Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA

Non chiedete al giudice come usare il viale d'ingresso al condominio

NEWS Parti comuni28 Novembre 2014 ore 00:42
Il viale di accesso ad un condominio può essere utilizzato da tutti i condomini e se sorgono contrasti in merito all'uso è bene che si provi a risolverli tra le parti.

Viale d'ingresso


Viale condominialeAffinché possa operare il cosiddetto diritto di condominio, è fondamentale che esista un rapporto di accessorietà fra le cose comuni (i beni, gli impianti o i servizi comuni di cui all'art. 1117 c.c.) e l'edificio ed inoltre un collegamento funzionale fra primi e le unità immobiliari di proprietà esclusiva (si veda in tal senso Cass. 21 dicembre 2007 n. 27145).

Insomma una cosa è comune se serve a far godere al meglio le unità immobiliari di proprietà esclusiva, con una precisazione: i beni comuni non sono solamente quelli elencati dall'art. 1117 c.c.

Possono essere considerati in condominio , infatti, tutti le cose rispetto alle quali sussiste tale rapporto di funzionalità ed accessorietà.

In questo contesto, non sorgono dubbi sul fatto che il viale d'ingresso al condominio (quello che solitamente consente l'accesso alla zona autorimessa o comunque, nel caso di condominio con più scale, quello che consente l'accesso alle singole parti d'edificio) debba essere considerato un bene comune.

Il viale d'ingresso al condominio, lo dice la parola stessa, consente di accedere alle varie unità immobiliari di proprietà esclusiva (appartamenti, box, cantine).

In che modo può essere utilizzato il più volte richiamato viale d'ingresso?


Uso dei beni in condominio


Ogni condomino può utilizzare a proprio piacimento le parti comuni dell'edificio, purché non ne alteri la destinazione e non impedisca agli altri partecipanti di farne parimenti uso secondo il loro diritto. A tal fine può apportare a proprie spese le modificazioni necessarie per il migliore godimento della cosa.

Questo, nella sostanza, il testo dell'art. 1102 c.c. riadattato al condominio: per dottrina e giurisprudenza si tratta della norma che sancisce il diritto al pari uso dei beni comuni.

Che cosa s'intende per pari uso?

Secondo la Suprema Corte di Cassazione, la nozione di pari uso della cosa comune, cui fa riferimento l'art. 1102 c.c. non va intesa nel senso di uso identico e contemporaneo, dovendo ritenersi conferita dalla legge a ciascun partecipante alla comunione la facoltà di trarre dalla cosa comune la più intensa utilizzazione, a condizione che questa sia compatibile con i diritti degli altri, essendo i rapporti condominiali informati al principio di solidarietà, il quale richiede un costante equilibrio fra le esigenze e gli interessi di tutti i partecipanti alla comunione (così, tra le varie, Cass. 5 ottobre 2009, n. 21256).

Viale d'ingressoInsomma tutti possono far tutto nel rispetto dell'integrità della cosa e del pari diritto degli altri; chiaramente l'assemblea assume un ruolo preponderante in quanto può regolamentare le modalità d'uso dei beni comuni, avendo sempre attenzione a disciplinare e non precludere arbitrariamente i diritti dei singoli.

Il concetto astratto trova specificazione rispetto alle singole fattispecie cui di volta in volta viene adattato.

L'esempio più ricorrente è quello del parcheggio condominiale : se non c'è sufficiente spazio per tutti, l'assemblea può decidere l'utilizzazione turnaria del parcheggio.

Se non si trova un accordo, se secondo qualcuno, qualcun altro commette degli abusi nell'utilizzazione degli spazi comuni o se la decisione adottata dall'assemblea non è considerata legittima, l'unico modo per risolvere la controversia è rappresentato dal ricorso all'Autorità Giudiziaria; sempre che la stessa, poi, non inviti le parti a cercare un accordo.

Vediamo perché.


Uso del viale d'ingresso al condominio


In una decisione interlocutoria assunta dal Giudice di Pace di Afragola il 30 marzo 2014 avente ad oggetto una controversia relativa all'uso del viale condominiale, il magistrato ha invitato le parti a predisporre, concordemente, un progetto per la corretta utilizzazione dell'area cortilizia in questione in modo tale da non limitare qualitativamente e quantitativamente, il diritto di uso e godimento degli altri condomini e non ostacolarne il passaggio stabilendo in particolare, lo spazio in cui i convenuti possano solo sostare, con i loro veicoli, per il tempo strettamente necessario per effettuare le operazioni di carico e scarico della merce dell'adiacente punto vendita (GdP Afragola 30 marzo 2014).

