Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Distanze da rispettare

NEWS Leggi e Normative Tecniche06 Giugno 2012 ore 15:29
Una delle cause più frequenti delle liti tra vicini riguarda le distanze da rispettare tra le singole proprietà: vediamo come sono regolate dal codice civile.

Distanze tra fabbricati


distanze da rispettareUna delle cause più frequenti delle liti tra vicini riguarda le distanze da rispettare tra le singole proprietà.

Le distanze tra i fabbricati e i confini delle proprietà sono regolati dal Codice Civile, ed è proprio il mancato rispetto di queste norme che provoca queste liti.
Per quanto riguarda il condominio, invece, la Corte di Cassazione ha ribadito che le norme condominiali hanno il sopravvento su quelle del Codice Civile.

Prima di costruire sul proprio suolo, bisognerebbe porsi alcuni interrogativi, come:

- Quale distanza devo rispettare dalla casa del mio vicino?
- A che distanza posso piantare gli alberi?
- Posso sempre recintare il giardino?

Infatti se si realizzano opere o piantano alberi che infrangono le norme che regolano queste distanze, si può essere chiamati a risarcire il danno o ad abbattere il manufatto.


Distanze da rispettare e codice civile


il codice civileGli articoli del Codice Civile che stabiliscono le distanze minime da rispettare e regolano in maniera precisa i confini tra le proprietà, sono quelli che vanno dal numero 873 al numero 907, con qualche eccezione che vedremo più avanti.

I piani regolatori, i vincoli ambientali, i Regolamenti edilizi locali, le norme di sicurezza sugli impianti e anche il codice della strada, possono aumentare le distanze minime imposte dalla Legge , ma non diminuirle.

Se due costruzioni non sono aderenti, la distanza minima tra di esse in linea d'aria deve essere di almeno 3 metri.


Eccezioni alle distanze minime dai confini


Esistono, però, delle eccezioni anche alle distanze minime fissate dal codice civile.


Prima eccezione


La Cassazione, con la sentenza numero 2331 del 1983 ha riconosciuto ai proprietari di terreni confinanti la possibilità di stabilire tra loro un accordo per ridurre la distanza minima.

Questo vale solo però nel caso in cui il regolamento edilizio locale non abbia fissato le distanze minime.


Seconda eccezione


le eccezioni
Se due fabbricati costruiti da oltre venti anni, hanno una distanza inferiore a quella fissata dalla Legge e i proprietari non hanno mai opposto alcuna obiezione, può scattare il diritto all'usucapione cioè il diritto o il possesso protratto per un lungo periodo di tempo si trasforma in diritto o proprietà vera.

Tale diritto è regolato dagli articoli 1158 e seguenti del codice civile e deve essere fatto valere in giudizio con una sentenza.


Cosa si intende per costruzione?


È bene precisare che il concetto di costruzione non si esaurisce semplicemente in quello di edificio, manufatto costituito da muri perimetrali, ma per la giurisprudenza essa è costituita da qualsiasi opera stabilmente infissa al suolo.

balconeCon sentenze succedutesi nel corso degli anni la Cassazione ha stabilito che devono intendersi come costruzioni manufatti quali la tettoia che avanzi rispetto all'edificio già esistente, i balconi, una pensilina costruita su un terrazzo con materiali metallici, una scala esterna in muratura, un manufatto, con finestra, coperto da tettoia formata da travi con soprastanti lamiere, destinata a fienile, magazzino e pollaio, un barbacane quale elemento costruttivo di completamento dell'edificio.

Allo stesso modo ha stabilito che non rientrano in tale concetto le condutture elettriche ed i pali che le sostengono, uno zoccolo basso in muratura con rete metallica infissa, i manufatti realizzati all'interno di preesistenti costruzioni eseguite in appoggio o in aderenza ad un muro comune sul confine, un campo da tennis ad uso privato, dato che la rete metallica che di solito circonda simili campi, non può formare un'intercapedine e come tale non rientra nella previsione dell'art. 873, il muro di contenimento di una scarpata o di un terrapieno, il muro di cinta con altezza non superiore ai tre metri.

