Utilizzo dei Cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, navigando ne accetti l'utilizzo. Leggi l'informativa.

Pompe di calore e detrazioni fiscali

News di Normative
Quando l'installazione di una pompa di calore può beneficiare delle detrazioni per il risparmio energetico, per le ristrutturazioni edilizie o del bonus mobili?
Pompe di calore e detrazioni fiscali
Arch. Sara Martinelli

Quale detrazione per l'installazione di pompe di calore su edifici esistenti?


L'installazione di pompe di calore su edifici esistenti può beneficiare di alcune detrazioni fiscali: la detrazione sul risparmio energetico, la detrazione sulle ristrutturazioni edilizie o il bonus mobili.

pompa di caloreQueste detrazioni non sono cumulabili fra loro, ossia bisogna sceglierne solo una.

Va anche detto che le detrazioni citate presuppongono diversi requisiti per potervi accedere e che per ognuna è previsto un apposito iter burocratico. Quindi non è detto che per qualsiasi tipo di installazione di pompa di calore si possa scegliere indifferentemente una delle tre detrazioni. Sarà invece necessario valutare per ogni caso specifico quale delle tre è fattibile. A volte può capitare che sussistano i requisiti per accedere a più di una detrazione, pertanto dovremo valutare e scegliere quella più vantaggiosa.

Per una scelta consapevole cerchiamo allora di chiarire quali sono i requisiti richiesti per ogni detrazione e che tipo di procedura è necessario seguire.


Pompe di calore e detrazioni fiscali per il risparmio energetico (65%)


Le detrazioni fiscali per il risparmio energetico si possono applicare ad interventi eseguiti su edifici di qualsiasi categoria catastale, purché esistenti e già dotati di impianto di riscaldamento: abitazioni, uffici, negozi e quant'altro. Nel caso di pompe di calore la condizione per accedervi è che si tratti di sistemi ad alta efficienza e che la loro installazione costituisca una sostituzione dell'impianto di riscaldamento esistente.

Quando si parla di alta efficienza si fa riferimento a specifiche tabelle individuate dall'Agenzia delle Entrate i cui valori minimi dipendono dalla tipologia di funzionamento della pompa di calore che viene scelta (elettrica o a gas, aria-aria o acqua-aria o aria-acqua, ecc.).

Non sono agevolabili installazioni su edifici che non erano già provvisti di impianto di riscaldamento e nemmeno l'aggiunta di split ad integrazione di un impianto di riscaldamento esistente.

Dal 2012 la detrazione fiscale è stata estesa anche ai casi di sostituzione di scaldacqua tradizionali con scaldacqua a pompa di calore utilizzati per la produzione di acqua calda sanitaria.


Adempimenti per accedere alla detrazione fiscale per il risparmio energetico (65%)


Non è necessario effettuare alcuna comunicazione preventiva. E' invece obbligatorio conservare la certificazione del produttore, le fatture e le ricevute dei bonifici. Ricordo a tal proposito che i pagamenti vanno effettuati con apposito bonifico. Per un approfondimento rimando all'articolo pagamenti per detrazioni fiscali sulla casa.

Entro 90 giorni dalla fine dei lavori bisogna poi trasmettere per via telematica all'Enea la scheda informativa relativa all'intervento realizzato. Per quanto riguarda la sostituzione di impianti di riscaldamento con pompe di calore, per la comunicazione non è necessaria l'intermediazione di un tecnico abilitato. Il singolo cittadino può collegarsi al sito dell'Enea e compilare la scheda con i dati necessari. Tuttavia ritengo che la compilazione della scheda informativa non sia così facile per chiunque, soprattutto in certi passaggi di natura tecnica. Quindi consiglierei comunque di farsi affiancare da un tecnico di fiducia.

La ricevuta rilasciata dall'Enea e tutti gli altri documenti prima citati andranno poi consegnati al commercialista (o al caf, ecc.), che provvederà ad inserire la detrazione nella dichiarazione dei redditi, e successivamente dovranno essere conservati ed esibiti in caso di controlli da parte dell'Agenzia delle Entrate.


Pompe di calore e detrazioni fiscali per ristrutturazioni edilizie (50%)


Se l'intervento effettuato non rientra nelle condizioni richieste per accedere alla detrazione fiscale per il risparmio energetico, si può valutare la possibilità di usufruire della detrazione fiscale per le ristrutturazioni edilizie, solitamente definita 50%. Questo avviene per esempio quando le pompe di calore vengono installate senza dismettere l'impianto di riscaldamento esistente.

detrazione ristrutturazioni per pompe di caloreE' importante sottolineare che, a differenza del 65%, questa detrazione è applicabile solamente a spese per lavori eseguiti su abitazioni o su parti comuni di edifici residenziali.

