Direzione Tecnica e Giornale dei Lavori

NEWS DI Normative27 Aprile 2012 ore 15:52
Le condizioni che regolano il rapporto tra Direzione Tecnica e Impresa esecutrice, possono essere documentate sul Giornale dei Lavori depositato in cantiere.

L'argomento sulle competenze e responsabilità del Direttore dei Lavori (figura già prevista con il R.D. del 25 maggio 1895, per le opere pubbliche), sono state oggetto in passato di norme e disposizioni che ne hanno definito, di fatto, la natura e consistenza.

Anche nelle Norme Tecniche, al paragrafo 11.1, sono state incluse delle procedure di controllo, sui materiali costruttivi (strutturali), cui il professionista è tenuto ad attenersi durante la fase di esecuzione dei lavori.

Leggendo ciascuna di queste Leggi, succedutesi nel tempo, si evidenzia una condizione univoca valida per tutte e che riguarda fondamentalmente la relazione fiduciaria tra questo Soggetto e il Committente.

La gestione di questo rapporto, in senso strettamente tecnico, spetta al Direttore dei Lavori, che ha l'obbligo di vigilare sulla corretta esecuzione dei lavori e l'osservanza di tutte le norme urbanistiche, strutturali e della regola d'arte.

Su quest'ultimo punto merita riportare la motivazione della Sentenza della Corte di Cassazione (Sezione II) n°1218 del 27 gennaio 2012, e basata sulla corresponsabilità del professionista e dell'impresa nella condotta dei lavori.
L'interpretazione data dai Giudici si basa sul concetto che il Tecnico, anche se non esecutore materiale dei lavori, deve comunque accertare la conformità dell'opera oltre che garantire, con tutti gli accorgimenti tecnici necessari, la corretta esecuzione.

Di fatto, si è ulteriormente affermato che, seppur rimanga l'impresa a portare a compimento l'intervento, spetta alla D.L. procedere con l'alta sorveglianza in cantiere tramite verifiche periodiche, poste in numero necessario e in relazione alla difficoltà dell'opera.

Uscendo da questa condizione strettamente formale, si possono esprimere molteplici interpretazioni e giudizi su ciò che realmente è necessario per attuare, in termini pratici, questa procedura operativa.

Ognuno chiaramente potrà dare le proprie indicazioni, anche in funzione dell'esperienza diretta, ma rimane tuttavia da considerare che vi sono delle condizioni, specificatamente regolamentate, che non lasciano adito a nessun equivoco.

Una di queste specifiche, accennate anche in precedenza, riguarda ad esempio l'applicazione della normativa antisismica.
Per tutte le altre categorie di opere, che solitamente compongono il rimanente ciclo produttivo (stesa d'intonaco, posa di piastrelle, ecc.), il Direttore dei Lavori deve avere piena conoscenza di tutti gli aspetti specifici come: materiali costruttivi, apparecchiature, dispositivi impiantistici, ecc.

L'acquisizione di questi dati, non deve essere condotta semplicemente con l'annotazione dell'azienda, marca, o modello del prodotto, ma piuttosto con l'esame delle caratteristiche tecniche e delle modalità di posa in opera suggerite dalla casa produttrice.
Queste indicazioni, solitamente riportate sulle schede tecniche, determinano le necessarie procedure da adottare in cantiere e di conseguenza la qualità e la garanzia del prodotto finito.

Al di fuori di questo contesto, ciascun'azienda produttrice declina le proprie responsabilità adducendo all'impresa eventuali danni per malfunzionamento di apparecchiature (climatizzatori, caldaie, dispositivi elettrici, ecc.) o conseguenze concernenti la collocazione di materiali (collanti per piastrelle, condotte impiantistiche, ecc.), in difformità rispetto a quanto riportato sulle schede tecniche.

Questo presupposto pone anche la questione sull'accertamento e la tracciabilità dei materiali e delle parti che costituiscono l'opera edilizia.

In conseguenza a questa condizione, il professionista, potrà esercitare una funzione di controllo delle varie fasi produttive, segnalando con ordini di servizio le difformità e contestualmente suggerendo le eventuali azioni correttive.
È evidente, tuttavia, che ciascuna problematica è posta in relazione alla consistenza dei fatti, nonché a tutti i fattori che regolano il rapporto tra Impresa e Direttore dei Lavori.

Oltre a queste indicazioni, bisogna anche analizzare altri aspetti come le dimensioni e caratteristiche dell'opera rispetto alle prescrizioni di progetto e alle norme tecniche di riferimento.

