Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Conversione D.L. Ecobonus, nuove definizioni

La legge 90/13 ha introdotto proroghe per le detrazioni fiscali ma anche nuove definizioni ed obblighi per le prestazioni energetiche degli edifici e per gli impianti.
03 Settembre 2013 ore 01:17 - NEWS Normative
impianti

Nei primi giorni di Agosto è diventato Legge (la numero 90 del 2013) il cosiddetto Decreto Ecobonus (il numero 63 del 2013). Come spesso accade per i decreti legislativi, oltre alla introduzione di nuovi articoli, molte disposizioni del decreto Ecobonus hanno subito delle significative variazioni con la conversione in legge.

detrazioni Le variazioni più rilevanti riguardano: il recepimento della direttiva 2010/31/UE per le prestazioni energetiche degli edifici, la proroga per le detrazioni fiscali e per gli incentivi relativi alle ristrutturazioni edilizie ed al risparmio energetico, ed infine, le disposizioni per lo scarico dei fumi a parete, in caso di installazioni di nuove caldaie.

Per quanto riguarda il recepimento della direttiva 2010/31/UE, il Decreto Ecobonus aveva modificato ed in parte integrato il Decreto Legislativo 192/05 nel quale la legge 90/13 ha introdotto nuove definizioni come quella di edificio ad energia quasi zero e quella di target o edificio di riferimento per identificare un edificio in fase di verifica energetica. Dal 1° Gennaio 2021, tutti gli edifici di nuova costruzione dovranno essere degli edifici ad energia quasi zero.

Un'altra definizione, che aiuta a discriminare, anche ai fini delle detrazioni, in maniera più precisa tra i possibili interventi di ristrutturazione, è quella di ristrutturazione importante di un edificio, con la quale letteralmente si intende che: un edificio è sottoposto ad una ristrutturazione importante quando i lavori in qualunque modo denominati (manutenzione ordinaria, manutenzione straordinaria, ristrutturazione e risanamento conservativo) insistono su oltre il 25% della superficie dell'involucro dell'intero edificio, comprensivo di tutte le unità immobiliari che lo costituiscono, a titolo esemplificativo e non esaustivo, del rifacimento di pareti esterne, del tetto o dell'impermeabilizzazione delle coperture.


Inoltre, la legge 93/13 ha ridefinito la prestazione energetica di un edificio che deve essere intesa come la quantità di energia primaria, calcolata su base annua, prevista dai tecnici per soddisfare i bisogni standard dell'edificio che, per le comuni abitazioni, riguardano la climatizzazione estiva, quella invernale, l'eventuale ventilazione meccanica, la produzione di acqua calda sanitaria e l'illuminazione.

Tale quantità di energia può essere espressa in termini di energie rinnovabili, di energie non rinnovabili o somma di entrambe, come accadrà nella maggior parte dei casi. Tutti i sistemi tecnici o impianti a servizio dell'edificio definiranno invece, secondo la nuova legge, il fabbisogno annuale globale di energia primaria calcolato anch'esso su base annua, per determinarne le prestazioni. Invece l'energia esportata è definita come quella prodotta nel confine dell'edificio e ceduta per l'utilizzo al suo esterno, come accade per i sistemi fotovoltaici che producono una quantità di energia superiore al fabbisogno dell'edificio servito.

sistema termicoTra le nuove definizioni introdotte dalla legge 90 del 2013, un caso particolare è la definizione di impianto termico (inteso come sistema per la climatizzazione invernale e/o estiva degli ambienti, senza la produzione di acqua calda sanitaria), la cui ultima definizione è durata meno di un anno (D.M. 22/11/2012).

Nella definizione di impianto termico, così come faceva il Decreto Legislativo 192/05, la legge 90/13 include anche stufe, caminetti ed apparecchi per la produzione del freddo, per i quali la somma delle potenze termiche supera i 5 kW e non i 15 kW come indicava il D.M. 22/11/2012).

L'importanza di tali definizioni sta nel fatto che i valori che indicano concorrono a definire l'obbligo della progettazione degli impianti (da parte di professionisti abilitati e non da installatori) quando le potenzetermiche superano determinate soglie.


Attestato di prestazione energetica e Legge 90/13Con la legge 90/13 anche l'attestato di certificazione energetica degli edifici (ACE) cambia diventando APE: attestato di prestazione energetica. L'APE che ha una validità di dieci anni, deve essere rilasciato per edifici ed unità immobiliari costruite, vendute o locate o sottoposte a ristrutturazioni rilevanti, in ogni caso deve essere fornito dal proprietario dell'edificio entro quindici giorni dalla richiesta di agibilità dello stesso edificio, inoltre, deve essere tenuta traccia dell'APE in tutti i contratti (vendite, locazioni, etc.) dell'edificio, pena la nullità degli stessi.


