicata.

IMU e TASI 2018 scadenza al 17 dicembre

Fisco casa - È ormai vicina la scadenza per il versamento della seconda rata dell'IMU e della TASI. Quando i contribuenti dovranno effettuare il saldo e modalità di calcolo.

Quali sono le scadenze per Imu e Tasi 2018?

Fisco casa - Si avvicinano gli appuntamenti con il Fisco per quanto concerne l'Imu e la Tasi 2018. Vediamo quando devono essere pagate le imposte sulla casa: acconto e saldo

Tasi 2017: scadenza e modalità di pagamento della seconda rata

Fisco casa - Si avvicina l'appuntamento annuale con le imposte sulla casa: fissata al 18 dicembre la scadenza della seconda rata della Tasi, la tassa su servizi indivisibili

IMU e TASI: niente rottamazione!

Fisco casa - Non si farà la sanatoria per il mancato pagamento delle imposte sulla casa, IMU e TASI; sono queste le ultime novità. I Comuni sono esclusi dalla pace fiscale

Unificazione Imu e Tasi: arriva la conferma del Governo

Fisco casa - Importanti novità su Imu e Tasi. Al via il progetto di unificazione delle imposte sulla casa per arrivare ad una tassa unica. Si punta alla semplificazione.

Pace fiscale per i tributi comunali: ecco di cosa si tratta

Fisco casa - Non solo multe e bollo auto potranno beneficiare della pace fiscale; il condono è consentito anche per quei tributi comunali sulla casa come IMU, TASI e TARI.

TASI: come si calcola

Fisco casa - Breve guida al calcolo della Tasi, la tassa sui servizi indivisibili comunali che devono pagare sia i proprietari di casa che gli inquilini che vivono in affitto.