Tutte le varie note, verbali, disposizioni, controlli e collaudi, devono essere annotate nel Giornale dei Lavori, depositato in cantiere.

In questo documento, redatto a cura della Direzione dei Lavori, devono essere riportati: la composizione e mansione delle maestranze, eventuali ditte sub-appaltatrici, i mezzi d'opera e materiali utilizzati, oltre chiaramente a una minuziosa descrizione dei lavori eseguiti in quella giornata.

Al completamento dei lavori, il Giornale diverrà, di fatto, la memoria storica dell'opera e conseguentemente anche un ottimo raccoglitore d'informazioni e di monitoraggio di tutta l'attività di cantiere.

La conservazione di questa banca dati, inoltre, potrà costituire un utile strumento per valutare i singoli fatti (relazionati a singoli eventi), eventuali ritardi rispetto al programma dei lavori, interferenze esterne (che contribuiscono al naturale svolgimento della fase di cantiere), sospensioni o l'avvio di procedure esterne (varianti in corso d'opera), ecc.
Inoltre sarà utile per annotare le date delle singole lavorazioni e di realizzazione delle strutture edilizie, necessarie per redigere i verbali di prelievo dei materiali (calcestruzzo e acciaio).

riproduzione riservata
Articolo: Direzione Tecnica e Giornale dei Lavori
Valutazione: 3.50 / 6 basato su 8 voti.
  • fs
  • fs
  • fs
  • fs

Direzione Tecnica e Giornale dei Lavori: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Twins81
    Twins81
    Lunedì 8 Aprile 2013, alle ore 15:21
    Salve, devo ristrutturare casa (rifacimento totale bagno, installazione pavimento gres porcellanato, aggiunta di impianto di termosifoni). Ho contattato un direttore dei lavori che ha chiesto per la direzione e coordinamento 1.300 € e 500 € per i diversi grafici. E' un prezzo congruo? Grazie
    rispondi al commento
    • Pasquale E.
      Pasquale E. Twins81
      Lunedì 8 Aprile 2013, alle ore 17:27
      Per Maurizio: Nel caso di specie, trattasi di lavori non soggetti ad alcun tipo di provvedimento autorizzativo comunale. Vista la durata dell'opera e l'entità minima, di solito il compenso non va oltre il 20% dell'importo totale dei lavori eseguiti (costi+manodopera).
      rispondi al commento
  • Lavoriediliditomasifloriano
    Lavoriediliditomasifloriano Edil T.m. Di Tomasi Geom. Matteo
    Lunedì 5 Novembre 2012, alle ore 20:32
    Gentilissimo Arch. Distefano, sono un edile titolare di una ditta individuale . Nei contratti tra privati, alla fine dell'esecuzione di un'opera, sono obbligato a consegnare una copia del mio giornale lavori, dove ho appuntato i miei appunti riassuntivi dei lavori eseguiti, alla proprietà? Lo chiedo perchè quest'ultima , nonostante la D.L. riferisca che è mia discrezione fornirne una copia, sostiene che l'impresa è obbligata secondo il T.U. dell'edilizia e non consente il sopralluogo in cantiere con la DL per istituire la fine lavori, vincolante per la rata a saldo. A me personalmente sembra una forzatura...lei cosa sostiene? Grazie anticipatamente.
    rispondi al commento
    • Arch. Emanuele Distefano
      Arch. Emanuele Distefano Lavoriediliditomasifloriano
      Martedì 6 Novembre 2012, alle ore 08:26
      Per Matteo Tomasi: In diversi anni di attività, ho constatato che il Giornale dei Lavori è richiesto in ambito pubblico (per legge) e raramente in quello privato. Sul primo punto vi sono delle indicazioni come ad esempio nell'art.182 DPR 207/2010 ? Nuovo Regolamento Appalti. Ritornando al problema, solitamente questo documento potrebbe essere previsto dal contratto di appalto con tutte le indicazioni riportate dalla norme specifiche in materia. In questi riferimenti c'è traccia della responsabilità del D.L. nella redazione di questo documento, che non può essere equiparato a una semplice annotazione personale redatta dal Costruttore. In sintesi, questo documento potrebbe contenere informazioni di carattere organizzativo dell'impresa, ma nessuna validazione circa l'attività di cantiere sottoscritta dalla D.L. Su questo ultimo punto, infatti, non mi rendo conto della richiesta avanzata dalla Committenza circa la consegna di un documento che ha valore solo per l'impresa, contenente dati sensibili e che, nei fatti, potrebbe essere modificato (senza controllo) ponendo dei dubbi circa l'attività di cantiere. Sarebbe comunque, per evitare situazioni di stallo, affrontare il problema con serenità sia con la Committenza e sia con la DL, al fine di determinare la chiusura e il saldo dei lavori.
      rispondi al commento
      • Lavoriediliditomasifloriano
        Lavoriediliditomasifloriano Edil T.m. Di Tomasi Geom. Matteo Arch. Emanuele Distefano
        Martedì 6 Novembre 2012, alle ore 19:27
        Per Arch. Emanuele Distefano: Grazie, molto esauriente. Il problema è che ho a che fare con gente che vive di decreti ministeriali e codice civile..tradotto "PAZZI". Saluti.
        rispondi al commento
        • Arch. Emanuele Distefano
          Arch. Emanuele Distefano Lavoriediliditomasifloriano
          Mercoledì 7 Novembre 2012, alle ore 08:22
          Per Matteo Tomasi: Mi rendo conto delle difficoltà. Ovviamente, è palese che possa sfuggire qualcosa in termini di regolamenti, e quindi spetta a chi è più ferrato sull'argomento fornire ulteriori indicazioni. In questo caso, sarebbe opportuno che il suo interlocutore fornisca chiarimenti, non come interpretazioni personali, bensì con indicazioni specifiche.
          rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Direzione Tecnica e Giornale dei Lavori che potrebbero interessarti
Interventi edili: quali sono le responsabilità del committente?

