Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Detrazione 65% sugli interventi di riqualificazione energetica 2020

NEWS Detrazioni e agevolazioni fiscali07 Giugno 2020 ore 11:24
La Legge di Bilancio per il 2020 n. 160, ha prorogato la detrazione per gli interventi di risparmio energetico fino al 31 dicembre 2020, apportando anche importanti modifiche.

Detrazione 65% sugli interventi di riqualificazione energetica - Tutte le novità per il 2020


Sono state, quindi, confermate tutte le indiscrezioni che davano per scontato la proroga delle agevolazioni fiscali sul risparmio energetico che prevede la possibilità di detrarre dall'IRPEF (imposta sul reddito delle persone fisiche) o dall'IRES (imposta sul reddito delle società) una percentuale consistente delle spese sostenute per interventi edilizi volti alla diminuzione dei consumi energetici degli edifici.

Oltre alla proroga per tutto il 2020, dal 1° gennaio sono entrate in vigore diverse novità.

detrazione risparmio energetico 2018
L'art. 1, comma 70, ha rivisto in maniera restrittiva lo sconto in fattura inizialmente esteso a tutti i richiedenti.
L'estratto della legge parla di "unicamente per gli interventi di ristrutturazione importante di primo livello di cui al decreto del Ministro dello sviluppo economico 26 giugno 2015, pubblicato nel supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 162 del 15 luglio 2015, recante adeguamento del decreto del Ministro dello sviluppo economico, 26 giugno 2009 – Linee guida nazionali per la certificazione energetica, per le parti comuni degli edifici condominiali, con un importo dei lavori pari o superiore a 200.000 euro, il soggetto avente diritto alle detrazioni può optare, in luogo dell'utilizzo diretto delle stesse, per un contributo di pari ammontare, sotto forma di sconto sul corrispettivo dovuto, anticipato dal fornitore che ha effettuato gli interventi e a quest'ultimo rimborsato sotto forma di credito d'imposta da utilizzare esclusivamente in compensazione, in cinque quote annuali di pari importo".

Restano in vigore le altre limitazioni imposte in precedenza da altri provvedimenti, come:

1- riduzione della percentuale di detrazione da 65% a 50% per gli interventi di sostituzione di serramenti, installazione di schermature solari e sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di generatori alimentati da biomasse combustibili;

Detrazione 65% sostituzione caldaia
2- applicazione di due diverse percentuali di detrazione (65% o 50%) per la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale dotati di caldaia a condensazione.
La percentuale da applicare è determinata dalla contestuale installazione o meno di sistemi di termoregolazione evoluti (vedi spiegazione dettagliata nei prossimi paragrafi).
Restano fissi al 65% gli impianti ibridi, costituiti da pompa di calore integrata con caldaia a condensazione, e gli impianti dotati di generatore d'aria calda a condensazione;

3 - esclusione dalla detrazione per impianti di climatizzazione invernali dotati di caldaia a condensazione con efficienza inferiore alla classe A di prodotto;

4 - nuova ammissione all'ecobonus per la sostituzione di impianti esistenti con micro-cogeneratori, con percentuale di detrazione al 65%;

5 - introduzione di un superbonus per i condomini che contestualmente agli interventi di efficientamento energetico attuano misure finalizzate a diminuire il rischio sismico, con aumenti della percentuale di detrazione fino all'80% o addirittura all'85%.


Percentuale di detrazione: quali percentuali da applicare


A partire dalla di entrata in vigore della Legge 3 agosto 2013, n. 90, la percentuale della detrazione fiscale è stata innalzata al 65%, in precedenza era del 55% per tutti gli interventi di riqualificazione energetica.

Successivamente la Legge di bilancio per 2017 ha introdotto, relativamente alle parti comuni condominiali, la possibilità di innalzare la percentuale di detrazione al 70% o al 75%, ma solo in casi particolari.

Legge di bilancio 2018, poi, ha dato una ulteriore facoltà agli edifici in condominio, un superbonus dell'80% e 85%.

È importante sottolineare  che la detrazione sul risparmio energetico è da tenere nettamente separata dalla detrazione sulle ristrutturazioni edilizie.


Requisiti, percentuale e tetto massimo di detrazione dei singoli interventi


Esistono diverse categorie di intervento ammesse alla detrazione fiscale.
Per ognuna di esse sono definiti i requisiti specifici, la percentuale di detrazione e l'importo massimo di spesa.

