Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA

Revoca giudiziale dell'amministratore di condominio, si passa dal mediatore?

In tema di revoca giudiziale dell'amministratore di condominio, trattandosi di procedimento di volontaria giurisdizione, non è necessaria la mediazione. Oppure si?
27 Aprile 2015 ore 18:14 - NEWS Amministratore di condominio

Revoca amministratore di condominio


Revoca giudizialeI procedimenti di revoca giudiziale dell'amministratore di condominio , alla pari di qualunque altra azione legale riguardante gli artt. 1117-1139 c.c. e 61-72 disp. att. c.c. è soggetta al preventivo esperimento del tentativo obbligatorio di conciliazione.

Questa, in breve sintesi, la decisione resa dal Tribunale di Padova con decreto datato 24 febbraio 2015, al termine di un procedimento in camera di consiglio attivato per ottenere la revoca giudiziale di un amministratore di condominio.

La decisione del collegio padovano non ha mancato di sollevare perplessità e contestazioni fra gli addetti ai lavori; la pronuncia, stringatamente motivata, pone le sue basi su una lettura delle norme che, qualora dovesse trovare conferme, inchioderebbe l'intero contenzioso condominiale al preventivo esperimento della procedura di conciliazione, anche nelle ipotesi in cui ciò non è generalmente obbligatorio.

È utile comprendere perché il decreto del Tribunale di Padova sia criticabile.


Revoca giudiziale dell'amministratore di condominio


L'amministratore di condominio, dice l'art. 1129 c.c., può essere revocato:

a) dall'assemblea, in qualunque momento;

b) dall'Autorità Giudiziaria, nei casi indicati dall'undicesimo e dodicesimo comma dell'art. 1129 c.c. e così sintetizzabili:

b1) per mancata apertura e utilizzazione del conto corrente condominiale;

b2) per gravi irregolarità fiscali;

b3) per non aver informato l'assemblea di provvedimenti amministrativi o giudiziari esorbitanti le proprie funzioni;

b4) per gravi irregolarità nella gestione di cui l'art. 1129, dodicesimo comma, c.c. propone un'elencazione esemplificativa.

Le ipotesi di revoca giudiziale di cui alla lettere b1) e b2) devono essere precedute da un tentativo di revoca assembleare. Negli altri casi, ciascun condomino può agire in giudizio senza preventivo passaggio assembleare. La giurisprudenza è unanimemente orientata nel senso di ricondurre il procedimento di revoca giudiziale (al pari di quello di nomina giudiziale) nell'alveo dei procedimenti di volontaria giurisdizione (cfr. Cass. SS.UU. 29 ottobre 2004 n. 20957).


Procedimento di mediazione


Il d.lgs n. 28/2010 ha introdotto nel nostro ordinamento il tentativo obbligatorio di conciliazione nelle controversie civili e commerciali; in pratica prima di andare in causa bisogna rivolgersi a un organismo di mediazione abilitato altrimenti la domanda giudiziale è improcedibile.

L'art. 5, primo comma, prevedeva che anche le controversie condominiali fossero soggette a questo tentativo. Utilizziamo il verbo imperfetto perché quella norma fu dichiarata incostituzionale nel 2012.

Revoca giudiziale amministratoreL'obbligatorietà della mediazione è stata re-introdotta nel 2013 con l'aggiunta del comma 1-bis dell'art. 5 d.lgs. n. 28/2010. In ogni caso, afferma il quarto comma del medesimo articolo, la procedura di mediazione non si applica:

a) nei procedimenti per ingiunzione, inclusa l'opposizione, fino alla pronuncia sulle istanze di concessione e sospensione della provvisoria esecuzione;

b) nei procedimenti per convalida di licenza o sfratto, fino al mutamento del rito di cui all'articolo 667 del codice di procedura civile;

c) nei procedimenti di consulenza tecnica preventiva ai fini della composizione della lite, di cui all'articolo 696-bis del codice di procedura civile;

d) nei procedimenti possessori, fino alla pronuncia dei provvedimenti di cui all'articolo 703, terzo comma, del codice di procedura civile;

e) nei procedimenti di opposizione o incidentali di cognizione relativi all'esecuzione forzata;

f) nei procedimenti in camera di consiglio;

g) nell'azione civile esercitata nel processo penale.

Tra i procedimenti in camera di consiglio vanno annoverati quelli di volontaria giurisdizione.


Revoca giudiziale dell'amministratore di condominio e mediazione


Il Tribunale di Padova, nel suindicato decreto, ha ritenuto che per combinato disp. Artt. 71 quater e 64 disp. att. c.c., la controversia rientra tra quelle soggette all'obbligo della mediazione ai sensi del d.lgs. n. 28/2010.

