Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA

Consolidamento e protezione degli intonaci di pregio

Nel restauro di un intonaco di pregio le tecniche di consolidamento e protezione sono fondamentali per garantirne la conservazione e non aggravare il degrado.
09 Settembre 2014 ore 01:18 - NEWS Restauro edile

Importanza del consolidamento nel restauro di intonaci di pregio



Dopo aver già descritto le indagini diagnostiche preliminari e le tecniche di pre-consolidamento e pulitura (fondamentali per garantire un consolidamento corretto e soprattutto duraturo nel tempo), in questo articolo affronterò le tecniche di consolidamento vero e proprio (una fase importantissima del processo di restauro, perché il suo buon esito restituisce all'intonaco le proprie caratteristiche meccaniche) e protezione, in grado di arrestare (o comunque rallentare sensibilmente) il processo di degrado, e quindi rimandare nel tempo ulteriori interventi di manutenzione e restauro, con un deciso risparmio economico.


Tecniche di consolidamento


Uno dei problemi più frequenti nel restaurare un intonaco consiste nel far ri-aderire al supporto le parti distaccate, di solito facilmente riconoscibili per la presenza di sollevamenti e rigonfiamenti.


intonacoIn questo caso è necessario iniettare in tali zone un'apposita miscela consolidante, consistente generalmente in una malta piuttosto fluida formata da una parte di grassello di calce e una di aggregato con granulometria molto sottile, eventualmente additivata con una piccola quantità (5-10%) di resina acrilica con funzioni di fluidificante.

Invece nei micro-distacchi (cioè con soluzioni di continuità pari o inferiori a un millimetro) sarà preferibile usare un'emulsione acquosa di resina acrilica caricata con aggregati di granulometria finissima (cioè decisamente inferiore al millimetro).

Se le parti da far ri-aderire sono completamente staccate dal supporto, o sono presenti lesioni e fratture, bisognerà prevedere la loro completa sigillatura mediante guarnizioni di gomma o stuccature provvisorie, da rimuovere a consolidamento avvenuto. Sulla superficie dell'intonaco distaccato vanno praticati diversi piccoli fori (2-4 mm di diametro) con un trapano elettrico o manuale, avendo cura di ridurre drasticamente (o meglio ancora evitare del tutto) le vibrazioni. Il numero e la disposizione dei fori dipendono ovviamente dalle dimensioni e dallo stato di conservazione della porzione di intonaco distaccato. Dopo aver eseguito la perforazione, è necessario aspirare ogni residuo pulverulento, mentre prima delle iniezioni consolidanti è opportuno iniettare una miscela di acqua distillata e alcool per pulire perfettamente le superfici e facilitare lo scorrimento del consolidante. Dopo le iniezioni, che ovviamente vanno eseguite procedendo dal basso verso l'alto e stuccando progressivamente i fori già usati, è necessario facilitare la ri-adesione dell'intonaco comprimendolo verso il supporto, ad esempio mediante un pannello di legno sostenuto da puntelli o martinetti. A lavoro finito si potranno quindi rimuovere le guarnizioni o le stuccature provvisorie, sostituendole con quelle definitive.


Invece per consolidare intonaci disgregati o polverizzati è necessario servirsi di appositi prodotti che ristabiliscano la continuità fisica e chimica fra le particelle ormai decoese. L'applicazione avviene solitamente a pennello, a spruzzo o a rullo se le zone da trattare sono piuttosto estese, o con impacchi o iniezioni (che permettono la percolazione e l'assorbimento del prodotto consolidante attraverso appositi fori) per consolidamenti localizzati. I prodotti consolidanti possono essere sia organici, come ad esempio le resine sintetiche o il silicato di etile, che inorganici, come l'idrossido di bario. Inoltre, prima di procedere al consolidamento vero e proprio è sempre opportuno eseguire alcune prove preliminari.


Tecniche di protezione



In caso di intonaci molto pregiati, già gravemente dilavati e molto esposti agli agenti atmosferici, è consigliabile prevedere un trattamento protettivo, che di fatto consiste nell'applicazione di prodotti idrorepellenti, in grado cioè di proteggere la superficie dall'acqua piovana.
Questi prodotti, applicati generalmente in due o più mani stese a rullo e/o pennello o spruzzate dall'alto verso il basso con appositi vaporizzatori, devono garantire la perfetta trasparenza e l'inalterabilità delle superfici trattate (alcune sostanze con la prolungata esposizione ai raggi solari tendono infatti a ingiallire), la reversibilità dell'intervento, la non formazione di sali dannosi per il supporto, e infine la traspirabilità al vapore acqueo, per evitare il ristagno di umidità nella muratura e la conseguente formazione di efflorescenze e sub-efflorescenze saline.

I prodotti idonei sono diversi, e di solito di origine organica come silani e silossani, mentre il silicone si è dimostrato inadatto perché tende a formare una patina lucida sulla superficie trattata, con un effetto bagnato decisamente sgradevole. Inoltre alcuni consolidanti di origine organica sono idrorepellenti e servono quindi anche da protezione.

Poiché infine dopo un certo periodo di tempo (variabile in base al prodotto utilizzato) il protettivo tende a perdere le proprie caratteristiche, sarebbe opportuno prevedere la ripetizione del trattamento a intervalli regolari.

riproduzione riservata
Articolo: Consolidamento e protezione degli intonaci di pregio
Valutazione: 5.00 / 6 basato su 2 voti.

Consolidamento e protezione degli intonaci di pregio: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Sostieni Lavorincasa
REGISTRATI COME UTENTE
320.271 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Consolidamento e protezione degli intonaci di pregio che potrebbero interessarti


Pre-consolidamento e pulitura degli intonaci di pregio

Facciate e pareti - Nel restauro di un intonaco di pregio le tecniche di pulitura e pre-consolidamento sono fondamentali allo scopo di garantire una corretta prosecuzione dell'intervento.

Intonaci premiscelati

Ristrutturazione - Gli intonaci premiscelati a base di calce e pozzolana.

Indagini diagnostiche preliminari per restauro intonaci di pregio

Facciate e pareti - Nel restauro di un intonaco di pregio le indagini diagnostiche preliminari sono fondamentali allo scopo di stabilire le corrette metodologie di intervento.

Intonaco premiscelato

Materiali edili - Gli intonaci premiscelati sono prodotti in azienda e portati in cantiere in cantiere gia' pronti per essere applicati sulle murature.

Materiali naturali

Materiali edili - Nel campo dell'edilizia possiamo continuare a costruire rispettando il nostro pianeta attraverso l'impiego di materie naturali da costruzione eco-compatibili.

Restaurare un intonaco antico o di pregio

Restauro edile - Spesso gli intonaci antichi sono il supporto di pregevoli decorazioni realizzate ad affresco o sgraffito. Per questo vanno restaurati con le procedure corrette.

Lavorazioni tradizionali per intonaci a regola d'arte

Pittura e decorazioni - Lavorazioni tradizionali per intonaci a regola d'arte: le ricette dei trattatisti, la pozzolana, il cocciopesto e la corretta sovrapposizione degli strati.

Allettamento: scegliere la giusta malta

Pavimenti e rivestimenti - La posa in opera dei materiali da costruzione o allettamento può essere eseguita con apposite malte o altri tipi di leganti a seconda del tipo di intervento.

Malte compatibili per i restauri

Restauro edile - Per non favorire situazioni di degrado, nella manutenzione degli edifici storici è necessario servirsi di prodotti compatibili con le materie prime tradizionali.