Ecobonus 65%

Attenzione: a differenza della detrazione sulle ristrutturazioni edilizie che prevede un tetto massimo di spesa (corrispondente a 96.000 euro per unità immobiliare), la detrazione sul risparmio energetico stabilisce invece dei tetti massimi di detrazione.


1) Interventi di riqualificazione energetica globale di edifici esistenti


Comprendono qualsiasi intervento, o insieme sistematico di interventi, che permetta all'edificio di raggiungere un indice di prestazione energetica per la climatizzazione invernale inferiore a precisi limiti.
Per questa categoria si guarda al risultato finale, che deve essere efficace.
Non interessa quali opere siano realizzate, quanto piuttosto la riduzione del consumo energetico finale raggiunto dall'intero fabbricato.

Per gli interventi di riqualificazione globale la percentuale di detrazione è fissa al 65%, con un tetto massimo di detrazione pari a 100.000 euro.


2) Interventi sugli involucri degli edifici


Comprendono interventi su coperture, pavimenti e pareti che delimitano il volume riscaldato. Rientrano fra questi anche la sostituzione di porte di ingresso e finestre.

Finestre detrazione 65%
Per questa categoria è importante che i valori di trasmittanza delle partizioni orizzontali o verticali e dei serramenti rispettino determinati limiti di trasmittanza definiti dal decreto del Ministro dello Sviluppo Economico dell'11 marzo 2008 e successivamente modificati dal decreto 26 gennaio 2010.

La Legge 190/2014 ha incluso fra gli interventi sull'involucro anche quelli di acquisto e posa in opera di schermature solari di cui all'allegato M del decreto legislativo 29 dicembre 2006 n.311.

Il limite di detrazione per interventi sugli involucri degli edifici è di 60.000 euro.

Variano invece le percentuali di detrazione:

- 65% per interventi su coperture, pavimenti e pareti (serramenti esclusi);

- 50% per serramenti e schermature solari.


3) Installazione di pannelli solari


Installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda per usi domestici, produttivi e ricreativi. Sono ritenuti assimilabili ai pannelli solari i sistemi termodinamici a concentrazione solare utilizzati per la sola produzione di acqua calda.

È indispensabile avere una garanzia di 5 anni per pannelli e bollitori e di 2 anni per gli accessori e i componenti tecnici. Inoltre, i pannelli devono essere conformi a determinate norme UNI EN ed essere certificati da un organismo dell'Unione Europea o della Svizzera.

Il limite della detrazione per l'installazione di pannelli solari è di 60.000 euro, con percentuale di detrazione fissa al 65%.


4) Interventi di sostituzione di impianti di climatizzazione invernale e controllo da remoto


Sono agevolabili gli interventi di sostituzione di impianti di climatizzazione invernale esistente con impianti dotati di:

- caldaie a condensazione con efficienza almeno pari alla classe A di prodotto prevista dal regolamento delegato (UE) n.811/2013 della Commissione del 18 febbraio 2013;

- apparecchi ibridi costituiti da pompa di calore integrata con caldaia a condensazione, assemblati in fabbrica ed espressamente concepiti dal fabbricante per funzionare in abbinamento tra loro;

- generatori di aria calda a condensazione;

- pompe di calore ad alta efficienza;

- impianti geotermici a bassa entalpia;

- generatori di calore a biomasse combustibili;

- micro-cogeneratori, che conducano ad un risparmio di energia primaria pari almeno al 20%.

Rientra nel bonus anche la sostituzione di uno scaldacqua tradizionale con pompa di calore per la produzione di acqua calda sanitaria.

Detrazione caldaie
È necessario sostituire l'impianto preesistente e installare quello nuovo.
Non è invece agevolabile l'installazione di sistemi di climatizzazione su edifici che ne erano sprovvisti o sistemi in aggiunta a quelli esistenti (ad esempio installazione di pompe di calore in aggiunta a riscaldamento con caldaia e termosifoni).
L'unica eccezione prevista riguarda i generatori di calore a biomasse combustibili.

Inoltre, sono agevolabili i dispositivi multimediali per il controllo da remoto degli impianti di riscaldamento o produzione di acqua calda o di climatizzazione delle unità abitative volti ad aumentare la consapevolezza dei consumi energetici da parte degli utenti e a garantire un funzionamento efficiente degli impianti.