Si tratta di un ragionamento scarnamente motivato e comunque non condivisibile. È vero che l'art. 71-quater disp. att. c.c. fa riferimento a tutte le norme dettate in materia di condominio negli edifici per indentificare le materie soggette al tentativo di mediazione. Ciò, però, non fa venire meno il carattere speciale della disciplina di cui al d.lgs. n. 28/2010. Qualora poi si dovesse considerare l'art. 71-quater disp. att. c.c. norma speciale successiva al decreto n. 28, non può non farsi notare che il comma 1-bis del d.lgs. n. 28/2010 è stato approvato successivamente all'entrata in vigore della riforma del condominio.


Come dire
: siccome il comma 1-bis disciplina le materie soggette al tentativo obbligatorio di mediazione e siccome il comma quarto dell'art. 5 specifica chiaramente che il comma 1-bis non si applica ai procedimenti sopraelencati, ne dovrebbe discendere che anche i procedimenti in camera di consiglio aventi a oggetto la materia condominiale non debbano essere considerati soggetti al preventivo esperimento del tentativo di mediazione.

Resta poi il fatto che il d.lgs. n. 28/2010 riguarda le controversie, mentre il procedimento di revoca dell' amministratore condominiale non ha comunque natura contenziosa.

riproduzione riservata
Articolo: Amministratore condominiale: revoca giudiziale e condizioni
Valutazione: 3.67 / 6 basato su 3 voti.

Amministratore condominiale: revoca giudiziale e condizioni: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Sostieni Lavorincasa
REGISTRATI COME UTENTE
320.602 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Amministratore condominiale: revoca giudiziale e condizioni che potrebbero interessarti


Condominio: nessun compenso extra all'amministratore revocato

Amministratore di condominio - Nel caso in cui l'incarico dell'amministratore di condominio venga revocato non è previsto alcun compenso se l'assemblea è contraria alla proroga dei suoi poteri

Gravi irregolarità dell'amministratore

Amministratore di condominio - L'amministratore di condominio è il mandatario dei condomini e deve agire rispettando determinate regole pena la possibilità di essere revocato anche per via giudiziale.

Il giudizio di revoca e l'amministratore

Condominio - L'amministratore di condominio è il mandatario della compagine e riceve l'incarico dall'assemblea con il voto favorevole della maggioranza degli intervenuti alla riunione.

Revoca dell'amministratore giudiziario

Condominio - L'assemblea condominiale è l'organo competente a nominare e revocare l'amministratore. Per l'amministratore giudiziario i condomini potranno agire in giudizio per chiedere la revoca del mandatario.

Revoca giudiziale dell'amministratore e onere della prova

Amministratore di condominio - La revoca giudiziale dell'amministratore può essere chiesta da ogni condomino, che deve provare la ricorrenza della causa che consente l'emissione del decreto.

Condominio: oggi prima di far causa bisogna conciliare

Amministratore di condominio - Il tentativo di conciliazione diviene obbligatorio anche per le cause condominiali. Chi e che cosa riguarda? Vediamo da vicino le novità.

L'amministratore nel procedimento di mediazione

Condominio - L'amministratore è il legale rappresente del condominio e lo rappresenta e difende anche nei procedimenti di mediazione. Con che poteri?

I registri condominiali dopo l'entrata in vigore della riforma

Assemblea di condominio - I registri condominiali, ossia il registro verbali, l'anagrafica condominiale e il registro di contabilità, rappresentano una delle novità della l. n. 220/12.

Gravi irregolarità dell'amministratore di condominio, come valutarle

Amministratore di condominio - Quando possono dirsi ricorrenti le gravi irregolarità che possono portare alla revoca dell'amministratore di condominio? Chi e come valuta la loro ricorrenza?
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img 64brunica
Buona sera,a seguito di comportamento non idoneo dell'attuale amministratore, mi vedo costretto a intraprendere la strada di atto di citazione.Riassumo brevemente i fatti: è...
64brunica 02 Settembre 2015 ore 18:36 3
Img maryquant
Buonasera.Nonostante il periodo di vacanze, spero nel vostro aiuto.Ho appena ricevuto un mav con cui mi si richiede il pagamento di una rata non prevista né dal consuntivo...
maryquant 19 Agosto 2015 ore 15:30 3
Img rumbero65
Salve,volevo porvi un quesito in merito alla gestione della ripartizione delle spese condominiali per il riscaldamento: vivo in un condominio con riscaldamento centralizzato e da...
rumbero65 06 Maggio 2015 ore 17:19 3
Img 64brunica
Gentilissima redazione,l'attuale amm.re da un anno nominato e' stato più' volte invitato a richiedere all'ormai amm.re decaduto per esibire la pregressa documentazione e a...
64brunica 04 Marzo 2015 ore 14:36 1
Img 64brunica
Genilissima redazione, il quesito è:L'amministratore cond. nominato da 1 anno su richiesta ripetutamente di alcuni condomini di poter visionare i relativi documenti...
64brunica 27 Febbraio 2015 ore 17:43 1