Pre-consolidamento e pulitura degli intonaci di pregio

NEWS DI Facciate e pareti27 Agosto 2014 ore 00:43
Nel restauro di un intonaco di pregio le tecniche di pulitura e pre-consolidamento sono fondamentali allo scopo di garantire una corretta prosecuzione dell'intervento.
restauro , intonaci di pregio , pre-consolidamento
Arch. Elena Matteuzzi

Importanza del pre-consolidamento e della pulitura


Un intonaco decorato con vistosi rigonfiamenti, e perciò bisognoso di pre-consolidamento e successiva pulitura.Dopo le indagini diagnostiche preliminari, le fasi successive del restauro di un intonaco di pregio sono generalmente costituite dal pre-consolidamento (fondamentale per evitare che durante la pulitura e il consolidamento vero e proprio possano verificarsi cadute di materiale o la perdita di parti) e dalla successiva pulitura, molto importante dal punto di vista estetico e conservativo, perché particolari sostanze (come ad esempio gli acidi del guano di piccione) o forme di degrado come le croste nere possono corrodere seriamente la superficie, aggravando notevolmente il degrado.


Tecniche di pre-consolidamento


Il pre-consolidamento riguarda soprattutto le parti di intonaco distaccate dalla muratura e già lesionate, oppure le zone distaccate ed esfoliate della pellicola pittorica superficiale.

Per quel che riguarda le procedure di ri-adesione al supporto si rimanda quindi alla descrizione dei metodi di consolidamento, perché l'unica differenza riguarda l'ordine delle fasi di lavoro, in questo caso invertite (cioè, contrariamente all'uso consueto, il consolidamento precede la pulitura). La messa in sicurezza preliminare di un intonaco distaccato può prevedere la costruzione di opportuni sostegni provvisori delle parti pericolanti, costituiti da mensole e tavolati di legno rivestiti di gommapiuma sistemati a qualche centimetro dalla superficie da proteggere, così che gli urti accidentali o le vibrazioni non causino il crollo di materiali.

Invece la protezione della pellicola pittorica superficiale (che nel caso di alcune tecniche di lavorazione come la pittura a calce si stacca dal supporto in piccole scaglie) oppure di intonachini molto sottili avviene incollando sulla superficie degradata dei fogli di carta di riso giapponese o delle garze sottili (indicate soprattutto per interventi su intonaci esterni per la maggior resistenza all'acqua piovana) imbevute con un collante reversibile, ad esempio resina acrilica: infatti è importante che l'intervento fornisca l'assoluta garanzia di non macchiare o comunque danneggiare la superficie dipinta. È inoltre evidente che questo sistema è applicabile solo a piccole superfici .

Per il pre-consolidamento di pellicole pittoriche polverizzate o con distacchi riguardanti zone più estese, si può invece applicare direttamente sulla superficie da trattare una soluzione di idrossido di calcio in un solvente inorganico, da preferire all'acqua per la sua maggiore stabilità. Tuttavia non si può adottare questo sistema in presenza di depositi superficiali pulverulenti, e nel caso di superfici particolarmente fragili è opportuno prevedere l'applicazione preliminare di uno strato protettivo di carta velina.


Tecniche di pulitura


Un intonaco decorato tardo-medievale a restauro ultimato.I possibili sistemi di pulitura sono quattro: meccanica, con l'uso di acqua, con impacchi di solventi o altre sostanze chimiche, e infine con il laser o gli ultrasuoni.

A seconda della superficie da trattare, la pulitura meccanica prevede l'uso (di solito a secco) di spazzole o pennelli con setole morbide per rimuovere la polvere o altri depositi anche da superfici dipinte (sebbene non decoese, di spazzole più dure o spazzolini da denti per la pulizia di superfici non particolarmente pregiate (ad esempio murature in laterizio o conci di pietra), la spugna wishab (un tipo di spugna simile a una gomma da cancellare) per rimuovere depositi superficiali (soprattutto di nerofumo) da dipinti murali ben conservati, spatole, bisturi e raschietti per incrostazioni abbastanza tenaci, scialbi e ridipinture, e infine trapani da dentista per rimuovere incrostazioni tenaci da superfici pregiate o mal conservate. L'efficacia di questi sistemi dipende soprattutto dall'abilità dell'operatore, che deve usare la pressione sufficiente a rimuovere lo sporco senza danneggiare la superficie.

Invece la pulitura con acqua si presta bene al trattamento di superfici molto estese, come ad esempio un'intera facciata. I metodi possibili sono vari e prevedono l'uso di acqua distillata per evitare l'infiltrazione di sali solubili. La pulitura con spray di acqua a bassa pressione, in cui la superficie da ripulire è invasa da getti d'acqua a 2-3 atmosfere spruzzata da ugelli simili a quelli per l'irrigazione, è molto efficace nel caso di depositi superficiali non particolarmente coesi al supporto, mentre è sconsigliata in presenza di croste nere molto spesse; è inoltre opportuno adottarla solo per superfici non particolarmente pregiate, come ad esempio semplici murature di pietra o mattoni. L'uso di una macchina idropulitrice a pressione controllata, con un getto a 4-6 atmosfere, non è invece applicabile a intonaci decorati perché può causare danni alle finiture.

