Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Tende per proteggersi dall'inquinamento elettromagnetico

NEWS Tende05 Marzo 2020 ore 13:28
Come proteggersi dalle onde elettromagnetiche, impiegando tessuti particolari per realizzare delle tende da interno a protezione di tutte le superfici vetrate

Inquinamento prodotto dalle onde elettromagnetiche


Quando si parla di inquinamento ambientale si fa riferimento a tutto ciò che altera l’ecosistema mediante l’immissione di sostanze nocive dannose per la salute degli esseri viventi.

Pertanto, si adottano misure mirate a ricercare le sostanze nocive inquinanti per l’aria, la terra e le acque, ovvero delle sostanze ben definite e rilevabili anche a occhio nudo, capaci di alterare la qualità di tali elementi, quando sono presenti in quantità superiore a quella normalmente consentita dalle leggi vigenti.

Elettrodotti fonte di inquinamento elettromagneticoPurtroppo, oltre a tali fattori inquinanti ve ne sono degli altri, non facilmente percepibili ma altrettanto lesivi, che danno origine all’inquinamento elettromagnetico o elettrosmog, in cui la minaccia per la salute dell'uomo deriva dalle radiazioni elettromagnetiche.

Mentre sulla dannosità per la salute di alcune sostanze nocive presenti nell’aria, nella terra e nelle acque, scientificamente è stato ampiamente provato il rapporto di causa effetto per diverse malattie, per l’inquinamento elettromagnetico, vi sono ancora molti dubbi sulla effettiva relazione con alcune patologie anche molto gravi.


Tende per proteggersi dall'inquinamento elettromagnetico: fonti inquinanti

Tende per proteggersi dall'inquinamento elettromagnetico: fonti inquinanti

Tende per proteggersi dall'inquinamento elettromagnetico: fonti inquinanti
Emissioni  di onde elettromagnetiche da sistemi radio

Emissioni di onde elettromagnetiche da sistemi radio

Emissioni  di onde elettromagnetiche da sistemi radio
Esposizione dei bambini alle onde elettromagnetiche tramite dispositivi wireless

Esposizione dei bambini alle onde elettromagnetiche tramite dispositivi wireless

Esposizione dei bambini alle onde elettromagnetiche tramite dispositivi wireless
Il cellulare non dovrebbe essere in camera da letto

Il cellulare non dovrebbe essere in camera da letto

Il cellulare non dovrebbe essere in camera da letto
Tessuto schermante Lvfeier da onde elettromagnetiche

Tessuto schermante Lvfeier da onde elettromagnetiche

Tessuto schermante Lvfeier da onde elettromagnetiche
Testata letto con retrostante campo magnetico

Testata letto con retrostante campo magnetico

Testata letto con retrostante campo magnetico

La IARC, agenzia internazionale per la ricerca sul cancro, ha classificato i campi elettromagnetici come cancerogeni di gruppo 2B, ovvero come “sospetti agenti cancerogeni”, senza però dimostrare come l’esposizione ad essi, sia collegata all’insorgenza di alcuni tipi di tumori.

Ciò che invece sembra essere condiviso dalla maggior parte degli studiosi in materia, è l’incidenza di patologie, in relazione al tempo di esposizione a tali onde elettromagnetiche.

Quest'aspetto, ormai è ampiamente confermato anche da diverse sentenze nel campo del lavoro, le quali riconoscono il nesso concausale tra elettrosmog e cancro in una condizione d’esposizione multipla e cumulativa.


Onde elettromagnetiche: tempo di esposizione e rischio per la salute


L’esposizione alle onde elettromagnetiche può avvenire all’aperto tanto quanto all’interno delle mura domestiche, per quanto riguarda l’esposizione all’esterno delle abitazioni, è facile comprendere come sia praticamente impossibile evitarla, a causa delle innumerevoli fonti dirette e indirette di tali emissioni.

Telefonia mobile e dispositivi wireless fonti di inquinamento indoorElettrodotti, campi magnetici prodotti da macchine, antenne radio, ecc, costituiscono l’insieme delle situazioni in cui non è possibile proteggersi, a meno che non ci si attrezzi con una tuta spaziale appositamente schermata.