In realtà nella lista degli interventi agevolabili indicata dall'Agenzia delle Entrate non compare la voce specifica pompe di calore. Si può però farle rientrare nella categoria caloriferi e condizionatori, per la quale è prevista la condizione che l'opera sia finalizzata al risparmio energetico.

Ma in quali condizioni installare una pompa di calore può portare ad un risparmio energetico? Quando si installano degli split per il condizionamento, nel caso in cui questi elementi, oltre a raffrescare, sono in grado anche di riscaldare, è possibile che, se utilizzati in modo razionale e alternato con un impianto di riscaldamento esistente, si ottenga un risparmio energetico globale.

Ciò può avvenire perché in genere la pompa di calore, quando la temperatura esterna non è troppo bassa (16-10°C), ha un'efficienza maggiore rispetto ad una caldaia tradizionale e pertanto, se utilizzata al posto della caldaia, consuma mediamente meno energia (intesa sia sotto forma di energia elettrica che di metano o altra fonte). Quando invece la temperatura esterna si abbassa (sotto i 10°C), la caldaia tende ad avere efficienza maggiore rispetto alla pompa di calore e pertanto risulterà più conveniente accendere la caldaia e spegnere la pompa di calore. Quindi, se adeguatamente utilizzato, il sistema integrato caldaia-pompa di calore può portare ad un effettivo risparmio energetico.

Il discorso fatto spiega perché installare degli split solo per il raffrescamento non è un intervento agevolabile, mentre lo diventa quando questi funzionano anche per riscaldare.


Adempimenti per accedere alla detrazione fiscale per  ristrutturazioni edilizie (50%)


Per beneficiare della detrazione fiscale del 50% non è necessario fare la comunicazione mediante il sito dell'Enea come invece previsto per la detrazione sul risparmio energetico. E' sufficiente preparare i documenti indicati in questo articolo e consegnarli al commercialista, caf o chi provvede alla vostra dichiarazione dei redditi.

Poichè la detrazione sulle ristrutturazioni ammette l'installazione di pompe di calore ma a condizione che si consegua un risparmio energetico, per non avere noie in caso di controlli da parte dell'Agenzia delle Entrate sarebbe preferibile aggiungere ai documenti citati nell'articolo indicato un'attestazione scritta da parte di un tecnico abilitato (architetto, ingegnere, geometra) in cui viene dichiarato che l'intervento porta effettivamente ad un risparmio energetico.


Pompe di calore e bonus mobili


condizionatori e bonus mobiliDal 2013 si è aggiunto, oltre alle detrazioni precedenti, il cosiddetto bonus mobili. Tale detrazione è strettamente collegata a quella sulle ristrutturazioni edlizie nel senso che, per quanto concerne le abitazioni private, può accedervi solo chi per interventi di manutenzione straordinaria, risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia e restauro beneficia già della detrazione sulle ristrutturazioni (ovviamente per opere distinte dall'installazione di pompe di calore, come ad esempio la sostituzione dell'impianto elettrico, idro-sanitario e di riscaldamento, la demolizione e costruzione tramezzi interni, ecc.). Il collegamento alla detrazione sulle ristrutturazioni edilizie è il primo requisito.

Il secondo ed ultimo requisito è che gli elettrodomestici siano classificati in classe A+. Per quanto concerne il discorso condizionatori, non è necessario che vadano a sostituire integralmente un impianto di riscaldamento esistente (così come per la detrazione sul risparmio energetico), nè tantomeno che funzionino sia per il raffrescamento che per il riscaldamento. Si potrebbe trattare di semplici condizionatori per il raffrescamento, come anche condizionatori che funzionano sia per il raffrescamento che per il riscaldamento, l'importante è il rispetto della classe energetica, che deve essere categoricamente A+.


Adempimenti per accedere al bonus mobili


Per richiedere la detrazione fiscale per l'acquisto di mobili ed elettrodomestici è necessario seguire la procedura già prevista per la detrazione sulle ristrutturazioni edilizie.

L'unica dfferenza è che per il bonus mobili è ammesso come metodo di pagamento, oltre al solito bonifico per le detrazioni fiscali, anche la carta di credito o di debito (ossia il bancomat). Non sono ammesse altre fome di pagamento, come ad esempio assegni o contanti.

