Caratteristiche e vantaggi dell'autorecupero

NEWS DI Restauro edile09 Maggio 2015 ore 11:54
L'autorecupero (simile all'autocostruzione) consiste nell'eseguire personalmente la ristrutturazione o recupero di edifici esistenti, spesso fatiscenti e abbandonati.

Autorecupero: un'usanza antichissima


L'autorecupero consente di riutilizzare edifici tradizionali ormai obsoleti altrimenti destinati all'abbandono.L'autorecupero - consistente nella manutenzione , restauro o appunto recupero di edifici, spesso fatiscienti o abbandonati, da parte degli stessi futuri abitatori e/o utilizzatori - è una pratica molto diffusa fin da epoche decisamente remote.

Infatti, già nell'Alto Medioevo (cioè subito dopo la caduta dell'impero romano), molti edifici pubblici, tra cui anche il Colosseo, vennero letteralmente spogliati di tutti i materiali pregiati come marmi, capitelli e colonne, o addirittura parzialmente smontati per recuperare pietre già tagliate da riutilizzare in altre strutture.

In altri casi, i templi, gli anfiteatri e le grandi terme vennero invece riadattati come chiese o case private. É il caso ad esempio di un tempio corinzio di Assisi riconvertito in chiesa, o dell'anfiteatro di Lucca, trasformato in una serie di case tuttora abitate che formano una piazza ellittica molto particolare e suggestiva.


Vantaggi dell'autorecupero


Anche in caso di autorecupero, è comunque fondamentale che il progetto sia predisposto da un tecnico abilitato.Al giorno d'oggi, la pratica dell'autorecupero consente numerosi vantaggi, tra i quali:

- Il risparmio economico: comprare un'abitazione abbandonata e risistemarla da soli costa decisamente meno rispetto all'acquisto di un'abitazione nuova da impresa o già ristrutturata. In alcuni casi è addirittura possibile acquisire un immobile praticamente gratuitamente: infatti, per incentivare le famiglie e le giovani coppie a ripopolare piccoli paesi soggetti all'invecchiamento della popolazione, alcuni comuni hanno messo in vendita alcune case al costo simbolico di un euro.

- L'ecosostenibilità e la tutela del territorio: l'autorecupero consente infatti il riutilizzo di edifici tradizionali ormai obsoleti (ad esempio stalle, fienili e granai) spesso destinati a trasformarsi in ruderi nel giro di pochi anni. In questo modo, si contribuisce invece a tutelare le tipologie costruttive tradizionali e a risparmiare prezioso terreno agricolo dalla cementificazione.

- Ottenere una casa antisismica e ad alta efficienza energetica. Infatti, poiché generalmente gli interventi di recupero sono abbastanza radicali, e richiedono il consolidamento statico di alcune parti e/o il rifacimento della copertura , è possibile applicare tutti i metodi più innovativi per il consolidamento strutturale e antisismico e la riqualificazione energetica dell'edificio.


Praticare l'autorecupero alcuni consigli operativi


Tuttavia, la pratica dell'autorecupero richiede alcune accortezze.


Progettazione e calcoli strutturali per l'autorecupero


Per prima cosa, essere contemporaneamente i committenti e gli esecutori delle opere non solleva gli autorecuperatori dal rispetto di tutti gli adempimenti di legge.

Prima di cominciare i lavori è perciò necessario presentare la pratica edilizia richiesta dalla tipologia delle opere, l'eventuale progetto esecutivo strutturale e, in caso di edificio vincolato, il nulla-osta della Soprintendenza e/o l'Autorizzazione Paesaggistica.

Ovviamente, il progetto dovrà essere firmato e timbrato da un tecnico abilitato, che per le parti strutturali dev'essere obbligatoriamente un architetto o un ingegnere iscritto all'albo.


Conduzione del cantiere di autorecupero


Gli autorecuperatori sono di fatto considerati l'impresa esecutrice delle opere.Successivamente, prima di impiantare il cantiere si deve nominare il direttore dei lavori architettonici e, se richiesto, delle opere strutturali, e inoltre inviare al Comune la Comunicazione di Inizio Lavori e all'ASL la notifica di avvio del cantiere.

Se inoltre sono previste lavorazioni pericolose (ad esempio operazioni in quota o la demolizione di murature), oppure operano anche in tempi diversi almeno due imprese diverse risulta necessario il Piano di Sicurezza e Coordinamento (PSC), che dev'essere predisposto da un tecnico in possesso di una specifica abilitazione. Gli autorecuperanti sono perciò considerati a tutti gli effetti l'impresa esecutrice delle opere.

Nell'esecuzione degli interventi dovranno poi essere rigorosamente seguite tutte le normative in materia di prevenzione degli infortuni sul lavoro, e perciò l'uso dei dispositivi di protezione individuali (guanti, scarpe da lavoro, caschetti di protezione, imbragature) e collettivi (parapetti e tavole fermapiede sui ponteggi, parasassi, barriere, recinzioni e cartelli di avvertimento) è quanto mai raccomandabile. Inoltre, gli autorecuperanti possono utilizzare macchinari o eseguire lavorazioni per le quali è prevista una specifica abilitazione soltanto se in regola con i requisiti di legge.


L'unione fa la forza


L'autorecupero favorisce la diffusione di una cultura orientata all'ecosostenibilità.Poiché in Italia si tratta di una pratica ancora abbastanza marginale, chi intende dedicarsi all'autorecupero dovrebbe innanzitutto iscriversi a una delle tante associazioni specifiche sorte sul territorio, in grado di fornire utili consigli o aiuto concreto, per il disbrigo di tutte le pratiche burocratiche necessarie per accedere ai finanziamenti stanziati da alcune Regioni o Province Autonome.

Queste associazioni, dedite anche (e sopratutto) all'autocostruzione, sono inoltre molto attive anche nell'organizzazione di corsi per aspiranti autocostruttori e autorecuperatori, e nell'organizzazione di campagne di sensibilizzazione dell'opinione pubblica e delle amministrazioni locali sull'argomento.

Uno dei maggiori successi di queste associazioni, o più precisamente della Rete Toscana per l'Autocostruzione e Autorecupero, è stato infatti l'aver creato in quella regione un clima molto favorevole a tali attività, portando la Giunta Regionale all'emanazione delle Linee di indirizzo per la sicurezza nei cantieri di autocostruzione e di autorecupero, che dovrebbero contribuire a una decisa semplificazione burocratica della materia.

Infatti, anche se le Linee di Indirizzo non contengono ancora precisi criteri tecnici per la gestione dei cantieri di autorecupero, si tratta comunque di un'importante iniziativa pilota, con l'indiscusso merito di aver inserito nell'agenda politica alcune pratiche costruttive che potrebbero aiutare lo sviluppo di una forte coscienza orientata all'ecosostenibilità e alla salvaguardia del territorio.

riproduzione riservata
Articolo: Autorecupero edilizio
Valutazione: 4.40 / 6 basato su 5 voti.

Autorecupero edilizio: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Autorecupero edilizio che potrebbero interessarti
Autocostruzione, Linee Guida in Puglia

Autocostruzione, Linee Guida in Puglia

Normative - Un'importante iniziativa che parte dalla Regione Puglia per favorire i processi di autocostruzione e autorecupero edilizi e contrastare il disagio abitativo.
Autocostruzione: adesso in Toscana è più semplice

Autocostruzione: adesso in Toscana è più semplice

Leggi e Normative Tecniche - La Toscana, per semplificare una materia complessa, ha approvato le proprie Linee di indirizzo per la sicurezza nei cantieri di autocostruzione e di autorecupero.
Autocostruzione e bioedilizia a Senigallia

Autocostruzione e bioedilizia a Senigallia

Progettazione - Inaugurato in agosto, in provincia di Ancona, il primo cantiere residenziale ecosostenibile e di autocostruzione, che coinvolge persone di varie etnie.

Progettare con l'autocostruzione

Progettazione - Con la crisi del mercato immobiliare e la scarsa possibilità di accedere ad un mutuo, una soluzione per potersi permettere una casa risiede nell'autocostruzione.

Cohousing, un modo di abitare solidale e sostenibile

Comprare casa - Il cohousing è una nuova tipologia di insediamento finalizzata alla creazione di una comunità di vicinato che si basa sulla condivisione di alcuni spazi comuni.

Autocostruzione edilizia

Progettazione - L'autocostruzione edilizia è una metodologia grazie alla quale tutti i cittadini possono diventare costruttori della propria casa.

Come preparare un intonaco in argilla low-cost

Bioedilizia - Gli intonaci in argilla si possono realizzare comprando della terra pronta o riutilizzando quella scavata in cantiere, con le giuste quantità di sabbia e paglia.

Edificio in balle di paglia

Ristrutturazione - Recentemente anche in Italia si sta diffondendo l?uso della tecnologia che impiega balle di paglia per la realizzazione di edifici.

Lavori in Economia

Leggi e Normative Tecniche - Prima di svolgere lavori in economia è opportuno che il committente si informi se i lavori rientrano in quelle ammesse dalle normative nazionali e locali.
REGISTRATI COME UTENTE
295.739 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Ristrutturazione villa
    Ristrutturazione villa...
    89.00
  • Ristrutturazione appartamenti milano
    Ristrutturazione appartamenti...
    1.00
  • Ristrutturazione del bagno invalidi
    Ristrutturazione del bagno invalidi...
    500.00
  • Pratiche detrazioni fiscali
    Pratiche detrazioni fiscali...
    500.00
integra
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Mansarda.it
  • Faidacasa.com
  • Officine Locati
  • Weber
  • Black & Decker
  • Kone
  • Faidatebook
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.