In generale, quando in un edificio sono presenti sporti o aggetti, essi non devono essere considerati costruzione quando hanno una funzione meramente decorativa e non hanno alcun compito strutturale.


Muri di confine


Il Codice Civile all'articolo 841 afferma che in qualsiasi momento si ha il diritto di recintare la propria proprietà.

muri di confineSe il muro è alto meno di tre metri l'edificio dovrà essere costruito a più di tre metri di distanza dalla costruzione del vicino, altrimenti i tre metri minimi vanno considerati dal muro di recinzione.

Se un muro è costruito su confine anche da uno solo dei proprietari, l'altro confinante può chiederne la comunione, a patto che divida le spese di costruzione e manutenzione.

Se una costruzione sorge a ridosso di un muro di confine, anche l'altro confinante potrà appoggiare la sua costruzione al muro comune.

Se un muro è a meno di un metro e mezzo dal confine è possibile chiedere la comunione al vicino che dovrà comunque acconsentire e richiedere a sua volta la costruzione del nuovo muro sul confine.

Il Codice Civile stabilisce alcune prove che si possono portare a sostegno del fatto di essere l'unico proprietario del muro, come per esempio la presenza da un lato del muro di cornicioni, mensole, ecc.


Alberi e piante


alberi e pianteIl Codice Civile stabilisce che i confini possono essere segnati anche da siepi o alberi che sono considerati in questo caso comuni.

Piantando nuovi alberi bisogna rispettare una distanza che va da 1 metro a 3 metri a seconda delle dimensioni delle piante, se cioè queste sono di alto, medio fusto o di altezza inferiore a 2,50 mt.
Se le piante sono più basse di un muro di recinzione nessuna distanza deve essere rispettata. (art. 892 c.c.)

Anche per le piante si può applicare il diritto di usucapione . Se muoiono però non è possibile rimpiazzarli.

È possibile pretendere il taglio delle radici o dei rami che invadono il terreno o lo spazio dell'altro confinante.

riproduzione riservata
Articolo: Distanze da rispettare
Valutazione: 4.54 / 6 basato su 457 voti.

Distanze da rispettare: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Draco1
    Draco1
    Venerdì 6 Settembre 2019, alle ore 17:27
    Salve.Ho un muro largo circa 2,7 metri e alto 2,6 metri. Esistente e accatastato ancora inizio anni 90. Volevo sfruttarlo per costruire un tettoia. Visto che sorge a meno di 3 metri dal confine del vicino. Devo chiedere permessi per metterci il tetto al vicino o non serve. Grazie
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Draco1
      Sabato 7 Settembre 2019, alle ore 12:19
      La modifica di un manufatto esistente è tenuto all'osservanza  delle prescrizioni dettate dal regolamento edilizio vigente nel Suo comune oltre al rispetto delle distanze minime nei confronti della proprietà limitrofa. Prima di procedere le consiglio di informarsi presso l'ufficio tecnico comunale sul da farsi. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Giuseppe32
    Giuseppe32
    Mercoledì 4 Settembre 2019, alle ore 16:55
    Considerando una U il mio appartamento fronteggia magazzino che è stato sopra elevato di un metro.
    Prima era circa tre metri ora è 4 metri.
    Tra i due al centro ci sono stanze sempre di mia proprietà.
    Posso chiedere di ripristinare lo stato dei luoghi?
    A chi mi devi rivolgere?
    Oppure è tutto regolare?
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Giuseppe32
      Sabato 7 Settembre 2019, alle ore 12:03
      Nel Suo caso il codice civile non può essere invocato. È di fondamentale importanza, invece, consultare il regolamento edilizio vigente nel Suo comune e verificare se è stata rispettata la distanza minima tra fabbricati che solitamente non è mai inferiore ai 5 metri. Le consiglio di affidarsi ad un tecnico di fiducia per derimere la questione. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Andrea 1
    Andrea 1
    Giovedì 25 Luglio 2019, alle ore 19:36
    Ho una casa in campagna confinante con un altra abitazione, il confine è segnato da un muro di cinta.
    Il vicino a costruito proprio a ridosso del muro un forno e un locale.
    Premettendo che la mia casa si trova ad oltre 10 mt di distanza da detto muro, il vicino poteva costruire o doveva rispettare una distanza minima dal muro?
    Andrea
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Andrea 1
      Domenica 28 Luglio 2019, alle ore 22:31
      Una premessa: qualsiasi costruzione in pianta stabile a ridosso del confine è soggetta al rispetto delle norme sulle distanze minime ed all'ottemperanza delle prescrizioni dettate dal regolamento edilizio vigente nel Suo comune.  Inoltre la costruzione di un forno è soggetta all'art 890 del codice civile che recita: "Chi presso il confine, anche se su questo si trova un muro divisorio, vuole fabbricare forni, camini, magazzini di sale, stalle e simili, o vuol collocare materie umide o esplodenti o in altro modo nocive, ovvero impiantare macchinari, per i quali può sorgere pericolo di danni, deve osservare le distanze stabilite dai regolamenti e, in mancanza, quelle necessarie a preservare i fondi vicini da ogni danno alla solidità, salubrità e sicurezza". In aggiunta a quanto prima ci sono le numerose sentenze della Corte di Cassazione che più volte si sono espresse in modo avverso a coloro che hanno violato tali norme. Quanto da Lei riportato nella domanda sembra che tali norme non siano state rispettate. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Giuseppespada
    Giuseppespada
    Domenica 23 Giugno 2019, alle ore 15:23
    Buongiorno,
    la mia casa è attaccata a quella dei miei vicini pur avendo ognuno il suo muro; nella parte frontale ad entrambe c'è una strada comunale dalla quale ci siamo dovuti ritirare 3 metri durante la costruzione e la recinzione con la strada era di un muretto di circa un metro di altezza e la rete metallica;  tuttavia circa un mese fa il vicino ha costruito un muro di circa 2 metri e mezzo con annessa una specie di pensilina senza rispettare alcuna distanza dove peraltro a circa un metro (essendo che vi parlo della facciata frontale) ho una porta di ingresso ed ora non ho ne aria ne visuale inoltre su questo muro ha attaccato dal lato suo di tutto, cassette di allaccio gas, acqua, corrente etc e nel suo muro senza rispettare alcuna distanza ha messo tutti i tubi relativi alle cassette di cui vi dicevoInoltre non riesco più ad uscire con la macchina dalla mia proprietà essendo stata eliminata completamente la visuale dal suo lato mentre ho perfettamente quella dell'altro lato dove il vicino ha lasciato anche lui il muro basso e la rete; ho già rischiato due volte di subire un incidente nell'arco di un meseOra mi chiedevo se lui può fare questo oppure deve rispettare delle distanze
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Giuseppespada
      Giovedì 27 Giugno 2019, alle ore 12:02
      Segue la risposta resa in precedenza. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Giuseppespada
    Giuseppespada
    Domenica 23 Giugno 2019, alle ore 15:22
    Buongiorno,
    la mia casa è attaccata a quella dei miei vicini pur avendo ognuno il suo muro; nella parte frontale ad entrambe c'è una strada comunale dalla quale ci siamo dovuti ritirare 3 metri durante la costruzione e la recinzione con la strada era di un muretto di circa un metro di altezza e la rete metallica;  tuttavia circa un mese fa il vicino ha costruito un muro di circa 2 metri e mezzo con annessa una specie di pensilina senza rispettare alcuna distanza dove peraltro a circa un metro (essendo che vi parlo della facciata frontale) ho una porta di ingresso ed ora non ho ne aria ne visuale inoltre su questo muro ha attaccato dal lato suo di tutto, cassette di allaccio gas, acqua, corrente etc e nel suo muro senza rispettare alcuna distanza ha messo tutti i tubi relativi alle cassette di cui vi dicevoInoltre non riesco più ad uscire con la macchina dalla mia proprietà essendo stata eliminata completamente la visuale dal suo lato mentre ho perfettamente quella dell'altro lato dove il vicino ha lasciato anche lui il muro basso e la rete; ho già rischiato due volte di subire un incidente nell'arco di un meseOra mi chiedevo se lui può fare questo oppure deve rispettare delle distanze
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Giuseppespada
      Giovedì 27 Giugno 2019, alle ore 12:01
      Prima di darLe un parere certo, sarebbe opportuno consultare il regolamento edilizio vigente nel Suo comune riguardo l'altezza dei 2,5 mt. lungo il confine. Sul lato della strada, anche se esteticamente lascia molto pensare la pensilina realizzata, trovano poca applicazione le norme del c.c. Le consiglio, invece, assistito da un tecnico di Sua fiducia, di esaminare il provvedimento edilizio del Suo vicino e capire se sono stati richiesti anche i pareri alla viabilità municipale, che spesso sono in contrasto con quelli edilizi. Cordiali saluti.    
      rispondi al commento
  • Marcello5
    Marcello5
    Giovedì 13 Giugno 2019, alle ore 17:09
    Il mio vicino vuole fare una scala di ferro che passerebbe vicino alla mia finestra di cucina, con pericolo dei ladri che possono entrare visto la vicinanza.
    Possono fare la scala?
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Marcello5
      Lunedì 17 Giugno 2019, alle ore 09:38
      Con l'Ordinanza n. 424/2010 il Consiglio di Stato ha sancito che qualsiasi corpo esterno è soggetto al rispetto delle delle distanze minime nelle costruzioni. Nel Suo caso anche la rampa di scale esterna in ferro, anche se non considerata come volume abitabile coperto, è ritenuta idonea a estendere ed ampliare la consistenza esterna del fabbricato del Suo vicino. Quindi vanno verificate, in primis, il rispetto delle condizioni urbanistiche poste in essere dal regolamento edilizio comunale e le norme di tutela del diritto e della proprietà privata previste da codice civile. In ogni caso la nuova rampa, se consentita, deve essere costruita nel pieno rispetto della sicurezza altrui. Cordiali saluti.  
      rispondi al commento
  • Claudiotumminelli
    Claudiotumminelli
    Martedì 4 Giugno 2019, alle ore 20:35
     Buonasera, sono proprietario di una villa singola, che confina con altra proprietà.Volevo cortesemente chiedere se posso costruire un gadzebo in muratura-legnoda muro di mia proprietà al confine  perimetrale, ( altro lato appartiene ad atra villa)sono circa 5 metri da abitazione (allego foto)Grz per la cortese risposta 
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Claudiotumminelli
      Venerdì 7 Giugno 2019, alle ore 00:20
      La gronda del gazebo, che andrebbe a costruire, deve stare ad una distanza minima di tre metri dal limite dell'altrui proprietà (codice civile), salvo diversa disposizione locale. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Waltor
    Waltor
    Sabato 1 Giugno 2019, alle ore 11:10
    Aggiungi una tua opinione all'articolo anche senza registrarti o loggarti.
    rispondi al commento
  • Elisaeroccovillani
    Elisaeroccovillani
    Venerdì 31 Maggio 2019, alle ore 08:26
    Salve hanno costruito un albergo di fronte il mio appartamemto. Il problema sorge in quanto noi vediamo tutto ciò che succede in stanza e sulla verandinaa una distanza ravvicinata. E lo stesso vale per gli ospiti dell'albergo stesso. Ho due bambine piccole e si passano a volte i limiti della decenza. Io non ho nessun diritto affinché ai possa porre rimedio a questa scomoda situazione? Cordiali saluti 
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Elisaeroccovillani
      Lunedì 3 Giugno 2019, alle ore 13:09
      Certo, ha tutto il diritto di denunciare i fatti. Le consiglio di scrivere una lettera di messa in mora, con avviso di ricevimento, indirizzata alla direzione dell'albergo e di intimare l'attuazione di tutti i sistemi affinche venga limitata la vista diretta.  Vedrà che i risultati arriveranno. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • espandi
  • espandi
  • espandi
  • espandi
  • espandi
  • espandi
  • espandi
  • espandi
  • espandi
  • espandi
  • espandi
  • espandi
  • espandi
  • espandi
  • espandi
  • espandi
Torna Su Espandi Tutto
REGISTRATI COME UTENTE
307.895 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Internorm
  • Saint-Gobain ISOVER
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Muri pietra naturale
    Muri pietra naturale...
    220.00
  • Esecuzioni intonaci Prato
    Esecuzioni intonaci prato...
    15.00
  • Adeguamento antincendio autorimesse Condominiali
    Adeguamento antincendio...
    250.00
  • Insetticida fordaprim combo 250 ml
    Insetticida fordaprim combo 250 ml...
    39.96
  • Pittura lavagna
    Pittura lavagna...
    19.90
  • Cassaforte a muro numerica digitale
    Cassaforte a muro numerica digitale...
    80.39
Notizie che trattano Distanze da rispettare che potrebbero interessarti