Se all’esterno non è possibile proteggersi adeguatamente, molto si può fare all’interno delle abitazioni, per ridurre al minimo la quantità di radiazioni.

Quali sono le più comuni fonti di radiazioni elettromagnetiche domestiche?


In tale categoria, rientrano tutte quelle emesse dagli elettrodomestici, come forni, frigoriferi, asciugatrici, dispositivi radio, cellulari, e sistemi wireless.

Ambiente cucina presenza di diverse fonti generatrici di onde elettromagneticheGrazie al fatto di poter disattivare tali fonti di emissioni, a nostro piacimento, si comprende bene come una buona parte di queste radiazioni, si possono eliminare o quantomeno ridurre al minimo tollerabile.

Vi sono inoltre diverse altre regole da seguire nella realizzazione degli impianti elettrici, domotici, operando delle adeguate schermature nel cablaggio, tenendo conto che la dove è possibile, conviene evitare l’installazione di centraline negli ambienti dove si soggiorna, maggiormente, oltre ad evitare l’installazione di elettrodomestici in prossimità di letti dove riposano bambini ed anziani.

Queste due categorie risentono maggiormente dei danni prodotti dalla permanenza assidua in ambienti esposti a tali radiazioni elettromagnetiche.

I principali disturbi da elettrosensibilità


Anche se il grado di sensibilizzazione a tali onde è differente da soggetto a soggetto, in virtù della propria costituzione fisica, nelle persone anziane è stato evidenziato un aumento degli acufeni e di altri disturbi uditivi, mentre nei più piccoli sono stati rilevati spesso fenomeni di elettrosensibilità.

Camera ragazzi con dispositivi da disattivare di notte
Una esposizione prolungata alle onde elettromagnetiche può generare cefalee, insonnia, difficoltà di concentrazione, eruzioni cutanee, aggressività o apatia, stati d’ansia, irritabilità, ecc.


A causa di tali fenomeni, alcune persone hanno dovuto cambiare abitazione in quanto la loro qualità di vita era diventata davvero insopportabile. Si tratta ovviamente di casi estremi, che riguardano soggetti particolarmente sensibili.

Ripeto, tali manifestazioni sono soggettive e dipendono molto dal tempo di permanenza negli ambienti interessati.

Se si esamina il tempo trascorso in casa da una famiglia ordinaria, ci si accorge del fatto di come la zona notte rappresenti l’area in cui ci si sofferma maggiormente, soprattutto per i più piccoli, che svolgono nella stessa camera anche le attività didattiche e ludiche.


Difendersi dall'aumento di emissioni elettromagnetiche


Negli ultimi tempi crescono sempre di più il numero di trasmettitori, ripetitori per apparecchi telefonici, che a causa dell’aumento della densità abitativa, sono sempre più prossimi agli edifici abitati.

Antenne potenti generatrici di campi elettromagneticiLe murature perimetrali di un edificio riescono a schermare sufficientemente gli ambienti interni, a condizione che i materiali impiegati per la loro realizzazione siano di buona qualità e sufficientemente compatti. Una facciata di edificio completa di rivestimento integro, è molto più isolante di una con intonaco sgretolato o addirittura mancante.

Mediamente, con una facciata ben eseguita si riescono ad abbattere fino all’80% delle onde elettromagnetiche. Resta comunque da provvedere alla schermatura di tutte le superfici vetrate, quest'ultime completamente attraversate dalle onde elettromagnetiche.

Vetrate da schermare con tende schermanti  riflettentiI materiali schermanti per l’alta frequenza, con cui si possono realizzare delle schermature, si dividono in due categorie:

  • materiali conduttivi elettricamente che lavorano principalmente per assorbimento e pertanto vanno collegati a un impianto di messa a terra; ne fanno parte le reti metalliche, i tessuti conduttivi, le vernici a base metallica

  • materiali non conduttivi, quelli realizzati con tessuti riflettenti, capaci di respingere le onde elettromagnetiche.