Che cosa vuol dire ciò?


Semplicemente un fatto: nel caso di specie chi aveva iniziato il giudizio lamentava un uso illegittimo del viale d' ingresso condominiale (parcheggio TIR e deposito vettovaglie); il giudice valutando la documentazione processuale ha evinto che mai quella parte comune era stato oggetto di un accordo assembleare volto a disciplinarne l'uso.

Come dire: il giudice prima di dire la sua ha preferito, in uno spirito di conciliazione (riconosciutogli dalla legge), dare alle parti in prima persona la possibilità di risolvere il problema. Perché una soluzione condivisa è sempre meglio di una calata dall'alto sulla base della mera applicazione delle norme da chi non vive quella realtà.

riproduzione riservata
Articolo: Viale d'ingresso al condominio, non chiedete al giudice come usarlo
Valutazione: 3.00 / 6 basato su 1 voti.

Viale d'ingresso al condominio, non chiedete al giudice come usarlo: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Sostieni Lavorincasa
REGISTRATI COME UTENTE
316.411 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Viale d'ingresso al condominio, non chiedete al giudice come usarlo che potrebbero interessarti


Innovazioni e modifiche delle cose comuni in condominio

Parti comuni - Innovazioni e modifiche delle cose comuni sono differenti e tale diversità incide e non poco sui quorum deliberativi di quegli interventi. Come distinguerle?

Condominio 4.0: un convegno sulle nuove opportunità relative al mondo condominiale

Leggi e Normative Tecniche - Condominio 4.0: un convegno organizzato da Harley&Dikkinson a Roma per fare una analisi su tutte le opportunità lavorative relative alla gestione condominiale.

Individuazione delle parti comuni del condominio

Parti comuni - Le parti comuni del condominio sono quelle che servono al godimento delle unità immobiliari di proprietà esclusiva secondo legge o per contratto.

Niente risarcimento per l'anziano che cade in viale condominiale innevato

Manutenzione condominiale - Pecca di imprudenza l'anziano che si incammina su un viale condominiale innevato. Pertanto, se cade, nessuno deve risarcirlo dei danni dovuti alla sua caduta.

Edificio e box autonomi, non sempre si può parlare di condominio

Assemblea di condominio - Edificio e boxes in condominio: quando si può parlare di unico complesso condominiale e quando invece sono entità autonome?

Tre palazzi possono formare un supercondominio

Parti comuni - La conformazione del supercondominio, ossia un insieme di edifici non per forza in condominio aventi parti in comune tra loro, incide sui poteri dell'assemblea.

Divieto di sosta in area condominiale

Parti comuni - Non è raro che i condomini lamentino la scorrettezza dei propri vicini che parcheggiano l'autovettura in modo tale da rendere difficoltoso il passaggio

Parcheggio condominiale: i turni sono legittimi?

Parti comuni - L'uso del parcheggio condominiale insufficiente ad accogliere le auto dei condomini può essere disciplinato dall'assemblea con i turni, vediamo la Legge cosa dice.

L'amministratore da chi viene nominato per un piccolo condominio?

Amministratore di condominio - Quando il numero dei condomini, ossia dei proprietari delle unità immobiliari, è pari a cinque, o superiore, l'assemblea deve nominare un amministratore, se l'assemblea non provvede, la nomina è fatta dall'autorità giudiziaria.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img kito
Salve a tutti,qualcuno sa come si ripartisce correttamente la bolletta dei consumiidrici?C'è qualche software o foglio di calcolo in Excel?Grazie.So che è compito...
kito 12 Giugno 2006 ore 07:41 9
Img anonimo
Buongiorno,e grazie in anticipo a chi saprà dipanare alcuni dei miei dubbi.Vi spiego le mie perplessità:sono proprietario di una maisonette in una palazzina da 4...
anonimo 06 Novembre 2008 ore 08:21 2
Img robbie1956
A corredo del mio appartamento vi è già un garage detenuto in proprietà indivisa con altro condomino.L'accesso al box con una autovettura, anche piccola,...
robbie1956 25 Luglio 2007 ore 07:03 5
Img lmontuschi
Ciao!ho comprato un appartamento in un condominio composto da :6 appartamenti ... i proprietari sono 5.sotto ci sono 2 negozi di un altro proprietario ...è obbligatorio...
lmontuschi 04 Luglio 2006 ore 13:12 9
Img gabrielee
Spiego il più brevemente e chiaramente possibile la situazione. Entro nell'appartamento sabato 1/2/2020. Mi accorgo subito la sera stessa che il citofono non funziona.
gabrielee 20 Marzo 2020 ore 14:30 1