Distanze da rispettare

NEWS DI Leggi e Normative Tecniche06 Giugno 2012 ore 15:29
Una delle cause più frequenti delle liti tra vicini riguarda le distanze da rispettare tra le singole proprietà: vediamo come sono regolate dal codice civile.

Distanze tra fabbricati


distanze da rispettareUna delle cause più frequenti delle liti tra vicini riguarda le distanze da rispettare tra le singole proprietà.

Le distanze tra i fabbricati e i confini delle proprietà sono regolati dal Codice Civile, ed è proprio il mancato rispetto di queste norme che provoca queste liti.
Per quanto riguarda il condominio, invece, la Corte di Cassazione ha ribadito che le norme condominiali hanno il sopravvento su quelle del Codice Civile.

Prima di costruire sul proprio suolo, bisognerebbe porsi alcuni interrogativi, come:

- Quale distanza devo rispettare dalla casa del mio vicino?
- A che distanza posso piantare gli alberi?
- Posso sempre recintare il giardino?

Infatti se si realizzano opere o piantano alberi che infrangono le norme che regolano queste distanze, si può essere chiamati a risarcire il danno o ad abbattere il manufatto.


Distanze da rispettare e codice civile


il codice civileGli articoli del Codice Civile che stabiliscono le distanze minime da rispettare e regolano in maniera precisa i confini tra le proprietà, sono quelli che vanno dal numero 873 al numero 907, con qualche eccezione che vedremo più avanti.

I piani regolatori, i vincoli ambientali, i Regolamenti edilizi locali, le norme di sicurezza sugli impianti e anche il codice della strada, possono aumentare le distanze minime imposte dalla Legge , ma non diminuirle.

Se due costruzioni non sono aderenti, la distanza minima tra di esse in linea d'aria deve essere di almeno 3 metri.


Eccezioni alle distanze minime dai confini


Esistono, però, delle eccezioni anche alle distanze minime fissate dal codice civile.


Prima eccezione


La Cassazione, con la sentenza numero 2331 del 1983 ha riconosciuto ai proprietari di terreni confinanti la possibilità di stabilire tra loro un accordo per ridurre la distanza minima.

Questo vale solo però nel caso in cui il regolamento edilizio locale non abbia fissato le distanze minime.


Seconda eccezione


le eccezioni
Se due fabbricati costruiti da oltre venti anni, hanno una distanza inferiore a quella fissata dalla Legge e i proprietari non hanno mai opposto alcuna obiezione, può scattare il diritto all'usucapione cioè il diritto o il possesso protratto per un lungo periodo di tempo si trasforma in diritto o proprietà vera.

Tale diritto è regolato dagli articoli 1158 e seguenti del codice civile e deve essere fatto valere in giudizio con una sentenza.


Cosa si intende per costruzione?


È bene precisare che il concetto di costruzione non si esaurisce semplicemente in quello di edificio, manufatto costituito da muri perimetrali, ma per la giurisprudenza essa è costituita da qualsiasi opera stabilmente infissa al suolo.

balconeCon sentenze succedutesi nel corso degli anni la Cassazione ha stabilito che devono intendersi come costruzioni manufatti quali la tettoia che avanzi rispetto all'edificio già esistente, i balconi, una pensilina costruita su un terrazzo con materiali metallici, una scala esterna in muratura, un manufatto, con finestra, coperto da tettoia formata da travi con soprastanti lamiere, destinata a fienile, magazzino e pollaio, un barbacane quale elemento costruttivo di completamento dell'edificio.

Allo stesso modo ha stabilito che non rientrano in tale concetto le condutture elettriche ed i pali che le sostengono, uno zoccolo basso in muratura con rete metallica infissa, i manufatti realizzati all'interno di preesistenti costruzioni eseguite in appoggio o in aderenza ad un muro comune sul confine, un campo da tennis ad uso privato, dato che la rete metallica che di solito circonda simili campi, non può formare un'intercapedine e come tale non rientra nella previsione dell'art. 873, il muro di contenimento di una scarpata o di un terrapieno, il muro di cinta con altezza non superiore ai tre metri.

In generale, quando in un edificio sono presenti sporti o aggetti, essi non devono essere considerati costruzione quando hanno una funzione meramente decorativa e non hanno alcun compito strutturale.


