Consigli per tinteggiare le pareti

Per una buona tinteggiatura domestica è importante curare ogni dettaglio, dalla preparazione della vernice alle tecniche di stesura del colore su pareti e soffitti.
Pubblicato il

Prima di pitturare


Per preparare le superfici di legno o i muri alle successive applicazioni di pittura o smalto, utilizzate la cementite, una pittura opaca formata da una miscela di oli con pigmenti bianchi. È usata preferibilmente come mano di fondo. Lasciatela essiccare bene e trattatela con carta vetro per ottenere una superficie perfettamente liscia.


Verificare la pittura


Verificare la pittura per tinteggiareUn test infallibile per saggiare la resistenza di una vecchia pittura consiste nell'applicare una striscia di nastro adesivo e tirare di colpo: se con la striscia si stacca anche la tinta, occorre procedere alla raschiatura di tutta la parete.


Lavaggio di pareti e soffitti


Sia le pareti che i soffitti, prima di essere pitturati, vanno sottoposti a un lavaggio sgrassante.

Sciogliete del detersivo liquido (ottimo quello per piatti) in acqua tiepida e con uno straccio imbevuto e ben strizzato strofinate la superficie in senso circolare. Risciacquate ripetendo l'operazione, se necessario, un paio di volte.

Completata l'operazione ripassate con acqua ben pulita. Se sulle pareti vi sono formazioni di muffa trattatele con una soluzione di candeggina in 16 parti di acqua. Lasciate agire per due ore, poi lavate la superficie con acqua e detersivo. Infine risciacquate la parte trattata con acqua pulita.


Preparare la parete


È possibile tinteggiare su una parete vecchia a condizione che sia in buono stato. Un sottofondo squamoso o screpolato deve essere eliminato, poiché lo strato nuovo non terrebbe e si distaccherebbe subito.

Se però la pittura precedente è in buono stato, lavate la superficie con un comune detersivo molto diluito. Poi applicate una soluzione di acqua e colla vinilica al 10% con una pennellessa o una spugna lavorando sempre dall'alto verso il basso e compiendo movimenti circolari con la pennellessa.


Diluire le idropitture


Quando si usano le idropitture che necessitano di diluizione attenetevi sempre alle istruzioni riportate sulla confezione dalla casa produttrice. Se si consiglia di diluire dal 10% al 20%, diluite la prima mano non più del 20% e la seconda non più del 10%.

Se volete creare una vostra gradazione, mescolare il bianco con un altro colore preparandola in un'unica volta, in modo da non dover rifare la miscela in corso d'opera con il rischio di ottenere una gradazione diversa da quella usata fino a quale momento. L'idropittura in eccedenza, da conservare, non deve mai essere diluita con acqua e va conservata in un recipiente ben chiuso.


La giusta diluizione


Diluire pittura per tinteggiarePer stabilire qual è la giusta diluizione di una pittura, versatene una certa quantità all'interno di un imbuto graduato e cronometrate il tempo che questo impiega per svuotarsi.

Effettuate alcuni esperimenti con i diversi gradi di diluizione e, una volta individuata la miscela ideale e annotato il tempo relativo, saprete sempre riprodurla esattamente con lo stesso tipo di pittura.


Filtrare la pittura


Quando si acquista una latta nuova di pittura non è necessario filtrarla. Ma se la latta è aperta da tempo, in superficie si sarà formato un strato indurito da eliminare. All'occorrenza un vecchio paio di calze di nylon aiuteranno a risolvere il problema del filtraggio.


Saper usare il rullo


Se per pitturare una stanza si usa il rullo, scolate l'eccesso di pittura sulla apposita reticella, se usate la pennellessa fate altrettanto servendovi del bordo del barattolo. Non interrompete mai il lavoro a metà parete ma arrivate sempre a uno spigolo vivo o alla porta. Dipingete per primo il soffitto cominciando dagli angoli e andando poi verso il centro della parete; date una mano in senso diagonale e l'ultima in direzione della finestra.


Dipingere seguendo linee diritte


Tinteggiare le pareti con linee diritteTinteggiando le pareti può presentarsi la necessità di seguire linee diritte. Spesso non è un compito semplice a causa dell'impossibilità di appoggiare la mano che impugna il pennello.

Per fornire alla mano un supporto sicuro e molto utile in queste circostanze realizzate un poggiamano.

Fissate a uno degli estremi di un tondino di diametro e lunghezza opportuna un tamponcino in gomma o tessuto.

Tenete fermo il tondino con una mano e poggiatelo contro la parete in modo da sostenere quella che tiene il pennello.


Tinteggiare pulito


Per tinteggiare in modo ottimale occorre intingere il pennello in modo che non trattenga una quantità eccessiva di pittura. Un dosaggio perfetto si ottiene tendendo tra gli attacchi del manico un cordoncino o un fil di ferro diagonalmente rispetto al barattolo. Su questo fate scorrere le setole del pennello, lasciando cadere l'eccesso di pittura.


