Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA

Spese sostenute per la redazione dell'anagrafe condominiale

In tema di spese sostenute dall'amministratore di condominio per compilazione ed aggiornamento del registro di anagrafe condominiale, chi deve pagare e come pretenderlo?
14 Dicembre 2014 ore 14:56 - NEWS Ripartizione spese

Anagrafe condominiale


Spese per Anagrafe condominialeUna delle novità introdotte della così detta riforma del condominio che ha fatto maggiormente discutere in relazione alle difficoltà applicative pratiche è l'anagrafe condominiale.

Si tratta, come dice l'art. 1130 n. 6 c.c., di un registro nel quale sono riportate una serie d'informazioni riguardanti:

a) le generalità dei singoli proprietari e dei titolari di diritti reali e di diritti personali di godimento, comprensive del codice fiscale e della residenza o domicilio;

b) i dati catastali di ciascuna unità immobiliare;

c) nonché ogni dato relativo alle condizioni di sicurezza delle parti comuni dell'edificio.

Rispetto a quest'ultimo dato, la legge n. 9 del 2014 (legge di conversione del così detto Decreto Destinazione Italia) ha specificato che i dati di sicurezza devono riguardare le parti comuni dell'edificio, eliminando così l'incertezza circa la riferibilità di tali dichiarazioni alle unità immobiliari di proprietà esclusiva.

Nella pratica quotidiana alla compilazione del registro di anagrafe condominiale s'è arrivati a seguito dell'invio da parte degli amministratori ai condomini, di un modulo da compilare e restituire al mittente, che conteneva tutte le richieste rispetto ai punti sopraindicati.

Si badi: la tenuta del registro è un obbligo per qualsiasi amministratore , sia interno che esterno, sia quando la sua nomina è obbligatoria, tanto quando essa è facoltativa (ossia sotto i nove condomini). Ciò vuol dire che per i condominii che non hanno un amministratore, i condomini non hanno alcun obbligo di tenuta del registro.


Tenuta e aggiornamento del registro di anagrafe condominiale


Così come l'amministratore è tenuto a formare ed aggiornare il registro di anagrafe condominiale, i condomini devono collaborare lealmente con il loro mandatario.

La legge, infatti, specifica che le variazioni dei dati contenute nel registro di anagrafe devono essere comunicate all'amministratore in forma scritta entro sessanta giorni dalla variazione stessa.

Tizio non è più il conduttore dell'appartamento di Caio? Allora Caio dovrà comunicare al proprio amministratore tale circostanza. Idem per le generalità, i cambi d'indirizzo, ecc.

Spese condominialiChe cosa succede se il condomino non collabora con il proprio amministratore rispetto a tali compiti?

L'art. 1130 n. 6 c.c. specifica che in caso di mancata collaborazione del condomino (inerzia), oppure se le comunicazioni fossero mancanti o incomplete, l'amministratore deve richiedere all'interessato quanto necessario alla corretta tenuta del registro di anagrafe condominiale per mezzo di lettera raccomandata.

Trascorso un periodo di tempo di trenta giorni, dinanzi alla persistenza di un atteggiamento non collaborativo o di informazioni incomplete, l'amministratore ha diritto di acquisire le informazioni necessarie, addebitandone il costo ai responsabili.

Il condomino non comunica all'amministratore i dati catastali della propria unità immobiliare? L'amministratore, nel termini sopra indicati, deve acquisirli d'ufficio addebitando il costo.

Il condomino non fornisce le proprie generalità complete? Idem.

Che cosa s'intende con la dizione costo? Il certificato catastale ha un preciso costo, così come il certificato anagrafico e via dicendo; in buona sostanza l'amministratore può pretendere dai condomini quanto speso per la corretta compilazione e/o per l'aggiornamento dell'anagrafe condominiale.

Senza alcuna indicazione di ulteriori compensi a suo favore per quest'attività, ad avviso di chi scrive, l'amministratore può pretendere solamente le così dette spese vive.

La ragione di quest'affermazione risiede nell'art. 1129, quattordicesimo comma, c.c. a mente del quale al momento della sua nomina e ad ogni rinnovo, l'amministratore deve comunicare ai condomini analiticamente ed a pena di nullità della nomina, il proprio compenso.

Siccome l'attività di reperimento delle informazioni contenute nel registro di anagrafe rientra tra le attribuzioni che la legge demanda all'amministratore, in assenza di una specifica indicazione essa deve considerarsi compresa nel compenso pattuito, sicché solamente il costo delle informazioni potrà essere addebitato ai condomini.