Interventi edili: quali sono le responsabilità del committente?

In caso di lavori edili, anche di piccola entità, il committente ha delle responsabilità sia per la regolarità urbanistica che per la sicurezza nei cantieri.
Sicurezza sul lavoro

Sicurezza sul lavoro

Approvato dal Consiglio dei Ministri il decreto che modifica il Testo unico sulla sicurezza sul lavoro.
Responsabilita' Committente Lavori

Responsabilita' Committente Lavori

Il committente dei lavori trae benefici anche da lavori svolti in condizioni di rischio, ha dunque l'obbligo di assicurare la sicurezza del proprio cantiere.
Responsabilità sulla Sicurezza

Responsabilità sulla Sicurezza

Dall'entrata in vigore del Testo Unico sulla Sicurezza, il Committente dei lavori è il Responsabile della Sicurezza. E le conseguenze di eventuali incidenti possono essere anche penali.
Guida sul ruolo e la responsabilità del committente

Guida sul ruolo e la responsabilità del committente

L'Ordine degli Ingegneri della Provincia di Bologna ha pubblicato un'efficace guida informativa per chiunque si appresti a diventare committente di opere edlizie.
usr REGISTRATI COME UTENTE
290.257 Utenti Registrati
usr
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Noleggio allarme cantiere
    Noleggio allarme cantiere...
    544.00
  • Ristrutturazione casa o villa, preventivo gratuito
    Ristrutturazione casa o villa,...
    10.00
  • Manutenzione ordinaria e straordinaria bologna
    Manutenzione ordinaria e...
    35.00
  • Imbiancature,imbianchini,imbianchino,prezzi costi
    Imbiancature,imbianchini...
    5.00
  • Pannello tenda budapest
    Pannello tenda budapest...
    48.00
  • Rivestimenti di pietra montana, Marino di Roma
    Rivestimenti di pietra montana,...
    60.00
  • Controsoffitto classico s2
    Controsoffitto classico s2...
    3.50
  • Scrittoio tavolino francese intarsiato in stile luigi
    Scrittoio tavolino francese...
    1350.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Mansarda.it
  • Officine Locati
  • Inferriate.it
  • Weber
  • Kone
  • Faidatebook
  • Black & Decker
MERCATINO DELL'USATO
€ 160 000.00
foto 4 geo Viterbo
Scade il 31 Dicembre 2018
€ 380.00
foto 6 geo Frosinone
Scade il 31 Dicembre 2018
€ 59 000.00
foto 4 geo Torino
Scade il 16 Settembre 2018
€ 40.00
foto 1 geo Napoli
Scade il 30 Giugno 2018
€ 28.00
foto 6 geo Frosinone
Scade il 31 Dicembre 2018
€ 800.00
foto 6 geo Torino
Scade il 16 Settembre 2018
VENDI SUBITO IL TUO USATO DI CASA
Inserisci annuncio
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.