Articolo: Pompe di calore e detrazioni fiscali
Valutazione: 3.89 / 6 basato su 9 voti.
  • Ti è piaciuto questo articolo?
    Condividilo sul tuo social!
  • 4
Commenta su Pompe di calore e detrazioni fiscali
Caratteri rimanenti
  • Antoniode vivo
    Giovedì 11 Dicembre 2014, alle ore 17:32
    Buonasera,Sto effettuando dei lavori di manutenzione straordinaria e al contempo intemdo installare dei condizionatori a pompa di calore. Quelli che sto acquistando sono in classe A+ per il raffreddamento e in classe A per il riscaldamento. Possono beneficiare della detrazione ?? Grazie
    rispondi al commento
  • Alfr
    Mercoledì 29 Ottobre 2014, alle ore 08:55
    Sto acquistando un'app.to di nuova costruzione, a giorni dovrei fare il rogito, dopo aver fatto il rogito dovrei fare dei lavori installare il condizionatore con pompa di calore per cui dovrò fare delle piccole oper di muratura.questo mi da diritto alla detrazione del 50 % e anche al bonus mobili?grazie
    rispondi al commento
    • Sara.m. Alfr
      Martedì 4 Novembre 2014, alle ore 14:53
      Per poter beneficiare della detrazione la pratica comunale per la nuova costruzione deve essere già stata chiusa e l'edificio deve risultare iscritto al catasto come abitazione.
      rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Pompe di calore e detrazioni fiscali che potrebbero interessarti
Detrazione 65% per sistemi di riscaldamento integrati caldaia+pompa di calore

Detrazione 65% per sistemi di riscaldamento integrati caldaia+pompa di calore

Pubblicata sul sito dell'Enea una faq che chiarisce la detraibilità al 65% di sistemi di riscaldamento integrati costituiti da caldaia a condensazione e pompa di calore.
Caldaia a biomasse e detrazione 65%

Caldaia a biomasse e detrazione 65%

L'installazione di una caldaia a biomasse non sempre può beneficiare della detrazione sul risparmio energetico, è necessario che siano rispettate alcune condizioni.
Incentivi per rinnovabili, caldaie e pompe di calore

Incentivi per rinnovabili, caldaie e pompe di calore

Attualmente ci sono diverse incentivazioni per le rinnovabili e le riqualificazioni energetiche, novità anche per caldaie standard, pompe di calore e pannelli solari.
Condizionamento e Pompe di calore

Condizionamento e Pompe di calore

Raffrescare o riscaldare un ambiente può e deve essere fatto rispettando le norme e le indicazioni imposte per il contenimento della spesa energetica.
Condizionatore ad inverter

Condizionatore ad inverter

A partire dal 1° Gennaio 2013, le macchine di climatizzazione on-off con potenza fino a 12 kW, potranno essere vendute soltanto fino ad esaurimento scorte, essendo sostituiti dai più performanti...
IMMOBILIARE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
    • Mobili da giardino polyrattan divano e tavolino nero
      Mobili da giardino polyrattan...
      428.99
    • Telo copertura impermeabile per panche panchine mobili da giardino 160x80x75 cm
      Telo copertura impermeabile per...
      6.50
    • Deposito e custodia dei mobili
      Deposito e custodia dei mobili...
      150.00
    • Traslochi modifiche mobili
      Traslochi modifiche mobili...
      250.00
    • Ma-trading mobili da giardino: salotto per esterno in rattan - premium grigio
      Ma-trading mobili da giardino:...
      220.99
    • Detergente mobili e legno da giardino 1lt
      Detergente mobili e legno da...
      15.50
    • Mobili antichi
      Mobili antichi...
      1.00
    • Acquisto mobili antichi
      Acquisto mobili antichi...
      1.00
    • 60781 tavolino basso da salotto quadrato in vetro nero
      60781 tavolino basso da salotto...
      59.99
    • Almacabio detergente pavimenti
      Almacabio detergente pavimenti...
      4.60
    • Analisi tecnica restauro mobili
      Analisi tecnica restauro mobili...
      1.00
    • Arredo vintage
      Arredo vintage...
      1.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Geosec
  • Murprotec
  • Casa.it
  • Antifurto Casa Sicurezzapoint
  • Officine Locati
  • Faidatebook
  • Casa.it
  • Mansarda.it
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI