Spese condominiali e onere della prova verso il conduttore

NEWS DI Ripartizione spese16 Ottobre 2014 ore 20:38
Il conduttore di un'unità immobiliare deve pagare le spese condominiali di sua competenza e per farlo può chiedere chiarimenti sulla natura delle somme domandategli.

Spese condominiali e locazione


Il conduttore deve pagare le spese condominiali dell'immobile di cui usufruisce nella misura indicata dalla legge e in quest'ambito nell'osservanza delle eventuali indicazioni contrattuali.

SpeseCiò perché ai sensi dell'art. 9 della legge n. 392/78 (la così detta legge sull'equo canone), è sancito sia pur non in modo tassativo uno specifico obbligo di contribuzione alle spese condominiali in capo al conduttore.

Recitano i primi due commi dell'art. 9 summenzionato:

Sono interamente a carico del conduttore, salvo patto contrario, le spese relative al servizio di pulizia, al funzionamento e all'ordinaria manutenzione dell'ascensore, alla fornitura dell'acqua, dell'energia elettrica, del riscaldamento e del condizionamento dell'aria, allo spurgo dei pozzi neri e delle latrine, nonché alla fornitura di altri servizi comuni.

Le spese per il servizio di portineria sono a carico del conduttore nella misura del 90 per cento, salvo che le parti abbiano convenuto una misura inferiore.

La realtà dei fatti ci racconta, spesso, un'altra storia: spese forfetizzate, proprietari che cercano di accollare al conduttore ogni genere d'onere condominiale e di contro inquilini dubbiosi sul reale ammontare del loro obbligo contributivo e di conseguenza incomprensioni e spesso litigi su queste spese.

Nel corso degli anni le associazioni di categoria di proprietari ed inquilini – in particolare dopo l'emanazione della legge n. 431/98 e del d.m. 30 dicembre 2002 – hanno avuto sempre maggior voce in capitolo sull'argomento.

Spese condominialiÈ del maggio 2014, infatti, la notizia che Confedilizia, l'associazione dei proprietari di immobili, assieme ai tre sindacati degli inquilini, Sunia, Sicet e Uniat hanno stilato un elenco con la ripartizione delle spese condominiali tra proprietario ed inquilino.

Questo accordo, specificamente richiamato nei contratti di locazione stipulati successivamente alla sua adozione, rende questa tabella vincolante per le parti interessate.

Tale tabella specifica, ad esempio, che in relazione all'impianto di ascensore le spese per i consumi di energia elettrica per forza motrice e illuminazione siano a carico del conduttore, o ancora che l'installazione e sostituzione di impianti di videosorveglianza sia di competenza del locatore.

Tutto ciò riduce sicuramente ma non elimina il rischio di contenzioso; vediamo perché.


Contestazione delle spese condominiali e onere della prova


Si supponga che l'amministratore di condominio chieda il pagamento di un intervento di manutenzione ordinaria sull'impianto di citofono e di ascensore (spese a carico del conduttore) e che il proprietario paghi la spesa chiedendone poi il rimborso al conduttore.

Questi, in ragione di quanto stabilito dal terzo comma dell'art. 9 legge n. 392/78, deve pagare entro due mesi dalla richiesta avanzata dal proprietario.

Il pagamento, però, non deve avvenire al buio. L'inquilino, infatti, prima di effettuare il pagamento ha diritto di ottenere l'indicazione specifica delle spese di cui ai commi precedenti con la menzione dei criteri di ripartizione. Il conduttore ha inoltre diritto di prendere visione dei documenti giustificativi delle spese effettuate (art. 9, terzo comma, l. n. 392/78).

Che cosa s'intende per documenti giustificativi delle spese?

Sicuramente essi sono rappresentati dalla fatture; di esse il conduttore ha diritto di chiedere copia anche direttamente all' amministratore (cfr. art. 1130-bis c.c.).

Tuttavia, nell'ambito dei rapporti interni al contratto di locazione, secondo la giurisprudenza l'onere di dimostrare la specifica voce di spesa deve ritenersi soddisfatto anche mediante produzione dei rendiconti assembleari.

Si legge in tal senso in una sentenza resa dal Tribunale di Roma che il locatore il quale convenga in giudizio il conduttore per il pagamento delle spese condominiali ex art. 9 legge 27 luglio 1978 n. 392 adempie il proprio onere probatorio producendo i rendiconti dell'amministratore approvati dai condomini, mentre spetta al conduttore l'onere di specifiche contestazioni in ordine alle varie partite conteggiate (conf. Cass. n°5485.1998; Cass. n°246.1982: in tema di locazione di immobili urbani, di fronte alla richiesta del locatore relativa al pagamento degli oneri accessori sulla base di estratti conti condominiali, la contestazione del conduttore non può fondarsi sulla generica impugnazione dell'ammontare delle spese, dovendosi invece basare su specifiche deduzioni concernenti l'entità delle singole partite conteggiate a carico di ciascuno dei beneficiari) (Trib. Roma 15 maggio 2014 n. 10840).

Si tratta di una soluzione, ad avviso dello scrivente, non sempre soddisfacente.

Molte volte il rendiconto, nonostante vi siano specifici obblighi di trasparenza, non indica chiaramente se una spesa, sia pur relativa ad un impianto, abbia carattere ordinario o straordinario, limitandosi alla generica dicitura intervento manutentivo sull'impianto… .

In casi del genere, quindi, è evidente che l'onere della prova non può dirsi assolto in tal modo e per ottenere ragione il proprietario dovrà dimostrare la natura della spesa richiesta producendo direttamente la fattura emessa dall'impresa esecutrice dell'intervento, cosa che, secondo lo scrivente, è bene fare sempre.

riproduzione riservata
Articolo: Spese condominiali e onere della prova verso il conduttore
Valutazione: 3.00 / 6 basato su 2 voti.

Spese condominiali e onere della prova verso il conduttore: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Spese condominiali e onere della prova verso il conduttore che potrebbero interessarti
Successione nel contratto di locazione

Successione nel contratto di locazione

Affittare casa - Il contratto di locazione, come quasi tutti i contratti, vincola solamente le parti che lo sottoscrivono, ma la legge prevede delle eccezioni a questo principio.
Il proprietario, l'inquilino e le spese condominiali.

Il proprietario, l'inquilino e le spese condominiali.

Condominio - Chi abita in affitto ed in condominio sa che la materia delle spese condominiali genera frizioni, se non proprio contrasti con il proprietario dell'unità
Affitto: il locatore può cedere il contratto senza consenso dell'inquilino

Affitto: il locatore può cedere il contratto senza consenso dell'inquilino

Affittare casa - Per la cessione del contratto di locazione da parte del padrone di casa non è richiesto il consenso del conduttore. Lo dice la Cassazione con una recente sentenza

Conduttore e spese condominiali

Affittare casa - Il proprietario di un unità immobiliare in condominio ha sempre diritto di ottenere dal conduttore il rimborso di determinate spese condominiali. Come provarle?

Il conduttore ha diritto alla specifica degli oneri condominiali

Condominio - Il conduttore di un'unità immobiliare ubicata in condominio ha sempre diritto alla specifica degli oneri condominiali richiestigli dal proprietario

Contratto di locazione e spese di manutenzione

Ripartizione spese - Nell'ambito di un contratto di locazione esistono delle spese che gravano sul proprietario e altre a carico del conduttore: vediamo come distinguerle correttamente.

Risoluzione del contratto di locazione: obbligatoria la registrazione

Leggi e Normative Tecniche - La risoluzione del contratto di locazione deve essere registrata. Lo afferma la CTP di Milano che condanna un contribuente per aver tardivamente versato l'imposta

Rent to buy: obblighi e spese delle parti

Proprietà - Una guida del Notariato indica gli obblighi in capo al concedente e al conduttore in un contratto di rent to buy e in che modo si ripartiscono le relative spese

Gravi motivi del conduttore per il recesso dal contratto di locazione

Affittare casa - Il recesso del conduttore per gravi motivi per essere esercitabile senza poter essere contestato deve fondarsi su motivi reali e deve essere comunicato nei modi di legge.
REGISTRATI COME UTENTE
295.571 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Installazione di antenne
    Installazione di antenne...
    54.00
  • Pratiche detrazioni fiscali
    Pratiche detrazioni fiscali...
    500.00
  • Porta basculante blindata
    Porta basculante blindata...
    690.00
  • Pavimenti pavè
    Pavimenti pavè...
    30.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Officine Locati
  • Mansarda.it
  • Inferriate.it
  • Kone
  • Black & Decker
  • Weber
  • Faidatebook
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.