Questi dispositivi devono garantire l'accensione, lo spegnimento e la programmazione settimanale degli impianti da remoto e mostrare, attraverso canali multimediali, i consumi energetici mediante la fornitura periodica dei dati, le condizioni di funzionamento correnti e la temperatura di regolazione degli impianti.

Il limite della detrazione per la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale è di 30.000 euro, ad eccezione dei micro-cogeneratori per i quali è posto un limite massimo di detrazione pari a 100.000 euro.
I dispositivi multimediali per il controllo da remoto non hanno invece limite massimo di detrazione.

Diverse invece le percentuali di detrazione:

- 65% per caldaie a condensazione con contestuale installazione di sistemi di termoregolazione evoluti appartenenti alle classi V, VI oppure VIII della comunicazione della Commissione 2014/C 207/02, per apparecchi ibridi, generatori di aria calda a condensazione, pompe di calore, impianti geotermici, micro-cogeneratori e dispositivi multimediali per il controllo da remoto;

- 50% per caldaie a condensazione senza contestuale installazione di sistemi di termoregolazione evoluti ed inoltre per generatori di calore a biomasse combustibili.


Detrazione sul risparmio energetico per interventi su parti comuni condominiali


Per spese sostenute per interventi di riqualificazione energetica di parti comuni condominiali esistono alcuni casi particolari che permettono di innalzare la percentuale di detrazione a 70% o 75%.

Detrazione 65% condomini
Gli interventi che coinvolgono l'involucro del condominio con un'incidenza superiore al 25% della superficie disperdente lorda dell'edificio medesimo, possono godere della detrazione in misura del 70% delle spese sostenute.

La percentuale sale al 75% in caso di interventi finalizzati a migliorare la prestazione energetica invernale ed estiva e che conseguano almeno la qualità media di cui al Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico 26 giugno 2015.

Le detrazioni inerenti questi casi particolari sono calcolate su un ammontare complessivo delle spese non superiore a 40.000 euro, moltiplicato per il numero delle unità immobiliari che compongono l'edificio.

In tutti gli altri casi restano invariati i tetti massimi di detrazione e le percentuali elencati nei paragrafi precedenti.


Nuovo superbonus rischio sismico e risparmio energetico parti condominiali 2020


Per le spese relative agli interventi su parti comuni di edifici condominiali ricadenti nelle zone sismiche 1, 2 e 3 finalizzati congiuntamente alla riduzione del rischio sismico e alla riqualificazione energetica, spetta, in alternativa all'ecobonus e al sismabonus, una detrazione:

Detrazione sugli interventi di riqualificazione energetica fabbricati
- nella misura dell'80%, ove gli interventi determinino il passaggio a una classe di rischio sismico inferiore;

- nella misura dell'85%, ove gli interventi determinino il passaggio a due classi di rischio inferiori.

La detrazione è ripartita in cinque quote annuali di pari importo e si applica su un ammontare delle spese non superiore a 136.000 euro moltiplicato per il numero di unità immobiliari componenti l'edificio.


Requisiti comuni richiesti per tutti gli interventi agevolabili


L'edificio su cui si eseguono gli interventi deve essere esistente e già dotato di impianto di riscaldamento (ad eccezione del solo caso dell'installazione di pannelli solari dove l'esistenza dell'impianto di riscaldamento non è obbligatoria).

A differenza della detrazione sulle ristrutturazioni edilizie, valida solo per le abitazioni, la detrazione sul risparmio energetico può essere utilizzata per edifici di qualsiasi categoria catastale (abitazioni, uffici, negozi, attività produttive o artigianali, ecc.), compresi quelli strumentali per l'attività d'impresa o professionale.

La prova di esistenza dell'edificio è data dall'iscrizione al catasto, oppure dalla richiesta di accatastamento , ed anche dal pagamento dell'IMU.

Non sono agevolabili le spese effettuate in corso di ampliamento o di nuova costruzione dell'immobile .

Inoltre, per le ristrutturazioni che prevedono il frazionamento di un'unità immobiliare, il beneficio è ammesso solo in caso di realizzazione di un unico impianto di riscaldamento centralizzato.


