Vicissitudini della delibera condominiale tra prima e seconda convocazione

NEWS DI Assemblea di condominio26 Novembre 2014 ore 18:13
Alcuni motivi di invalidità della delibera assembleare possono sorgere tra la prima e la seconda convocazione, perché devono essere osservate delle particolari regole.

Norme per una regolare convocazione


AssembleaSecondo il nostro codice se l'assemblea in prima convocazione non può deliberare per mancanza di numero legale, l'assemblea in seconda convocazione delibera in un giorno successivo a quello della prima e, in ogni caso, non oltre dieci giorni dalla medesima (art. 1136, co. 3, c.c.).

La differenza tra prima e seconda convocazione sta sostanzialmente nei diversi quorum costitutivi necessari per ritenere che l'adunanza sia validamente costituita (A.Gallucci, Il condominio negli edifici, Cedam, 2013, pag. 339).

Inoltre, le norme per una regolare convocazione sono disposte dall'art. 66, disp. att. e trans. c.c., co. 3, a mente del quale l'avviso di convocazione, contenente specifica indicazione dell'ordine del giorno, deve essere comunicato almeno cinque giorni prima della data fissata per l'adunanza in prima convocazione, a mezzo di posta raccomandata, posta elettronica certificata, fax o tramite consegna a mano, e deve contenere l'indicazione del luogo e dell'ora della riunione. In caso di omessa, tardiva o incompleta convocazione degli aventi diritto, la deliberazione assembleare è annullabile ai sensi dell'articolo 1137 del codice su istanza dei dissenzienti o assenti perché non ritualmente convocati.

Tali norme ovviamente valgono sia per la prima che per la seconda convocazione.


Quanto tempo deve intercorrere tra la prima e la seconda convocazione?


La norma dice che la seconda convocazione deve tenersi in un giorno successivo; è stato chiarito più volte che non è richiesto che trascorrino almeno ventiquattro ore, ma che si tratti (almeno) del giorno successivo (tra le prime si v. Cass. n. 196/1970, tra le ultime, Cass. n. 22685/14). In proposito, il quadro normativo è oggi arricchito dal nuovo quarto comma dell'art. 66 delle disposizioni per l'attuazione del codice civile e disposizioni transitorie (come modificato dalla legge di riforma del condominio, L. n. 220/2012), per il quale l'assemblea in seconda convocazione non può tenersi nel medesimo giorno solare della prima.

Peraltro, la norma non fissa limiti di orario per la convocazione (v. Cass. n. 697/2000 e da ultimo Cass. n. 22685/14). È stato infatti deciso che fissare ad esempio la prima convocazione alle due di notte non inficia la validità nè della prima nè della seconda convocazione, in quanto non rende impossibile la partecipazione alla prima; non vengono pertanto aggirate le norme in materia di costituzione e quorum in prima convocazione. Ciò in mancanza di una norma che disponga il contrario (Cass. n. 697/2000).

Il preavviso può essere unico (Cass. n. 22685/2014), come ordinariamente accade, sia per la prima che per la seconda.

È necessario un verbale negativo della prima convocazione andata deserta? E la verifica del negativo esperimento della prima incide sulla validità della seconda?

La risposta alla prima domanda è no: cioè, la mancata redazione del verbale nell'assemblea andata deserta in prima convocazione non inficia di per sè la seconda convocazione.

Assemblea condominialeCiò che inficia la seconda convocazione è invece la mancata verifica, in quella sede, che si sia compiuta l'ipotesi per cui è prevista la stessa seconda convocazione, e cioè che l'assemblea sia andata completamente deserta o vi sia stata un'insufficiente partecipazione dei condomini in relazione al numero e al valore delle quote.

Ai fini della verifica devono considerarsi sufficienti le informazioni verbali rese dall' amministratore , che ha disposto gli avvisi. Il controllo, infatti, può essere svolto dai condomini in seconda convocazione, perché in questa sede coloro che alla prima riunione sono rimasti assenti e coloro i quali erano presenti sono in grado di contestare le informazioni e di far rilevare l'eventuale insufficienza di partecipazione (v. ad es. Cass. n. 3862/1996 e Cass. n. 22865/14).

Dunque, una volta accertata la regolare convocazione in assemblea, la mancata redazione del verbale circa la mancata riunione dell'assemblea in prima convocazione, non impedisce che si tenga l'assemblea in seconda convocazione, né la invalida.

Naturalmente, deve poter risultare la regolare convocazione di tutti i condomini e l'onere della prova è in capo al condominio, non potendosi pretendere dal condomino una prova negativa (cioè la prova di non avere ricevuto la convocazione) (da ultimo, Cass. n. 22685/2014). È chiaro che una seconda convocazione (come una prima) tenutasi senza una regolare convocazione di tutti è invalida.