Tessuti per proteggersi per proteggersi dalle onde elettromagnetiche


Non potendo proteggere un edificio intero già realizzato, da tali onde elettromagnetiche, si possono schermare le parti più esposte, come le camere da letto, o gli ambienti in cui si soggiorna di più, impiegando particolari tessuti costituiti da materiali non conduttivi elettricamente.

Questi tessuti, incorporano leghe metalliche rese non conduttive con particolari trattamenti le quali riflettono le onde elettromagnetiche e non necessitano di messa a terra.

Particolare struttura tessuto schermanteSpecialmente in presenza di onde elettromagnetiche ad altissima frequenza, come quelle provenienti da apparati di telefonia mobile, è necessario che la trama del tessuto contenente le fibre metalliche siano quando più fitta possibile, creando una maglia a forma quadrata avente lati inferiori a 1mm.

Quest’ultimo particolare è di grande importanza, essendo l’efficienza della schermatura, direttamente proporzionale alla maglia più stretta realizzabile.

Schermatura di una parete con tessuto schermanteIn commercio esistono tessuti del genere, proposti anche per i tendaggi , realizzati con maglie quadrate di 4,5,6 mm. A mio avviso essi non sono adatti per schermare una superficie vetrata, bensì possono essere utilmente impiegati per migliorare l’isolamento di pareti interne e soffitti, impiegandoli come rete da posizionare sotto l’intonaco o altri tipi di rivestimenti.

Tendaggi Elettrosmog TexI tessuti più performanti con maglie quadrate uguali o inferiori a 1 mm. di lato, sono più adatti per realizzare una serie di tendaggi schermanti molto efficaci, oltre a poter essere impiegati per migliorare la schermatura di parti costruite meno consistenti in termini di spessore e densità.

Diverse aziende producono tessuti schermanti del genere; tra quelli in commercio troviamo Lvfeier che fornisce un tessuto antiradiazione capace di garantire una discreta protezione. Nella trama sono presenti argento e nylon in percentuale differente, per riflettere le onde elettromagnetiche.

Anche Soliani EMC azienda specializzata in prodotti schermanti per interferenze elettromagnetiche, ha messo a punto un processo produttivo per rivestire di nichel varie tipologie di filati, utilizzabili all’interno e all’esterno.

Misurazione onde elettromagnetiche prima della schermatura con tende

La Elettrosmog Tex produce un tessuto da 100gr/mq per la protezione dalle onde elettromagnetiche, ideale per la realizzazione di tende, lavabile in acqua fredda con detersivi delicati, può essere stirato a bassa temperatura ed eventualmente inamidato leggermente.

La sua composizione è ottenuta mettendo insieme tessuto e lega metallica, in modo tale da schermare le onde nocive che penetrano in casa attraverso le superfici vetrate.

L’azienda fornisce un vero e proprio servizio completo consistente nella misurazione, taglio, confezionamento e installazione del tessuto schermante.

Il tessuto in questione, non ha bisogno di messa a terra, in quanto è radar riflettente.
Grazie alla sua particolare trama è possibile realizzare ogni tipo di tendaggio come tende a pannello, arricciate classiche o di disegno moderno.

L’aspetto del tessuto della Elettrosmog Tex è neutro e ciò consente di utilizzarlo come seconda tenda , da posizionare sotto una comune tenda d’arredo, senza che la sua presenza ne alteri l’effetto estetico.

Misurazione dopo aver installato tende elettrosmogTexLa necessità di fornire un servizio di montaggio completo deriva dal fatto di curare nei minimi particolari la copertura della superficie vetrata da proteggere, senza lasciare spazi scoperti, per tale motivo, il tendaggio schermante deve essere posizionato a contatto con le pareti laterali, coprendone circa 20 cm per lato, oltre a foderare la parte superiore del sostegno della tenda con lo stesso tessuto.

Per quanto riguarda la lunghezza della tenda, è necessario che sfiori il pavimento in maniera costante, per ridurre al minimo lo spazio scoperto sottostante.
A tal fine, si può creare un bordo in cui inserire un listello metallico, mediante il quale stirare la tenda, mantenendola sempre a distanza costante minima dal pavimento.