Muri di confine


Il Codice Civile all'articolo 841 afferma che in qualsiasi momento si ha il diritto di recintare la propria proprietà.

muri di confineSe il muro è alto meno di tre metri l'edificio dovrà essere costruito a più di tre metri di distanza dalla costruzione del vicino, altrimenti i tre metri minimi vanno considerati dal muro di recinzione.

Se un muro è costruito su confine anche da uno solo dei proprietari, l'altro confinante può chiederne la comunione, a patto che divida le spese di costruzione e manutenzione.

Se una costruzione sorge a ridosso di un muro di confine, anche l'altro confinante potrà appoggiare la sua costruzione al muro comune.

Se un muro è a meno di un metro e mezzo dal confine è possibile chiedere la comunione al vicino che dovrà comunque acconsentire e richiedere a sua volta la costruzione del nuovo muro sul confine.

Il Codice Civile stabilisce alcune prove che si possono portare a sostegno del fatto di essere l'unico proprietario del muro, come per esempio la presenza da un lato del muro di cornicioni, mensole, ecc.


Alberi e piante


alberi e pianteIl Codice Civile stabilisce che i confini possono essere segnati anche da siepi o alberi che sono considerati in questo caso comuni.

Piantando nuovi alberi bisogna rispettare una distanza che va da 1 metro a 3 metri a seconda delle dimensioni delle piante, se cioè queste sono di alto, medio fusto o di altezza inferiore a 2,50 mt.
Se le piante sono più basse di un muro di recinzione nessuna distanza deve essere rispettata. (art. 892 c.c.)

Anche per le piante si può applicare il diritto di usucapione . Se muoiono però non è possibile rimpiazzarli.

È possibile pretendere il taglio delle radici o dei rami che invadono il terreno o lo spazio dell'altro confinante.

riproduzione riservata
Articolo: Distanze da rispettare
Valutazione: 4.55 / 6 basato su 447 voti.