Ragion d'essere della seconda convocazione


Presupposto per la seconda convocazione è che la prima non si sia tenuta.

Infatti, è stato deciso che se l'assemblea riunita in prima convocazione delibera malgrado la mancanza del numero dei partecipanti e del requisito di valore richiesti per la valida costituzione dell'assemblea, è preclusa la possibilità della riunione dell'assemblea stessa in seconda convocazione (a meno che non vi intervengano tutti i condomini , compresi quelli che avevano preso parte alla riunione in prima convocazione). Ne consegue che, al fine della revoca della deliberazione adottata nella prima riunione, si deve procedere alla riconvocazione dell'assemblea con le forme e le modalità prescritte dall'art. 66 delle disp. attuaz. del Codice civile (Cass. n. 1930/1982).


Rinvio di assemblea


Insomma, tutto ciò che non era incluso nella convocazione di assemblea deve essere oggetto di nuova convocazione: anche un rinvio per il prosieguo della seconda convocazione deve esssere nuovamente comunicato agli assenti (Cass. n. 1516/1988 e n. 4648/1981).

A meno che l'amministratore non eserciti la facoltà consentitagli, oggi, espressamente dall'ultimo comma dell'art. 66, disp. att. e trans, cioè quella di fissare più riunioni consecutive in modo da assicurare lo svolgimento dell'assemblea in termini brevi, convocando gli aventi diritto con un unico avviso nel quale sono indicate le ulteriori date ed ore di eventuale prosecuzione dell'assemblea validamente costituitasi.

riproduzione riservata
Articolo: Delibera condominiale: prima e seconda convocazione
Valutazione: 3.00 / 6 basato su 2 voti.

Delibera condominiale: prima e seconda convocazione: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Delibera condominiale: prima e seconda convocazione che potrebbero interessarti
Convocare un'assemblea di condominio

Convocare un'assemblea di condominio

Condominio - Il procedimento di convocazione dell'assemblea di condominio non è vincolato a particolari forme, l'intera materia condominiale è informata ad un modello di gestione snello e privo di significative formalità.
Richiesta di convocazione di un'assemblea straordinaria

Richiesta di convocazione di un'assemblea straordinaria

Assemblea di condominio - È possibile distinguere due diverse tipologie di assemblea condominiale: assemblea ordinaria annuale e assemblea straordinaria. Come richiederne la convocazione?
Assemblea fiume e le novità introdotte dalla riforma

Assemblea fiume e le novità introdotte dalla riforma

Condominio - Assemblea fiume, ovvero la possiiblità di parteciapare ad estenuanti ed infinite riunioni condominiali. La riforma semplificherà le possibilità di rinvio.

Appartamento in comunione o con eredi e assemblea condominiale

Assemblea di condominio - L'assemblea non può deliberare se non risulta che tutti i condomini siano stati regolarmente convocati, infatti gli appartamenti in comunione hanno diritto, vediamo a cosa...

Nuove modalità di convocazione dell'assemblea condominiale

Assemblea di condominio - A partire dal 18 giugno 2013 entreranno in vigore le nuove norme sulla convocazione dell'assemblea condominiale che garantiranno maggiore certezza della ricezione.

Assemblea di condominio e modalità di conteggio dei termini di convocazione

Assemblea di condominio - La ricezione dell'avviso di convocazione almeno cinque giorni liberi prima dell'assemblea in prima convocazione è una condizione di validità della deliberazione.

Comunicazioni all'assemblea

Condominio - L'assemblea, è notorio, è il luogo in cui i condomini decidono sulla gestione e conservazione delle parti comuni dell'edificio.

Modi, tempi e costi di convocazione dell'assemblea condominiale senza amministratore

Assemblea di condominio - I condomini senza amministratore hanno comunque un'assemblea che è centrale nell'assunzione delle decisioni: chi, quando e come può provvedere alla convocazione?

Appartamento in comunione, chi convocare in assemblea?

Condominio - Un appartamento,in comunione,ubicato in condominio dà diritto a tutti i comproprietari di ricevere l'avviso di convocazione dell'assemblea?
REGISTRATI COME UTENTE
295.781 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Prima ferplast box toilette in plastica per
    Prima ferplast box toilette in...
    18.30
  • Edilkamin stufa a pellet italiana camini kw
    Edilkamin stufa a pellet italiana...
    900.00
  • Antico dipinto francese figliol prodigo del xix
    Antico dipinto francese figliol...
    2200.00
  • Dipinto olandese ritratto di gentiluomo
    Dipinto olandese ritratto di...
    800.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Mansarda.it
  • Officine Locati
  • Faidacasa.com
  • Black & Decker
  • Kone
  • Faidatebook
  • Weber
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.