Seguendo queste semplici regole di installazione e di utilizzo è possibile ottenere un’attenuazione dell’inquinamento elettromagnetico fino al 90%.

riproduzione riservata
Articolo: Tendaggi per schermare le onde elettromagnetiche
Valutazione: 5.75 / 6 basato su 4 voti.

Tendaggi per schermare le onde elettromagnetiche: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Sostieni Lavorincasa
REGISTRATI COME UTENTE
317.290 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Tenda 120 onde
    Tenda 120 onde...
    187.00
  • Tanda nano c
    Tanda nano c...
    849.00
  • Guanciale eden permaflex
    Guanciale eden permaflex...
    70.00
  • Materasso releve in
    Materasso releve in...
    1721.00
Notizie che trattano Tendaggi per schermare le onde elettromagnetiche che potrebbero interessarti


Cos'è l'elettrosmog e quali sono le soluzioni da adottare

Impianti domotici - L'elettrosmog è l'elemento invisibile inquinante presente nel nostro habitat domestico. Ecco da cosa è provocato e come proteggersi dalle onde elettromagnetiche

Onde elettromagnetiche

Impianti - Regole di progettazione per difendersi dalla presenza delle onde elettromagnetiche.

Pellicole schermanti per vetri

Vetrate - Esistono sistemi di schermatura avanzati costituiti da pellicole schermanti da applicare sui vetri delle finestre in grado di assorbire fino al 70% dei raggi solari.

Materiali autopulenti

Ristrutturazione - Per combattere l'inquinamento indoor è possibile optare per materiali autopulenti, antibatterici, schermanti: ecco qualche consiglio per una scelta consapevole.

Misuratori di radiazioni per controllare l'inquinamento ambientale

Impianti di sicurezza - L'inquinamento indoor in casa è causato anche dai campi elettromagnetici. Ecco come monitorare le radiazioni di cellulari, modem wi-fi ma anche elettrodomestici

Trasmissione Calore

Impianti - Una caldaia trasmette il calore prodotto dalla combustione del gas all'acqua, che trasmette a sua volta il calore in ambiente a mezzo di terminali dell'impianto.

Sistemi di allarme

Impianti - Questo sembra essere il periodo ideale dell'anno per organizzarsi e provvedere a dotare la propria abitazione di sistemi efficaci per la sua sicurezza.

Sovratensioni in caso di fulmini

Impianti - La protezione dalle sovratensioni in caso di fulmini.

Consigli alternativi per appendere le tende

Tende - Sistemi alternativi, moderni e originali per appendere le tende con facilità, senza l'utilizzo di particolari strumenti, ricavando un ambiente accogliente e studiato.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img farobe
Salve,da qualche giorno sto valutando la posizione di una cassettina elettrica che si trova proprio dietro la testiera del letto matrimoniale (messa li per motivi estetici) che...
farobe 16 Febbraio 2016 ore 16:05 2
Img alccad
Buongiorno,vorrei chiedervi una ve consulenza in merito ad un traliccio che mi trovo fuori dalla finestra.Ho acquistato un appartamento al secondo e ultimo piano di un condominio...
alccad 11 Agosto 2016 ore 09:08 2
Img fabiobelli
Salve,mi hanno proposto di installare un antifurto per la casa wireless per proteggere la mia abitazione.I componenti, sensori, sono connessi alla centralina senza l'utilizzo di...
fabiobelli 21 Agosto 2015 ore 13:01 1
Img honeybadger
Buonasera a tutti, Se ho sbagliato sezione chiedo scusa. Mi serve di capire una cosa ma non so davvero dove chiederlo. Ho una domanda piuttosto sciocca da chiedere. La palazzina...
honeybadger 24 Aprile 2019 ore 03:41 6
Img drew77
Salve a tutti, spero di aver scelto la seziona giusta per la mia domanda. Sto cercando casa e ne avrei trovata una dalla quale, però, si vedono dei tralicci (elettrodotto)...
drew77 19 Settembre 2019 ore 10:17 5