Scarico a tetto, scarico a parete e Legge 90/13La legge 90/13 ha modificato la Legge 221/12, entrata in vigore all'inizio del 2013, relativamente agli obblighi per gli scarichi a tetto ed a parete per le caldaie. In particolare, rispetto alla legge 221/12 chiarisce che lo scarico a parete (più semplice ed economico di quello a tetto) per le caldaie a condensazione e a basse emissioni dei vari tipi di ossidi di azoto, può essere realizzato anche in tutti i casi nei quali prima della sostituzione della caldaia c'era uno scarico a tetto, sono inclusi tutti i casi di ristrutturazioni e distacchi dagli impianti centralizzati.

riproduzione riservata
Articolo: Conversione D.L. Ecobonus, nuove definizioni
Valutazione: 4.67 / 6 basato su 3 voti.

Conversione D.L. Ecobonus, nuove definizioni: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
328.967 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Conversione D.L. Ecobonus, nuove definizioni che potrebbero interessarti


In arrivo il bonus per ristrutturare gli impianti elettrici in condominio

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Dal 1° gennaio 2020 i condomini che intendono ristrutturare vecchi impianti elettrici potranno fruire di un contributo fino a 1200 euro. È quanto previsto da Arera

Norma UNI 11137/12

Normative - La nuova versione della norma UNI 11137 del 2012 è entrata in vigore il 25 Luglio 2012, essa ha sostituito la versione precedente risalente all'anno 2004.

DiCo, dichiarazione di conformità impianti

Leggi e Normative Tecniche - Tra i documenti obbligatori quando si effettua una ristrutturazione c'è la DiCo, Dichiarazione di Conformità degli impianti. Di cosa si tratta?

Impianti Termici Moderni

Impianti - Una casa moderna dovrebbe essere caratterizzata anche da moderni impianti, in grado di fornire condizioni di comfort, costi contenuti ed impatto ambientale minimo.

Grandi Impianti Fotovoltaici

Impianti rinnovabili - Le guide al Quarto Conto Energia hanno dettagliato tempistiche ed incentivi anche per i grandi impianti fotovoltaici ed il GSE pubblicherà periodicamente le graduatorie.

Controlli impianti termici

Impianti - Con la riaccensione degli impianti termici e delle relative centrali una questione, che spesso ricorre, è quella dei controlli necessari per l'esercizio.

Dichiarazione di Rispondenza Impianti Tecnologici

Impianti - Tutti gli impianti tecnologici di vecchia data o sprovvisti della dichiarazione di conformita' possono essere regolarizzati con la dichiarazione di rispondenza.

CEI 64-8 V3 Impianti Residenziali

Normative - Da Settembre 2011 e' in vigore la variante V3 alla Norma tecnica CEI 64-8: Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1.000 V in corrente alternata e a 1.500 V in corrente continua.

Registro Grandi Impianti Fotovoltaici

Impianti - Dal 2011 il Registro dei Grandi Impianti fotovoltaici ne monitora la realizzazione e gestisce l'accesso e la disponibilità degli incentivi fotovoltaici.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img auronzolo
Buongiorno a tutti,ho acquistato da poco casa con la mia compagna.L'impianto elettrico è datato (primi Anni 80) e sarebbe da rifare.Purtroppo la mia compagna è...
auronzolo 25 Aprile 2021 ore 21:21 1
Img francescarizzi
Buongiorno a tutti,avendo necessità di sollevare il direttore dei lavori per una manutenzione straordinaria (rifacimento impianto casa privata e cambio planimetria...
francescarizzi 22 Aprile 2021 ore 20:04 1
Img danilo89
Salve a tutti,vi scrivo perché sto per acquistare una casa anni 70 da ristrutturare.Tra i vari dubbi, ho avuto pareri contrastanti per quanto riguarda il rifacimento degli...
danilo89 03 Aprile 2021 ore 19:29 6
Img lucav22
Salve a tutti, Volevo sapere se fosse possibile far rientrare l'impianto idrico, elettrico e termico nel conteggio del bonus 110% in quanto sto ristrutturando casa, praticamente...
lucav22 23 Dicembre 2020 ore 17:47 7
Img claudio011235
Buongiorno, ho ristrutturato completamente il mio appartamento passando da una impresa edile. A termine lavori mi sono accorto che la marca degli impianti installati (così...
claudio011235 01 Dicembre 2020 ore 19:46 1