Chi (e quanto) paga i danni provocati dal condominio a terzi?

NEWS DI Ripartizione spese21 Febbraio 2015 ore 13:33
La responsabilità dei condomini verso i terzi per i danni provocati dal condomino è, secondo i giudici, solidale o parziaria, a seconda che derivi o no da contratto.

Responsabilità contrattuale e reponsabilità extracontrattuale


condominioQuesto l'approdo attuale della giurisprudenza in materia di riparto dell'obbligo di pagamento tra i condomini.

Andiamo per ordine e distinguiamo innanzitutto la responsabilità derivante da fatto illecito dalla responsabilità derivante da contratto.

Le obbligazioni, cioè, per quanto ci riguarda, gli obblighi di pagare qualcosa a qualcuno, possono infatti derivare da contratto o da fatto illecito (... ma anche da ogni altro atto o fatto idoneo a produrle in conformità dell'ordinamento giuridico) (v. art. 1173 v. c.c.).

In soldoni, tale riparto vuole significare che la legge disciplina diversamente il caso della responsabilità cosiddetta contrattuale, cioè derivante da inadempimento del contratto e il caso della responsabilità extracontrattuale, cioè derivante da fatto illecito; tale secondo caso è previsto dall'art. 2043 c.c., ove si prescrive che qualunque fatto doloso o colposo, che cagiona ad altri un danno ingiusto, obbliga colui che ha commesso il fatto a risarcire il danno.

Per fare un esempio, il mancato pagamento di una bolletta rientra nella prima ipotesi, il vaso che cade da un balcone in testa al passante rientra nella seconda ipotesi. Entrambe sono però riconducibili al proprietario di quell'immobile. Cosa accade se però la bolletta è ad esempio intestata al condominio e se il balcone da cui cade il vaso è una parte condominiale e non di proprietà del singolo? Cosa accade cioè se il soggetto cui è attribuita la responsabilità è un condominio e non il singolo proprietario? Sostanzialmente, chi, e quanto, paga i danni?


Condominio e responsabilità contrattuale


Nel caso di debitore plurisoggettivo esistono due sistemi di riparto: o ognuno paga la sua quota oppure ognuno è responsabile per l'intero. Le diverse soluzioni andranno a soddisfare alternativamente il creditore (con la responsabilità solidale, consentendogli di agire verso uno, per tutti) o il debitore (con la responsabilità parziaria, gravandolo nei limti della sua quota).

Per quanto riguarda le obbligazioni assunte dal condominio verso terzi (e non adempiute da qualcuno dei condomini) la soluzione cui sembra giunta al momento la giurisprudenza di Legittimità è nel senso di ritenere che le obbligazioni assunte dal condominio verso terzi, essendo pecuniarie e perciò divisibili, non sono solidali, ma parziarie: ogni condomino paga per sè e il creditore dovrà rincorrere ogni condomino. La decisione cui ci si riferisce (Cass. SS. UU. n. 9148/2008), per quanto non condivisa da molti, ha risposto ad un contrasto giurisprudenziale che ha visto spesso decisioni contrastanti (v. ad es. Cass. n. 14593/2004).

Tale assunto è oggi richiamato dalla recentissima sentenza della Corte di Cassazione n. 1674 depositata il 29 gennaio 2015, che però ha deciso sulla responsabilità da illecito extracontrattuale.

Peraltro, la riforma del condominio ha oggi risolto il conflitto temperando le conclusioni cui erano giunte le Sezioni Unite nel 2008 con la previsione della preventiva escussione dell'obbligato moroso e la (solo) successiva azione del creditore verso i condomini adempienti (v. art. 63 disp.att. c.c.); norma cui corrisponde l'obbligo dell' amministratore di fornire ai creditori i nomi dei morosi.


Condominio e responsabilità extracontrattuale


portafogliNel caso di responsabilità extracontrattuale, cioè, per dirla in parole semplici, di danno prodotto al di fuori di un contratto, la norma di riferimento è contenuta nell'art. 2055 c.c., per il quale Se il fatto dannoso è imputabile a più persone, tutte sono obbligate in solido al risarcimento del danno. Colui che ha risarcito il danno ha regresso contro ciascuno degli altri, nella misura determinata dalla gravità della rispettiva colpa e dalla entità delle conseguenze che ne sono derivate. Nel dubbio, le singole colpe si presumono uguali.

Dunque nel caso in cui il fatto dannoso è riconducibile a più persone, ognuna di loro sarà responsabile verso il danneggiato per l'intero, salvo che poi ella vada a rivalersi verso il corresponsabile per la quota di quello. Il danneggiato potrà dunque pretendere a sua scelta il pagamento da uno o dall'altro dei coobligati.

