Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA

Cessione dell'appartamento e spese condominiali

In tema di solidarietà tra compratore e venditore nel pagamento delle spese condominiali ai sensi dell'art. 63 disp. att. c.c., quale può essere il ruolo del regolamento?
13 Gennaio 2015 ore 09:18 - NEWS Ripartizione spese

Spese condominiali nella compravendita


Cessione appartamentoAi sensi del secondo comma dell'art. 63 disp. att. c.c. chi subentra nei diritti di un condomino è obbligato, solidalmente con questo, al pagamento dei contributi relativi all'anno in corso e a quello precedente.

La norma, quindi, prevede una responsabilità solidale dell'acquirente dell'unità immobiliare per le spese dell'anno precedente e di quelle nel corso del quale è avvenuta la cessione; l'altro obbligato è il venditore ed il creditore è il condominio .

Perché questa scelta di obbligare un soggetto che, verrebbe da dire, poco ha a che vedere con le questioni passate relative a quel cespite?

La risposta che la Corte di Cassazione fornisce ormai in modo consolidato è la stessa spesso letta anche nelle sentenze di merito.

Si legge, ad esempio, in una sentenza resa dal Tribunale di Roma nel 2012, che il secondo comma del succitato art. 63 disp. att. c.c. rappresenta l'applicazione specifica in materia di condominio negli edifici del principio generale dettato dall'art. 1104 cod. civ., applicabile alla comunione, stabilendo un vincolo di solidarietà tra cedente e cessionario, automaticamente non fa venire meno l'obbligazione del primo di far fronte al pagamento dei contributi maturati dal condominio quando rivestiva la qualità di condomino, rispetto ai quali non è intervenuto il pagamento prima della cessione..

In buona sostanza, prosegue nel proprio ragionamento il giudice capitolino, come è stato autorevolmente evidenziato in dottrina, l'obbligo di pagare i contributi non è caratterizzato da quella ambulatorietà passiva che, almeno entro certi limiti, dovrebbe rappresentare una caratteristica delle obbligazioni propter rem. Infatti, la disposizione in esame non prevede che l'acquirente subentri nella posizione debitoria del cedente, il quale non è liberato dalla sua obbligazione: anzi, allo scopo di rafforzare la garanzia del credito nei confronti del condominio, l'obbligazione del cessionario, tenuto in solido con il primo - peraltro limitatamente al periodo considerato - si aggiunge a quella del cedente (Trib. Roma 4 ottobre 2012).

Insomma la solidarietà è prevista per una maggiore garanzia del condominio. Come dire: giacché adesso hai a che vedere con la compagine, anche tu sei responsabile, fermo restando il tuo diritto di rivalerti verso il venditore per ciò che non ti riguarda direttamente.

È utile ricordare che a far data dal 18 giugno 2013, ossia da quando è entrata in vigore la così detta riforma del condominio, non è più solamente l'acquirente ad essere coobbligato con il venditore per le spese maturate nel periodo di cui all'art. 63, secondo comma, disp. att. c.c., ma anche quest'ultimo rimarrà obbligato solidalmente al primo per tutte le spese successive alla compravendita, fintanto che non sia comunicato all' amministratore di condominio l'atto di cessione in copia autentica (cfr. art. 63, quinto comma, disp. att. c.c.).

Insomma essere stato condomino in passato, ma non comunicare la cessazione di tale qualità può costare caro.

Anche in questo caso, chiaramente, resta fermo il diritto di rivalsa verso il nuovo proprietario.


Estensione del periodo di solidarietà per le spese condominiali


Spese condominialiChe cosa accade se un regolamento condominiale di natura contrattuale estende il periodo di solidarietà tra venditore ed acquirente oltre il biennio corrispondente all'anno precedente ed a quello nel corso del quale è avvenuta la compravendita?

Il fatto è accaduto realmente ed è stato oggetto di controversia giudiziale che ha trovato risposta nella sentenza n. 1573 del 26 luglio 2014 resa dalla Corte d'appello di Torino.

Il caso è molto interessante, così come la soluzione (tra l'altro non inedita in seno a quell'ufficio giudiziario), in quanto consente di scorgere nuove prospettive per gli amministratori di condominio sempre in difficoltà quando c'è da recuperare delle somme rispetto ad un appartamento oggetto di cessione, specie se il trasferimento avviene a seguito di vendita forzosa.

Per spiegare il principio di diritto espresso dalla Corte piemontese, partiamo da un esempio.

Tizio acquista da Caio un appartamento nell'anno 2014. Rispetto alle spese condominiali , egli dovrà essere considerato coobbligato in solido per gli oneri condominiali maturati nel 2013 e nel 2014.

E per quelli eventualmente ancora dovuti per gli anni precedenti? A rigor di logica e di norma unico responsabile è il precedente proprietario.

Eccezioni? Ad avviso di chi scrive, leggendo con attenzione una sentenza resa dalla Corte di Appello di Genova del 2009 (sent. n. 513/2009), può rispondere positivamente. In quell'occasione, i giudici liguri, a seguito di un articolato iter motivazionale, affermarono che i saldi degli esercizi precedenti rientrino a far parte integrante di quel rendiconto che, se contestato dal singolo condomino, dovrà essere impugnato nei termini di cui all'articolo 1137 c.c. (App. Genova n. 513/99).

Come dire: se nel rendiconto 2013 inserisco il saldo di un condòmino relativo all'anno 2012 e l'assemblea lo approva, quel condomino risulterà debitore dell'intero per l'anno 2013.

Chiaramente questa è un'interpretazione della norma e non un dato normativo certo.