Adempimenti per accedere alla detrazione sul risparmio energetico


Per tutti gli interventi agevolabili citati è necessario produrre ed essere in possesso dei seguenti documenti:

Documenti detrazione 65%
- l'asseverazione, da parte di un professionista abilitato che attesti la rispondenza delle opere ai requisiti tecnici richiesti.
Nel caso di semplice sostituzione di serramenti, di installazione di caldaia a condensazione o di pompa di calore di potenza nominale non superiore a 100 kW, l'asseverazione può essere sostituita da una certificazione del produttore;

- l'attestato di prestazione energetica, che riporterà i dati relativi all'efficienza energetica dell'edificio oggetto di intervento. In caso di sostituzione di serramenti, installazione di schermature solari, installazione di pannelli solari o sostituzione dell'impianto di climatizzazione invernale la certificazione energetica non è richiesta;

- la scheda informativa relativa agli interventi realizzati, da compilare con i dati di chi usufruirà della detrazione e dell'edificio, indicando il tipo di intervento eseguito e il relativo costo.

Entro 90 giorni dalla fine dei lavori bisogna trasmettere a ENEA, per via telematica, copia dell'attestato di certificazione energetica e la scheda informativa.

L'invio di questa comunicazione richiederà l'intervento di un tecnico, a meno che non si tratti del caso di sostituzione di serramenti, installazione di schermature solari, installazione di pannelli solari o sostituzione dell'impianto termico, per i quali il comune cittadino può collegarsi autonomamente al sito di ENEA e inviare i documenti.

C'è però da rilevare che non sempre i passaggi della procedura sono comprensibili per chiunque, poiché si fa riferimento a trasmittanze, potenze nominali, etc.

Pertanto, per queste pratiche è sempre consigliabile chiedere l'assistenza di un esperto.


Documenti da conservare ai fini della detrazione


Una volta effettuata la comunicazione per via telematica, è necessario conservare i seguenti documenti, che dovranno essere esibiti in caso di controlli da parte dell'Agenzia delle Entrate:

- provvedimento autorizzativo comunale (Permesso a costruire, Scia, Cila, o una autodichiarazione se sono interventi di edilizia libera);

- l'asseverazione (se il tipo di intervento non la richiede, certificazione dei produttori);

- la ricevuta di invio telematico effettuato a ENEA;

- le fatture relative agli interventi;

- le ricevute dei bonifici.

Modalità di pagamento per ottenere la detrazione


Per i pagamenti è molto importante rispettare le scadenze e le modalità previste dalla detrazione sul risparmio energetico. Il loro mancato rispetto potrebbe infatti comportare il decadimento della detrazione.

Ai fini della detrazione sul risparmio energetico è fondamentale effettuare i pagamenti esclusivamente con modello di bonifico apposito per le detrazioni fiscali, specificando l'intenzione di beneficiare di questo specifico bonus.

Potrete trovare tutti i dettagli nell'articolo inerente i pagamenti per le detrazioni fiscali, di cui consiglio la lettura.

Le spese documentate saranno poi detratte dall'Irpef o dall'Ires in 10 rate annuali di pari importo.


Preventivi Whatsapp

riproduzione riservata
Articolo: Detrazione 65% risparmio energetico 2020
Valutazione: 4.75 / 6 basato su 126 voti.