La norma si applica al condominio? Secondo la citata sentenza n. 1674 del 2015 sì. In particolare la sentenza ha deciso su di una richiesta di risarcimento danni per infiltrazioni proposta da un condomino verso gli altri condomini e verso il condominio.

Il giudizio si è concluso dunque con il riconoscimento dell'applicabilità della solidarietà tra i condomini di cui all'art. 2055 c.c., e ciò in quanto, sinteticamente: la norma è stata già applicata in casi simili, cioè di responsabilità del condominio per danni a terzi, anche quando il terzo era uno dei condomini; il ricorso all'art. 2055 c.c. viene anche spiegato come risposta di contrappeso all'interpretazione restrittiva che la nominata sentenza del 2008 ha fatto della solidarietà nel campo della responsabilità contrattuale; l'applicazione della norma, si spiega nella sentenza, viene dalla responsabilità da custodia della parte comune, dei singoli condomini, in qualità di comproprietari, di cui all'art. 2051 c.c.; responsabilità, si prosegue in sentenza, necessariamente gravante sui condomini tutti insieme e non sul condominio, in quanto ente di gestione, e non sull'amministratore, in quanto semplice mandatario dei condomini.

Solo questi ultimi, si conclude, possono considerarsi investiti del governo della cosa, in base ad una disponibilità di fatto e ad un potere di diritto che deriva loro dalla proprietà piena sui beni comuni ex art. 1117 c.c.

A proposito dell'amministratore, va da sè che la sua azione (o omissione), potrebbe inserirsi nel nesso di causalità del danno; con questo egli sarebbe a sua volta responsabile, con conseguente diritto di rivalsa dei condomini perlomeno nei rapporti interni.

riproduzione riservata
Articolo: Danni del condominio a terzi: chi e quanto paga?
Valutazione: 2.50 / 6 basato su 2 voti.

Danni del condominio a terzi: chi e quanto paga?: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Danni del condominio a terzi: chi e quanto paga? che potrebbero interessarti
Condominio, responsabilità, prova e risarcimento danni

Condominio, responsabilità, prova e risarcimento danni

Parti comuni - S'ipotizzi che Tizio, proprietario in condominio Alfa, subisca danni da infiltrazioni proveniente da parti comuni. Cosa deve fare per ottenere il risarcimento danni.
Il condominio è responsabile dei gravi difetti dell'immobile

Il condominio è responsabile dei gravi difetti dell'immobile

Condominio - Il condominio, intesa come la compagine composta da tutti i proprietari di unità immobiliari presenti nell'edificio, è responsabile dei gravi difetti dell'immobile.
Quali spese deve pagare il compratore dell'appartamento?

Quali spese deve pagare il compratore dell'appartamento?

Condominio - Comprare un appartamento in condominio e dopo qualche giorno dall'acquisto vedersi richieste le spese condominiali arretrate. Vediamo quali sono le spese da pagare.

Non c'è responsabilità dell'appaltatore se sono errate le istruzioni del committente

Leggi e Normative Tecniche - In caso di difetti dell'opera per progetto errato, l'appaltatore non risponde dei danni se ha manifestato il dissenso e ha agito per le insistenze del committente

Ponteggi in condominio e danni

Manutenzione condominiale - Il condominio non risponde a titolo di responsabilità oggettiva per i danni derivanti da ponteggi montati per interventi manutentivi.

Infiltrazioni e responsabilità condominiale, cosa fare?

Condominio - Infiltrazioni e responsabilità condominiale, ovvero che cosa poter fare quando si scopre che il danno all'appartamento proviene da parti condominiali?

Umidità nell'edificio e responsabilità del condominio

Condominio - Il condominio, in quanto custode, è obbligato ad adottare tutte le misure necessarie affinché i problemi di umidità non rechino danno alla proprietà condominiale

Scarichi fognari, allagamenti e responsabilità

Leggi e Normative Tecniche - Inflitrazioni d'acqua, danni a cose altrui e titolo della responsabilità del custode: tra responsabilità oggettiva e presunzione di colpa.

Appalto in condominio e responsabilità contrattuale

Condominio - Poteri dell'amministratore in relazione e la responsabilità contrattuale derivante dal contratto di appalto in condominio
REGISTRATI COME UTENTE
295.574 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Ristrutturazione gazebi Marino di Roma
    Ristrutturazione gazebi marino di...
    100.00
  • Pannelli universali impermeabilizzati Schluter-KERDI-BOARD
    Pannelli universali...
    22.08
  • Ristrutturazione bagno zona Roma
    Ristrutturazione bagno zona roma...
    3790.00
  • Aliette fungicida 150 gr
    Aliette fungicida 150 gr...
    10.12
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Mansarda.it
  • Inferriate.it
  • Officine Locati
  • Weber
  • Kone
  • Faidatebook
  • Black & Decker
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.