Recupero delle spese per la tenuta dell'anagrafe condominiale



Chiarito che l'amministratore può ottenere un compenso ulteriore per l'attività inerente la tenuta del registro di anagrafe condominiale solamente se concordato al momento della nomina e che in caso contrario potrà recuperare solamente le spese sostenute per tale adempimento, in che modo egli può recuperare tali somme?

Se sono inserite nel rendiconto di gestione approvato dall'assemblea, la decisione è semplice: egli potrà chiedere ed ottenere un decreto ingiuntivo provvisoriamente esecutivo ai sensi dell'art. 63 disp. att. c.c.

Nel caso in cui l'amministratore volesse recuperare le somme prima di tale avvenimento, egli potrebbe comunque domandare al giudice competente l'emissione di un decreto ingiuntivo di pagamento, se v'è prova scritta del credito vantato (es. costi certificati, compenso supplementare approvato dall'assemblea al momento della nomina, ecc.).

riproduzione riservata
Articolo: Anagrafe condominiale: spese sostenute per compilarla
Valutazione: 5.00 / 6 basato su 3 voti.

Anagrafe condominiale: spese sostenute per compilarla: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Sostieni Lavorincasa
REGISTRATI COME UTENTE
320.120 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Anagrafe condominiale: spese sostenute per compilarla che potrebbero interessarti


Nuovi adempimenti per locatore e amministratore con l'anagrafe condominiale

Amministratore di condominio - La legge di stabilità ha introdotto nuovi obblighi in capo al locatore e all'amministratore di condominio in relazione al contratto di locazione. Come valutarli?

Documentazione allegata al registro di anagrafe condominiale

Amministratore di condominio - La tenuta del registro di anagrafe condominiale da parte dell'amministratore non presuppone nè impone la comunicazione di allegati al modulo informativo predisposto.

Cambio residenza e comunicazioni per il registro di anagrafe condominiale

Regolamento condominiale - In che modo cambio di residenza e registro anagrafe condominiale sono collegati? Le indicazioni per i giusti tempi e modi di segnalazione del cambio residenza.

I registri condominiali dopo l'entrata in vigore della riforma

Assemblea di condominio - I registri condominiali, ossia il registro verbali, l'anagrafica condominiale e il registro di contabilità, rappresentano una delle novità della l. n. 220/12.

Atto di compravendita, cosa comunicare all'amministratore condominiale?

Amministratore di condominio - L'acquisto di una casa in condominio porta una serie di obblighi: quando è necessario comunicare all'amministratore l'atto di compravendita dell'appartamento?

Documentazione condominiale, obblighi di conservazione e consegna

Amministratore di condominio - La documentazione condominiale detenuta dall'amministratore in carica dev'essere diligentemente conservata e consegnata al suo successore senza alcun ritardo.

Documentazione da portare in assemblea condominiale

Assemblea di condominio - L'amministratore è sempre tenuto a portare in assemblea la documentazione condominiale inerente gli argomenti posti in discussione, oppure non è sempre necessario?

Amministratore di condominio e privacy dei condomini

Amministratore di condominio - L'amministratore di condominio, quale mandatario dei condomini, deve consentire l'accesso alla documentazione condominiale senza ledere la riservatezza di nessuno.

Anagrafica condominiale e dichiarazioni di conformità e rispondenza

Condominio - L'anagrafica condominiale deve contenere una serie informazioni e dati. Che cosa accade se il condomino non dispone delle dichiarazioni di conformità o di rispondenza?
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img lmontuschi
Ciao!ho comprato un appartamento in un condominio composto da :6 appartamenti ... i proprietari sono 5.sotto ci sono 2 negozi di un altro proprietario ...è obbligatorio...
lmontuschi 31 Luglio 2020 ore 10:32 9
Img francesco.pepe
Buongiorno, vorrei sapere se esistono sentenze che esonerano il condomino ad assumere la carica di amministratore del condominio pur in presenza di delibere assembleari che lo...
francesco.pepe 07 Maggio 2020 ore 18:15 2
Img andreaangelelli
Buongiorno. Venduta casa, devo andare dal notaio per il rogito. Quali documenti devo portare? Mi è stato detto che il Notaio chiede anche una dichiarazione...
andreaangelelli 01 Febbraio 2019 ore 11:39 5
Img lisetta09
Mio figlio ha acquistato un appartamento in cui vi è un condominio di 6 proprietari. Il condominio è gestito dal marito di una proprietaria a titolo gratuito. Le...
lisetta09 23 Settembre 2018 ore 18:09 2
Img angelica90
Salve, sono proprietaria di un appartamento in condominio dal 2016. L'amministratore di condominio è un condomino che a titolo gratuito si occupa del condominio. Ad oggi...
angelica90 30 Giugno 2018 ore 21:02 10