Detrazione 65% risparmio energetico 2020: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Santinags
    Santinags
    Martedì 15 Gennaio 2019, all or 13:28
    Buongiorno, ho una caldaia biomassa da 5 anni per la quale percepisco annualmente le detraioni fiscali.Ne avrò ancora per 6 anni.A causa di forza maggiore devo passare al metano cittadino...secondo voi devo tenerla per forza per altri 6 anni oppure posso sostituire l'impianto?...eventualmente potessi sostituirla dovrei necessariamente tenerla nel locale oppure, per fare spazio, posso liberarmenepur tenendo a portata di mano tutta la documentazione presentata all'Enea? Grazie a chi potrà rispondermi.
    rispondi al commento
  • Dario2
    Dario2
    Sabato 3 Marzo 2018, all or 16:45
    Devo ristrutturare appartamento.
    Se applico un controsoffitto coinbientato e insolente posso detrarre il 65% della spesa totale?
    Oltre al portocino di ingresso che osserva trasmittanza si possono dedurre le spese per le porte interne anche con 65%?
    rispondi al commento
  • Touch
    Touch
    Mercoledì 7 Febbraio 2018, all or 16:39
    Il sito per le detrazioni del 2018?
    rispondi al commento
    • Sara.m.
      Sara.m. Touch
      Giovedì 8 Febbraio 2018, all or 16:51
      Generalmente viene messo online a fine marzo, in tempo per fare la comunicazione entro 90 giorni dalla fine lavori se questi sono terminati i primi di gennaio 2018.
      rispondi al commento
  • Ferrarmn
    Ferrarmn
    Giovedì 9 Novembre 2017, all or 19:11
    Ho chiuso con delle vetrate scorrevoli il mio terrazzo.
    L'azienda fornitrice mi ha comunicato che posso chiedere la detrazione del 50%.
    Vorrei sapere se è la verità.
    Marino
    rispondi al commento
  • Roberto
    Roberto
    Venerdì 4 Agosto 2017, all or 12:25
    Buongiorno,
    a breve, dopo autorizzazione amministrativa, inizierò dei lavori per installare un impianto a pavimento!
    Oltre l'impianto in se, la caldaia ed il montaggio a cura dell'idraulico, vorrei sapere se posso portare in detrazione al 65% altresì la demolizione del pavimento e del massetto dovendo raggiungere il solaio, nonché il rifacimento del massetto e la posa del pavimento.
    Grazie.
    rispondi al commento
  • Roberto
    Roberto
    Venerdì 4 Agosto 2017, all or 12:20
    Buongiorno,
    a breve inizierò una ristrutturazione con interventi di manutenzione straordinaria.
    Vorrei demolire l'attuale tetto, non riscaldato e non abitabile sostituendolo con una copertura a terrazza la quale avrà all'interno dei pannelli isolanti per il miglioramento termico.
    Un ulteriore isolamento termico verrà effettuato dall'interno tramite pannelli posti in controsoffitto.
    Potrò beneficiare del 65% ricostruendo la terrazza e portando in detrazione l'intera spesa sostenuta fino a pavimento?
    Grazie.
    rispondi al commento
  • Franco
    Franco
    Giovedì 20 Luglio 2017, all or 16:10
    Buongiorno,
    è possibile usufruire delle detrazioni energetiche (cambio caldaia) avendo solo tassazioni alla fonte (ritenuta banca)?
    rispondi al commento
    • Sara.m.
      Sara.m. Franco
      Mercoledì 2 Agosto 2017, all or 14:21
      Suppongo si parli di reddito come dipendente. In tal caso sì.
      rispondi al commento
  • Mattia
    Mattia
    Lunedì 10 Luglio 2017, all or 16:03
    Buongiorno,
    si può usufruire delle detrazioni per il risparmio energetico anche su nuovo immobile in classe A o B o è valido solo per la riqualifica di edifici datati?
    rispondi al commento
    • Sara.m.
      Sara.m. Mattia
      Martedì 11 Luglio 2017, all or 12:00
      Sono due detrazioni diverse. La detrazione sul risparmio energetico è sulle spese per lavori effettuati. Mentre la detrazione sull'acquisto di immobili in classe energetica elevata è una detrazione sull'iva pagata per l'acquisto.
      rispondi al commento
  • Luca
    Luca
    Mercoledì 5 Luglio 2017, all or 16:21
    Avrei intenzione di sostituire nel mio appartamento (già esistente) l'impianto di climatizzazione invernale (ed estivo) ormai datato con uno più efficiente, ad alta efficienza e dotato di pompa di calore e sistema domotico di controllo via Smartphone.
    Posso usufruire delle detrazioni del 65%?
    In tal caso è sufficiente inviare la documentazione sul sito ENEA, senza  la dichiarazione d un tecnico asseverato?
    rispondi al commento
    • Sara.m.
      Sara.m. Luca
      Giovedì 6 Luglio 2017, all or 13:52
      Detraibile al 65%, ovviamente rispettando i requisiti previsti. Per la comunicazione Enea in questo caso non c'è bisogno dell'asseverazione firmata da tecnico abilitato. Tuttavia dovrà verificare se da un punto di vista comunale deve presentare o meno una CILA. Se la potenza termica utile nominale (attenzione, non è la potenza elettrica assorbita) è inferiore a 12 kw non è necessaria comunicazione in comune. Se superiore deve presentare una CILA firmata da tecnico abilitato.
      rispondi al commento
      • Luca
        Luca Sara.m.
        Venerdì 7 Luglio 2017, all or 00:27
        Grazie per il prezioso suggerimento. Potrebbe indicare cortesemente anche come si calcola la potenza nominale dell'impianto, e se nella dichiarazione Enea va indicata la sostituzione impianti con pompa di calore?
        Grazie
        rispondi al commento
      • Luca
        Luca Sara.m.
        Martedì 11 Luglio 2017, all or 16:23
        In relazione alla risposta, si usufruisce della detrazione per risparmio energetico,  il comune non richiede CILA (o DIA nel caso di ristrutturazione). L'agenzia delle entrate, interpellata, non è stato molto chiara se detrazione al 50% o al 65%. Come si calcola la potenza termica utile nominale ?
        Grazie
        rispondi al commento
  • espandi
  • espandi
  • espandi
Torna Su Espandi Tutto
Sostieni Lavorincasa
REGISTRATI COME UTENTE
318.646 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Detrazione 65% risparmio energetico 2020 che potrebbero interessarti