Nel caso risolto dalla Corte d'appello di Torino, un regolamento condominiale di natura contrattuale prevedeva che l'acquirente dell'unità immobiliare fosse coobbligato con il proprio dante causa per le spese condominiali riguardanti l'unità immobiliare senza limite temporale.

Chi aveva acquistato l'appartamento, vedendosi richieste somme relative a periodi antecedenti il biennio di cui parla l'art. 63, secondo comma, disp. att. c.c. aveva fatto opposizione al decreto ingiuntivo specificando che la clausola del regolamento contrattuale che prevedeva l'estensione della solidarietà oltre il biennio era da ritenersi nulla per violazione dell'art. 72 disp. att. c.c. che sancisce l'inderogabilità dell'art. 63 delle disposizioni di attuazione.

La Corte d'appello non s'è trovata d'accordo con questa impostazione. Motivo?


Secondo i giudici torinesi
, l'accollo al condomino avente causa degli oneri condominiali inadempiuti di cui all'art. 63 disp. att. c.c. è norma inderogabile dalla autonomia delle parti, ex art. 72 disp.att. c.c., nel senso che alcuna disposizione contrattuale o regolamentare può esonerare il condomino avente causa dall'obbligo suddetto nel limite minimo dei contributi omessi per l'anno in corso e quello precedente, mentre è riconducibile alla autonomia del regolamento condominiale di natura contrattuale di disporre a carico dell'acquirente condòmino l'accollo di debiti maturati, costituenti obligationes propter rem, dal condòmino dante causa in esercizi precedenti (App. Torino 26 luglio 2014 n. 1573).

Come dire: un regolamento contrattuale non può dire che la solidarietà è diminuita da due anni ad un anno, ma può stabilire che sia allargata oltre il biennio indicato dall'art. 63 disp. att. c.c.

riproduzione riservata
Articolo: Spese condominiali e compravendita
Valutazione: 5.33 / 6 basato su 3 voti.

Spese condominiali e compravendita: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Sostieni Lavorincasa
REGISTRATI COME UTENTE
320.746 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Spese condominiali e compravendita che potrebbero interessarti


Nuovo condomino e pagamento delle spese condominiali del venditore

Ripartizione spese - Il nuovo condomino non ha altra possbilità se non quella di pagare le spese condominiali del venditore, per poi rivalersi sullo stesso delle somme sborsate

Quali spese deve pagare il compratore dell'appartamento?

Condominio - Comprare un appartamento in condominio e dopo qualche giorno dall'acquisto vedersi richieste le spese condominiali arretrate. Vediamo quali sono le spese da pagare.

Compravendita di un appartamento: chi paga le spese condominiali arretrate?

Ripartizione spese - In caso di compravendita di un appartamento in condominio è possibile che sorgano contestazioni in merito alle spese. Cosa bisogna sapere per evitare una causa?

Perché chi acquista paga le spese arretrate?

Ripartizione spese - In tema di condominio uno dei problemi più frequenti, e motivo di litigio al momento della compravendita d'una unità immobiliare, riguarda le spese condominiali.

Vendita dell'appartamento ma non dei beni comuni

Condominio - Un condomino possiede un appartamento ed un locale che usa come magazzino. Egli decide di vendere l'appartamento e si riserva la proprietà del magazzino.

Patto di riscatto

Comprare casa - Con il patto di riscatto il venditore si riserva il diritto di riavere la proprietà della cosa venduta tramite la restituzione del prezzo ricevuto (e delle spese).

Partecipazione all'assemblea dell'ex condomino

Condominio - L?assemblea, per quella che è la definizione comunemente accolta da dottrina e giurisprudenza, è il luogo in cui i condomini assumono le decisioni

Vendita immobile: che cos'è la garanzia per evizione

Comprare casa - Cosa fare se dopo aver acquistato una casa si scopre che essa appartiene ad altri o che la stessa è gravata da garanzie reali o altri vincoli pregiudizievoli?

Detrazione ristrutturazione: cosa succede in caso di vendita dell'immobile

Detrazioni e agevolazioni fiscali - A chi spetta la detrazione fiscale per lavori di ristrutturazione nel caso in cui l'appartamento venga ceduto. Vendita, donazione o successione mortis causa.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img sandro1965-
Buongiorno, siamo 5 fratelli e sorelle e siamo proprietari di una piccola palazzina (familiare) con 10 appartamenti (termoautonomi e senza ascensore) dislocati su 3 piani e...
sandro1965- 04 Dicembre 2020 ore 16:32 1
Img elisabettafelicetti
Buongiorno, ho acquistato a giugno 2020 l'appartamento nel quale abitavo, in affitto, da 5 anni. Un paio di settimane fa il vecchio proprietario mi manda un prospetto con il quale...
elisabettafelicetti 01 Dicembre 2020 ore 19:56 2
Img igor-lupo
Buongiorno, abito in un condominio dove tutti hanno il riscaldamento autonomo con caldaia a tiraggio naturale. 13 anni fa, abitando all'ultimo piano, ho deciso di staccarmi dalla...
igor-lupo 31 Luglio 2020 ore 14:58 5
Img 083144
Recentemente è stata sostituita la saracinesca che permette l'accesso ai posti auto. La saracinesca sostituita serve per far accedere dall'esterno alla zona dove sono...
083144 31 Ottobre 2019 ore 16:20 5
Img orefassam
Buongiorno! Mi chiedo se le spese effettuate e versate al condominio (cioè in verità agli altri condomini) per l'acquisto della quota di ascensore al quale il mio...
orefassam 29 Aprile 2019 ore 18:21 1