Un sistema più delicato fa uso di spray di acqua nebulizzata, che investe la superficie con una fitta nebbia di piccole goccioline. Se infine si vuole controllare direttamente l'azione di pulitura, si possono usare degli spruzzatori manuali, sebbene i tempi (e quindi i costi) dell'operazione si allunghino notevolmente.

Ma l'acqua viene impiegata anche per impacchi di pulitura nelle zone in cui gli altri metodi si dimostrano inefficaci: infatti il loro uso presenta gli indubbi vantaggi di garantire un'azione più prolungata della sostanza detergente e di essere facilmente applicabile solo sulle macchie, riducendo drasticamente il rischio di danneggiare le parti da non trattare.

Come supporto per gli impacchi si usano la polpa di cellulosa o alcune argille assorbenti come la seppiolite e l'attapulgite, costituite da silicati idrati di magnesio con un notevole potere assorbente.

L'uso di impacchi a base di acqua è particolarmente adatto anche per asportare i sali solubili da intonaci e murature. Tuttavia per la rimozione di macchie di sostanze particolari (ad esempio olio combustibile), ossidi di rame o ferro, e inoltre per l'asportazione di alghe, licheni e piccole croste nere, è consigliabile usare solventi o detergenti chimici: in questo caso la tipologia di prodotto e il tempo di applicazione variano in base al tipo di macchia, e prima di procedere all'operazione è necessario eseguire alcuni saggi di pulitura.

L'uso di apparecchiature laser o a ultrasuoni permette infine di togliere depositi e incrostazioni particolarmente tenaci da superfici molto decoese o preventivamente trattate con sostanze consolidanti, e può quindi essere usato quando non si possono adottare gli altri sistemi. Altri metodi a secco, come la pulitura con sabbiature controllate o apparecchi areoabrasivi, sono invece assolutamente sconsigliabili sugli intonaci decorati e in generale le superfici di pregio (come ad esempio bassorilievi o mosaici), perché causano facilmente gravi danni alle finiture superficiali.

riproduzione riservata
Articolo: Pre-consolidamento e pulitura degli intonaci di pregio
Valutazione: 5.40 / 6 basato su 5 voti.
  • fs
  • fs
  • fs
  • fs

Pre-consolidamento e pulitura degli intonaci di pregio: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Pre-consolidamento e pulitura degli intonaci di pregio che potrebbero interessarti
Consolidamento e protezione degli intonaci di pregio

Consolidamento e protezione degli intonaci di pregio

Nel restauro di un intonaco di pregio le tecniche di consolidamento e protezione sono fondamentali per garantirne la conservazione e non aggravare il degrado.
Indagini diagnostiche preliminari per restauro intonaci di pregio

Indagini diagnostiche preliminari per restauro intonaci di pregio

Nel restauro di un intonaco di pregio le indagini diagnostiche preliminari sono fondamentali allo scopo di stabilire le corrette metodologie di intervento.
Restauro conservativo esistente

Restauro conservativo esistente

Un'analisi di ciò che significa restaurare l'esistente in modo conservativo, senza danneggiare i segni e gli elementi storici e architettonici di un edificio.
Restaurare un intonaco antico o di pregio

Restaurare un intonaco antico o di pregio

Spesso gli intonaci antichi sono il supporto di pregevoli decorazioni realizzate ad affresco o sgraffito. Per questo vanno restaurati con le procedure corrette.
Consolidamento solai in legno e vecchie murature

Consolidamento solai in legno e vecchie murature

Gli interventi di consolidamento delle vecchie strutture edilizie, devono essere eseguiti nel pieno rispetto delle caratteristiche storiche e tradizioni costruttive.
usr REGISTRATI COME UTENTE
290.513 Utenti Registrati
usr
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Restauro facciate palazzi d'epoca
    Restauro facciate palazzi d'epoca...
    35.00
  • Controsoffitto cartongesso effetto marmorino
    Controsoffitto cartongesso effetto...
    26.50
  • Tinteggiatura esterna al mq
    Tinteggiatura esterna al mq...
    8.00
  • Dipinto olio su tela firmato paesaggio montano
    Dipinto olio su tela firmato...
    263.00
  • Ristrutturazione di appartamento Milano
    Ristrutturazione di appartamento...
    350.00
  • Ristrutturazione facciata Caserta
    Ristrutturazione facciata caserta...
    90.00
  • Tavolino francese in legno dipinto verde
    Tavolino francese in legno dipinto...
    173.00
  • Isolamento cappotto  in EPS
    Isolamento cappotto in eps...
    50.00
integra
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Officine Locati
  • Inferriate.it
  • Mansarda.it
  • Black & Decker
  • Kone
  • Faidatebook
  • Weber
MERCATINO DELL'USATO
€ 39 000.00
foto 6 geo Torino
Scade il 09 Settembre 2018
€ 800.00
foto 6 geo Torino
Scade il 16 Settembre 2018
€ 380.00
foto 6 geo Frosinone
Scade il 31 Dicembre 2018
€ 59 000.00
foto 4 geo Torino
Scade il 16 Settembre 2018
€ 40.00
foto 1 geo Napoli
Scade il 30 Giugno 2018
€ 400.00
foto 5 geo Bari
Scade il 01 Giugno 2019
VENDI SUBITO IL TUO USATO DI CASA
Inserisci annuncio
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.