Ecobonus e Sismabonus al 110%: le novità del decreto di maggio 2020

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Con il decreto maggio 2020 sale al 110% l'incentivo fiscale legato agli interventi di risparmio energetico e alle misure antisismiche. Ecco quali sono le novità

Ecobonus e bozza del decreto Mise

Leggi e Normative Tecniche - Quali sono le novità introdotte con la bozza del decreto del Mise in ambito di Ecobonus. Previsti nuovi limiti di spesa e nuove modalità di calcolo degli sconti

Ecobonus 2018 e cessione del credito: i chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate

Detrazioni e agevolazioni fiscali - L'Agenzia delle Entrate, con circolare del 18 maggio fornisce ai contribuenti dei chiarimenti in merito alla cessione del credito per la fruizione dell'Ecobonus

Ritardo nella comunicazione Enea: l'Ecobonus resta valido

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Che succede se si presentano i documenti all'Enea oltre il termine di 90 dalla fine dei lavori? L'Ecobonus non può essere messo in discussione. Vediamo perché.

Ecobonus e Sismabonus: le istruzioni dell'Agenzia delle Entrate per lo sconto in fattura

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Le regole dell'Agenzia delle Entrate per dare attuazione al DL Crescita in caso di risparmio energetico e misure antisismiche: modalità per lo sconto in fattura

Bonus rubinetti: di cosa si tratta?

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Con emendamento alla Legge di Bilancio 2020 fa il suo ingresso il bonus rubinetti, la detrazione del 65% dei costi per acquisto di rubinetti che riducono i consumi

Ecobonus: possibili agevolazioni per la sostituzione di pavimenti

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Ecobonus del 65% e detrazioni fiscali del 50% in caso di sostituzione o rifacimento pavimenti: ecco di seguito cosa dice in proposito l'Agenzia delle Entrate.

Ecobonus 2018: è attivo il portale online di Enea per la trasmissione dati

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Il portale online dell'Enea è attivo. Possibile effettuare la trasmissione dei dati per fruire dei benefici fiscali per interventi di riqualificazione energetica

Bonus condizionatori anche per il 2020

Detrazioni e agevolazioni fiscali - La sostituzione, riparazione o installazione di condizionatori nelle proprie casa, negozi e uffici, può dar diritto anche per le spese 2020 a detrazioni fiscali
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img scudieriaugusto
L'edificio è composto da tre appartamenti suddivisi in piano terra con ingresso indipendente, primo e secondo piano con portoncino e scale in comune.Il piano terra non ha...
scudieriaugusto 14 Giugno 2020 ore 02:03 1
Img stock1
Salve, durante una riunione condominliale i condomini (tutti presenti tranne uno) hanno deliberato per una ristrutturazione totale del condominio per un importo che supera il 1...
stock1 12 Giugno 2020 ore 16:52 5
Img estermaria
Buona sera,sono a chiedere gentilmente una precisazione, se possibile avere.L'appartamento è intestato al 50% fra me e mio marito.Sono state eseguite spese di...
estermaria 03 Febbraio 2016 ore 21:58 6
Img 64brunica
Buon giorno,in prossimità di lavori straordinari e rientranti nella detrazione del 65%, chiedo in ipotesi se il mandatario non dovesse effettuare pagamenti alla ditta...
64brunica 21 Dicembre 2015 ore 11:41 2
Img floriano g
Salve, sono il proprietario di un condominio e sto cercando un'impresa edile per la ristrutturazione totale con la cessione del credito.Consigli ?...
floriano g 23 Marzo 2019 ore 17:53 7