Distanze legali tra edifici: non valgono in presenza di strada pubblica

Leggi e Normative Tecniche - Le norme sulle distanze legali previste dal codice civile prevalgono su regolamenti edilizi locali. Non valgono però se tra gli edifici c'è una strada pubblica.

Distanze tra fabbricati

Leggi e Normative Tecniche - Una delle cause più frequenti di lite tra vicini è costituita dalle distanze tra le proprietà o dai muri di confine, regolamentate dal c.c. e dalle norme locali.

Alberi e distanze dal confine

Proprietà - Chi vuol piantare alberi presso il confine, deve osservare le distanze stabilite dai regolamenti e, in mancanza, dagli usi locali, in caso contrario, devono essere osservate le seguenti distanze dal confine...

Distanza dei tubi dal confine

Leggi e Normative Tecniche - Le tubazioni di acqua, gas e simili devono essere poste ad almeno un metro dal confine. Quando si applica questa norma? Qual è il ruolo dei regolamenti locali?

Abbattimento delle barriere architettoniche e distanze tra le costruzioni

Leggi e Normative Tecniche - In base alla decisione del Tar della Lombardia si può derogare alle norme sulle distanze per eseguire opere finalizzate all'abbattimento barriere architettoniche

Distanze minime tra i sanitari in bagno

Zona bagno - Alcuni consigli sulle distanze minime da utilizzare tra i componenti sanitari al fine di garantire un corretto uso degli stessi.

Deroga distanze minime e barriere architettoniche

Normative - Una sentenza della Corte di Cassazione ribadisce che gli impianti necessari al superamento delle barriere architettoniche possono derogare alle distanze minime.

Approvati bonus volumetrici

Normative - Previsti dalla normativa nazionale premi di cubatura per incentivare l'isolamento termoacustico.

La costruzione di una piscina e il rispetto delle distanze legali

Leggi e Normative Tecniche - Le piscine devono rispettare le distanze minime tra edifici e dai confini del lotto? La risposta è complessa e dipende dalle caratteristiche di ciascuna piscina
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img stefan
Salve a tutti, nel mio condominio vi è un muro che delimita dalla nostra parte la rampa per i garage, dalla parte dell'altro condominio fa da contenimento a tutto il loro...
stefan 13 Febbraio 2014 ore 23:26 1
Img renzoristori
Ciao mi chiamo Renzo ho un problema con il vicino:ho costruito un riparo per poter stivare la legna all'asciutto vicino la rete di recinzione che divide il mio giadino dal...
renzoristori 04 Novembre 2015 ore 18:51 1
Img piccoletto67
Salve,volevo sapere da Voi esperti in che modo vanno suddivise le spese per la costruzione di un muro divisorio di confine dove da una parte il proprietario è uno solo,...
piccoletto67 18 Ottobre 2014 ore 11:17 1
Img stefo75
Buongiorno a tutti, prima di tutto piacere di "conoscervi", sono Stefano e sono nuovo del forum.Ho comprato casa in un consorzio nel comune di Ardea (Rm); la mia proprietà...
stefo75 17 Novembre 2015 ore 10:30 1
Img rj72
Buongiorno,su un muro di confine in comune è possibile applicare una rete per favorire una rampicante sul muro cieco, il problema sono i fori dei tasselli per far stare su...
rj72 18 Maggio 2015 ore 17:12 5