Distanze da rispettare: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Samuele3
    Samuele3
    Martedì 4 Settembre 2018, alle ore 15:52
    I miei vicini hanno deciso, senza nemmeno chiedere, proteggere le proprie auto, che sono ben 9, con una tettoia sorretta da un numento imprecisato di pali, non sono pochi essendoci 9 auto, proprio a pochi cm dal confine del mio giardino.
    La struttura non è poi così bassa visto che ci sono anche furgoni.
    Sorvolando i vari abusi edilizi fatti negli anni da questi vicini, ma non danneggiandomi direttamente non ho mai detto nulla, ma adesso a mio modo di vedere è un po troppo.
    Vorrei sapere se si devono rispettare le distanze con questo tipo di costruzioni e se si quale distanza.
    Sono di Cantù in provincia di Como.
    Samuele.
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Samuele3
      Mercoledì 5 Settembre 2018, alle ore 17:08
      La tipologia costruttiva non esonera dal rispetto delle distanze minime nelle costruzioni. La distanza minima prevista da codice civile è di tre metri ma ogni comune ha facoltà di ampliare questo limite portandolo anche a dieci metri tra uns costruzione e l'altra. Le consiglio di consultare il regolamento edilizio vigente nel Suo comune e le relative norme attuative. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
      • Samuele3
        Samuele3 Pasquale
        Giovedì 6 Settembre 2018, alle ore 16:10
        Buongiorno Pasquale, la ringrazio della risposta. Ho fatto presente ai vicini di non proseguire nei lavori, una decina di metri l'hanno già costruita, ma è solo una parte dato il materiale che è ancora accatastato pronto per essere montato. Come mi aspettavo hanno reagito in modo aggressivo dicendomi che non sono obbligati rispettare le distanze, aggiungendo che mettono in padella i miei gatti, i quali non oltrepassano mai la cancellata. Subito ho fatto notare la legge 189/2004 articolo 544 bis punisce anche con la reclusione chi fa del male agli animali. Ma lo stesso dopo questo "avviso" velato, ma non troppo, ho quasi il timore di fermarli nel procedere i lavori per il bene dei miei animali. Siamo messi male.
        rispondi al commento
        • Pasquale
          Pasquale Samuele3
          Giovedì 6 Settembre 2018, alle ore 23:02
          Dispiace sentire queste cose, lasciano veramente pensare. La mia solidarietà e vicinanza.
          rispondi al commento
  • Claudiobe81
    Claudiobe81
    Domenica 2 Settembre 2018, alle ore 13:52
    Buongiorno vorrei sapere se il mio vicino che abita nell appartamento sotto al mio può opporsi all' installazione di una scala in ferro che va dal mio balcone, a cui dovrò tagliare un pezzo di muretto, al mio giardino. Allego foto
    rispondi al commento
    • Claudiobe81
      Claudiobe81 Claudiobe81
      Domenica 2 Settembre 2018, alle ore 13:55
      La scala verrà posata vicino alla canale verde
      rispondi al commento
      • Pasquale
        Pasquale Claudiobe81
        Lunedì 3 Settembre 2018, alle ore 10:24
        Sì, potrebbe opporsi. La scala che Lei vuole realizzare, anche se di ingombro minimo, attraverserà l'area del balcone/terrazzino del'appartamento posto al piano terra, limitandone la luce e la vista. Cordiali saluti.
        rispondi al commento
  • Tonia
    Tonia
    Martedì 28 Agosto 2018, alle ore 17:25
    Buon pomeriggio. 
    Ho un problema con il mio vicino a causa di un tubo di scolo delle acque piovane.
    Abito in una villetta indipendente che sul lato est presenta un cortile pavimentato di mia proprietà nel quale si estende per 20 metri in lunghezza  la parete della cucina salone.
    Tale cortile misura un metro e mezzo di larghezza per circa 20 metri di lunghezza come già detto.
    Al limite del cortile vi è un muro di circa un metro e mezzo di altezza che delimita la mia proprietà da quella del mio vicino.
    Pertanto tra il muro di casa mia ed il muro di delimitazione tra le due proprietà vi è una distanza di un metro e mezzo.
    Tale muretto Forma una elle,a causa del fatto che le proprietà sono confinanti sia a nord che ad est.
    Detto ciò, all’acquisto della proprietà non abbiamo notato che un tubo di scolo delle acque piovane scaricava dal nostro tetto nella sua proprietà al lato nord.
    Iniziati i lavori di ristrutturazione esterni ,il vicino ci ha fatto presente la cosa,come è giusto che fosse, ed abbiamo infatti deviato il tubo nella nostra proprietà facendolo però aderire per tutta la lunghezza del cortile(circa 20 metri), al muro di confine,che,come già detto, il vicino sostiene essere di sua proprietà.
    Abbiamo agito in questo modo a causa del fatto che, abbiamo accesso al cortile tramite la porta della cucina,la quale è praticamente al pari del pavimento, per cui facendo in tal modo avremmo avuto il tubo praticamente attaccato alla porta, in alternativa ponendolo ad un metro di distanza dal muro di confine avremmo avuto il tubo nel centro del cortiletto.
    Come già detto  Il confinante sostiene che tale muretto sia di sua proprietà e che inoltre 20 cm del suddetto cortile siano suoi,senza però avere alcun documento che attesti tale affermazione.
    A questo punto cosa prevede la legge?
    Come agisco?
    In attesa di un cordiale riscontro, porgo saluti.
    Tonia 
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Tonia
      Venerdì 31 Agosto 2018, alle ore 19:42
      È di fondamentale importanza accertare la proprietà del muretto di delimitazione della proprietà perché cambiano, e non di poco, gli effetti. Se le risultanze degli accertamenti sono a favore del Suo vicino, Lei deve rimuovere il tubo di scolo delle acque meteoriche staffato al muro e interrarlo nella Sua proprietà per evitare che Le dia fastidio alla porta di accesso, diversamente ha facoltà di disporre al meglio l'uso del Suo spazio esterno. Le consiglio di incaricare un tecnico di Sua fiducia per derimere la questione in modo da essere sicuri sul da farsi. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Giuseppe16
    Giuseppe16
    Domenica 19 Agosto 2018, alle ore 12:36