Schiarire la tonalità


Se si applica un colore a base di acqua troppo scuro si può schiarire facilmente la tonalità passando, sulla superficie ancora bagnata, un panno umido. I colori ad acqua si applicano su ogni tipo di finitura e sono i più semplici da utilizzare; non sono tossici e non esalano vapori maleodoranti.


Finitura delle pareti


Un uso oculato del colore costituisce un mezzo semplice ed economico per aumentare o ridurre gli spazi. La forma apparente di una stanza può variare pitturando una parete in una tonalità scura. Se si vuole eliminare una parete, creando l'idea di maggior spazio, dipingete la parete stessa con un colore molto chiaro. I colori caldi rafforzano l'effetto delle tonalità scure. Le tinte fredde mettono in evidenza le tonalità chiare.


Finitura dei soffitti


Consigli per tinteggiare i soffittiPitturando un soffitto troppo alto in colore scuro e caldo, si ottiene l'effetto visivo di avere un soffitto più basso. Se si pittura anche la fascia sottostante al soffitto, questo sembrerà ancora più basso.

Invece pitturando di bianco un soffitto basso, si tenderà ad arretrarlo e ad aumentare la luce riflessa. Un corridoio stretto, dal soffitto alto, sembrerà più ampio pitturando soffitto e pavimento con colori scuri e le pareti con colori chiari.


Tinteggiare senza gocce


Se dovete tinteggiare il soffitto e volete evitare che le gocce di vernice vi cadano addosso, infilate il pennello in un piatto o un vassoio di carta e fissatevelo con nastro adesivo di carta. Prima di verniciare una sedia o un tavolo mettete un barattolo sotto ogni gamba per raccogliere le gocce di vernice. Proteggete inoltre le lampade avvolgendovi intorno dei sacchetti di plastica.


Eliminare l'odore di vernice


Per farla finita con l'odore della vernice, aggiungete 2 cucchiaini di estratto di vaniglia per ogni litro di vernice. Mettete nella stanza dipinta di fresco una bacinella di acqua in cui avrete diluito un cucchiaio di ammoniaca e lasciatevela per una notte. Oppure mettete una grossa cipolla tagliata in una bacinella di acqua fredda. La cipolla ridurrà notevolmente l'odore di vernice.



riproduzione riservata
Tinteggiare le pareti, consigli per un buon risultato
Valutazione: 4.57 / 6 basato su 14 voti.
gnews
  • whatsapp
  • facebook
  • twitter

Inserisci un commento



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
Alert Commenti
  • Stefania
    Stefania
    Martedì 23 Agosto 2022, alle ore 15:01
    Ho passato su una parete precedentemente tinteggiata un isolante luxens senza diluirlo nonostante fosse prevista la diluizione.
    La parete è rimasta abbastanza lucida.
    Ho fatto una mano di pittura di un colore blu intenso con Pittura murale Super lavabile ELLE DECORATION exotic no.342 ma non è assolutamente uniforme.
    In alcuni punti non tinge o lo fa a chiazze.
    È possibile che sia colpa dell'isolante non diluito?
    Se si, cosa devo fare per rimuoverlo?
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Stefania
      Venerdì 26 Agosto 2022, alle ore 12:11
      Non è il fissativo che dà questi risultati. E' probabile che l'applicazione del colore sia avvenuta su pareti nuovamente impolverate. Provi a dare una leggerissima scartavetratura con carta abrasiva a grana fine tipo "00" sulle zone a chiazze, eliminare i residui e ridare una nuova mano di colore. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Giovanna Rigoli
    Giovanna Rigoli
    Mercoledì 30 Novembre 2016, alle ore 02:34
    Il falegname mi ha appena fatto una nuova parete in cartongesso, ma lui non dipinge.
    Vorrei farlo io (faccio in casa tutte le riprese di colore) ma vorrei sapere se è meglio preparare la parete e se si con che cosa e quali strumenti?
    La parete è piccola, poco piu di 6 mc.
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
347.055 UTENTI
SERVIZI GRATUITI PER GLI UTENTI
SEI INVECE UN'AZIENDA? REGISTRATI QUI
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img chiaraangeli
Salve a tutti...sono qui a chiedere un consiglio o meglio idee su come potrei ridipingere le pareti di una camera da letto che sulla parete alta del soffitto presenta un affresco...
chiaraangeli 06 Settembre 2015 ore 23:20 1
Img vincenzodl11
Sto provando a tinteggiare casa ma ho dei piccoli problemi.I soffitti li sto tinteggiando di bianco e le pareti color sabbia con il bianco oltre il soffitto sto realizzando una...
vincenzodl11 20 Febbraio 2014 ore 16:47 1