    Abito in una casa semindipendente, il mio confinante da 17 anni continua a molestarmi verbalmente dicendo che il cortile davanti a casa mia confinante con la sua proprietà (casa e cortile) è suo nonostante ci siano atti di vendita relative mappa catastali ecc.
    Non ne vuol sapere oltre a far misurare a decine di geometri ed ingegneri che possono solo constatare che le richieste sono infondate, ma nulla il discorso è che qui si sfiora lo stalking.
    .A questo punto, siccome sono stanco di questa situazione vorrei mettere un divisorio ( già segnato 17 anni fa con un lamierino posto in terra a confine), chiedo se è possibile "chiudere" con vasi di cemento o con barriere, paletti e catena o qualsiasi altro mezzo, ovviamente a confine, e la distanza che devo tenere con la strada provinciale.
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Giuseppe16
      Martedì 21 Agosto 2018, alle ore 09:59
      Lei ha tutto il diritto di delimitare fisicamente la Sua proprietà anche nel rispetto della privacy. Di soluzioni ce ne sono diverse, oltre a quelle da Lei elencate, c'è anche il classico telo verde teso da appositi paletti in legno o da profilati di ferro. Sulla distanza di rispetto da tenere verso la strada provinciale va interpellato l'U.T., sezione viabilità e sicurezza del Suo comune che Le detteranno le dovute prescrizioni. Rispetto alle molestie, se il Suo vicino continua ancora, non Le rimane che fargli una diffida. Cordiali saluti.  
      rispondi al commento
  • Monnalisa
    Monnalisa
    Mercoledì 15 Agosto 2018, alle ore 15:19
    Buongiorno,i miei vicini hanno posizionato una rete metallica sul muro di confine tra la mia e la loro proprietà (credo il muro sia di proprietà mia in realtà in quanto realizzato in pietra lavica, come tutti gli altri muri e la casa stessa, mentre la loro no). Scrivo, in quanto detta rete é stata posizionata sull’estremitá della mia proprietà (il muro é molto largo, circa 70 cm) con gli agganci all’interno della mia proprietà. Ho lasciato crescere l’erba perché tagliando via tutto comunque si vedrebbe solo lo scempio di quella costruzione, la cisterna di plastica blu e, da un anno a questa parte, anche i pali metallici e i supporti attaccati all’interno del mio muro.Io dubito abbiano il diritto di farlo, ma chiedo per conferma.grazie  
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Monnalisa
      Mercoledì 15 Agosto 2018, alle ore 16:33
      Se ne è certa della proprietà del muro, il Suo confinante non ha titolo neanche per mettere un chiodo, figuriamoci gli agganci dei pali metallici. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Maxxy
    Maxxy
    Martedì 14 Agosto 2018, alle ore 23:42
    Salve io ho appena comprato un appartamento al secondo piano ,,,avendo i corridoi molto larghi il condominio vorrebbe far costruire delle cantine per tutti i condomini nella parte comune del corridoio ,,,volevo sapere se posso vietarlo per il motivo che le 4 cantine vengano costruite sul perimetrale della mia abitazione esiste una distanza ???io con cantine appoggiate sul muro della camera sarei sisturbato ,,possono farlo???
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Maxxy
      Mercoledì 15 Agosto 2018, alle ore 16:26
      Nel Suo caso non è applicabile la norma sulla distanza minima nelle costruzioni ma può far valere il diritto di veto in sede assembleare in quanto trattasi di innovazione.  La tipologia costruttiva delle cantinole al piano prevede il rilascio del permesso a costruire da parte del comune, previa la verifica dei parametri urbanistici, che lo concede solo se c'è una apposita dichiarazione di accollo dell'opera e all'unanimità dei condomini. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
      • Maxxy
        Maxxy Pasquale
        Mercoledì 15 Agosto 2018, alle ore 16:56
        Grazie molte
        rispondi al commento
  • Maxxy
    Maxxy
    Martedì 14 Agosto 2018, alle ore 23:39
    Ho appena comprato un appartamento al secondo piano.
    Avendo i corridoi molto larghi il condominio vorrebbe far costruire delle cantine per tutti i condomini nella parte comune del corridoio.
    Volevo sapere se posso vietarlo per il motivo che le quattro cantine vengano costruite sul perimetrale della mia abitazione,  esiste una distanza ?
    Con cantine appoggiate sul muro della camera sarei disturbato, possono farlo?
    rispondi al commento
  • Pompa75
    Pompa75
    Domenica 12 Agosto 2018, alle ore 16:32
    Abito in una casa il mio vicino ha messo un telo verde " allego la foto" vorrei sapere se e' regolare o no
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Pompa75
      Lunedì 13 Agosto 2018, alle ore 08:44
      Manca la foto allegata. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Draco1
    Draco1
    Venerdì 27 Luglio 2018, alle ore 21:42
    Salve.Ho un terrazzo del confinante che è stato realizzato nella costruzione di case della quale anche io sono in possesso. Il terrazzo è a confine e si affaccia dal parapetto sul mio giardino. Le abitazioni sono state erette nel 1991 però la richiesta di agibilità è stata rilasciata nel 1999 a novembre. Quale data và considerata per il calcolo dei 20 anni usocapione??  Grazie 
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Draco1
      Sabato 28 Luglio 2018, alle ore 10:14
      La data per esercitare l'usucapione non si rifà all'agibilità ma a quella dell'effettivo possesso del terrazzo che può essere anche di poco successivo alla periodo della costruzione. Naturalmente deve essere ininterrotto e mai contestato dalla controparte. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
      • Remote
        Remote Pasquale
        Sabato 28 Luglio 2018, alle ore 10:22
        Quindi se il vicino ha acquistato casa nel 2010  partirebbe da lì il calcolo dai 20 anni?  
        rispondi al commento
        • Pasquale
          Pasquale Remote
          Sabato 28 Luglio 2018, alle ore 11:36
          Sì. Cordiali saluti.
          rispondi al commento
  • espandi
  • espandi
  • espandi
  • espandi
  • espandi
  • espandi
  • espandi
  • espandi
  • espandi
  • espandi
  • espandi
  • espandi
  • espandi
  • espandi
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Distanze da rispettare che potrebbero interessarti
Distanze tra fabbricati

Distanze tra fabbricati

Leggi e Normative Tecniche - Una delle cause più frequenti di lite tra vicini è costituita dalle distanze tra le proprietà o dai muri di confine, regolamentate dal c.c. e dalle norme locali.
Alberi e distanze dal confine

Alberi e distanze dal confine

Proprietà - Chi vuol piantare alberi presso il confine, deve osservare le distanze stabilite dai regolamenti e, in mancanza, dagli usi locali, in caso contrario, devono essere osservate le seguenti distanze dal confine...
Componenti igienici

Componenti igienici

Bagno - Distanze minime tra i componenti igienici.

Distanza dei tubi dal confine

Leggi e Normative Tecniche - Le tubazioni di acqua, gas e simili devono essere poste ad almeno un metro dal confine. Quando si applica questa norma? Qual è il ruolo dei regolamenti locali?

Abbattimento delle barriere architettoniche e distanze tra le costruzioni

Leggi e Normative Tecniche - In base alla decisione del Tar della Lombardia si può derogare alle norme sulle distanze per eseguire opere finalizzate all'abbattimento barriere architettoniche

Deroga distanze minime e barriere architettoniche

Normative - Una sentenza della Corte di Cassazione ribadisce che gli impianti necessari al superamento delle barriere architettoniche possono derogare alle distanze minime.

Approvati bonus volumetrici

Normative - Previsti dalla normativa nazionale premi di cubatura per incentivare l'isolamento termoacustico.

Volumi tecnici e distanze dal confine

Leggi e Normative Tecniche - In materia di distanze tra le costruzioni, in assenza di specifiche indicazioni regolamentari, anche per i volumi tecnici bisogna applicare l'art. 873 del codice civile.

Distanze tra costruzioni: come sono disciplinate

Detrazioni e agevolazioni fiscali - In caso di costruzioni realizzate su fondi confinanti la legge impone il rispetto di precise distanze tra le costruzioni. Cosa succede per violazione della norma
REGISTRATI COME UTENTE
293.028 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Copertine protezione muri
    Copertine protezione muri...
    25.23
  • Muri pietra naturale
    Muri pietra naturale...
    220.00
  • Samsung climatizzatore inverter 12000 btu classe a++
    Samsung climatizzatore inverter...
    809.00
  • Samsung climatizzatore inverter 9000 btu classe a++
    Samsung climatizzatore inverter...
    668.00
Cersaie
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Pensiline.net
  • Mansarda.it
  • Officine Locati
  • Black & Decker
  • Weber
  • Faidatebook
  • Kone
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.